Senigallia Atto

Provvedimenti per proposta di Programma di riqualificazione urbana dell’area ex Agostinelli a Marzocca

Delibera di giunta della Giunta Comunale N° S-LP/2017/2382 del 03 ottobre 2017

Presentazione
Approvazione
3.10.2017

Firmatari

  • Maurizio Memè
    Vice sindaco, Assessore alle pianificazioni urbanistiche, gestione e manutenzione del litorale, Suap
    Monitorato da 19 cittadini

Testo

        
COMUNE DI SENIGALLIA
PROVINCIA DI ANCONA
DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N° 219
Seduta del 03/10/2017
OGGETTO:	PROPOSTA DI PROGRAMMA DI RIQUALIFICAZIONE URBANA DELL’AREA EX AGOSTINELLI A MARZOCCA - IN VARIANTE AL P.R.G. E INDIVIDUAZIONE DEL PERIMETRO DELLE AREE DA RIQUALIFICARE - PROVVEDIMENTI

L’anno duemiladiciassette addì tre del mese di ottobre alle ore 8,00 nel Palazzo Municipale di Senigallia, previa convocazione, si è oggi riunita la Giunta Municipale.
	Sono presenti i Signori:

  PresentiAssenti Mangialardi MaurizioSindaco*- Bomprezzi ChantalAssessore*- Bucari SimonettaAssessore*- Campanile GennaroAssessore*- Girolametti CarloAssessore*- Memè MaurizioAssessore*- Monachesi EnzoAssessore*- Ramazzotti IlariaAssessore-* 
Essendosi in numero legale per la validità dell’adunanza, assume la presidenza il Sig. Mangialardi Maurizio nella qualità di Sindaco, che dichiara aperta la seduta, alla quale assiste il Segretario del Comune Dott. Morganti Stefano  ed invita la Giunta a deliberare.
L A   G I U N T A
Visto l’art. 33 dello Statuto, di cui alla Deliberazione Consiliare n° 19 del 19 febbraio 2003;
Udita la relazione di Memè Maurizio;
Premesso che:
a- fase di sperimentazione percorso partecipativo - LR 22/2011
Con delibera della GM. Del 08/11/2011, n. 223 si era dato avvio al processo di rinnovamento della pianificazione urbanistica comunale sulla base dei nuovi strumenti introdotti dalla LR 22/2011 in particolare del Programma Operativo di Riqualificazione Urbana – PORU attivando in tal senso un tavolo di confronto con partner istituzionali e istituti di ricerca in tema di pianificazione, finalizzato ad individuare una procedura per redigere tale nuovo strumento urbanistico e a promuovere un percorso di conoscenza volto ad aumentare la partecipazione dei cittadini a tali tipologie di processi.
Con successiva delibera del CC. del 24.07.2013, n.65 è stato approvato l’atto di indirizzo contenente la strategia di riqualificazione urbana e paesaggistica per le trasformazioni da introdurre con il programma operativo per la riqualificazione urbana - (PORU) - nonché l’avviso pubblico;
-	A seguito della pubblicazione dell’avviso per la formulazione delle manifestazioni di interesse per la partecipazione al PORU – (dal 10.09.2013 al 03.12.2013) - l’amministrazione comunale ha attivato un percorso di condivisione/accompagnamento all’iniziativa – (workshop, incontri tematici e riunioni di approfondimento delle singole proposte) - che ha consentito di acquisire a tutto gennaio 2014 50 istanze preliminari tra cui alcune particolarmente significative per la successiva elaborazione del PORU;
L’Amministrazione Comunale, di concerto con l’istituto Nazionale di Urbanistica ha inoltre organizzato un ciclo di 6 seminari, finalizzati ad approfondire le tematiche più significative connesse alla riqualificazione urbana della città di Senigallia, che ha visto la partecipazione di esperti di livello nazionale:
-	1. - 11 maggio 2012 - La riqualificazione urbana per lo sviluppo della città e del territorio (seminario di start); 
-	2. - 08 giugno 2012 - Dal paesaggio alla riduzione del consumo di suolo-;
-	3. - 26 ottobre 2012 - I territori e l’area vasta;
-	4. - 30 novembre 2012 - La città pubblica – L’attuazione della città pubblica, il ruolo del progetto urbano e l’utilizzo degli strumenti di perequazione e compensazione;
-	5. - 15 marzo 2013 - Politiche e risorse per la casa;
-	6. - 12 aprile 2013 - Cultura, risorse identitarie e vocazioni territoriali;
-	Parallelamente l’amministrazione Comunale, sempre all’interno del percorso di Urbanistica Partecipata Nuove Energie Urbane ha organizzato una serie di incontri rivolti in particolare alle organizzazioni culturali, sociali, professionali e imprenditoriali:
-	18 maggio 2012 – workshop per i tecnici del territorio – presentazione degli incontri con i professionisti del territorio;
-	25 maggio 2012 – focus tematico – la città come bene collettivo identitario – le ville del 1930 a Senigallia;
-	15 giugno 2012 – 1° workshop – le pratiche edilizie: tipologie e iter di presentazione;
-	19 ottobre 2012 – lezioni di piano – il SUAP – (sportello unico per le attività produttive);
-	16 novembre 2012 – focus tematico – Il nuovo regolamento edilizio per Senigallia;
-	23 novembre 2012 – evento MAUS – Alla ricerca della qualità architettonica – Il concorso dell’Opera Pia Mastai Ferretti;
-	14 dicembre 2012 – lezioni di piano – il piano casa;
-	24 maggio 2013 – evento MAUS – uno strumento per la tutela e a valorizzazione del patrimonio storico identitario della città di Senigallia – il piano delle mura urbiche;
-	31 maggio 2013 – focus tematico – Il nuovo regolamento edilizio - REC;
-	7 giugno 2013 – seminario – presentazione dell’atto di indirizzo del Programma Operativo per la Riqualificazione Urbana - PORU;
-	Durante il percorso di partecipazione-condivisione sono emerse – tra le tante proposte due iniziative estremamente interessanti e pertinenti: 
-	1 - Riqualificazione dell’area ex Agostinelli a Marzocca; 
-	2 - Riqualificazione dell’area produttiva della Cesanella;
-	L’amministrazione comunale unitamente al gruppo di lavoro si è adoperata affinché fossero approfonditi tutti gli aspetti tecnico amministrativi per l’inserimento delle stesse nel PORU.
Con delibera della GM del 04/11/2014, n. 182 è stato stabilito di:
-	1°) - DI APPROVARE: - Il documento istruttorio concernente la valutazione delle manifestazioni di interesse pervenute a seguito del bando di cui alla delibera CC. del 24.07.2013, n. 65, per il loro inserimento nel PORU; - La proposta di prosecuzione del proficuo lavoro di sperimentazione della Legge 22/2011 che individua alcuni indirizzi per l’avanzamento dell’esperienza di riqualificazione/rigenerazione urbana;
-	2°) - DI STABILIRE: - Di procedere alla elaborazione del PORU individuando l’ambito costituito dall’area ex Agostinelli a Marzocca, dall’adiacente area di proprietà comunale, dall’area prospiciente la statale adriatica di proprietà del sig. Manduchi, e altri, dell’area in via 24 maggio di proprietà di NEW DREAM Immobiliare di Ancona fornendo gli indirizzi operativi contenuti nel documento istruttorio che si allega e che illustra i requisiti territoriali entro cui il progetto si dovrà sviluppare.
-	omissis
-	4°) - DI AUTORIZZARE il Dirigente dell’area Tecnica Territorio e Ambiente ad assumere tutte le iniziative utili al fine di adottare il Programma Operativo di Riqualificazione Urbana concernete l’ambito di riqualificazione dell’area Ex Agostinelli a Marzocca negli stretti tempi tecnici necessari alla sua elaborazione possibilmente prima della scadenza del mandato amministrativo;
-	A seguito di successivi incontri e riunioni con la Cooperativa MODULO CASA conformemente a quanto indicato al punto 2 del dispositivo della delibera GM del 04.11.2014, n. 182, la coop. MODULO CASA ha trasmesso una serie di documenti ed elaborati con note PEC del 03.02.2015, prot. 7214, PEC del 05.02.2015, prot. 7782, PEC del 09.03.2015, prot. 14208.
Infine con delibera della GM del 31/03/2015, n. 63 si è conclusa la fase di sperimentazione della Legge Regionale n. 22/2011 stabilendo:
-	 1°) - DI PROCEDERE nello svolgimento di tutte le fasi tecnico-amministrative utili all’adozione del PORU nell’ambito costituito dall’area ex Agostinelli a Marzocca secondo quanto indicato nel documento istruttorio allegato alla presente delibera;
-	omissis
-	3°) - DI CONDIVIDERE E APPROVARE, i documenti allegati alla presente delibera:
-	- Documento di strategia generale per la riqualificazione urbana; 
-	- Piano strutturale intercomunale della valle del Misa e Nevola – relazione metodologica: 
-	- 01 – SINTESI 
-	- 02 – RELAZIONE 
-	- 03 - ALLEGATI 
-	I quali costituiscono da un lato la conclusione positiva di un processo di sperimentazione per la riqualificazione e la rigenerazione urbana dall’altra un fondamentale punto di riferimento anche per la prossima attività di governo della città e del territorio; 
-	4°) - DI AUTORIZZARE il Dirigente dell’area Tecnica Territorio e Ambiente ad assumere tutte le iniziative utili al fine di adottare il Programma Operativo di Riqualificazione Urbana concernete l’ambito di riqualificazione dell’area Ex Agostinelli a Marzocca negli stretti tempi tecnici necessari alla sua elaborazione;
b- fase di ridefinizione degli obiettivi
Ne è seguito un intenso lavoro di coordinamento con la proprietà – MODULO CASA Soc. Coop per eliminare le criticità riscontrate nella predisposizione della manifestazione di interesse, in particolare per quanto concerne la costituzione dell’ambito territoriale e la partecipazione degli altri soggetti coinvolti.
Purtroppo, stante l’inerzia degli altri soggetti coinvolti nella costituzione dell’ambito di riqualificazione si è proceduto ad una ridefinizione dello stesso in modo da renderlo coincidente con la totalità dell’area e immobili di proprietà della MODULO CASA soc. coop, delle attigue aree di prop. della società Sartini srl e delle unità immobiliari costituenti il Condominio di S.S. Adriatica Sud 232.
Ne è scaturito un ambito di riqualificazione urbana che seppur ridotto in termini di aree e di soggetti tale da non risultare aderente alle finalità della LR 22/2011, contiene comunque al suo interno elementi di estrema rilevanza assumendo a base del progetto i seguenti elementi:
-	Rischi sismico zero – tutti i fabbricati pluripiano saranno realizzati con tecnologie antisismiche (e/o dissipatori) in modo da renderli insensibili alle oscillazioni del terreno e di non subire alcun danno alle strutture, alle cose e alle persone, mantenendo la piena funzionalità dopo l’evento sismico.
-	Abbattimento dei consumi energetici e cogenerazione con l’obiettivo di migliorare l’efficienza energetica per ridurre i consumi mediante la progettazione integrata del sistema edificio-impianti. Edifici realizzati con tecnologie, materiali e sistemi isolanti mirati al contenimento dei consumi, raggiungimento almeno del punteggio 2 del protocollo ITACA sintetico; realizzazione di impianti di cogenerazione a livello di quartiere integrati con fonti rinnovabili per un sensibile riduzione delle emissioni inquinanti e un notevole risparmio economico. 
-	Sistema integrato delle aree verdi e dei percorsi di uso pubblico autogestiti dal soggetto attuatore;
-	Quartiere ecosostenibile e smart;
-	Alloggi a basso costo per le nuove esigenze abitative e di lavoro;
-	Area agricola utilizzata ad orti urbani ad uso del soggetto attuatore e dei suoi aventi causa e dei cittadini di Senigallia.
In pratica si tratta di porre in essere un’esperienza di riqualificazione di un’area produttiva degradata creando le condizioni di interazione-integrazione tra varie funzioni urbane – produttive, commerciali, residenziali, sociali – che può costituire un modello replicabile in altre realtà comunali e regionali.
In data 25.09.2017 si è tenuto un incontro pubblico nella frazione di Marzocca per la presentazione del programma di riqualificazione in argomento.
c- individuazione del procedimento amministrativo
Il riferimento normativo per la definizione del programma di riqualificazione in argomento alla luce del percorso già posto in essere anzichè nella LR 22/2011 è stato individuato nella L.R. 23.2.2005 n. 16 – Disciplina degli interventi di riqualificazione urbana e indirizzi per le aree produttive ecologicamente attrezzate. e s.m.i., garantendo con la coerenza e la continuità tra gli obiettivi e gli strumenti amministrativi da utilizzare.
In particolare, trattandosi di programma di riqualificazione in variante agli strumenti urbanistici, le fasi tecnico – amministrative da attivare sono individuate come segue:

FASERIF. NORMATIVOESTRATTO DEL RIFERIMENTO NORMATIVOIndividuazione del perimetro delle aree da riqualificareL.R.16/2005 – ART.6, Comma.11. Ai fini della formazione del PRU, il Comune individua il perimetro delle aree da riqualificare, definendone il prevalente interesse pubblico, nonché le risorse necessarie e disponibili per la realizzazione degli interventi e indirizza e coordina altresì la partecipazione dei soggetti pubblici e privati coinvolti.(PRU IN VARIANTE AGLI STRUMENTI URBANISTICI)L.R.16/2005 – ART.6, Comma.13
L.R.34/1992 – ART.26-bis, Comma.913. Nei casi di cui all'articolo 5, comma 2, lettera h) , il PRU è approvato mediante accordo di programma ai sensi dell'articolo 34 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 (Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali) e dell'articolo 26-bis della L.R. n. 34/1992.
9. Gli accordi di programma che determinano varianti parziali agli strumenti urbanistici generali comunali sono ammessi esclusivamente per i Comuni che hanno adottato definitivamente il PRG in adeguamento al PPAR." .Conferenza preliminareL.R.34/1992 – ART.26-bis, Comma.22. Il Presidente della Regione o il Presidente della Provincia o il Sindaco che, in relazione alla competenza primaria o prevalente sugli interventi, intende promuovere un accordo di programma che comporta variazione di strumenti urbanistici generali comunali, convoca la conferenza preliminare prevista dall'articolo 34 del D.Lgs. n. 267/ 2000.Pubblicazione accordo di programma L.R.34/1992 – ART.26-bis, Comma.33. Qualora in sede di conferenza preliminare sia verificata la possibilità di consenso unanime delle amministrazioni interessate alla stipula, la proposta di accordo di programma, che deve contenere le ragioni di prevalente interesse pubblico che hanno determinato la sua promozione, corredata del progetto, dei relativi elaborati e degli elaborati rappresentativi della variante urbanistica, nonché delle risultanze delle consultazioni pubbliche, è depositata presso le sedi degli enti partecipanti per sessanta giorni consecutivi. L'avviso di deposito, insieme con l'accordo preliminare, è pubblicato all'albo pretorio del Comune interessato per lo stesso periodo di tempo. È inoltre pubblicato apposito avviso in un giornale quotidiano a diffusione regionale, contenente l'indicazione degli enti presso i quali è depositata la proposta di accordo di programma e dei termini entro i quali chiunque può prenderne visione.osservazioni e proposteL.R.34/1992 – ART.26-bis, Comma.44. Entro la scadenza del termine di deposito di cui al comma 3 chiunque vi abbia interesse può formulare osservazioni e proposte.Conferenza definitiva e sottoscrizione accordo di programmaL.R.34/1992 – ART.26-bis, Comma.55. Entro i trenta giorni successivi alla scadenza del termine per la presentazione delle osservazioni indicato al comma 4, il Presidente della Regione o il Presidente della Provincia o il Sindaco convoca tutti i soggetti pubblici e privati interessati alla conclusione dell'accordo, che viene sottoscritto tenendo conto delle osservazioni e proposte presentate, e individua, ove necessario, i soggetti che provvedono alla vigilanza sull'esecuzione dell'accordo, nonché sugli eventuali interventi sostitutivi, ai sensi dell'articolo 34, comma 7, del D.Lgs. n. 267/ 2000.Decreto di approvazione dell’accordo di programmaL.R.34/1992 – ART.26-bis, Comma.77. Il decreto di approvazione dell'accordo di programma è emanato dal Presidente della Provincia per gli accordi in variante a strumenti urbanistici comunali, nei restanti casi dall'autorità avente competenza primaria per la realizzazione degli interventi.Ratifica del Consiglio Comunale dell’accordo di programmaL.R.34/1992 – ART.26-bis, Comma.66. Il decreto di approvazione dell'accordo di programma produce gli effetti dell'approvazione delle variazioni agli strumenti urbanistici generali, purché l'assenso di ciascun Comune alla conclusione dell'accordo e alla variante sia ratificato dal Consiglio comunale entro trenta giorni dalla data di emanazione del decreto di approvazione.Pubblicazione del Decreto di approvazione dell’accordo di programmaL.R.34/1992 – ART.26-bis, Comma.88. Il decreto di cui al comma 7 è pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione dopo l'intervenuta ratifica del Consiglio comunale e sostituisce il permesso di costruire per tutti o parte degli interventi previsti nello stesso, a condizione che ne sussistano i requisiti.Sottoscrizione della convenzione per l’attuazione del P.R.U.
d- la proposta di programma di riqualificazione
Ai fini della approvazione il soggetto attuatore ha presentato il progetto preliminare del programma di riqualificazione in argomento, redatto dal professionista incaricato, Arch. Agostinelli Sergio di Ancona, con richiesta a mezzo PEC in data 28.09.2017 acquisita agli atti del Comune in data 29.09.2017, prot. 70323 – pratica edilizia n. 2017/130
Ciascun documento, firmato digitalmente, è stato acquisito agli atti del protocollo generale del Comune e pertanto risulta univocamente e permanentemente individuato, elencati nell’allegato alla presente deliberazione per farne parte integrante e sostanziale - allegato A – ELENCO DEI DOCUMENTI E DEGLI ELABORATI.
Gli elementi tecnico-amministrativi afferenti il programma di riqualificazione in argomento sono dettagliatamente e univocamente individuati nell’allegato alla presente deliberazione per farne parte integrate e sostanziale - allegato B – RELAZIONE TECNICO-AMMINISTRATIVA ASSEVERATA;
I pareri e nulla osta conseguiti e da conseguire afferenti il programma di riqualificazione in argomento contenenti le prescrizioni alle quali il soggetto attuatore dovrà uniformarsi sono dettagliatamente e univocamente individuati nell’allegato alla presente deliberazione per farne parte integrate e sostanziale - allegato C – DOCUMENTO ISTRUTTORIO;
in ordine alla variante urbanistica indotta
L’assetto proposto dal programma di riqualificazione urbana è in variante al PRG vigente e prevede la modifica dell’intera area oggetto del PRU: 
da Zona territoriale omogenea DP1.1 e DP1.2 (art. 18 delle N.T.A.) 
a Zona B6 Ambiti di riqualificazione urbana (art. 16 ter delle N.T.A.) punto C) Ambito ex Agostinelli a Marzocca, con rinvio a schede planivolumetriche e normative di cui all’elaborato del PRG: Documento P.3.1 Comparti urbanistici della fascia litoranea schede B6C1, B6C2 e B6C3 che assumono e producono gli effetti della pianificazione particolareggiata ai sensi dell’art. 15, 4° comma della L.R. 34/92. 
Di seguito si riassumono i principali elementi tecnico - amministrativi inerenti il programma di riqualificazione in argomento:
L’intera area, come risulta evidente dalla zonizzazione di piano proposta, risulta completamente circondata dall’edificato del versante sud della frazione di Marzocca e costituisce una cerniera tra la zona nord prevalentemente residenziale e la zona sud prevalentemente produttiva artigianale misto residenziale, con una rilevante presenza di manufatti non più utilizzati, seppur di edificazione relativamente recente e mediamente in buono stato di conservazione.
Il PRU si pone l’obbiettivo di promuovere la riqualificazione dell’insieme delle aree sopra individuate, una volta completata la demolizione degli immobili industriali obsoleti ivi localizzati, con l’evidente finalità di realizzare un quartiere integrato in grado di svolgere un ruolo urbano di centralità di funzioni e di servizi anche rispetto al contesto in cui si trova ad essere inserito.
B - In ordine al progetto urbanistico - edilizio
In sintesi il PRU in variante al PRG prevede complessivamente una SUL totale di mq 14.670, di cui m2 2.000 commerciale, m2 3.940 direzionale e m2 8.730 di residenza, con una diminuzione di 4.653 m2 rispetto ai 19.323 m2 di Sul a destinazione produttiva e commerciale prevista dal PRG vigente (pari a circa meno 25%).
Sono previsti tre ambiti di intervento la cui attuazione è demandata in maniera del tutto autonoma ai soggetti attuatori proprietari di ciascun Comparto, sulla base di singole convenzioni il cui schema fa parte della documentazione del PRU.
Caratteri principali del progetto edilizio planivolumetrico:
Il PRU prevede un assetto urbanistico articolato per Comparti e sub Comparti sulla base di schede planivolumetriche allegate aventi gli effetti della pianificazione particolareggiata secondo quanto previsti dall’art. 15 quarto comma della L.R. 34/92, al fine di rendere l’attuazione del tutto autonoma da parte dei relativi soggetti attuatori. 
In particolare il sub Comparto più consistente, B6C.1, prevede la realizzazione di due complessi edilizi tra loro integrati, sia dal punto di vista della compatibilità delle funzioni produttive, terziarie, commerciali e residenziali che dal punto di vista dell’utilizzo condiviso di spazi pubblici, di servizi e di cogenerazione ed efficentamento energetico: 
un complesso edilizio localizzato lungo Via della Marina, all’accesso del nuovo quartiere, destinato ad attività commerciali al piano terra, ad attività direzionali al primo e secondo piano con previsione di un piano interrato destinato a parcheggi ed impianti tecnici. 
Un complesso edilizio costituito da n. 3 edifici destinati a residenza ed articolati attorno a spazi di verde pubblico integrato con percorsi verdi pedonali e/o ciclabili.
Il Comparto  B6C.2, costituito dall’edificio residenziale esistente, prevede oltre alle destinazioni d’uso consentite nell’intera zona B6 di destinare una porzione del piano terra e delle relative corti a centro civico di quartiere in relazione alla centralità della sua posizione e con l’obiettivo di conservare la memoria di un edificio probabilmente connesso, almeno come posizione sul territorio, alle origini insediative della frazione precedenti alla realizzazione della ferrovia e della stazione ferroviaria litoranea.
Il Comparto B6C.3 prevede la realizzazione di edilizia residenziale eventualmente integrata da destinazioni terziarie come propaggine del Comparto B6C.1 verso la ex zona produttiva del PIP di Via dell’Indipendenza.
I parametri urbanistico edilizi e la dotazione di servizi, così come desunti dalla RELAZIONE TECNICO-AMMINISTRATIVA ASSEVERATA sono i seguenti:

PARAMETRI URBANISTICO-EDILIZI – COMPARTO B6C.1 a – PARAMETRI AFFERENTI LA SFERA PRIVATAoggettou.mstato di fattoPRG vigentePRUVerificasinoSUPERFICI(SF_c) - superficie fondiaria - catastalem219.16117.24518.510(SF_r) superficie fondiaria - realem219.16117.24518.510(SC) - superficie copertam24.4168.6224.500(SS_p) - superficie scoperta permeabilem28.397/8.257(SS_i) - superficie scoperta impermeabile (m26.348/6.404(SS_tot) - superficie scoperta totale (SS_p + SS_i)m214.7458.62214.661DESTINAZIONE D’USO E CONSISTENZA – superficie utile lorda – (Sul) – volume (V)(Sul_r) - per attività residenzialim2006.460(V_r) - per attività residenzialim30020.000(Num_r) - numero allogginum0/72(Sul_r) - per attività residenziali socialim2000(V_r) - per attività residenziali socialim3000(Num_r) - numero alloggi socialinum000(Sul_c) - per attività commercialim205.0402.000(V_c) - per attività commercialim3032.76010.600(Num_c) – numero attività commercialinum0/1(Sul_d) - per attività direzionalim20/3.940(V_d) - per attività direzionalim30/14.200(Num_d) – numero attività direzionalinum0/1(Sul_p) - per attività produttivem24.41611.7610(V_p) - per attività produttivem324.19776.4460(Num_p) – numero attività produttivenum1/0(Sul_tot) – superficie utile lorda totalem24.41616.80112.400(V_tot) - Volume totalem324.197109.206(1)44.800SUL interrata commerciale/direzionalem20/2.200(V_interr) - Volume interrato commerciale/direzionale m30/7.040SUL interrata residenzialem20/1.800(V_interr) - Volume interrato residenziale m30/5.760DISTANZE, ALTEZZE E NUMERO DEI PIANI(D_f) - distacco tra gli edificim/1010(D_c) - distacco dai confinim/55(D_s) - distanza dalle stradem/7,55(H_f) - altezza delle fronti m//14.5(H-max) - altezza max degli edifici residenzialim7.99,514.5H-max) - altezza max degli edifici commerc./direz.m7.99.514.5(Num_pi) – numero max dei piani interrati/seminterratinum011(Num-pf) – numero max dei piani fuori terra residenz.num1/4(Num-pf) – numero max dei piani fuori terra commerciale/direzionalenum1/3INDICI URBANISTICI(IF_c) - indice di fabbricabilità fondiaria su (SF_r)num//2.5(UF_r) - indice di utilizzazione fondiaria su (SF-r)num0.230.970.67(IC) - indice di copertura su (SF-r)num0.230.50.24(AC) - abitanti convenzionali – ( vol_tot / 120)num//167(P) - Indice di piantumazionenum/22	Il volume consentito dal PRG vigente è stato determinato applicando una Hmedia=6.50m. Essendo consentita una Hmax =9.50 m il volume realizzabile ammonterebbe a 159.609 m3
PARAMETRI URBANISTICO-EDILIZI – COMPARTO B6C.2a – PARAMETRI AFFERENTI LA SFERA PRIVATAoggettou.mstato di fattoPRG vigentePRUVerificasinoSUPERFICI(SF_c) - superficie fondiaria - catastalem2766766766(SF_r) superficie fondiaria - realem2766766766(SC) - superficie copertam2246/266(SS_p) - superficie scoperta permeabilem2310/300(SS_i) - superficie scoperta impermeabilem2210/200(SS_tot) - superficie scoperta totale (SS_p + SS_i)m2520/500DESTINAZIONE D’USO E CONSISTENZA – superficie utile lorda – (Sul) – volume (V)(Sul_r) - per attività residenzialim2697697717(V_r) - per attività residenzialim31.96019602.020(Num_r) - numero allogginum10/10(Sul_tot) – superficie utile lorda totalem2697689717(V_tot) - Volume totalem31.9604481(2)2.020(V_interr) - Volume interrato m30/0DISTANZE, ALTEZZE E NUMERO DEI PIANI(D_f) - distacco tra gli edificim/1010(D_c) - distacco dai confinim/50(D_s) - distanza dalle stradem/7,55(H_f) - altezza delle fronti m9.59.59.5(H-max) - altezza massima degli edificim9.59.59.5(Num_pi) - numero max dei piani interrati/seminterratinum000(Num-pf) - numero max dei piani fuori terranum3/3INDICI URBANISTICI(IF_c) - indice di fabbricabilità fondiaria su (SF_r)num2.562.562.64(UF_r) - indice di utilizzazione fondiaria su (SF-r) (DP1.1)num0.900.900.94(IC) - indice di copertura su (SF-r)num0.320.50.35(AC) - abitanti convenzionali – ( vol_tot / 120)num161617(P) - Indice di piantumazionenum/22	Il volume consentito dal PRG vigente è stato determinato applicando una Hmedia=6.50m. Essendo consentita una Hmax =9.50 m il volume realizzabile ammonterebbe a 6.549 m3
PARAMETRI URBANISTICO-EDILIZI – COMPARTO B6C.3a – PARAMETRI AFFERENTI LA SFERA PRIVATAoggettou.mstato di fattoPRGPRUVerificasinoSUPERFICI(SF_c) - superficie fondiaria - catastalem22.3181.9702.318(SF_r) superficie fondiaria - realem22.3181.9702.318(SC) - superficie copertam20985765(SS_p) - superficie scoperta permeabilem22.318/1000(SS_i) - superficie scoperta impermeabile (m20/553(SS_tot) - superficie scoperta totale (SS_p + SS_i)m22.3189851.553DESTINAZIONE D’USO E CONSISTENZA – superficie utile lorda – (Sul) – volume (V)(Sul_r) - per attività residenzialim2001.553(V_r) - per attività residenzialim3005.795(Num_r) - numero allogginum0017(Sul_c) - per attività produttivem201.8250(V_c) - per attività produttivem30/0(Num_c) – numero attività produttivenum0//(Sul_tot) – superficie utile lorda totalem201.8251.553(V_tot) - Volume totalem3011.862(3)5.795SUL interratom200603(V_interr) - Volume interrato m3001.900DISTANZE, ALTEZZE E NUMERO DEI PIANI(D_f) - distacco tra gli edificim/1010(D_c) - distacco dai confinim/55(D_s) - distanza dalle stradem/7,55(H_f) - altezza delle fronti m//12,50(H-max) - altezza massima degli edificim/9,512,50(Num_pi) - numero max dei piani interrati/seminterratinum//1(Num-pf) – numero max dei piani fuori terranum//4INDICI URBANISTICI(IF_c) - indice di fabbricabilità fondiaria su (SF_r)num//2.5(UF_r) - indice di utilizzazione fondiaria su (SF-r)num/10.67(IC) - indice di copertura su (SF-r)num/0.50.5(AC) - abitanti convenzionali – ( vol_tot / 120)num0/48(P) - Indice di piantumazionenum/22	Il volume consentito dal PRG vigente è stato determinato applicando una Hmedia=6.50m. Essendo consentita una Hmax =9.50 m il volume realizzabile ammonterebbe a 17.337 m3
RIEPILOGO PARAMETRI URBANISTICO-EDILIZI COMPARTIoggettou.mstato di fattoPRGPRUVerificasinoCOMPARTO B6C.1(Sul_tot) – superficie utile lorda residenzialem2006.460(Sul_tot) – superficie utile lorda commercialem205.0402.000(Sul_tot) – superficie utile lorda direzionalem2003.940(Sul_tot) – superficie utile lorda produttivam24.41611.7610(Sul_tot) – superficie utile lorda totalem24.41616.80112.400COMPARTO B6C.2(Sul_tot) – superficie utile lorda totale residenzialem2697697717COMPARTO B6C.3(Sul_tot) – superficie utile lorda totale residenzialem201.8251.553Totale SUL di PRUm25.11319.32314.670COMPARTO B6C.1(V_tot) - Volume totalem324.197109.20644.800COMPARTO B6C.2(V_tot) - Volume totalem31.9604.4812.020COMPARTO B6C.3(V_tot) - Volume totalem3011.8625.795Totale Volume di PRUm326.157125.54952.795Dal raffronto tra le prescrizioni urbanistiche ed edilizie dettate dal vigente Piano Regolatore Generale, così come da ultimo modificato a seguito dell’approvazione definitiva della Variante al PRG denominata REVISIONE DEL PRG 2015-MISURE PER L’ACCOGLIENZA, L’INCLUSIONE SOCIALE E LA SICUREZZA IDROGEOLOGICA approvata definitivamente con delibera C.C. n° 97 del 26.10.2016 e il programma di riqualificazione, si evince che la variante urbanistica indotta consiste essenzialmente nella modifica della destinazione di zona da - DP1.1 di completamento e DP1.2 di espansione – art. 18/a e 18/b delle NTA del PRG vigente - a - B6C - ambiti di riqualificazione urbana – art. 16/ter delle NTA del PRG vigente punto C) ambito ex Agostinelli a Marzocca così come meglio esemplificato nell’elaborato relazione progetto urbanistico edilizio del PRU cfr. elaborato. 2_1_25.07.2017 che qui si intende integralmente richiamato.
b –PARAMETRI AFFERENTI LA DOTAZIONE DI SERVIZI PRIVATI E PUBBLICI-COMPARTO B6C.1 E B6C.2oggettou.mstato di fattoStandard PRG/ RECDotazione
PRG / RECDotazione
PRUDifferenza +  -verificasinoDOTAZIONI PRIVATE(Park_r) -park residenzam203/102.1192.380+261(Num_park_r) - numero park residenzanum01/alloggio82110+28(Park_r) -park commerciom203/10600686+86(Num_park_r) - numero park commercionum0//12/(Park_c) – park direzionale interratom203/101.1821.850+668(Num_park_r) - numero park direzionalenum0//75/(Park_tot) – superficie parcheggi totalem20/3.9014.916+1.015(num-park_tot) – numero parcheggi totalenum0//197/(Num_piante park) – numero piante per parknum01/251231230Superficie a verde per piante per Parkm204/albero492701+252(Vp_c) - verde privato e condominialem20//2.112/(Su_sc) – superficie spazi integrativi alla residenza – cd. Sala Condominialem2024+1.5x(num alloggi sup. a 6)1381380(Su_it) - superficie impianti tecnologicim20//80/(V_it) - volume impianti tecnologicim30//240/(Num_it) – numero impianti tecnologicinum0//1/DOTAZIONI OO.UU. PRIMARIE E SECONDARIE FUNZIONALI AL PRU(Park_r) -park residenzam201/13543545+2(Num_park_r) - numero park residenzanum0//27/(Park_r) -park commerciom204/10800812+12(Num_park_r) - numero park commercionum0/42/(Park_c) – park direzionalem204/1015761.579+3(Num_park_r) - numero park direzionalenum0//80/(Park_tot) – superficie parcheggi totalem20/2.9192.936+17(num-park_tot) – numero parcheggi totalenum0//149/(Num_piante park) – numero piante per parknum01/251171170Superficie a verde per piante per Parkm204/albero464693+227(A.U.S.) – Aree per urbanizzazione secondariam209/303.8954.321+574DOTAZIONI PARCHEGGI COMMERCIALE- D.G.R. 120/2015oggettou.mstato di fattoStandard DGR 120/15Dotazione
Dotazione
PRUDifferenza +  -verificasino(Park_r) -park commercio
Sup. vendita pari a 1300 m2m201.1xsup. vendita1.4301498+68Park commercio privati686Park commercio pubblici812
b – PARAMETRI AFFERENTI LA DOTAZIONE DI SERVIZI PRIVATI E PUBBLICI- COMPARTO B6C.3oggettou.mstato di fattoStandard PRG/ RECDotazione
PRG / RECDotazione
PRUDifferenza +  -verificasinoDOTAZIONI PRIVATE(Park_r) -park residenzam203/10466603+137(Num_park_r) - numero park residenzanum01725+8(Vp_c) - verde privato e condominialem20//685/(Su_sc) – superficie spazi integrativi alla residenza – cd. Sala Condominialem20/40.540.50(Su_it) - superficie impianti tecnologicim20////(V_it) - volume impianti tecnologicim30////(Num_it) – numero impianti tecnologicinum0////(Num_piante park) – numero piante per parknum01/25///Superficie a verde per piante per Parkm204/albero/DOTAZIONI OO.UU. PRIMARIE E SECONDARIE FUNZIONALI AL PRU(Su_park) – superficie parcheggi residenzam201/131191190(Num_park) – numero parcheggi residenzanum0//8/(Num_piante park) – numero piante per parknum01/25550Superficie a verde per piante per Parkm204/albero2064+43(A.U.S.) – Aree per urbanizzazione secondariam209/30452523+71La verifica degli standard andrà comunque verificata al momento della presentazione dei singoli PdC in funzione delle relative superfici e destinazioni.
Non vengono conteggiati gli standards degli alberi e le relative superfici di verde per i posti privati ricavati in autorimessa interrata. Lo standards sarà comunque verificato in sede di richiesta di Permesso di Costruire qualora fossero realizzati posti auto a raso su area scoperta.
RIEPILOGO  PARAMETRI AFFERENTI LA DOTAZIONE DI SERVIZI PRIVATI E PUBBLICIoggettou.mstato di fattoStandard PRG/ RECDotazione
PRG / RECDotazione
PRUDifferenza +  -verificasinoDOTAZIONI PRIVATECOMPARTO B6C.1 e B6C.2superficie parcheggi totalem20/3.9014.916+1.015COMPARTO B6C.3superficie parcheggi totalem20/466603+151TOTALE SUPERFICIE A PARCHEGGI DOTAZIONI PRIVATE DI PRUm20/4.3675.552+1.152DOTAZIONI PRIVATE E DOTAZIONI OO.UU. PRIMARIE E SECONDARIE FUNZIONALI AL PRUCOMPARTO B6C.1 e B6C.2Numero piante per Park privati e pubblicim20/2402400COMPARTO B6C.3Numero piante per Park privati e pubblicim20/550TOTALE PIANTE PARCHEGGI PRIVATI E PUBBLICIm20/2452450DOTAZIONI OO.UU. PRIMARIE E SECONDARIE FUNZIONALI AL PRUCOMPARTO B6C.1 e B6C.2superficie parcheggi totalem20/2.9192.936+17COMPARTO B6C.3superficie parcheggi totalem20/1191190TOTALE SUPERFICIE A PARCHEGGI DOTAZIONI OO.UU. PRIMARIE ESECONDARIE DI PRUm20/3.0383.055+17COMPARTO B6C.1 e B6C.2Aree per urbanizzazione secondariam20/3.8954.321+574COMPARTO B6C.3Aree per urbanizzazione secondariam20/466523+71TOTALE SUPERFICIE AREE PER A.U.S DI PRUm20/4.3474.844+497C - Considerazioni in ordine alla dotazione delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria e alla cessione delle aree.
La dotazione di parcheggi pubblici e privati e di aree AUS, superiore agli standards vigenti, apporterà un consistente beneficio agli insediamenti limitrofi.
Inoltre il progetto intende sperimentare nuove forme di gestione e/o condivisione affidate ai soggetti attuatori e quindi agli utilizzatori finali con un evidente interesse pubblico per la riduzione dei costi e per una responsabilizzazione dei cittadini alla gestione dei servizi alla città, in grado di attivare un processo di rigenerazione urbana con effetti positivi e/o imitativi anche sulle aree e sugli immobili circostanti.
Il progetto prevede infatti la realizzazione di un centro di quartiere, di spazi condominiali condivisi a servizio della residenza, eventualmente integrabili con ulteriori spazi da destinare alla promozione di attività di smart-working e di co-working unitamente alla localizzazione di servizi a supporto dell’infanzia e della terza età, di aree verdi e percorsi, nonché di orti urbani, aperti anche a tutti i cittadini di Marzocca, secondo un modello di città condivisa da parte degli abitanti e degli operatori interessati al nuovo insediamento, per abbattere i costi di gestione a carico del Comune.
Gli elementi economici relativi agli interventi afferenti la sfera privata e pubblica, così come desunti dalla RELAZIONE TECNICO-AMMINISTRATIVA ASSEVERATA sono i seguenti:

INTERVENTI EDILIZI AFFERENTI IL PROMOTORE-COMPARTO B6C.1 E B6C.2
QUADRO ECONOMICO PROGETTO - PRELIMINAREDESCRIZIONEimporti - Ђ.totali parziali - Ђ.totali - Ђ.A - IMPORTO LAVORI A BASE D'APPALTO12.796.000B – LAVORI soggetti a ribasso12.426.000alavori a misurablavori a corpo – edifici residenziali – (m2 6460 x Ђ/m2 1050)6.783.000blavori a corpo – edifici commerciali – (m2 2000 x Ђ/m2 950)1.900.000clavori a corpo – edifici direzionali – (m2 3940 x Ђ/m2 950)3.743.000dlavori in economiaC – ONERI SICUREZZA non soggetti a ribasso370.000D – SOMME A DISPOSIZIONE DELL’AMMINISTRAZIONEESCLUSEINTERVENTI EDILIZI AFFERENTI LE OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA FUNZIONALI AL PRU
QUADRO ECONOMICO PROGETTO – PRELIMINAREDESCRIZIONEimporti - Ђ.Totali parziali - Ђ.Totali - Ђ.A – IMPORTO LAVORI A BASE D’APPALTO1.398.150B – LAVORI  soggetti a ribasso1.348.150C – ONERI SICUREZZA  non soggetti a ribasso50.000D – CESSIONE DI TERRENO AGRICOLO PER ORTI URBANI29.952E - SOMME A DISPOSIZIONE DELL'AMMINISTRAZIONEESCLUSERIEPILOGO GENERALE DEGLI INTERVENTI - QUADRO ECONOMICO PROGETTO - PRELIMINAREDESCRIZIONE% su Btotali parziali - Ђ.totali - Ђ.B - TOTALE IMPORTO INTERVENTO –14.224.102ainterventi edilizi afferenti il promotore89.9%12.796.000binterventi per OO.UU. primarie e secondarie funzionali al PRU10.1%1.428.102C – incidenza delle OO.UU. al m2 di Superficie Utile Lorda – (SUL)Ђ115,00C – incidenza delle OO.UU. al m3 di Volume (V))Ђ32,00
INTERVENTI EDILIZI AFFERENTI IL PROMOTORE-COMPARTO B6C.3
QUADRO ECONOMICO PROGETTO - PRELIMINAREDESCRIZIONEimporti - Ђ.totali parziali - Ђ.totali - Ђ.A - IMPORTO LAVORI A BASE D'APPALTO 1.677.650B - LAVORI  soggetti a ribasso1.630.650alavori a corpo – edifici residenziali – (m2 1553 x Ђ/m2 1050)1.630.650C - ONERI SICUREZZA non soggetti a ribasso47.000D - SOMME A DISPOSIZIONE DELL'AMMINISTRAZIONEESCLUSEINTERVENTI EDILIZI AFFERENTI LE OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA FUNZIONALI AL PRU
QUADRO ECONOMICO PROGETTO - PRELIMINAREDESCRIZIONEimporti - Ђ.totali parziali - Ђ.totali - Ђ.A - IMPORTO LAVORI A BASE D'APPALTO93.010B – LAVORI  soggetti a ribasso90220C – ONERI SICUREZZA non soggetti a ribasso2.790D - SOMME A DISPOSIZIONE DELL'AMMINISTRAZIONEESCLUSERIEPILOGO GENERALE DEGLI INTERVENTI - QUADRO ECONOMICO PROGETTO - PRELIMINAREDESCRIZIONE% su Btotali parziali - Ђ.totali - Ђ.B - TOTALE IMPORTO INTERVENTO 1.770.660ainterventi edilizi afferenti il promotore94.8%1.677.650binterventi per OO.UU. primarie e secondarie funzioanli al PRU5.2%93.010C – incidenza delle OO.UU. al m2 di Superficie Utile Lorda – (SUL)Ђ 59,90C – incidenza delle OO.UU. al m3 di Volume (V))Ђ 16,0
RIEPILOGO INTERVENTI EDILIZI AFFERENTI IL PROMOTORE COMPARTIDESCRIZIONEimporti - Ђ.COMPARTO B6C.1 E B6C.2IMPORTO LAVORI A BASE D'APPALTO12.796.000COMPARTO B6C.3IMPORTO LAVORI A BASE D'APPALTO1.677.650TOTALE14.473.650
RIEPILOGO INTERVENTI EDILIZI AFFERENTI LE OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA FUNZIONALI AL PRUCOMPARTIDESCRIZIONEimporti - Ђ.COMPARTO B6C.1 E B6C.2IMPORTO LAVORI A BASE D'APPALTO1.398.150IMPORTO CESSIONE AREE29.952COMPARTO B6C.3IMPORTO LAVORI A BASE D'APPALTO93.010TOTALE1.521.112Ai sensi dell’art. 36 comma 4 del D.Lgs n. 50 del 18.04.2016 e s.m.i., e dell’art. 16 del DPR n. 380 del 06.06.2001 e s.m.i. il Soggetto Attuatore ha chiesto di eseguire direttamente le opere di urbanizzazione primaria e secondaria funzionali al programma di riqualificazione in argomento, e la conseguente richiesta di scomputo del pertinente contributo di costruzione, a tal fine si allega la proposta di progetto PRELIMINARE per la realizzazione delle stesse.
Le opere di urbanizzazione primaria e secondaria previste nel programma di riqualificazione consistono principalmente in:
-	cessione in proprietà dell’allargamento di Via della Marina con realizzazione di sottostante condotta per acque bianche meteoriche, diametro 30 cm, a partire da Via dell’Indipendenza fino ad intercettare l’innesto con la fognatura lungo la S.S. Adriatica Sud, per migliorare il deflusso delle acque provenienti dal versante a monte dell’ex zona PIP; 
-	realizzazione di una rotatoria all’incrocio tra Via della Marina e Via della Resistenza;
-	sistemazione del marciapiede pubblico adiacente al comparto B6C.3;
-	realizzazione all’interno dei comparti di tutta la viabilità veicolare,  di tutti i parcheggi pubblici e del verde previsto dagli standards con asservimento delle opere ad uso pubblico perpetuo e relativa manutenzione ordinaria e straordinaria a carico dei soggetti attuatori;
-	asservimento ad uso pubblico di un locale condominiale al piano terra di cui all’art. 86 del REC di circa mq 113 anche ad uso centro civico, ricavato all’interno del casale esistente di cui è prevista la conservazione;
-	cessione in proprietà al Comune di un’area agricola di circa 7.490 mq, tra Via dell’Indipendenza e l’autostrada, di proprietà della Modulo Casa, da proporre come orti urbani ai cittadini di Marzocca. 
Le suddette opere saranno realizzate a scomputo del contributo di costruzione commisurato alle opere di urbanizzazione primaria e secondaria secondo gli importi vigenti all’atto del rilascio del permesso di costruire del programma edilizio afferente la sfera privata;
Le aree afferenti alle opere di urbanizzazione primaria e l’A.U.S. previste nel programma di riqualificazione da cedere al Comune e/o asservire all’uso pubblico ammontano a:

INDIVIDUAZIONE DELLE AREE DA CEDERE AL COMUNE – COMPARTO B6C.1 E B6C.2– cfr  Allegato BAREE E/O FABBRICATI DA CEDERETipo operaSuperficie - m2OO UU primarie e secondarie funzionali al PRUSTRADE - ALLARGAMENTO VIA DELLA MARINA E ROTATORIA651ORTI URBANI7.488Totale aree8.139AREE DA ASSERVIRE ALL’USO PUBBLICO PERPETUO CON ONERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIASTRADE3.133PARCHEGGI USO PUBBLICO E VERDE PARCHEGGI2.586AUS3.670TOTALE AREE DA ASSERVIRE ALL’USO PUBBLICO PERPETUO CON ONERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA9.389IMMOBILI DA ASSERVIRE ALL’USO PUBBLICO PERPETUO CON ONERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIALOCALE CONDOMINIALE (ART 86 REC) DA ADIBIRE ANCHE A CENTRO DI QUARTIERE113TOTALE IMMOBILI DA ASSERVIRE ALL’USO PUBBLICO PERPETUO CON ONERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA113
INDIVIDUAZIONE DELLE AREE DA CEDERE AL COMUNE – COMPARTO B6C.3– cfr  Allegato BAREE E/O FABBRICATI DA CEDERETipo operaSuperficie - m2AREE DA ASSERVIRE ALL’USO PUBBLICO PERPETUO CON ONERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIAPARCHEGGI USO PUBBLICO E VERDE PARCHEGGI183AUS523TOTALE AREE DA ASSERVIRE ALL’USO PUBBLICO PERPETUO CON ONERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA706
RIEPILOGO DELLE AREE DA CEDERE AL COMUNE – cfr  Allegato BAREE E/O FABBRICATI DA CEDERECOMPARTOTipo operaSuperficie - m2AREE DA CEDERECOMPARTO B6C.1 e B6C.2AREE DA CEDERE OO UU primarie e secondarie funzionali al PRU8.139COMPARTO B6C.3AREE DA CEDERE OO UU primarie e secondarie funzionali al PRU0totale aree/fabbricati da cedere funzionali al PRU8.252AREE DA ASSERVIRE AD USO PUBBLICO PERPETUO E CON ONERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIACOMPARTO B6C.1 e B6C.2AREE DA ASSERVIRE AD USO PUBBLICO PERPETUO CON ONERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA  funzionali al PRU9.389COMPARTO B6C.3AREE DA ASSERVIRE AD USO PUBBLICO PERPETUO CON ONERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA funzionali al PRU706totale aree da asservire ad uso pubblico perpetuo con onere di manutenzione ordinaria e straordinaria funzionali al PRU10.095
D - Considerazioni in ordine al contributo di costruzione e monetizzazioni
Il promotore corrisponderà all’atto del ritiro del permesso di costruire del programma edilizio afferente la sfera privata l’importo del contributo di costruzione e di tutti gli altri oneri e monetizzazioni, nei termini, per gli importi con le garanzie e le modalità vigenti al momento del rilascio permesso di costruire stesso.
Gli importi, così come desunti dalla RELAZIONE TECNICO-AMMINISTRATIVA ASSEVERATA a tutt’oggi ammontano a:

DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE- COMPARTO B6C.1 oggettoImporto in Ђ.Da scomputareDa versareEdifici residenzialiContributo di costruzione commisurato alle OO.UU. primarie230.276230.2760Contributo di costruzione commisurato alle OO.UU secondarie208.268208.2680Contributo di costruzione commisurato al costo di costruzione98.165098.165Edifici commercialeContributo di costruzione commisurato alle OO.UU. primarie104.500104.5000Contributo di costruzione commisurato alle OO.UU secondarie94.55494.5540Contributo di costruzione commisurato al costo di costruzione27.491027.491Edifici direzionaleContributo di costruzione commisurato alle OO.UU. primarie214.803214.8030Contributo di costruzione commisurato alle OO.UU secondarie194.360194.3600Contributo di costruzione commisurato al costo di costruzione64.146064.146TOTALE CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE1.236.5631.046.761189.802
DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE- COMPARTO B6C.2oggettoImporto in Ђ.Da scomputareDa versareEdifici residenzialiContributo di costruzione commisurato alle OO.UU. primarie6560656Contributo di costruzione commisurato alle OO.UU secondarie5930593Contributo di costruzione commisurato al costo di costruzione3080308TOTALE CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE1.55701.557
DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE- COMPARTO B6C.3oggettoImporto in Ђ.Da scomputareDa versareEdifici residenzialiContributo di costruzione commisurato alle OO.UU. primarie63.39356.4006.993Contributo di costruzione commisurato alle OO.UU secondarie57.33536.61020.725Contributo di costruzione commisurato al costo di costruzione23.249023.249TOTALE CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE143.97793.01050.967
RIEPILOGO DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONEoggettoImporto in Ђ.Da scomputareDa versareCOMPARTO B6C.1 -CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE1.236.5631.046.761189.802COMPARTO B6C.2 -CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE1.55701.557COMPARTO B6C.3 -CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE143.97793.01050.967TOTALE PRU -CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE1.382.0971.139.771242.236E - Considerazioni in ordine alla dotazione dei parcheggi pubblici e privati
In ordine alla dotazione degli spazi a parcheggio pubblico e privato di cui all’art. 63 del REC vigente il programma di riqualificazione in argomento prevede le seguenti dotazioni:
-	un blocco di parcheggi privati nell’interrato sotto l’edificio commerciale/direzionale 
-	parcheggi pubblici e privati distribuiti ai margini dell’insediamento per evitare per quanto possibile interferenze con la viabilità pedonale e/o ciclabile con il verde di uso pubblico.
F - in ordine all’interesse pubblico conseguito
Nel caso in oggetto, l’interesse pubblico è attestato dai seguenti punti:
1.	Trattasi di area industriale dismessa ormai da molti anni, in condizioni di degrado progressivo, inserita all’interno dell’abitato di Marzocca di cui viene proposta la riqualificazione e l’integrazione con il contesto circostante, già riconosciuta tale dall’Atto di indirizzo per la redazione del PORU, redatto dal Politecnico di Milano ed approvato dal Consiglio comunale.
2.	L’intera area, attualmente in abbandono, dopo il completamento delle demolizioni degli attuali edifici industriali sarà recuperata con la realizzazione di un nuovo quartiere a carattere sperimentale che prevede il superamento di criteri di netta separazione tra le destinazioni d’uso a favore di una forte integrazione ed intercambiabilità tra le diverse funzioni e modalità residenziali ( in proprietà, in affitto, in affitto a riscatto, per giovani coppie, per anziani, per il tempo libero, per investimento, ecc.) e funzioni terziarie, commerciali e produttive di nuova generazione, ovviamente nell’ambito di una loro compatibilità, come risposta alle nuove prospettive economiche, sociali, produttive ed abitative del nostro tempo.
3.	Sul versante urbanizzazioni e servizi, il progetto intende sperimentare nuove forme di gestione e/o condivisione affidate ai soggetti attuatori e quindi agli utilizzatori finali con un evidente interesse pubblico per la riduzione dei costi e per una responsabilizzazione dei cittadini alla gestione dei servizi alla città, in grado di attivare un processo di rigenerazione urbana con effetti positivi e/o imitativi anche sulle aree e sugli immobili circostanti.
Il progetto prevede infatti:
	l’asservimento all’ uso pubblico perpetuo di strade, parcheggi pubblici, verde connesso ai parcheggi, aree AUS e di una unità immobiliare condominiale ai sensi dell’art. 86 del REC di circa 113 mq e relativa corte antistante, da adibire anche a centro di quartiere, con oneri di manutenzione ordinaria e straordinaria a carico dei soggetti attuatori; 
	la cessione in proprietà al Comune dell’allargamento di Via della Marina e relativa rotatoria di circa 651 mq, di una unità immobiliare al piano terra di circa 113 mq, da adibire a centro di quartiere, di un’area agricola di circa 7.488 mq destinata ad orti urbani da offrire in uso ai cittadini di Marzocca.
4.	Tutti gli edifici pluripiano verranno realizzati con tecnologie antisismiche (isolatori e/o dissipatori) in grado di garantire non solo la sicurezza di abitanti e lavoratori, ma anche la piena funzionalità degli immobili anche in caso di eventi sismici rilevanti.
5.	Tutti gli edifici residenziali prevedono l’abbattimento dei consumi energetici con il raggiungimento di almeno il punteggio 2 del protocollo Itaca sintetico, mediante la progettazione integrata del sistema edificio-impianti e cogenerazione per una sensibile riduzione delle emissioni inquinanti ed un notevole risparmio economico.
6.	L’intervento prevede, a carico dei soggetti attuatori, l’allargamento di Via della Marina consentendo un’efficace collegamento tra Viale della Resistenza e Via dell’Indipendenza, realizzando nel contempo una rotatoria all’incrocio tra Via della Marina e Viale della Resistenza, nonché la realizzazione di una condotta fognaria aggiuntiva fino all’innesto con la fognatura comunale lungo la Strada Statale Adriatica per lo scarico delle acque bianche provenienti dalle aree sovrastanti Via dell’Indipendenza.
7.	La dotazione di parcheggi pubblici e privati, superiore agli standards vigenti, apporterà un consistente beneficio agli insediamenti limitrofi
8.	E’ prevista la realizzazione a carico del soggetti attuatori di un complesso di opere di urbanizzazione primaria e secondaria funzionali al PRU di importo notevolmente superiore agli oneri previsti dall’applicazione delle tariffe vigenti.
G - Considerazioni in ordine alla sostenibilità energetico – ambientale del programma edilizio
Per tutti gli edifici di nuova costruzione, ai sensi della L.R. 17.06.2008 n°14 – norme per l’edilizia sostenibile e s.m.i, l’intervento edilizio dovrà essere progettato e verificato in sede di agibilità per il conseguimento del punteggio di sostenibilità almeno pari a 2 del protocollo sintetico Itaca Marche, sulla base delle disposizioni regionali in vigore, con particolare riferimento alle linee guida della Regione Marche – (cfr. D.G.R. 11.05.2009, n°760 - Linee guida per la valutazione energetico-ambientale degli edifici residenziali e s.m.i). Il raggiungimento del suddetto livello di prestazione energetico-ambientale dovrà essere meglio specificato dalla documentazione tecnica dei progetti che verranno presentati ai fini del rilascio dei Permessi di Costruire, certificato in sede di agibilità degli edifici conformemente a quanto disposto dalla L.R. 17.06.2008, n° 14, e s.m.i. e dalla D.G.R. Marche del 19.12.2011, n° 1689, e s.m.i.;
H - Considerazioni in ordine al piano di classificazione acustica
Il Consiglio comunale, in attuazione della Legge 26.10.1995 n°447 e s.m.i. - Legge quadro sull'inquinamento acustico e suoi decreti attuativi, ha modificato da ultimo con delibera cc. del 26.10.2016. n°97 la Classificazione acustica del territorio comunale ai sensi dell’art.4 della L.R. del 14.11.2001, n°28 e s.m.i; tale provvedimento classifica le aree oggetto del presente intervento di riqualificazione tra quelle in  classe V - aree prevalentemente industriali - Al riguardo è stata prodotta la documentazione redatta dal professionista incaricato – Ing. Luca Memè di Ostra Vetere (AN). Il rispetto dei requisiti acustici sarà dimostrato con la necessaria documentazione tecnica e amministrativa sia in sede di istanza per il Permesso di Costruire che in sede di Agibilità dove dovrà essere certificato.
I - Considerazioni in ordine alla procedura di Valutazione Ambientale Strategica, vincoli di carattere storico ambientale, espropriazioni
Il programma di riqualificazione in argomento deve essere sottoposto alla verifica preliminare di assoggettabilità alla procedura di Valutazione Ambientale Strategica, ai sensi del D.Lgs. 03.04.2006, n. 152 e s.m.i., della L.R. 12.06.2007, n.6 e s.m.i., tenuto conto di quanto previsto dal punti 2 e 3, del paragrafo 1.3  – ambito di applicazione delle suddette linee guida;
L - Considerazioni sui tempi di attuazione del programma di riqualificazione
Il cronoprogramma per l’attuazione del programma di riqualificazione a far data dalla stipula della convenzione è individuato come segue:

CRONOPROGRAMMA PER L’ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO
A FAR DATA DALLA STIPULA DELLA CONVENZIONE- SUB-COMPARTO B6C.1a
sub-comparto commerciale/direzionaleoggettoin mesi0 – PREDISPOSIZIONE DELLE AREE E UTILIZZO TEMPORANEO01Esecuzione dell’indagine preliminare volta alla verifica della qualità dei suoli e dei sottosuoli, pulizia, disinfestazione, derattizzazione delle aree e degli immobili.Max 3A - ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI EDILIZIA1Demolizione di tutti i fabbricati esistentiMax 6A2Predisposizione di tutti gli elaborati tecnico-amministrativi per conseguire il rilascio del titolo abilitativo sia per gli interventi edilizi afferenti la sfera privata che le opere di urbanizzazioneMax 9A3Inizio dei lavori di costruzione dei nuovi fabbricatiMax 12A4Efficacia dell’agibilità degli interventi ediliziMax 36B - OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIAB1aInizio dei lavoriMax 12B2aCessione delle aree e/o asservimento ad uso pubblico e vincolo di manutenzioneMax 36
comunque prima di A4B3aCertificato positivo di CollaudoMax 36
comunque prima di A4B4aPresa in consegna delle OO.UU.Max 36
comunque prima di A4
CRONOPROGRAMMA PER L’ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO
A FAR DATA DALLA STIPULA DELLA CONVENZIONE- SUB-COMPARTO B6C.1b 
sub-comparto residenzialeoggettoin mesi0 – PREDISPOSIZIONE DELLE AREE E UTILIZZO TEMPORANEO01Esecuzione dell’indagine preliminare volta alla verifica della qualità dei suoli e dei sottosuoli, pulizia, disinfestazione, derattizzazione delle aree e degli immobili.Max 6A - ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI EDILIZIA1Demolizione di tutti i fabbricati esistentiMax 12A2Predisposizione di tutti gli elaborati tecnico-amministrativi per conseguire il rilascio del titolo abilitativo sia per gli interventi edilizi afferenti la sfera privata che le opere di urbanizzazioneMax 24A3Inizio dei lavori di costruzione dei nuovi fabbricatiMax 36A4Efficacia dell’agibilità degli interventi ediliziMax 72B - OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIAB1aInizio dei lavoriMax 30B2aCessione delle aree e/o asservimento ad uso pubblico e vincolo di manutenzioneMax 72
comunque prima di A4B3aCertificato positivo di CollaudoMax 72
comunque prima di A4B4aPresa in consegna delle OO.UU.Max 72
comunque prima di A4
CRONOPROGRAMMA PER L’ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO
A FAR DATA DALLA STIPULA DELLA CONVENZIONE- COMPARTO B6C.3 oggettoin mesi0 – PREDISPOSIZIONE DELLE AREE E UTILIZZO TEMPORANEO01Esecuzione dell’indagine preliminare volta alla verifica della qualità dei suoli e dei sottosuoli, pulizia, disinfestazione, derattizzazione delle aree e degli immobili.Max 36A - ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI EDILIZIA1Demolizione di tutti i fabbricati esistenti-A2Predisposizione di tutti gli elaborati tecnico-amministrativi per conseguire il rilascio del titolo abilitativo sia per gli interventi edilizi afferenti la sfera privata che le opere di urbanizzazioneMax 60A3Inizio dei lavori di costruzione dei nuovi fabbricatiMax 72A4Efficacia dell’agibilità degli interventi ediliziMax 108B - OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIAB1aInizio dei lavoriMax 72B2aCessione delle aree e/o asservimento ad uso pubblico e vincolo di manutenzioneMax 108
comunque prima di A4B3aCertificato positivo di CollaudoMax 108
comunque prima di A4B4aPresa in consegna delle OO.UU.Max 108
comunque prima di A4Ritenuto di approvare il programma di riqualificazione in argomento per le motivazioni sopra indicate:
Vista la L.R. 23.02.2005 – n°16 e s.m.i.
Vista la L.R. 05.08.1992 – n°34 e s.m.i.
Vista la L.R. 17.06.2008 – n14 e s.m.i.
Vista la L.R. 23.11.2011 – n°22 e s.m.i.

