Senigallia Atto

Fondo nazionale a sostegno dell'accesso alle abitazioni in locazione bando 2015

Delibera di giunta della Giunta Comunale N° S-CU/2015/907 del 12 maggio 2015

Presentazione
Approvazione
12.5.2015

Firmatari

  • Fabrizio Volpini
    Assessore ai Servizi alla Persona, Sanità, Politiche per l’Integrazione ed Edilizia Residenziale Pubblica
    Monitorato da 29 cittadini

Testo

        
COMUNE DI SENIGALLIA
PROVINCIA DI ANCONA
DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N° 105
Seduta del 12/05/2015
OGGETTO:	L. 431/98 – ART. 11 – DGR n. 1288/2009 e ss.mm.ii. – FONDO PER IL SOSTEGNO ALL’ACCESSO AGLI ALLOGGI IN LOCAZIONE. APPROVAZIONE BANDO DI CONCORSO PER L’ANNO 2015.

L’anno duemilaquindici addì dodici del mese di maggio alle ore 8,00 nel Palazzo Municipale di Senigallia, previa convocazione, si è oggi riunita la Giunta Municipale.
	Sono presenti i Signori:

  PresentiAssenti Mangialardi MaurizioSindaco*- Campanile GennaroAssessore-* Ceresoni SimoneAssessore-* Curzi PaolaAssessore*- Meme' MaurizioAssessore*- Paci Francesca MichelaAssessore*- Schiavoni StefanoAssessore*- Volpini FabrizioAssessore-* 
Essendosi in numero legale per la validità dell’adunanza, assume la presidenza il Sig. Mangialardi Maurizio nella qualità di Sindaco, che dichiara aperta la seduta, alla quale assiste il Segretario del Comune Dott. Morganti Stefano  ed invita la Giunta a deliberare.
L A   G I U N T A
Visto l’art. 33 dello Statuto, di cui alla Deliberazione Consiliare n° 19 del 19 febbraio 2003;
Udita la relazione di Mangialardi Maurizio;

L A   G I U N T A   M U N I C I P A L E


- Premesso che:

- la Legge 431 del 09.12.1998 – art. 11 – istituisce presso il Ministero dei Lavori Pubblici il Fondo Nazionale per il sostegno all’accesso alle abitazioni in locazione;

- l’art. 12 della Legge Regionale 16 dicembre 2005, n. 36, concernente il Riordino del sistema delle politiche abitative stabilisce che la Regione possa prevedere interventi di sostegno alle locazioni private secondo le finalità e le modalità stabilite dall’art. 11 della L. 431/1998 e possa integrare le risorse statali prevedendo requisiti e procedure in relazione alle specificità delle problematiche socio-economiche locali;

- il decreto Legge 28 marzo 2014, n. 47, convertito con modificazioni dalla Legge 23 maggio 2014, n. 80 ha apportato modifiche all’art. 11 della L. 431/98 ed ha assegnato al Fondo Nazionale per il sostegno all’accesso agli alloggi in locazione  una dotazione di Ђ 100.000.000,00 per ciascuno degli anni 2014 e 2015;

- il finanziamento della annualità 2015 è stato ripartito tra le Regioni con decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 29 gennaio 2015, pubblicato sulla G.U. – Serie Generale n. 54 del 6 marzo 2015;

- alla Regione Marche sono stati assegnati Ђ 2.571.055,32;

- l’Ufficio Centrale di Bilancio ha provveduto al pagamento in favore di ciascuna regione delle risorse assegnate con il citato decreto in data 6 marzo 2015 (nota MIT – Direzione Generale per la condizione abitativa prot. n. 2570 del 10.03.2015);

- l’articolo unico, comma 7 del decreto 29.01.2015 stabilisce che le risorse statali non ripartite dalle regioni entro sei mesi dell’erogazione saranno decurtate dalla quota di spettanza dell’anno successivo;

- il combinato disposto  delle predette condizioni impone alla Regione Marche di provvedere al riparto tra i Comuni delle risorse assegnate per l’anno 2015 entro il 6 settembre p.v., pena la perdita del finanziamento nell’anno successivo;

- preso atto della comunicazione della Regione Marche inviata ai Comuni a mezzo PEC in data 09.04.2015 con la quale si fissa la scadenza del 30 maggio 2015, quale data per la emissione dei bandi comunali e del 31 agosto 2015 quale termine per la trasmissione alla Regione della richiesta di partecipazione al fondo da parte dei Comuni;

- Richiamate:

- la Legge 6 agosto 2008, n. 133 di oggetto: Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, recante disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria stabilisce, all’art. 11 -  comma 13 dell’allegato, che Ai fini del riparto del Fondo Nazionale per il sostegno all’accesso alle abitazioni in locazione, di cui all’articolo 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431, i requisiti minimi necessari per beneficiare dei contributi integrativi come definiti ai sensi del comma 4 del medesimo articolo devono prevedere per gli immigrati il possesso del certificato storico di residenza da almeno dieci anni nel territorio nazionale ovvero da almeno cinque anni nella medesima regione;

- la Legge n. 80 del 23 maggio 2014 -  Conversione, con modificazioni, del decreto-legge 28 marzo 2014, n. 47 di oggetto: Misure urgenti per l'emergenza abitativa, per il mercato delle costruzioni e per Expo 2015;

- il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 5 dicembre 2013, n. 159: Regolamento concernente la revisione delle modalita' di determinazione e i campi di applicazione dell'Indicatore della situazione economica equivalente (ISEE);

