Senigallia Atto

Approvazione Rendiconto della gestione esercizio finanziario 2015

Delibera del Consiglio Comunale N° CC/2016/34 del 28 aprile 2016

Presentazione
Approvazione
28.4.2016

Firmatari

  • Gennaro Campanile
    Assessore al bilancio e patrimonio, sviluppo economico e commercio
    Monitorato da 17 cittadini

Testo

        
COMUNE DI SENIGALLIA
PROVINCIA DI ANCONA
DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N° 34 
Seduta del 28/04/2016
OGGETTO:	RENDICONTO DELLA GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2015. APPROVAZIONE AI SENSI DELL'ART. 227 DEL D.LGS. 18 AGOSTO 2000, N. 267.
L’anno duemilasedici addì ventotto del mese di aprile alle ore 15:30  nel Palazzo Municipale di Senigallia e nella solita sala delle adunanze consiliari.
Previa convocazione nei modi di rito, si è oggi riunito, in seduta ordinaria il Consiglio Comunale.
Fatto l’appello nominale risultano:
ConsiglierePres.Ass.ConsiglierePres.Ass.1 Angeletti Margherita-*14 Paradisi Roberto-*2 Beccaceci Lorenzo *-15 Pedroni Luana*-3 Bedini Mauro*-16 Perini Maurizio*-4 Bozzi Marco-*17 Pierfederici Mauro*-5 Brucchini Adriano*-18 Profili Vilma*-6 Canestrari Alan-*19 Rebecchini Luigi*-7 Fileri Nausicaa-*20 Romano Dario*-8 Giuliani Ludovica*-21 Salustri Maurizio*-9 Gregorini Mauro*-22 Santarelli Luca*-10 Mandolini Riccardo*-23 Sardella Simeone-*11 Mangialardi Maurizio*-24 Sartini Giorgio*-12 Martinangeli Stefania*-25 Urbinati Sandro*-13 Messersì Daniele*-T O T A L E     P R E S E N T I    N° 19

 Alam Mohammad ShafiualConsigliere Straniero Aggiunto*- Becka MaksimConsigliere Straniero Aggiunto*-
Sono altresì presenti gli assessori: Bucari Simonetta, Campanile Gennaro, Girolametti Carlo, Memè Maurizio, Monachesi Enzo, Ramazzotti Ilaria.
Essendo legale l’adunanza per il numero degli intervenuti, il Sig. Romano Dario nella qualità di Presidente dichiara aperta la seduta, alla quale assiste il Segretario Comunale Dott. Morganti Stefano 
Chiama a fungere da scrutatori i Consiglieri Signori: 1°  Rebecchini Luigi; 2° Brucchini Adriano;  3° Gregorini Mauro .

Il Presidente del Consiglio ROMANO enuncia l’argomento iscritto al punto 2 dell’ordine del giorno dei lavori consiliari relativo a: RENDICONTO DELLA GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2015. APPROVAZIONE AI SENSI DELL'ART. 227 DEL D.LGS. 18 AGOSTO 2000, N. 267 ed apre la fase delle dichiarazioni di voto.

