Senigallia Atto

Bando di concorso per la individuazione dei soggetti beneficiari dei contributi in favore degli inquilini morosi incolpevoli

Delibera di giunta della Giunta Comunale N° S-CU/2015/666 del 07 aprile 2015

Presentazione
Approvazione
7.4.2015

Firmatari

  • Fabrizio Volpini
    Assessore ai Servizi alla Persona, Sanità, Politiche per l’Integrazione ed Edilizia Residenziale Pubblica
    Monitorato da 29 cittadini

Testo

        
COMUNE DI SENIGALLIA
PROVINCIA DI ANCONA
DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N° 71
Seduta del 07/04/2015
OGGETTO:	FONDO REGIONALE ANNUALITA’ 2014, FINANZIAMENTO FONDAZIONE CARIVERONA E CO-FINANZIAMENTO COMUNALE IN FAVORE DEGLI INQUILINI MOROSI INCOLPEVOLI. APPROVAZIONE BANDO DI CONCORSO PER LA INDIVIDUAZIONE DEI SOGGETTI BENEFICIARI DEI CONTRIBUTI.

L’anno duemilaquindici addì sette del mese di aprile alle ore 8,00 nel Palazzo Municipale di Senigallia, previa convocazione, si è oggi riunita la Giunta Municipale.
	Sono presenti i Signori:

  PresentiAssenti Mangialardi MaurizioSindaco*- Campanile GennaroAssessore*- Ceresoni SimoneAssessore*- Curzi PaolaAssessore-* Meme' MaurizioAssessore*- Paci Francesca MichelaAssessore*- Schiavoni StefanoAssessore*- Volpini FabrizioAssessore-* 
Essendosi in numero legale per la validità dell’adunanza, assume la presidenza il Sig. Mangialardi Maurizio nella qualità di Sindaco, che dichiara aperta la seduta, alla quale assiste il Vice Segretario del Comune Dott. Mirti Paolo  ed invita la Giunta a deliberare.
L A   G I U N T A
Visto l’art. 33 dello Statuto, di cui alla Deliberazione Consiliare n° 19 del 19 febbraio 2003;
Udita la relazione di Mangialardi Maurizio;


L A   G I U N T A   M U N I C I P A L E

- Premesso che nelle città di Senigallia, considerato il perdurare della crisi economica, si sono significativamente accentuate le situazioni di precarietà delle condizioni di vita delle famiglie, producendo un incremento delle procedure di sfratto per morosità come attestato dai recenti dati sulle interruzioni anticipate dei contratti di locazione depositate presso il Tribunale di Ancona;

- Valutata la necessità di misure straordinarie di intervento per la riduzione del disagio abitativo volte a favorire soluzioni concordate tra conduttore e locatore con la finalità di salvaguardare, ove possibile, il mantenimento del conduttore nell'alloggio oppure di favorire la stipula di un nuovo contratto di affitto con altro locatore;

- Richiamato l'art. 6 c. 5 del D.L. 31/8/13 nr. 102, convertito con modificazioni nella L. 28/10/13 nr. 124 – Misure di sostegno all'accesso all'abitazione e al settore immobiliare con il quale è stato istituito presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, un Fondo per ciascuno degli anni 2014 e 2015, destinato agli inquilini morosi incolpevoli residenti nei Comuni ad alta densità abitativa;

- Dato atto che con Decreto nr. 202/2014:

• il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha dato attuazione al citato art. 6 c. 5, provvedendo al riparto del Fondo 2014 in proporzione al numero di sfratti per morosità emessi e registati dal Ministero degli Interni al 31.12.2014, stabilendo altresì i criteri e le priorità da rispettare per l'accesso al contributo lasciando alle Regioni la possibilità di adottare Linee Guida, da comunicare alle Prefetture competenti per territorio, per l'emanazione dei bandi comunali;

• le risorse del predetto Fondo possono essere utilizzate nei Comuni ad alta tensione abitativa che abbiano avviato alla data di entrata in vigore della legge 28 ottobre 2013, n. 124, ovvero al 30  ottobre 2013, bandi o altre procedure amministrative per l'erogazione di contributi in favore di inquilini morosi incolpevoli ovvero inquilini non in condizione di corrispondere il canone di locazione a seguito della perdita/riduzione della capacità economica del nucleo familiare;