- la delibera di Giunta Regionale n. 1288 del 3/08/2009 di oggetto: L. 431/98 art. 11 –DMLLPP 7.6.1999 – L.R. 36/2005 art. 12 –Modalità di funzionamento del fondo per il sostegno all’accesso agli alloggi in locazione, modifica allegatoA della DGR 1835/2008 – Riapprovazione testo completo e successive ss.mm.ii.;

- Ritenuto necessario, sulla base dell’esperienza maturata, al fine di superare problemi e difficoltà interpretative delle norme, adottare le stesse modalità attuative già approvate con delibere di Giunta Municipale nn. 573/2000, 99/2001 e 380/2002 per consentire di determinare la posizione in graduatoria dei richiedenti che dichiarano un ISEE pari  a zero per i quali non è possibile calcolare l’incidenza del canone di affitto sull’ISEE;

- Considerato che le modalità attuative di che trattasi prevedono che i richiedenti con ISEE pari a zero siano collocati in graduatoria secondo i seguenti criteri:
- ordine decrescente del canone di affitto;
- (in caso di ulteriore parità) ordine decrescente del valore totale del coefficiente familiare
- (in caso di ulteriore parità) ordine di presentazione delle domande
- (in caso di ulteriore parità) ordine alfabetico dei richiedenti;

- Considerato che:
- i Comuni dell’Ambito Territoriale Sociale n. 8 con delibera del Comitato dei Sindaci n. 17  del 03.12.2014 ha approvato la convenzione per l’esercizio associato  della funzione progettazione e gestione del sistema locale dei servizi sociali tra i Comuni dell’Ambito Territoriale Sociale n. 8 per il triennio 2015- 2018, stipulata in data 31.12.2014, repertoriata al n. 21659;

- l’art. 2 della convenzione stabilisce che l’esercizio associato della funzione Progettazione e gestione del sistema locale dei servizi sociali è rivolto  al perseguimento, tra le altre, delle seguenti finalità:

a.	- Promuovere il coordinamento tra i Comuni associati nella progettazione e gestione del sistema locale dei servizi sociali ed erogazione delle relative prestazioni ai cittadini;

b.	Gestire in forma associata le attività, garantendo la continuità di erogazione dei servizi ai livelli qualitativi e quantitativi storicamente consolidati;


- l’art. 10 della convenzione Armonizzazione dei regolamenti comunali stabilisce la progressiva riformulazione e armonizzazione dei regolamenti comunali di accesso ai servizi tenendo conto delle specificità e delle peculiarità organizzative, logistiche e dimensionali di ciascuno dei Comuni aderenti;

- Visto che il bando di concorso allegato al presente atto quale parte integrante e sostanziale sub A, è stato discusso e concertato tra tutti i Comuni dell’ATS 8, sottoscrittori della convenzione sopracitata e con le Organizzazioni Sindacali del Settore Abitativo nella seduta del  29 aprile   2015;

- Considerato che l’attuazione del presente bando di concorso trova copertura ai capitoli 1402/4 relativamente al finanziamento regionale e 1501733 per quanto riguarda il co-finanziamento comunale del Bilancio 2015 – Esercizio provvisorio;
 
- Preso atto dei seguenti pareri favorevoli resi ai sensi dell’art. 49 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 sull'Ordinamento degli Enti Locali:
- dal Dirigente Responsabile dell’Area Persona;
- dal Dirigente Responsabile dell’Area Organizzazione e Risorse Finanziarie;
- Con votazione palese ed unanime;
D E L I B E R A 
1°) - APPROVARE il bando di concorso allegato A, quale parte integrante e sostanziale del presente atto, da pubblicare entro la data del 13 maggio per consecutivi 52 giorni, ossia fino al 3 luglio 2015;
2°) – APPROVARE il modello della domanda allegato B al presente atto quale parte integrante e sostanziale;
3°) - ADOTTARE, anche per il bando di concorso anno 2015, le modalità attuative per determinare la posizione in graduatoria di coloro che hanno un valore ISEE pari a zero, già stabilite con gli atti di G.M. n. 573 del 12/07/2000, n. 99 del 28/02/2001 e n. 380 del 31/07/2002;

4°) – DARE ATTO che l’attuazione del presente bando di concorso trova copertura ai capitoli 1402/4 relativamente al finanziamento regionale e 1501733 per quanto riguarda il co-finanziamento comunale del Bilancio 2015 – Esercizio provvisorio;
 5°) DICHIARARE il presente atto immediatamente eseguibile, ai sensi dell’art. 134 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 mediante separata ed unanime votazione palese.-








Letto, confermato e sottoscritto
	Il  Sindaco	Il  Segretario Comunale
	F/to Mangialardi Maurizio	F/to  Morganti Stefano

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,


La presente deliberazione è stata pubblicata all’Albo Pretorio dal 20 maggio 2015 al 04 giugno 2015 ai sensi dell’art. 124, 1° comma, del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267.
Lì, 05 giugno 2015	Il       Segretario Comunale
	F/to 
La presente deliberazione, non soggetta a controllo, è divenuta esecutiva, ai sensi dell’art. 134 del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267, in data 31 maggio 2015, essendo stata pubblicata il 20 maggio 2015
Lì, 01 giugno 2015	Il       Segretario Comunale
	F/to 
Spazio riservato all’eventuale controllo preventivo di legittimità, richiesto ai sensi dell’art. 127 del D.Lgs. 18/8/2000 n° 267:



 

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,