Senigallia Atto

Approvazione del Piano strutturale di conservazione e valorizzazione del sistema delle mura della Città di Senigallia

Delibera di giunta della Giunta Comunale N° S-LP/2015/548 del 07 aprile 2015

Presentazione
Approvazione
7.4.2015

Firmatari

Testo

        
COMUNE DI SENIGALLIA
PROVINCIA DI ANCONA
DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N° 69
Seduta del 07/04/2015
OGGETTO:	Approvazione del Piano strutturale di conservazione e valorizzazione del sistema delle mura della Città di Senigallia

L’anno duemilaquindici addì sette del mese di aprile alle ore 8,00 nel Palazzo Municipale di Senigallia, previa convocazione, si è oggi riunita la Giunta Municipale.
	Sono presenti i Signori:

  PresentiAssenti Mangialardi MaurizioSindaco*- Campanile GennaroAssessore*- Ceresoni SimoneAssessore*- Curzi PaolaAssessore-* Meme' MaurizioAssessore*- Paci Francesca MichelaAssessore*- Schiavoni StefanoAssessore*- Volpini FabrizioAssessore-* 
Essendosi in numero legale per la validità dell’adunanza, assume la presidenza il Sig. Mangialardi Maurizio nella qualità di Sindaco, che dichiara aperta la seduta, alla quale assiste il Vice Segretario del Comune Dott. Mirti Paolo  ed invita la Giunta a deliberare.
L A   G I U N T A
Visto l’art. 33 dello Statuto, di cui alla Deliberazione Consiliare n° 19 del 19 febbraio 2003;
Udita la relazione di Ceresoni Simone;

Premesse

La conservazione e valorizzazione del sistema murario, elemento imprescindibile della storia ma anche del futuro della città, è sempre stato un tema presente tra gli obiettivi strategici dell’Amministrazione Comunale, che ha ritenuto necessario sviluppare nuove strategie, idee innovative e modelli di programmazione del sistema delle mura, ricercando gli strumenti per conoscere, analizzare, scoprire, pianificare e progettare la molteplicità di elementi e spazi coinvolti in tale processo di riqualificazione;
La Giunta Comunale con Delibera G.M. n° 144 del 06/07/10 avente ad oggetto Atto di indirizzo per la redazione del Piano di conservazione e valorizzazione del sistema delle mura della Città di Senigallia, ha dunque stabilito di procedere alla redazione di tale strumento, dando mandato al Dirigente dell’Area Tecnica Territorio Ambiente di provvedere agli atti necessari allo sviluppo e al conseguimento delle attività di redazione del Piano, individuando le risorse umane, strumentali e finanziarie necessarie;
In virtù di tale obiettivo, si è proceduto all’individuazione delle modalità operative per la redazione del Piano, riportato nell’allegato 1 alla G.M. n° 144 del 06/07/10;
Con successiva Determina del Dirigente dell’Area Tecnica Territorio Ambiente n. 571 del 01/06/2011 è stato avviato il procedimento di redazione del Piano.
In sede di ricognizione circa un possibile coinvolgimento di  strutture universitarie, con il compito di apportare le competenze scientifiche necessarie ad un tema delicato e sensibile, che necessita di basi teoriche, studi, competenze consolidate, è emersa l’opportunità di coinvolgere i seguenti atenei:
- la Struttura Autonoma Responsabile di Ricerca e Formazione di Scienze Ambientali - Facoltà  di geologia dell’Università di Camerino Unicam; 
- il Dipartimento di Archeologia dell’Alma Mater Studiorum - Università di Bologna;
- Il Dipartimento di Scienze della Terra, della Vita e dell’Ambiente dell’Università di Urbino  Carlo Bo.
Dalla ricognizione circa professionalità locali che hanno sviluppato piani e progetti, affrontando il tema della conservazione e valorizzazione delle mura urbiche con studi, saggi, progetti, e in grado di apportare conoscenze, idee, problemi testati sul campo, è emersa l’opportunità di coinvolgere i seguenti professionisti:
-  arch. Paola Raggi autrice di numerosi studi sull’evoluzione storica della città e in particolare sulle mura urbiche
-  gli estensori dello Studio di Inquadramento delle Mura, commissionato nel 1995 dal Comune di Senigallia, arch. Vania Curzi e Arch. Michele Gasparetti 
Con Determina del Dirigente dell’Area Tecnica Territorio Ambiente n. 721 del 12/07/2011 sono stati quindi assegnati i seguenti incarichi:
-	Dipartimento di Scienze della Terra, della Vita e dell’Ambiente dell’Università di Urbino Carlo Bo (referente: prof. Mauro De Donatis), 
-	Dipartimento di Archeologia, dell’ Alma Mater Studiorum Università di Bologna (referente: prof. Giuseppe Lepore) 
-	dott. Valentina Iampieri,, dottoranda di ricerca presso il Dipartimento di Scienze della Terra dell'Università degli studi di Urbino, con il contributo dei prof. Francesco Veneri e Paolo Busdraghi,
-	arch. Paola Raggi, C.F. RGG PLA 65B47 D969K, P. IVA 02177440423iscritta all’ordine degli Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori  di Ancona, n.990;
-	arch. Vania Curzi, C.F.CRZ VNA 58T71 I608O, P. IVA 01136790423, iscritta all’ordine degli Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori  di Ancona, n.645;
-	arch. Michele Gasparetti, C.F.GSP MHL 64B11 I608I, P. IVA 01366650420, iscritto all’ordine degli Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori  di Ancona, n.732;
Tali incarichi sono stati finalizzati allo svolgimento delle seguenti attività:
-     studi ed indagini;
-     elaborazioni progettuali:
-     predisposizione di elaborati;
-     partecipazione ad incontri e sopralluoghi;
-     raccordo operativo con le università coinvolte;
-     ogni altra attività che risulti utile al perseguimento degli obiettivi del piano.

