Senigallia Atto

Assegnazione della categoria di intervento per edificio storico sito in strada Provinciale Roncitelli – Scapezzano n° 79

Delibera di giunta della Giunta Comunale N° S-LP/2015/446 del 07 aprile 2015

Presentazione
Approvazione
7.4.2015

Firmatari

Testo

        
COMUNE DI SENIGALLIA
PROVINCIA DI ANCONA
DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N° 75
Seduta del 07/04/2015
OGGETTO:	NORMATIVA DI INTERVENTO PER GLI EDIFICI I.G.M. 1892/95 (Appendice 2 Integrazioni art. 19 delle NTA alle NTA del P.R.G.)CORREZIONE SCHEDA DI RILIEVO N. 28 II^ FASCIA CON ASSEGNAZIONE DELLA CATEGORIA D’INTERVENTO.

L’anno duemilaquindici addì sette del mese di aprile alle ore 8,00 nel Palazzo Municipale di Senigallia, previa convocazione, si è oggi riunita la Giunta Municipale.
	Sono presenti i Signori:

  PresentiAssenti Mangialardi MaurizioSindaco*- Campanile GennaroAssessore*- Ceresoni SimoneAssessore*- Curzi PaolaAssessore-* Meme' MaurizioAssessore*- Paci Francesca MichelaAssessore*- Schiavoni StefanoAssessore*- Volpini FabrizioAssessore-* 
Essendosi in numero legale per la validità dell’adunanza, assume la presidenza il Sig. Mangialardi Maurizio nella qualità di Sindaco, che dichiara aperta la seduta, alla quale assiste il Vice Segretario del Comune Dott. Mirti Paolo  ed invita la Giunta a deliberare.
L A   G I U N T A
Visto l’art. 33 dello Statuto, di cui alla Deliberazione Consiliare n° 19 del 19 febbraio 2003;
Udita la relazione di Ceresoni Simone;
Premesso che:
Il censimento degli edifici I.G.M. 1892/95 effettuato in data 1992 e tradotto in forma normativa con l’approvazione nel 1997 del vigente Piano Regolatore Generale, ha assegnato a ciascun edificio rilevato -basandosi su valutazione a vista degli immobili - una specifica categoria d’intervento.
Considerato che:
All’unità di rilevo ubicata in Strada Provinciale Roncitelli – Scapezzano n° 79, censita dalla Normativa di intervento per gli edifici I.G.M. 1892/95 al n° 28 della II^ fascia, non è stata assegnata una categoria d’intervento;
Rilevato che:
L’unità edilizia presenta tipologia a corpi separati ovvero costituita dall’organizzazione del fabbricato principale e di annessi sia in aderenza ad esso che posti sulla corte e legati al fabbricato principale da rapporti distributivo-funzionali riconducibili al concetto di aia;
Riscontrato che:
Il fabbricato principale, costituito da un corpo di fabbrica parallelepipedo semplice con scala interna e due piani fuori terra a cui negli anni sono stati aggiunti ampliamenti eseguiti come evoluzione parziale sul retro e in testata, pur essendo stato oggetto di trasformazioni consente ancora la lettura degli elementi costitutivi propri della tradizione rurale avendo mantenuto intatti gli aspetti fondamentali morfologici, tipologici e costruttivi originali segni espressivi della cultura insediativa, compositiva e costruttiva del tempo;

L’annesso sulla corte, un tempo destinato a tabaccaia, presenta i caratteri tipologici ed architettonici ricorrenti degli annessi antichi, ovvero quelli coevi al fabbricato principale, avendo mantenuto intatti gli elementi costitutivi propri della tradizione rurale;

Il piccolo corpo di fabbrica in aderenza alla tabaccaia, destinato Al ricovero degli animali di basa corte, non mostra elementi tipologici ed architettonici di rilievo qualitativo risultando avulso dal contesto rurale ed incoerente per morfologia, materiali, elementi architettonici, elementi cromatici, ecc.
Preso atto che:
Lo stato di conservazione delle strutture dell’intero complesso, come si evince dalla relazione tecnica datata febbraio 2015 sottoscritta dall’Ing. Spadoni Santinelli Massimo, versa in una condizione di irrecuperabilità tale da ritenere impercorribile un intervento di recupero secondo modalità proprie delle categorie d’intervento più conservative, se non attraverso tecniche talmente costose da rendere economicamente inattuabile l’intervento;
Ritenuto che:
Acconsentire al recupero dell’intera unità edilizia anche attraverso tecniche di ristrutturazione edilizia garantirebbe la conservazione e valorizzazione, quanto meno, del paesaggio agrario;
Dato atto che:
In caso di errori materiali di redazione delle schede di censimento, su proposta degli uffici si provvede ad approvare la correzione senza che ciò costituisca in alcun modo variante alla strumentazione urbanistica vigente, rappresentandone invece una logica e necessaria chiarificazione;

La competenza ad adottare le suddette correzioni e le suddette specificazioni operative è di competenza della Giunta Municipale ai sensi e per gli effetti dell’art. 8 – Norme Particolari – lett. d) dell’appendice n. 2 Integrazioni art. 19 delle NTA alle NTA del Piano Regolatore Generale;

- Preso atto del seguente parere favorevole reso ai sensi dell’art. 49 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 sull'Ordinamento degli Enti Locali:
- dal Dirigente responsabile dell’Area Tecnica Territorio e Ambiente;
- Con votazione palese ed unanime;


DELIBERA

di approvare le correzioni sopra esposte ed in particolare:

1)	DI ASSEGNARE all’unità di rilevo n. 28 II^ fascia della Normativa di intervento per gli edifici I.G.M. 1892/95 di cui all’Appendice 2 Integrazioni art. 19 delle NTA delle NTA del P.R.G., la categoria d’intervento della Ristrutturazione edilizia di tipo A di cui all’art. 3 Categorie di intervento ammesse – Definizioni; 

2)	DI NOTIFICARE alla ditta interessata le risultanze di tale correzione.





Letto, confermato e sottoscritto
	Il  Sindaco	Il  Vice Segretario Comunale
	F/to Mangialardi Maurizio	F/to  Mirti Paolo

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,


La presente deliberazione è stata pubblicata all’Albo Pretorio dal 20 aprile 2015 al 05 maggio 2015 ai sensi dell’art. 124, 1° comma, del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267.
Lì, 06 maggio 2015	Il       Segretario Comunale
	F/to 
La presente deliberazione, non soggetta a controllo, è divenuta esecutiva, ai sensi dell’art. 134 del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267, in data 01 maggio 2015, essendo stata pubblicata il 20 aprile 2015
Lì, 05 maggio 2015	Il       Segretario Comunale
	F/to 
Spazio riservato all’eventuale controllo preventivo di legittimità, richiesto ai sensi dell’art. 127 del D.Lgs. 18/8/2000 n° 267:



 

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,