Senigallia Atto

Disciplina, criteri e modalita' di nomina delle commissioni giudicatrici per procedure di aggiudicazione di contratti di appalti o di concessioni

Delibera di giunta della Giunta Comunale N° S-LP/2017/559 del 04 aprile 2017

Presentazione
Approvazione
4.4.2017

Firmatari

  • Maurizio Memè
    Vice sindaco, Assessore alle pianificazioni urbanistiche, gestione e manutenzione del litorale, Suap
    Monitorato da 19 cittadini

Testo

        
COMUNE DI SENIGALLIA
PROVINCIA DI ANCONA
DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N° 80
Seduta del 04/04/2017
OGGETTO:	D.LGS. 18 APRILE 2016 N. 50. DISCIPLINA, CRITERI E MODALITA' DI NOMINA DELLE COMMISSIONI GIUDICATRICI EX COMMA 12 ART. 77

L’anno duemiladiciassette addì quattro del mese di aprile alle ore 8,00 nel Centro Polivalente di Bettolelle, previa convocazione, si è oggi riunita la Giunta Municipale.
	Sono presenti i Signori:

  PresentiAssenti Mangialardi MaurizioSindaco*- Bomprezzi ChantalAssessore*- Bucari SimonettaAssessore*- Campanile GennaroAssessore*- Girolametti CarloAssessore*- Memè MaurizioAssessore*- Monachesi EnzoAssessore*- Ramazzotti IlariaAssessore*- 
Essendosi in numero legale per la validità dell’adunanza, assume la presidenza il Sig. Mangialardi Maurizio nella qualità di Sindaco, che dichiara aperta la seduta, alla quale assiste il Segretario del Comune Dott. Morganti Stefano  ed invita la Giunta a deliberare.
L A   G I U N T A
Visto l’art. 33 dello Statuto, di cui alla Deliberazione Consiliare n° 19 del 19 febbraio 2003;
Udita la relazione di Memè Maurizio;