Il Consigliere MANDOLINI (Movimento 5 Stelle): voto contrario intanto per questioni di metodo come è stato espresso da più Consiglieri, pongo un esempio la relazione del Presidente dei Revisori dei Conti che ringrazio perché ha fatto la strada fino a Macerata per arrivare da noi a relazionare mezz’ora, a lui bisogna dire grazie, però per far capire a tutti i tempi e le modalità in cui si è svolta la cosa, è stata una lettura molto ma molto veloce perché l’ha letto sì ma bisogna dire anche come è stato letto, eravamo tutti presenti e anche i cittadini hanno potuto vedere dallo screening quindi, questo per far presente un po’ le modalità in cui si sono svolte le cose, è vero che è una paginetta con quattro conti però come ha detto prima giustamente Stefania e ha ripetuto Rebecchini bisogna capire quelle sono somme e bisogna capire come sono state spese per ogni singolo assessorato magari, quindi chiedo anche all’Assessore, visto che si è impegnato a fare un bilancio di previsione per il 2017 entro la fine di quest’anno, comunque che si impegni a farci avere le cose magari un po’ prima rispetto a come avviene adesso. Poi una valutazione politica sui numeri, tutta questa virtuosità che ho sentito dire da parecchi interventi dei consiglieri di maggioranza, alla fine dei conti è un disavanzo di tre milioni e sette che impegnerà nei prossimi bilanci di previsione una spesa di 141.000 euro per il recupero di questa voce, cosa che ha detto adesso il dirigente Filonzi, per il prossimo anno sarà pure peggio perché se supereremo il disavanzo di tre milioni e sette quell’eccedenza andrà tutta ricalcolata praticamente sul bilancio di previsione dell’anno dopo, quindi oltre 141.000 euro dovremmo aggiungere quell’eccedenza. Di questo dobbiamo dire grazie al legislatore e lodarlo? Abbiamo sette milioni in casa ma non ce li fa usare perché ne avevamo più di nove e mezzo e quindi per questo dobbiamo fare un mutuo di ventisette anni che impegna soldi dei cittadini e non basta questo, se il prossimo anno quindi quest’anno non rimaniamo entro questo deficit va tutto ricaricato nell’anno dopo. Io di questo ho sentito lodi a questo Governo, a questo modo di fare che non condivido, quindi ribadisco il voto contrario.

Il Presidente del Consiglio ROMANO pone in votazione, palese con modalità elettronica, la proposta iscritta al punto 2 dell’ordine del giorno dei lavori consiliari che viene approvata con 14 voti favorevoli, 5 contrari (Mandolini, Martinangeli, Messersì, Rebecchini, Sartini), nessuno astenuto, come proclama il Presidente ai sensi di legge.

Si dà atto che esce il Consigliere Perini: Presenti con diritto di voto n. 18.

Il Presidente del Consiglio ROMANO pone in votazione, palese con modalità elettronica, l’immediata eseguibilità dell’atto deliberativo che viene approvata con 13 voti favorevoli, 5 contrari (Mandolini, Martinangeli, Messersì, Rebecchini, Sartini), nessuno astenuto, come proclama il Presidente ai sensi di legge.

