Senigallia Atto

Distribuzione del gas naturale. Presa d’atto del risultato della stima degli impianti e del valore di rimborso per i concessionari uscenti

Delibera di giunta della Giunta Comunale N° S-LP/2016/2941 del 29 dicembre 2016

Presentazione
Approvazione
29.12.2016

Firmatari

  • Enzo Monachesi
    Assessore alla manutenzione e sicurezza del territorio, mobilità e trasporti, partecipazione
    Monitorato da 26 cittadini

Testo

        
COMUNE DI SENIGALLIA
PROVINCIA DI ANCONA
DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N° 313
Seduta del 29/12/2016
OGGETTO:	SERVIZIO PUBBLICO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE NELL'AMBITO ATEM DI ANCONAPRESA D’ATTO DEL RISULTATO DELLA STIMA INDUSTRIALE DEGLI IMPIANTI E DEL VALORE DI RIMBORSO SPETTANTE AI CONCESSIONARI USCENTI

L’anno duemilasedici addì ventinove del mese di dicembre alle ore 12,30 nel Palazzo Municipale di Senigallia, previa convocazione, si è oggi riunita la Giunta Municipale.
	Sono presenti i Signori:

  PresentiAssenti Mangialardi MaurizioSindaco*- Bomprezzi ChantalAssessore-* Bucari SimonettaAssessore*- Campanile GennaroAssessore*- Girolametti CarloAssessore-* Memè MaurizioAssessore*- Monachesi EnzoAssessore*- Ramazzotti IlariaAssessore*- 
Essendosi in numero legale per la validità dell’adunanza, assume la presidenza il Sig. Mangialardi Maurizio nella qualità di Sindaco, che dichiara aperta la seduta, alla quale assiste il Segretario del Comune Dott. Morganti Stefano  ed invita la Giunta a deliberare.
L A   G I U N T A
Visto l’art. 33 dello Statuto, di cui alla Deliberazione Consiliare n° 19 del 19 febbraio 2003;
Udita la relazione di Monachesi Enzo;