• le risorse del Fondo debbono essere prioritariamente assegnate alle Regioni che abbiano emanato norme per la riduzione del disagio abitativo prevedendo percorsi di accompagnamento sociale per i soggetti sottoposti a sfratto, anche attraverso organismi comunali; a tal fine, le Prefetture Uffici Territoriali del Governo adottano misure di graduazione programmata dell'intervento della Forza Pubblica nell'esecuzione dei provvedimenti di sfratto;

• con DGR nr. 1119/2014 la Regione Marche, sentite le Organizzazioni Sindacali degli inquilini maggiormente rappresentative, ha approvato le linee guida per l'utilizzo del fondo suddetto, stabilendo i requisiti minimi per la individuazione dei beneficiari dei contributi attraverso la pubblicazione di apposito specifico bando allegato al presente atto quale parte integrante e sostanziale;
• con DGR nr. 125 del 2/3/15 la Regione Marche su richiesta dei Comuni interessati, ha modificato i criteri di riparto delle risorse già stabiliti con DGR n. 1119/2014;

Visto il decreto del Dirigente del P.F. Edilizia ed Espropriazione della Regione Marche, nr. 10 del 12 marzo 2015 con il quale è stato stabilito il riparto del Fondo destinato agli inquilini morosi incolpevoli – Fondi 2014 riservato ai Comuni ad alta densità abitativa di cui alla delibera CIPE n. 87/2003 compresi i capoluoghi di Provincia anche se non inclusi nella predetta delibera CIPE, assegnando preventivamente al Comune di Senigallia la somma di Ђ 54.008,30 a fronte di 39 sfratti emessi nel 2013 rispetto a 21.151 nuclei familiari registrati all'anagrafe al 31.12.2013; l'importo esatto del contributo erogato sarà determinato sulla base del fabbisogno rilevato a seguito delle procedure di bando pubblico;

Considerato che: 

- il Comune di Senigallia con delibera n. 21 del 11.02.2014, ha preso atto dell’assegnazione del  contributo di Ђ 100.000,00 da parte della Fondazione Cariverona per il progetto "L’emergenza abitativa al tempo della crisi – La morosità incolpevole;

- con delibera di Giunta Municipale n. 43 del 17.03.2015 si è stabilito che il 65% del contributo assegnato dalla Fondazione Cariverona è assegnato all’azione 1 Accoglienza delle famiglie sottoposte a sfratto per morosità incolpevole nelle strutture ed il 35% all’azione n. 2 Erogazione contributi straordinari volti a prevenire l’esecutività degli sfratti per  morosità nei confronti dei conduttori in temporanea difficoltà economica, determinata dalla perdita o  dalla diminuzione della loro capacità reddituale in conseguenza della crisi economica;

- nel progetto approvato e finanziato dalla Fondazione Cariverona si prevedeva per le azioni nn. 1 e 2, la co-partecipazione del Comune di Senigallia pari al 50%;

- si è ritenuto necessario adeguare la strutturazione dell’azione n. 2 del progetto alle normative nazionali e regionali in materia di erogazione contributi in favore degli inquilini morosi incolpevoli;

- per tale ragione si ha disposizione un fondo aggiuntivo, oltre quello di cui al decreto regionale n. 10/ED del 12 marzo 2015  di Ђ 70.000,00 (Ђ 35.000,00 Fondazione Cariverona ed Ђ 35.000,00 co-finanziamento comunale) per un totale complessivo di Ђ 124.008,30;

- tale fondo sarà erogato secondo i criteri e le modalità stabilite da l bando allegato al presente atto quale parte integrante e sostanziale sub A;


Ritenuto opportuno dettagliare i criteri per la formazione della graduatoria stabiliti al paragrafo 7 della D.G.R. n. 1119/2014 in base ai quali i Comuni concedono contributi per sanare la morosità incolpevole accertata, precisando che:

A) per gli inquilini di cui al punto 6, lett. a) della DGR, nell'importo massimo di contributo (Ђ 6.000,00) sono ricompresi anche gli insoluti per oneri accessori (oneri condominiali);