Tutto ciò premesso

IL CONSIGLIO COMUNALE
- Visto l'argomento iscritto al punto 2 dei suoi lavori;
- Udita la relazione dell'Assessore alle Risorse Finanziarie, Gennaro Campanile;
- Vista  la deliberazione di Giunta municipale n. 74 del 30/03/2016 di approvazione dello schema di rendiconto della gestione esercizio finanziario 2015 ai sensi dell’art. 227 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 allegata al presente atto a formarne parte integrante e sostanziale del presente atto;
- Considerati i contenuti della predetta deliberazione parte integrante e sostanziale del presente atto;
- Visti , tra gli altri:
- il D.Lgs. n. 118/2011 recante disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli Enti Locali e dei loro organismi, coordinato con il D.Lgs. n. 126/2014; 
- il D.Lgs. n. 267/2000, Testo Unico del Enti Locali, coordinato con il D.Lgs. n. 126/2014; 
- la Legge 23 dicembre 2014, n. 190 pubblicata in Gazzetta Ufficiale 29 dicembre 2014, n. 300 (Legge di stabilità 2015);
- l’art. 1, comma 557, della Legge n. 296/2006 e successive modificazioni in materia di vincoli alle previsioni di spesa di personale; le disposizioni in materia di contenimento delle spese di personale di cui all’art.1, comma 557, della L. 296/2006, prevedono che gli enti sottoposti al patto di stabilità interna, assicurino la riduzione delle spese di personale, al lordo degli oneri riflessi, con la sola esclusione degli oneri relativi ai rinnovi contrattuali; specificano altresì che tale spesa deve comprendere anche la spesa per incarichi di co.co.co., di somministrazione e la corrispondente IRAP;
- gli artt. 30, 31 e 32 della Legge 183 del 12 novembre 2011 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di stabilità 2012)" relativamente al patto di stabilità interno 2012-2015 e successive modifiche e integrazioni;
- il Regolamento di Contabilità vigente;
- Dato atto che:
- le risultanze del rendiconto evidenziano il raggiungimento degli obiettivi fissati dalle norme sul Patto di Stabilità - art. 1 c. 87 e seguenti la Legge 220 del 7/12/2010 Legge di stabilità 2011" e successive integrazioni;
- il consuntivo delle spese di personale, calcolate con le modalità indicate dalla Corte dei Conti – Sezione regionale di Controllo, risultano inferiori a quelle relative alla media del 2011/2013;
- Acquisito il parere favorevole dell’organo di revisione, così come previsto dall’art. 239 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267;
- Verificata ai sensi degli artt. 42 e 227 del D.Lgs. n. 267/2000 la propria competenza in tema di approvazione del rendiconto della gestione;
- Visti: 
- il Regolamento Comunale di Contabilità;
- lo Statuto Comunale;
- Preso atto dei seguenti pareri favorevoli resi ai sensi dell’art. 49 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 sull'Ordinamento degli Enti Locali:
- dal Dirigente responsabile dell’Area Organizzazione e Risorse Finanziarie;
- Con votazione palese che ha dato il risultato sopra riportato;
D E L I B E R A
1°) - DI APPROVARE, ai sensi dell’art. 227 del D.Lgs. n. 267/2000, il rendiconto della gestione dell’anno 2015, costituito dal Conto del bilancio, ex D.Lgs. n. 77/1995 e da quello armonizzato ex D.Lgs. n. 118/2011 a fini conoscitivi, dal Conto economico e dal Conto del patrimonio, nonché dal prospetto di conciliazione e dai seguenti allegati:
1. deliberazione di Giunta municipale n. 144 del 21.07.2015 di approvazione dello schema di bilancio di previsione 2015, della relazione previsionale e programmatica 2015-2017, dello schema di bilancio pluriennale 2015-2017, con funzione autorizzatoria, e di presa d’atto  del mantenimento degli equilibri di competenza (accertamenti e impegni), di cassa (incassi e pagamenti) e della gestione dei residui secondo quanto previsto dall’art. 193, comma 2 del D.Lgs. n. 267/2000; 
2. deliberazione di Consiglio comunale n. 62 del 29.07.2015 di approvazione del bilancio di previsione 2015, della relazione previsionale e programmatica 2015-2017 e del bilancio pluriennale 2015-2017, con funzione autorizzatoria;
3. tabella dei parametri di riscontro della situazione di deficitarietà strutturale e la tabella dei parametri gestionali con andamento triennale di cui al comma 5 dell’art. 228 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267;
4. prospetti delle entrate e delle uscite dei dati SIOPE contenenti i valori cumulati dell’anno di riferimento e la relativa situazione delle disponibilità liquide, ai sensi dell’art. 77-quater, comma 11, del D.L. n. 112/2008 convertito, con modificazioni, in L. n. 133/2008 e dell’art. 2 del D.M. n. 43609/2009;
5. elenco delle spese di rappresentanza sostenute dagli organi di governo dell’Ente nell’anno 2015, ai sensi dell’art. 16, comma 26, del D.L. 13 agosto 2011, n. 138 convertito, con modificazioni, in L. 148/2011;
6. elenco delle variazioni dei residui attivi provenienti dagli esercizi precedenti al 2015, come riportati nei documenti allegati alla presente deliberazione così denominati: Registro insussistenze/inesigibilità – Esercizio 2015 e Registro maggiori entrate – Esercizio 2015;
7. elenco dei residui passivi eliminati provenienti da esercizi precedenti al 2015, come riportati nel documento così denominato: Registro economie – Esercizio 2015;
8. nota informativa circa la verifica dei crediti e debiti reciproci al 31.12.2015 fra l’Ente e le società partecipate (D.L. n. 95 del 06.07.2012, art. 6, comma 4);
9. prospetto, sottoscritto dal rappresentante legale e dal responsabile finanziario, attestante l’importo dei pagamenti relativi a transazioni commerciali effettuati dopo la scadenza dei termini previsti dal D.Lgs. n. 231/2002, nonché l’indicatore annuale di tempestività dei pagamenti di cui all’articolo 33 del D.Lgs. n. 33/2013;
10. Nota integrativa al Conto economico e al Conto del patrimonio 2015;
11. la relazione illustrativa della Giunta, di cui all’art. 151, comma 6, e all’art. 231, comma 1, del D.Lgs. n. 267/2000, finalizzata ad esprimere valutazioni di efficacia dell’azione condotta sulla base dei risultati conseguiti in rapporto ai programmi ed ai costi sostenuti;
12. l’elenco dei residui attivi e passivi distinti per anno di provenienza;
2°) - DI CONFERMARE quanto deliberato da questo Consiglio comunale con atto n. 94 del 25.11.2015 avente ad oggetto Bilancio di previsione per l’esercizio 2015 – Variazione di assestamento generale ex art. 175 del TUEL e, dunque, il rinvio all’anno 2016 dell’adozione del piano dei conti integrato, dei principi applicati della contabilità economico-patrimoniale ed il conseguente affiancamento della contabilità economico patrimoniale alla contabilità finanziaria e dell’adozione del bilancio consolidato;
3°) - DI PRENDERE ATTO che l’esercizio finanziario 2015 presenta un avanzo di competenza di euro 2.656.434,80 così determinato:
PARTE ENTRATAPARTE SPESA  Accertamenti  Impegni Avanzo di amministrazione applicato1.002.697,28Fondo pluriennale vincolato di parte corrente2.499.348,11TITOLO I - Entrate tributarie      30.702.768,18 TITOLO I - Spese correnti48.995.234,60TITOLO II – Entrate da contributi e trasferimenti correnti7.570.722,72Fondo pluriennale vincolato di parte corrente
1.544.924,36