Il percorso di redazione del Piano strutturale di conservazione e valorizzazione del sistema delle mura della Città di Senigallia
Il Piano strutturale di conservazione e valorizzazione del sistema delle mura di Senigallia è stato redatto come uno strumento di programmazione strategica  che  rilegge e  ri-connette i diversi contesti che compongono la città murata di Senigallia, mediante l’utilizzo e la messa a sistema delle diverse tipologie di approcci e di competenze presenti nel gruppo di lavoro, all’interno di un processo a più fasi, al contempo  programmatorio, pianificatorio, progettuale ed operativo.
In tal senso, e sulla scia di precedenti esperienze di pianificazione e progettazione di sistemi complessi mediante modalità laboratoriali e basate sull’interdisciplinarietà, già sperimentate con successo dall’amministrazione comunale  (valga come esempio il Piano strutturale del Verde), si è ritenuto di dover aggiungere l’aggettivo strutturale alla denominazione del Piano, così da meglio rappresentare la natura strategica e di indirizzo dello strumento di pianificazione in oggetto.
Valore aggiunto del processo sono stati, oltre agli incontri laboratoriali con il gruppo di lavoro,  i diversi sopralluoghi organizzati con i tecnici degli uffici comunali coinvolti, finalizzati a condividere, attraverso l’osservazione sul campo, problemi e potenzialità del sistema delle Mura, e l’organizzazione di un forum nell’ambito del processo di urbanistica partecipata Nuove Energie Urbane, tenutosi  il 24 maggio 2013, forum che ha riscosso molto interesse da parte della comunità locale in merito al tema della città murata e dell’ipotesi di recupero e valorizzazione di luoghi dal carattere fortemente identitario.

I contenuti del Piano strutturale di conservazione e valorizzazione del sistema delle mura della Città di Senigallia
Le attività su elencate hanno portato alla redazione Piano strutturale di conservazione e valorizzazione del sistema delle mura della Città di Senigallia,costituito dai seguenti elaborati:
·	una RELAZIONE GENERALE, che costituisce il cuore del Piano, e che raccoglie e mette a sistema gli apporti del gruppo di lavoro, strutturata secondo il seguente indice:
0	Premessa 
1.	Le Mura Urbiche della città di Senigallia nella loro evoluzione storica 
2.	Le mura invisibili- la città romana
3.	Il sistema murario come rappresentazione dell’identità collettiva 
4.	L’analisi dei materiali come strumento per il restauro
5.	Stato di fatto e stato di progetto: i contesti omogenei d’intervento.
6.	Recuperare le mura 
Alla relazione sono allegati i seguenti documenti di approfondimento:
·	ALLEGATI AL CAPITOLO 1
·	analisi storica
·	cronologia
·	ALLEGATO AL CAPITOLO 4
·	indagini geotecniche, chimiche e fisiche sulle malte strutturali e di riempimento dei giunti
·	ALLEGATI AL CAPITOLO 5
·	rilievo dell'uso e della fruizione- rilievo urbanistico
·	tavole di progetto:
Tavola 1 Area di intervento e contesto urbano
Tavola 2 Contesto N.1: Dal Baluardo del Fortino al Baluardo della Penna (o San
Sebastiano)
Tavola 3 Contesto N.2: Dal Baluardo della Penna al Baluardo di S. Martino
Tavola 4 Contesto N.2: Dal Baluardo di S. Martino al Baluardo del Portone
Tavola 5 Contesto N.3: Dal Baluardo del S. Martino al Baluardo di S. Filippo (Via
Pisacane)
Tavola 6 Contesto N.4: Quartiere del Porto
Tavola 7 Contesto N.4: Quartiere del Porto
Tavola 8 Contesto N.5: Dal Baluardo del Portone al Baluardo della Posta
Tavola 9: Studio dell’illuminazione artificiale
·	ALLEGATI AL CAPITOLO 6
·	Codice di Pratica per la redazione di un Manuale del Restauro delle mura della città di Senigallia
·	Manuale di Manutenzione del Paramento della Cinta Muraria di Senigallia