Premesso
- il 19 aprile 2016 è entrato in vigore il D.Lgs. 18 aprile 2016 n. 50: Attuazione per le direttive n. 2014/23/UE, n. 2014/24/UE e n. 2014/25/UE sull’aggiudicazione dei contratti di concessione, sugli appalti pubblici e sulle procedure d’appalto degli enti erogatori nei settori dell’acqua, dell’energia, dei trasporti e dei servizi postali, nonché per il riordino della disciplina vigente in materia di contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture;
- l’art. 77 del Codice contiene nuove disposizioni per la nomina delle commissioni giudicatrici in caso di procedure di aggiudicazione di contratti di appalti o di concessioni con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, individuata sulla basa del miglior rapporto qualità/prezzo;
- il successivo art. 78 del Codice prevede l’istituzione presso l’ANAC -che lo gestisce e lo aggiorna secondo i criteri individuate con apposite determinazioni- dell’Albo nazionale obbligatorio dei componenti delle commissioni giudicatrici nelle procedure di affidamento dei contratti pubblici, cui possono iscriversi soggetti in possesso dei requisiti di compatibilità e moralità, nonché di comprovata competenza e professionalità nello specifico settore a cui si riferisce il contratto;
- il citato art. 77 del Codice, al comma 3, ultimo capoverso, prevede La stazione appaltante può, in caso di affidamento di contratti di importo inferiore alle soglie di cui all' o per quelli che non presentano particolare complessità, nominare componenti interni alla stazione appaltante, nel rispetto del principio di rotazione. Sono considerate di non particolare complessità le procedure svolte attraverso piattaforme telematiche di negoziazione ai sensi dell'. e al comma 12, prevede che Fino all’adozione della disciplina in materia di iscrizione all’albo di cui all’art. 78, la commissione giudicatrice continua ad essere nominata dall’organo della stazione appaltante competente ad effettuare la scelta del soggetto affidatario del contratto, secondo le regole competenza e di trasparenza preventivamente individuate da ciascuna stazione appaltante;
- nelle more dell’istituzione dell’Albo di cui all’art. 78 citato da parte di ANAC, si applica la norma transitoria contenuta nell’art. 216, comma 12, per il quale Fino alla adozione della disciplina in materia di iscrizione all'Albo di cui all', la commissione continua ad essere nominata dall'organo della stazione appaltante competente ad effettuare la scelta del soggetto affidatario del contratto, secondo regole di competenza e trasparenza preventivamente individuate da ciascuna stazione appaltante. 
- riguardo alla modalità per la selezione dei commissari, il medesimo art. 77 del Codice stabilisce, tra l’altro, che:
a) la nomina dei commissari deve avvenire dopo la scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte;
b) la stazione appaltante procede mediante pubblico sorteggio alla scelta dei candidati;
c) i sorteggiati devono pronunciarsi in merito all’accettazione dell’incarico e all’esistenza di cause di compatibilità;
d) il presidente della commissione giudicatrice è individuato dalla stazione appaltante tra i commissari sorteggiati;
- in ordine ai requisiti di moralità e di compatibilità dei componenti della commissione, l’art. 77 del Codice stabilisce:
a) i commissari non devono aver svolto o non possono svolgere alcuna funzione o incarico tecnico o amministrativo relativamente al contratto del cui affidamento si tratta (comma 4);
b) non possono essere nominati commissari giudicatori relativamente ai contratti affidati dalle Amministrazioni presso le quali hanno esercitato le proprie funzioni d’istituto coloro che, nel biennio antecedente all’indizione della procedura di aggiudicazione, hanno ricoperto cariche di pubblico amministratore (comma 5);
c) ai commissari e ai segretari delle commissioni si applicano l’art. 35/bis del D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165, l’art. 51 del Codice di procedura civile, nonché l’art. 42 del presente codice (comma6);
d) sono esclusi dai successivi incarichi di commissario colore che, in qualità di membri delle commissioni giudicatrici, abbiano concorso, con dolo o colpa grave accertati in sede giurisdizionale con sentenza non sospesa, all’approvazione di atti dichiarati illegittimi (comma 6);
Considerando
- Si rappresenta la necessità, nell’ambito delle procedure di affidamento con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa e per quanto illustrato, di  disciplinare la formazione e il funzionamento della commissione di aggiudicazione, individuando criteri e modalità, pur a valenza transitoria, e con essa l’opportunità di demandare alla commissione giudicatrice l’intero procedimento di valutazione delle offerte, compresa la verifica della loro congruità;
- Per tale finalità è stato predisposto dal servizio competente l’allegato documento Linee guida: Disciplina, criteri e modalità di nomina delle commissioni giudicatrici ex comma 12 art. 77 D.Lgs  n. 50/2016;
L’adozione delle suddette  Linee guida rappresenta attività residuale rispetto alla competenza regolativa esclusiva del Consiglio comunale a valere per l’ambito istituzionale proprio nonché per le attività svolte dalla Centrale di committenza integrata nel Regolamento degli uffici e dei servizi del Comune di Senigallia, in quanto Comune capofila di cui alla convenzione sottoscritta tra i Comuni di Senigallia, Serra De’ Conti, Ostra Vetere, Ostra, Barbara e Arcevia per La costituzione della Centrale unica di committenza, n. 21658 di Rep. del 30 dicembre 2014;
- Il  Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 62 recante il Codice di comportamento dei dipendenti pubblici;
- il presente provvedimento è di competenza della Giunta Municipale, ai sensi dell’art. 48 del D.Lgs. n. 267/2000;
Visto
- il Testo Unico sull’ordinamento degli Enti Locali (D.Lgs. n. 267/2000) e ss.mm.ii.;
- la deliberazione della Giunta Municipale n. 47 del 28 febbraio 2017 Modifiche e integrazioni al Regolamento sull’ordinamento degli Uffici e dei Servizi, riguardanti La struttura organizzativa;
- lo Statuto dell’Ente;
- La proposta del Dirigente Area Tecnica Territorio e Ambiente
- Preso atto del seguente parere favorevole reso ai sensi dell’art. 49 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 sull'Ordinamento degli Enti Locali:
- dal Segretario Generale;
- Con votazione palese ed unanime;
D E L I B E R A
1°) - APPROVARE, a valenza transitoria  fino all’istituzione dell’Albo Nazionale ex art. 78 del D.Lgs. 50/2016, le allegate Linee Guida: Disciplina, criteri e modalità di nomina delle commissioni giudicatrici ex comma 12 art. 77 D.Lgs  n. 50/2016 parte integrante e sostanziale del presente atto;
2°) – STABILIRE che le suddette Linee guida siano efficaci dal giorno stesso della approvazione sia in relazione a procedimenti di acquisto di beni, servizi e lavori da parte del Comune di Senigallia nella sua qualità di Stazione appaltante (entro le soglie stabilite dal D.Lgs 50) e sia in relazione ai procedimenti svolti dalla Centrale di committenza -ex convenzione del 30 dicembre 2014 in premessa richiamata- quale amministrazione aggiudicatrice organicamente strutturata all’interno della organizzazione del Comune di Senigallia;
3°) – DARE ATTO che le stesse  saranno modificate/integrate a seguito della emanazione di linee guida e/o altri atti equipollenti da parte dell’Autorità ANAC;
4°) - DARE ATTO che dal presente atto non derivano ne possono derivare spese a carico del bilancio comunale;
5°) - DICHIARARE il presente atto immediatamente eseguibile, ai sensi dell’art. 134 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 mediante separata ed unanime votazione palese, stante l’esigenza e l’urgenza di espletare procedure di gara per l’acquisizione di beni, servizi e lavori necessari al regolare svolgimento delle attività di competenza di questo Ente e della centrale di committenza per le quali, la disciplina in oggetto, è funzionale in tutti i casi in cui ricorra l’applicazione del criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa.-
      
Letto, confermato e sottoscritto
	Il  Sindaco	Il  Segretario Comunale
	F/to Mangialardi Maurizio	F/to  Morganti Stefano

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,


La presente deliberazione è stata pubblicata all’Albo Pretorio dal 20 aprile 2017 al 5 maggio 2017 ai sensi dell’art. 124, 1° comma, del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267.
Lì, 8 maggio 2017	Il       Segretario Comunale
	F/to 
La presente deliberazione, non soggetta a controllo, è divenuta esecutiva, ai sensi dell’art. 134 del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267, in data 1 maggio 2017, essendo stata pubblicata il 20 aprile 2017
Lì, 2 maggio 2017	Il       Segretario Comunale
	F/to 
Spazio riservato all’eventuale controllo preventivo di legittimità, richiesto ai sensi dell’art. 127 del D.Lgs. 18/8/2000 n° 267:



 

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,