B) per gli inquilini di cui al punto 6, lett. b) della DGR che dimostrino la disponibilità del proprietario a consentire il differimento dell'esecuzione di almeno 6 mesi, si ritiene utile prevedere una ulteriore graduazione del contributo in funzione dell'entità del differimento dell'esecuzione del provvedimento di sfratto riconoscendo:

- Ђ 1.000,00 per i casi di proroga pari o superiore a mesi 6;
- Ђ 2.000,00 per i casi di proroga pari o superiore a mesi 9;

C) per gli inquilini di cui al punto 6, lett. a) e lett. c) della DGR, quota parte del contributo erogato è destinato al pagamento delle spese legali per un importo minimo di Ђ. 250,00 purchè maturato, fino ad un massimo di Ђ. 1.000,00; l’accordo definisce l’importo che il proprietario si impegna a riconoscere per le spese legali;

Ritenuto altresì:

• di non prevedere la riduzione fino al 10% del valore ISEE di cui al paragrafo 7 della DGR, tenuto conto che il DPCM n. 159/2013 ha già ridisciplinato le modalità di determinazione dell'indicatore tenendo conto della composizione del nucleo familiare del dichiarante;

• di non avvalersi della possibilità di graduare il contributo prevista dal paragrafo 7 della DGR in considerazione della complessità e dell'avvio a carattere sperimentale del bando stesso nonché della non prevedibilità dell'impatto sulla situazione dei nuclei interessati in funzione dei requisiti tassativamente previsti;

• in caso di parità di valore ISEE precedono, i nuclei familiari con almeno un componente, nell'ordine: ultrasettantenne, minore, con invalidità accertata per almeno il 74% o in carico ai Servizi Sociali o alle competenti Aziende Sanitarie Locali per l'attuazione di un progetto  assistenziale individuale. In caso di ulteriore parità si procede a sorteggio.

Dato atto che:

• i Comuni provvedono a trasmettere alla Prefettura l'elenco dei soggetti richiedenti che hanno i requisiti per l'accesso al contributo per le valutazioni funzionali all'adozione delle misure di graduazione programmata dell'intervento della forza pubblica nell'esecuzione dei provvedimenti di sfratto;

• le linee guida regionali sono state già condivise con le OO.SS. degli inquilini maggiormente rappresentative a livello regionale;

Preso atto dello schema di bando allegato al presente atto quale parte integrante e sostanziale, condiviso, per il tramite dell’ANCI Marche, tra tutti i Comuni ad alta tensione abitativa che sarà pubblicato dal 10 aprile 2015 per un termine comunque non superiore a 30 giorni e quindi sino al 11.05.2015 cadendo il 30° giorno in un giorno prefestivo;

Considerato che la presente deliberazione trova copertura con il finanziamento di Ђ 54.008,30 accertato in base al Decreto del Dirigente Regione Marche P.F. Edilizia ed   espropriazione n. 10 del 12 marzo 2015, con il finanziamento di Ђ 35.000,00 assegnato dalla Fondazione Cariverona -  Cap. 1501/51 – gestione residui e con i fondi comunali per la somma di  Ђ 35.000,00 - cap. 1501/33 e 1501/1 del Bilancio Esercizio Provvisorio 2015

Preso atto dei seguenti pareri favorevoli resi ai sensi dell’art. 49 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 sull'Ordinamento degli Enti Locali:
dal Dirigente Responsabile dell’Area Persona;
- dal Dirigente Responsabile dell’Area Organizzazione e Risorse Finanziarie;
- Con votazione palese ed unanime;


D E L I B E R A  

1) APPROVARE, per le motivazioni meglio in premessa evidenziate, l'attivazione nel territorio comunale, del Fondo destinato agli inquilini morosi incolpevoli in conformità alle Linee guida emanate dalle Regione Marche con le DD.G.R. n. 1119/2014 e nr. 125 del 2 marzo 2015 precisando quanto segue relativamente ai criteri stabiliti al paragrafo 7 della D.G.R. n. 1119/2014:

A) per gli inquilini di cui al punto 6, lett. a) della DGR, nell'importo massimo di contributo (Ђ 6.000,00) sono ricompresi anche gli insoluti per oneri accessori (oneri condominiali);

B) per gli inquilini di cui al punto 6, lett. b) della DGR che dimostrino la disponibilità del proprietario a consentire il differimento dell'esecuzione di almeno 6 mesi, la graduazione del contributo in funzione dell'entità del differimento dell'esecuzione del provvedimento di sfratto viene determinata come segue:

Ђ 1.000,00 per i casi di proroga pari o superiore a mesi 6;
Ђ 2.000,00 per i casi di proroga pari o superiore a mesi 9;

C) per gli inquilini di cui al punto 6, lett. a) e lett. c) della DGR, la quota parte del contributo erogato destinato al pagamento delle spese legali viene determinata in un importo minimo di Ђ. 250,00 purchè maturato, fino ad un massimo di Ђ. 1.000,00; l’accordo definisce l’importo che il proprietario si impegna a riconoscere per le spese legali;

D) non si prevede la riduzione fino al 10% del valore ISEE di cui al paragrafo 7 della DGR, tenuto conto che il DPCM n. 159/2013 ha già ridisciplinato le modalità di determinazione dell'indicatore tenendo conto della composizione del nucleo familiare del dichiarante;

E) non si prevede la possibilità di graduare il contributo in funzione della perdita di reddito rispetto al reddito complessivo o all'entità dei canoni mensili non corrisposti o al valore del canone di locazione in considerazione della complessità e dell'avvio a carattere sperimentale del bando stesso nonché della non prevedibilità dell'impatto sulla situazione dei nuclei interessati in funzione dei requisiti tassativamente previsti;

2) STABILIRE, in assenza di previsione nella normativa inerente la morosità incolpevole, che in caso di parità di valore Isee precedono, i nuclei familiari con almeno un componente, nell'ordine: ultrasettantenne, minore, con invalidità accertata per almeno il 74% o in carico ai Servizi Sociali o alle competenti Aziende Sanitarie Locali per l'attuazione di un progetto assistenziale individuale. In caso di ulteriore parità si procede a sorteggio;

3) DARE ATTO che:

• i Comuni provvedono a trasmettere alla Prefettura l'elenco dei soggetti richiedenti che hanno i requisiti per l'accesso al contributo per le valutazioni funzionali all'adozione delle misure di graduazione programmata dell'intervento della forza pubblica nell'esecuzione dei provvedimenti di sfratto;

• le linee guida regionali sono state già condivise con le OO.SS. degli inquilini maggiormente rappresentative a livello regionale;

4) DARE MANDATO al Dirigente del Servizio Politiche Sociali, di provvedere, all’espletamento di tutti gli atti tecnici e amministrativi necessari a dare attuazione al presente provvedimento;

5) DARE ATTO la presente deliberazione trova copertura con il finanziamento di Ђ 54.008,30 accertato in base al Decreto del Dirigente Regione Marche P.F. Edilizia ed   espropriazione n. 10 del 12 marzo 2015, con il finanziamento di Ђ 35.000,00 assegnato dalla Fondazione Cariverona -  Cap. 1501/51 – gestione residui e con i fondi comunali per la somma di  Ђ 35.000,00 - cap. 1501/33 e 1501/1 del Bilancio Esercizio Provvisorio 2015;


6) DICHIARARE  il presente atto immediatamente eseguibile ai sensi dell’art. 134, comma 4°, del D. Lgs. 18 agosto 2000 n. 267, mediante separata ed unanime votazione palese tenuto conto dell'urgenza determinata dalla necessità di far fronte alla situazione di emergenza abitativa che caratterizza l'attuale contesto sociale.




Letto, confermato e sottoscritto
	Il  Sindaco	Il  Vice Segretario Comunale
	F/to Mangialardi Maurizio	F/to  Mirti Paolo

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,


La presente deliberazione è stata pubblicata all’Albo Pretorio dal 20 aprile 2015 al 05 maggio 2015 ai sensi dell’art. 124, 1° comma, del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267.
Lì, 06 maggio 2015	Il       Segretario Comunale
	F/to 
La presente deliberazione, non soggetta a controllo, è divenuta esecutiva, ai sensi dell’art. 134 del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267, in data 01 maggio 2015, essendo stata pubblicata il 20 aprile 2015 
Lì, 05 maggio 2015	Il       Segretario Comunale
	F/to 
Spazio riservato all’eventuale controllo preventivo di legittimità, richiesto ai sensi dell’art. 127 del D.Lgs. 18/8/2000 n° 267:



 

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,