Richiamato l'art. 48 del D. Lgs 18 agosto 2000, n°267 e s.m.i.;
- Preso atto che la presente PROPOSTA DI PROGRAMMA DI RIQUALIFICAZIONE URBANA DELL’AREA EX AGOSTINELLI A MARZOCCA - IN VARIANTE AL P.R.G. E INDIVIDUAZIONE DEL PERIMETRO DELLE AREE DA RIQUALIFICARE non ha rilevanza ai fini contabili;
- Preso atto del seguente parere favorevole reso ai sensi dell’art. 49 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 sull'Ordinamento degli Enti Locali:
- dal Dirigente responsabile dell’Area Tecnica Territorio Ambiente;
- Con votazione palese ed unanime;
D E L I B E R A
1°) - DI ESPRIMERE parere favorevole in ordine alla proposta di formazione e approvazione del Programma di Riqualificazione Urbana denominato area ex Agostinelli a Marzocca in variante al P.R.G. presentato dalla MODULO CASA soc. coop., dalla Sartini srl, dal Condominio di S.S.Adriatica Sud n. 232, redatto dall’Arch. Agostinelli Sergio di Ancona, costituito dagli elaborati e documenti indicati nell’allegato alla presente deliberazione per farne parte integrate e sostanziale allegato A – ELENCO DEI DOCUMENTI E DEGLI ELABORATI, con particolare riferimento agli schemi di convenzione allegati alla presente deliberazione per farne parte integrate e sostanziale allegato D1 – SCHEMA DI CONVENZIONE per l’attuazione dei comparti B6C.1 e B6C.2 , allegato D2 – SCHEMA DI CONVENZIONE per l’attuazione dei comparti B6C.3.
2°) - DI INDIVIDUARE ai sensi dell’Art.6, comma 1 della L.R.16/2005 il perimetro delle aree da riqualificare così come rappresentato nell’allegato alla presente deliberazione per farne parte integrate e sostanziale - allegato B – RELAZIONE TECNICO-AMMINISTRATIVA ASSEVERATA;
3°) - DI DEFINIRE il prevalente interesse pubblico del Il programma di riqualificazione in argomento nei seguenti elementi:
1. Trattasi di area industriale dismessa ormai da molti anni, in condizioni di degrado progressivo, inserita all’interno dell’abitato di Marzocca di cui viene proposta la riqualificazione e l’integrazione con il contesto circostante, già riconosciuta tale dall’Atto di indirizzo per la redazione del PORU, redatto dal Politecnico di Milano ed approvato dal Consiglio comunale.
2. L’intera area, attualmente in abbandono, dopo il completamento delle demolizioni degli attuali edifici industriali sarà recuperata con la realizzazione di un nuovo quartiere a carattere sperimentale che prevede il superamento di criteri di netta separazione tra le destinazioni d’uso a favore di una forte integrazione ed intercambiabilità tra le diverse funzioni e modalità residenziali ( in proprietà, in affitto, in affitto a riscatto, per giovani coppie, per anziani, per il tempo libero, per investimento, ecc.) e funzioni terziarie, commerciali e produttive di nuova generazione, ovviamente nell’ambito di una loro compatibilità, come risposta alle nuove prospettive economiche, sociali, produttive ed abitative del nostro tempo.
3. Sul versante urbanizzazioni e servizi, il progetto intende sperimentare nuove forme di gestione e/o condivisione affidate ai soggetti attuatori e quindi agli utilizzatori finali con un evidente interesse pubblico per la riduzione dei costi e per una responsabilizzazione dei cittadini alla gestione dei servizi alla città, in grado di attivare un processo di rigenerazione urbana con effetti positivi e/o imitativi anche sulle aree e sugli immobili circostanti.
Il progetto prevede infatti:
a) l’asservimento all’ uso pubblico perpetuo di strade, parcheggi pubblici, verde connesso ai parcheggi, aree AUS e di una unità immobiliare condominiale ai sensi dell’art. 86 del REC di circa 113 mq e relativa corte antistante, da adibire anche a centro di quartiere, con oneri di manutenzione ordinaria e straordinaria a carico dei soggetti attuatori; 
b) la cessione in proprietà al Comune dell’allargamento di Via della Marina e relativa rotatoria di circa 651 mq, di una unità immobiliare al piano terra di circa 113 mq, da adibire a centro di quartiere, di un’area agricola di circa 7.488 mq destinata ad orti urbani da offrire in uso ai cittadini di Marzocca.
4. Tutti gli edifici pluripiano verranno realizzati con tecnologie antisismiche (isolatori sismici e/o dissipatori) in grado di garantire non solo la sicurezza di abitanti e lavoratori, ma anche la piena funzionalità degli immobili anche in caso di eventi sismici rilevanti.
5. Tutti gli edifici residenziali prevedono l’abbattimento dei consumi energetici con il raggiungimento di almeno il punteggio 2 del protocollo Itaca sintetico, mediante la progettazione integrata del sistema edificio-impianti e cogenerazione per una sensibile riduzione delle emissioni inquinanti ed un notevole risparmio economico.
6. L’intervento prevede, a carico dei soggetti attuatori, l’allargamento di Via della Marina consentendo un’efficace collegamento tra Viale della Resistenza e Via dell’Indipendenza, realizzando nel contempo una rotatoria all’incrocio tra Via della Marina e Viale della Resistenza, nonché la realizzazione di una condotta fognaria aggiuntiva fino all’innesto con la fognatura comunale lungo la Strada Statale Adriatica per lo scarico delle acque bianche provenienti dalle aree sovrastanti Via dell’Indipendenza.
7. La dotazione di parcheggi pubblici e privati, superiore agli standards vigenti, apporterà un consistente beneficio agli insediamenti limitrofi
8. E’ prevista la realizzazione a carico del soggetti attuatori di un complesso di opere di urbanizzazione primaria e secondaria funzionali al PRU di importo notevolmente superiore agli oneri previsti dall’applicazione delle tariffe vigenti.
4°) - DI STABILIRE che le somme che saranno corrisposte a valere sul contributo di costruzione  non scomputate in opere di urbanizzazione funzionali al PRU, saranno utilizzate per il miglioramento della dotazione dei servizi della frazione di Marzocca;
5°) - DI APPROVARE, la PROPOSTA DI ACCORDO DI PROGRAMMA, da sottoscrivere con la Provincia di Ancona, allegato alla presente delibera sotto la lettera E;
6°) - DI PRENDERE ATTO che il Sindaco ha la prerogativa di procedere agli adempimenti connessi alla formazione e approvazione del programma di riqualificazione urbana - area ex Agostinelli a Marzocca con la facoltà di inserire nell’accordo di programma di cui all’Art. 6, comma 13 della L.R. 23.02.2005 – n.16 e s.m.i. le integrazioni e precisazioni che si rendessero necessarie o utili a definire in tutti i suoi aspetti il programma stesso.
7°) - DI DARE ATTO che ai sensi e per gli effetti dell’Art. 10 della L.R. 23.02.2005 – n.16 e s.m.i e del D.P.R. 08.06.2001, n.327 e s.m.i., l’approvazione definitiva del Programma di Riqualificazione Urbana denominato area ex Agostinelli a Marzocca, per quanto occorer possa, costituirà:
- vincolo preordinato all’esproprio;
- dichiarazione di pubblica utilità delle opere ivi previste
8°) - DI DARE ATTO che il responsabile del procedimento è l’Arch. Stefano Ciacci.
9°) – DI DICHIARARE il presente atto immediatamente eseguibile, ai sensi dell’art. 134 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 mediante separata ed unanime votazione palese.-
      
Letto, confermato e sottoscritto
	Il  Sindaco	Il  Segretario Comunale
	F/to Mangialardi Maurizio	F/to  Morganti Stefano

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,


La presente deliberazione è stata pubblicata all’Albo Pretorio dall’11 ottobre 2017 al 26 ottobre 2017 ai sensi dell’art. 124, 1° comma, del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267.
Lì, 27 ottobre 2017	Il       Segretario Comunale
	F/to 
La presente deliberazione, non soggetta a controllo, è divenuta esecutiva, ai sensi dell’art. 134 del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267, in data 22 ottobre 2017, essendo stata pubblicata l’11 ottobre 2017
Lì, 23 ottobre 2017	Il       Segretario Comunale
	F/to 
Spazio riservato all’eventuale controllo preventivo di legittimità, richiesto ai sensi dell’art. 127 del D.Lgs. 18/8/2000 n° 267:



 

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,