Premesso che:
- l'art. 14, d.lgs. n. 164/2000 ha imposto l'affidamento in concessione a terzi, mediante gara, del servizio pubblico di distribuzione del gas naturale alla scadenza del periodo transitorio disciplinato dall'art. 15, D.Lgs n. 164/2000, dall'art. 1, comma 69, l. n. 239/2004 e dall'art. 23, l. n. 51/2006;
- l'art. 46 bis, d.l. n. 159/2007, introdotto in sede di conversione nella l. n. 222/2007, e successivamente modificato con l. n. 244/2007, è intervenuto in ordine alle modalità di affidamento del servizio pubblico di distribuzione del gas naturale, demandando a successivi provvedimenti ministeriali:
- la definizione di regole di gara uniformi e, segnatamente, i criteri di gara e di valutazione dell'offerta (comma 1);
- l'introduzione di ambiti territoriali minimi di gara (secondo bacini ottimali di utenza da individuarsi in base a criteri di efficienza e riduzione dei costi), con il conseguente superamento della dimensione comunale delle gare di settore (comma 2); 
- in entrambi i casi la competenza era affidata ai Ministeri per lo sviluppo economico e per i rapporti con le Regioni, che erano tenuti ad acquisire preventivamente l'apporto consultivo dell'Autorità per l'Energia Elettrica ed il Gas e della Conferenza Unificata di cui all'art. 8, l. n. 281/1997;
- i predetti Ministeri hanno provveduto ad emanare i provvedimenti di competenza;
- la definizione degli ambiti è stata frazionata in due decreti ministeriali:
- il D.M. 19.1.2011 (pubblicato nella G.U. del 31.3.2011 e in vigore dall'1.4.2011) ha individuato il numero complessivo degli ambiti (n. 177), suddividendoli per ogni singola Provincia, senza ancora specificare i Comuni facenti parte di ciascun ambito;
- il D.M. 18.10.2011 (pubblicato nella G.U. del 28.10.2011 e in vigore dal 29.10.2011) contiene l'elencazione di tutti i comuni ricompresi in ciascun ambito;
- con D.M. n. 226/2011, pubblicato in G.U. il 27.1.2012 in vigore dall'11.2.2012, e modificato dal D.M. n. 106/2015, pubblicato in G.U. il 14.7.2015, è stato, poi, emanato il Regolamento per i criteri di gara e per la valutazione dell'offerta per l'affidamento del servizio della distribuzione del gas naturale (...), contenente articolata disciplina delle nuove gare d'ambito;
- ai sensi dei citati Decreti Ministeriali 19.01.2011 e 18.10.2011, questo Comune risulta inserito nell’Ambito ATEM Ancona;
- la data in cui la Regione diffida la stazione appaltante e dopo 6 mesi esercita il potere sostitutivo di cui all'articolo 3 del DM 226/2011 per mancata pubblicazione del bando di gara va attualmente individuato, ai sensi del combinato disposto dell'Allegato 1 al D.M. n. 226/2001, del DL n. 145/2013 convertito con L n. 9/2014, del DL n.91/2014 convertito con L. n. 116/2014, del DL n. 192/2014 convertito con L. n. 11/2015 e del DL 201/2015 convertito con L. n. 21/2016, alla data dell’ 11.10.2016;
- la gestione del servizio di distribuzione del gas naturale nel territorio di questo Comune è attualmente svolta da Edma Reti gas e Sadori Reti Srl in regime di prorogatio e ordinaria amministrazione ope legis ex art. 14, comma 7, d.lgs. n. 164/2000.
- la Stazione appaltante di cui all'art. 2 del D.M. n. 226/2011 e smi è individuata nel Comune di Ancona in quanto capoluogo di Provincia, come imposto dai commi 1 e 3 del citato art. 2;
- la convenzione Convenzione ex art. 30, d.lgs. 267/2000 per la gestione del servizio pubblico di distribuzione del gas naturale in forma associata dell’ambito territoriale è stata approvata con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 102 del 29/12/2014 e sottoscritta dal Sindaco quale legale rappresentante, che si richiama integralmente.
Preso atto che:
- Il Comune:
- ha acquisito dai gestori uscenti le informazioni e i documenti previsti dall'art. 4 del D.M. n. 226/2011 e smi, oltre ad ogni altro elemento ritenuto utile, facendo applicazione delle modalità previste dal medesimo art. 4; 
- ha proceduto, avvalendosi del supporto della Energas Engineering, quale advisor tecnico ed assistente al RUP, alla definizione delle condizioni alla scadenza dei rapporti con i gestori uscenti ai sensi dell’art. 5 DM 226/2011;
- Il gestore uscente Sadori Reti Srl, con nota prot. 15300 del 07/03/2016, ha trasmesso la documentazione di cui al capitolo 19 delle Linee Guida 7 aprile 2014, redatta dalla società concessionaria, relativa alla valutazione delle reti e degli impianti afferenti al servizio di distribuzione del gas con la determinazione del valore industriale residuo (VIR), al netto dei contributi pubblici e privati;