TITOLO III - Entrate extratributarie16.147.920,98TITOLO III – Spese per rimborso di prestiti (al netto rimborso anticipazione tesoreria di Ђ 15.261.468,68)1.632.880,45            A) TOTALE ENTRATE CORRENTI      57.923.457,27 B) TOTALE SPESE CORRENTI52.173.039,41AVANZO ECONOMICO DI PARTE CORRENTE *5.750.417,86Avanzo di amministrazione applicato 507.406,12Fondo pluriennale vincolato di parte capitale4.176.770,71

Titolo IV – Entrate da alienazioni,  trasferimenti c/capitale e riscossione dei crediti7.772.323,77Titolo II - spese c/capitale3.230.613,28

Titolo  V – Entrate derivanti da accensione prestiti (al netto anticipazione tesoreria di Ђ 15.261.468,68) 
0,00
                           Fondo pluriennale vincolato di parte capitale12.319.870,38   C) TOTALE ENTRATE IN CONTO CAPITALE        12.456.500,60 D) TOTALE SPESE IN CONTO CAPITALE 15.550.483,66DISAVANZO DI PARTE CAPITALE3.093.983,06

E) TITOLO VI – Entrate da servizi per conto terzi        24.512.593,81 F) TITOLO IV – Spese per servizi per conto terzi24.512.593,81   TOTALE GENERALE ENTRATE (A+C+E) – al netto anticipazione di tesoreria
94.892.551,68TOTALE GENERALE USCITE (B+D+F) – al netto anticipazione di tesoreria92.236.116,88  AVANZO DI COMPETENZA ESERCIZIO FINANZIARIO 20152.656.434,804°) - DI PRENDERE ATTO, altresì, che l’esercizio finanziario 2015 presenta un avanzo di amministrazione di euro 7.277.045,97 così determinato:

RESIDUICOMPETENZATOTALEFondo Cassa al 01.01.157.497.702,44Riscossioni7.473.702,5983.556.956,03(+) 91.030.658,62Pagamenti12.808.817,5578.932.356,53(-) 91.741.174,08Fondo Cassa al 31.12.20156.787.186,98Residui attivi12.394.743,2618.410.842,11(+) 30.805.585,37Residui Passivi1.750.497,3514.700.434,29(-) 16.450.931,64Fondo pluriennale vincolato di parte corrente(-) 1.544.924,36Fondo pluriennale vincolato di parte capitale(-) 12.319.870,38Risultato di amministrazione al 31.12.2015 (Avanzo di amministrazione)