Tale strumento, costituito dagli elaborati su elencati è pienamente rispondente agli obiettivi dell’amministrazione comunale di dotarsi di uno strumento di programmazione strategica che si pone come obiettivo l’analisi di un bene prezioso quale quello delle mura storiche della città, e l’individuazione delle strategie migliori per valorizzare, salvaguardare, gestire e pianificare gli ambiti caratterizzati dalla presenza di tale bene storico, culturale ed identitario.

- Preso atto del seguente parere favorevole reso ai sensi dell’art. 49 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 sull'Ordinamento degli Enti Locali:
- dal Dirigente responsabile dell’Area Tecnica Territorio e ambiente;
- Con votazione palese ed unanime;

D E L I B E R A
1°) - DI APPROVARE il Piano strutturale di conservazione e valorizzazione del sistema delle mura della Città di Senigallia, costituito dai seguenti elaborati che costituiscono parte integrante e sostanziale della presente deliberazione:
-	Relazione generale
-	Analisi storica
-	Cronologia
-	Indagini geotecniche, chimiche e fisiche sulle malte strutturali e di riempimento dei giunti
-	Rilievo dell'uso e della fruizione- rilievo urbanistico
-	Tavole di progetto:
§	Tavola 1 Area di intervento e contesto urbano
§	Tavola 2 Contesto N.1: Dal Baluardo del Fortino al Baluardo della Penna (o San Sebastiano)
§	Tavola 3 Contesto N.2: Dal Baluardo della Penna al Baluardo di S. Martino
§	Tavola 4 Contesto N.2: Dal Baluardo di S. Martino al Baluardo del Portone
§	Tavola 5 Contesto N.3: Dal Baluardo del S. Martino al Baluardo di S. Filippo (Via Pisacane)
§	Tavola 6 Contesto N.4: Quartiere del Porto
§	Tavola 7 Contesto N.4: Quartiere del Porto
§	Tavola 8 Contesto N.5: Dal Baluardo del Portone al Baluardo della Posta
§	Tavola 9: Studio dell’illuminazione artificiale
-	Codice di Pratica per la redazione di un Manuale del Restauro delle mura della città di Senigallia
-	Manuale di Manutenzione del Paramento della Cinta Muraria di Senigallia; 
2°) - DI DARE MANDATO alla Giunta Comunale di adottare tutte le iniziative volte all’attuazione del Piano strutturale di conservazione e valorizzazione del sistema delle mura della Città di Senigallia;
3°) - DI DARE ATTO che la presente deliberazione non comporta impegno di spesa;
4°) -DI DICHIARARE il presente atto immediatamente eseguibile, ai sensi dell’art. 134 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 mediante separata e unanime  votazione palese.




Letto, confermato e sottoscritto
	Il  Sindaco	Il  Vice Segretario Comunale
	F/to Mangialardi Maurizio	F/to  Mirti Paolo

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,


La presente deliberazione è stata pubblicata all’Albo Pretorio dal 13 aprile 2015 al 28 aprile 2015 ai sensi dell’art. 124, 1° comma, del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267.
Lì, 29 aprile 2015	Il       Segretario Comunale
	F/to 
La presente deliberazione, non soggetta a controllo, è divenuta esecutiva, ai sensi dell’art. 134 del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267, in data 24 aprile 2015, essendo stata pubblicata il  13 aprile 2015
Lì, 27 aprile 2015	Il       Segretario Comunale
	F/to 
Spazio riservato all’eventuale controllo preventivo di legittimità, richiesto ai sensi dell’art. 127 del D.Lgs. 18/8/2000 n° 267:



 

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,