- Il gestore uscente Edma reti gas, con nota prot. n. 76257del 3/11/2016, ha trasmesso la documentazione di cui al capitolo 19 delle Linee Guida 7 aprile 2014, redatta dalla società concessionaria, relativa alla valutazione delle reti e degli impianti afferenti al servizio di distribuzione del gas con la determinazione del valore industriale residuo (VIR), al netto dei contributi pubblici e privati;
- L’advisor Energas Engineering, a seguito dei confronti tecnici intercorsi e dell’analisi della documentazione di cui al Cap. 19 delle Linee Guida 7 aprile 2014 che i gestori uscenti hanno reso disponibile all’Ente locale concedente, ha trasmesso:
- la relazione in cui si da evidenza delle verifiche condotte e delle osservazioni formulate rispetto alla valutazione del gestore uscente;
- l’attestazione di aver applicato o meno le Linee Guida 7 aprile 2014;
Visto che
- Si è concluso il procedimento per la determinazione del Valore di Rimborso (VIR) spettante ai gestori uscenti;
- Il valore di rimborso (VIR) per entrambi i gestori, è superiore al 110% del valore di RAB relativa alla medesima porzione di impianto, il Comune è tenuto a trasmettere all’AEEGSI la documentazione di cui all’art. 9 della Delibera AEEGSI 310/2014, per le verifiche previste ai sensi delle disposizioni dell’articolo 1, comma 16 del DL 145/2013;
Considerato che
- Ai sensi dell’art. 5 comma 14 DM 226/2011 (modificato dal DM 106/2015), la stazione appaltante deve tenere conto delle eventuali osservazioni dell’Autorità ai fini della determinazione del valore di rimborso da inserire nel bando di gara.
Ritenuto che
- Il Comune debba prendere atto della conclusione del procedimento per la determinazione del VIR spettante ad entrambi i gestori;
- Il Comune debba prendere atto che, il Responsabile del Procedimento, l’Ing. Gianni Roccato, Dirigente dell’Area Tecnica Territorio e Ambiente procederà come segue:
- trasmetterà alla Stazione Appaltante e quindi all'AEEGSI, tutta la documentazione prevista dalle vigenti norme per la verifica del valore di rimborso;
- in caso di osservazioni da parte dell’AEEGSI, riconvocherà il Tavolo Tecnico per le necessarie valutazioni e determinazioni;
- all'esito delle valutazioni definitive effettuate in contraddittorio tra le Parti in ordine alle eventuali osservazioni dell’AEEGSI, sottoporrà il valore di rimborso da indicare nel bando di gara all'approvazione del competente organo deliberativo del Comune.
- Preso atto del seguente parere favorevole reso ai sensi dell’art. 49 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 sull'Ordinamento degli Enti Locali:
- dal Dirigente responsabile dell’Area Tecnica Territorio e Ambiente;
- Con votazione palese ed unanime;
D E L I B E R A
1°) – DI DARE ATTO di quanto riportato nella parte narrativa quale parte integrante e sostanziale del presente atto;
2°) – DI PRENDERE ATTO della conclusione del procedimento per la determinazione del Valore di Rimborso spettante ad entrambi i gestori;
3°) – DI PRENDERE ATTO che, il Responsabile del Procedimento, l’Ing. Gianni Roccato, Dirigente dell’Area Tecnica Territorio ed Ambiente, procederà come segue:
- trasmetterà alla Stazione Appaltante e quindi all'AEEGSI, tutta la documentazione prevista dalle vigenti norme per la verifica del valore di rimborso;
- in caso di osservazioni da parte dell’AEEGSI, riconvocherà il Tavolo Tecnico per le necessarie valutazioni e determinazioni;
- all'esito delle valutazioni definitive effettuate in contraddittorio tra le Parti in ordine alle eventuali osservazioni dell’AEEGSI, sottoporrà il valore di rimborso da indicare nel bando di gara all'approvazione del competente organo deliberativo del Comune.
4°) – DI DEMANDARE al Responsabile Unico del Procedimento, l’Ing. Gianni Roccato Dirigente dell’Area Tecnica Territorio e Ambiente, l’attuazione del presente provvedimento e gli adempimenti conseguenti.
      


Letto, confermato e sottoscritto
	Il  Sindaco	Il  Segretario Comunale
	F/to Mangialardi Maurizio	F/to  Morganti Stefano

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,


La presente deliberazione è stata pubblicata all’Albo Pretorio dal 12 gennaio 2017 al 27 gennaio 2017 ai sensi dell’art. 124, 1° comma, del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267.
Lì, 30 gennaio 2017	Il       Segretario Comunale
	F/to 
La presente deliberazione, non soggetta a controllo, è divenuta esecutiva, ai sensi dell’art. 134 del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267, in data 23 gennaio 2017, essendo stata pubblicata il 12 gennaio 2017
Lì, 24 gennaio 2017	Il       Segretario Comunale
	F/to 
Spazio riservato all’eventuale controllo preventivo di legittimità, richiesto ai sensi dell’art. 127 del D.Lgs. 18/8/2000 n° 267:



 

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,