7.277.045,975°) - DI PRENDERE ATTO, inoltre, che, a seguito degli avanzi vincolati e degli accantonamenti ai fondi rischi previsti per legge, l’avanzo di amministrazione viene annullato e si determina, per l’esercizio finanziario 2015, un disavanzo di amministrazione di euro 3.798.653,32 così determinato:
COMPOSIZIONE DEL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE AL 31 DICEMBRE 2015Avanzo di amministrazione 20157.277.045,97Avanzo vincolato di parte corrente (risorse contrattazione decentrata dipendenti e dirigenti)326.935,90Fondo crediti dubbia esigibilità9.543.763,39Fondo soccombenze legali1.205.000,00Disavanzo di amministrazione 2015- 3.798.653,326°) - DI DARE ATTO che nel rendiconto 2015 non si riscontra un peggioramento del risultato di amministrazione rispetto a quello registrato in occasione del riaccertamento straordinario dei residui, bensì un miglioramento di euro 411.903,66, in quanto il disavanzo di amministrazione dell’esercizio finanziario 2015 è di euro 3.798.653,32, mentre quello dell’esercizio finanziario 2014 è di euro 4.240.556,98;
7°) - DI CONFERMARE, dunque, il piano di recupero del disavanzo di amministrazione così come stabilito dal Consiglio comunale con atto n. 50 del 13.07.2015, prevedendo, nei prossimi bilanci di previsione, in spesa la relativa quota annua di euro 141.350,90 che, stante il disavanzo di amministrazione dell’esercizio finanziario 2015 di euro 3.798.653,32, permetterà di recuperarlo in ulteriori 27 anni;
8°) - DI DARE ATTO, altresì, che i risultati economico-patrimoniali risultanti al 31.12.2015 sono i seguenti:
Risultato economico della gestione 
GESTIONE ECONOMICAIMPORTORisultato della gestione (A-B)3.243.859,87Proventi ed oneri da aziende speciali e partecipate (C)252.990,31
Risultato della gestione operativa (A-B+C)3.496.850,18Proventi ed oneri finanziari (D)-1.384.682,40Proventi ed oneri straordinari (E)-7.806.648,50Risultato economico d’esercizio (A-B+/-C+/-D+/-E)-5.694.480,72Situazione patrimoniale
SITUAZIONE PATRIMONIALECONSISTENZA INIZIALECONSISTENZA FINALEAttività211.093.880,62197.199.146,52Passività211.093.880,62197.199.146,52Patrimonio netto86.334.713,8180.640.233,09Conferimenti69.547.728,8067.637.611,52Ratei e Risconti82.646,1920.525,449°) - DI DARE ATTO, infine, che:
- le risultanze del rendiconto evidenziano il raggiungimento degli obiettivi fissati dalle norme sul Patto di Stabilità - art. 1 c. 87 e seguenti la Legge 220 del 7/12/2010 Legge di stabilità 2011 e successive integrazioni;
- il consuntivo delle spese di personale, calcolate con le modalità indicate dalla Corte dei Conti – Sezione regionale di Controllo, risultano inferiori a quelle relative alla media del 2011/2013;
10°) – DI DICHIARARE il presente atto immediatamente eseguibile, ai sensi dell’art. 134 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 mediante separata votazione palese che ha dato il risultato sopra riportato.-
      
Letto, confermato e sottoscritto
	Il Presidente	Il  Segretario Comunale
	F/to Romano Dario	F/to  Morganti Stefano

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,


La presente deliberazione è stata pubblicata all’Albo Pretorio dall’8 giugno 2016 al 23 giugno 2016 ai sensi dell’art. 124, 1° comma, del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267.
Lì, 24 giugno 2016	Il       Segretario Comunale
	F/to 
La presente deliberazione, non soggetta a controllo, è divenuta esecutiva, ai sensi dell’art. 134 del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267, in data 19 giugno 2016, essendo stata pubblicata l’8 giugno 2016
Lì, 20 giugno 2016	Il       Segretario Comunale
	F/to 
Spazio riservato all’eventuale controllo preventivo di legittimità, richiesto ai sensi dell’art. 127 del D.Lgs. 18/8/2000 n° 267:



 

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,