Senigallia Atto

Bilancio di previsione finanziario armonizzato 2017/2019

Delibera del Consiglio Comunale N° CC/2017/13 del 30 gennaio 2017

Presentazione
Approvazione
30.1.2017

Firmatari

  • Gennaro Campanile
    Assessore al bilancio e patrimonio, sviluppo economico e commercio
    Monitorato da 16 cittadini

Testo

        
COMUNE DI SENIGALLIA
PROVINCIA DI ANCONA
DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N° 13 
Seduta del 30/01/2017
OGGETTO:	APPROVAZIONE DEL BILANCIO DI PREVISIONE FINANZIARIO ARMONIZZATO 2017/2019 DI CUI ALL'ALLEGATO 9 AL D.LGS N. 118/2011.
L’anno duemiladiciassette addì trenta del mese di gennaio alle ore 15:30  nel Palazzo Municipale di Senigallia e nella solita sala delle adunanze consiliari.
Previa convocazione nei modi di rito, si è oggi riunito, in seduta ordinaria il Consiglio Comunale.
Fatto l’appello nominale risultano:
ConsiglierePres.Ass.ConsiglierePres.Ass.1 Angeletti Margherita*-14 Paradisi Roberto*-2 Beccaceci Lorenzo *-15 Pedroni Luana-*3 Bedini Mauro*-16 Perini Maurizio*-4 Brucchini Adriano*-17 Pierfederici Mauro*-5 Canestrari Alan*-18 Profili Vilma*-6 Da Ros Davide*-19 Rebecchini Luigi*-7 Fileri Nausicaa*-20 Romano Dario*-8 Giuliani Ludovica*-21 Salustri Maurizio*-9 Gregorini Mauro*-22 Santarelli Luca*-10 Mandolini Riccardo*-23 Sardella Simeone*-11 Mangialardi Maurizio*-24 Sartini Giorgio*-12 Martinangeli Stefania*-25 Urbinati Sandro*-13 Palma Elisabetta-*T O T A L E     P R E S E N T I    N° 23

 Alam Mohammad ShafiualConsigliere Straniero Aggiunto*- Becka MaksimConsigliere Straniero Aggiunto*-
Sono altresì presenti gli assessori: Bomprezzi Chantal, Bucari Simonetta, Campanile Gennaro, Girolametti Carlo, Memè Maurizio, Monachesi Enzo, Ramazzotti Ilaria
Essendo legale l’adunanza per il numero degli intervenuti, il Sig. Romano Dario nella qualità di Presidente dichiara aperta la seduta, alla quale assiste il Segretario Comunale Dott. Morganti Stefano 
Chiama a fungere da scrutatori i Consiglieri Signori: 1°  Gregorini Mauro; 2° Giuliani Ludovica;  3° Rebecchini Luigi .



Il Presidente del Consiglio ROMANO enuncia l’argomento iscritto al punto 10 dell’ordine del giorno dei lavori consiliari relativo a: APPROVAZIONE DEL BILANCIO DI PREVISIONE FINANZIARIO ARMONIZZATO 2017/2019 DI CUI ALL'ALLEGATO 9 AL D.LGS N. 118/2011.

…… …… omissis …… ……

Il Presidente del Consiglio ROMANO pone in votazione, palese con modalità elettronica, la proposta iscritta al punto 10 dell’ordine del giorno dei lavori consiliari, così come emendata in corso di seduta, che viene approvata con 16 voti favorevoli, 7 contrari (Canestrari, Da Ros, Mandolini, Martinangeli, Paradisi, Rebecchini, Sartini), nessuno astenuto come proclama il Presidente ai sensi di legge.


Il Presidente del Consiglio ROMANO pone in votazione, palese con modalità elettronica, l’immediata eseguibilità dell’atto deliberativo che viene approvata con 16 voti favorevoli, 7 contrari (Canestrari, Da Ros, Mandolini, Martinangeli, Paradisi, Rebecchini, Sartini), nessuno astenuto come proclama il Presidente ai sensi di legge.

Tutto ciò premesso

IL CONSIGLIO COMUNALE
- Visto l'argomento iscritto al punto 10 dei suoi lavori;
- Udita la relazione dell'Assessore alle Risorse Finanziarie, Gennaro Campanile;
RICHIAMATA la deliberazione della Giunta municipale n. 7 del 03.01.2017 avente ad oggetto Approvazione dello schema di bilancio di previsione finanziario armonizzato 2017/2019 di cui all’Allegato 9 al D.Lgs. n. 118/2011, di cui si allegano al presente atto a formarne parte integrante e sostanziale l’Allegato A con tutti i suoi allegati;
CONSIDERATI i contenuti della predetta deliberazione parte integrante e sostanziale del presente atto che qui di seguito si riportano integralmente;
RICHIAMATO l’art. 151 del D.Lgs. n. 267/2000, il quale, ai commi 1 e 3, prevede che:
·	gli enti locali deliberano il bilancio di previsione finanziario entro il 31 dicembre riferito ad un orizzonte temporale almeno triennale;
·	le previsioni di bilancio sono elaborate sulla base delle linee strategiche contenute nel documento unico di programmazione, osservando i principi contabili generali ed applicati allegati al D.Lgs. n. 118/2011;
·	le previsioni di bilancio sono di competenza e di cassa per il primo esercizio del periodo considerato e di sola competenza per gli anni successivi;
·	le previsioni riguardanti il primo esercizio costituiscono il bilancio di previsione finanziario annuale;
RICORDATO che la Legge 11 dicembre 2016, n. 232 Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2017 e bilancio pluriennale per il triennio 2017-2019 (Legge di Bilancio 2017), pubblicata nella Gazzetta Ufficiale 21 dicembre 2016, n. 297, S.O., all’art. 1 comma 454, prevede che il termine per la deliberazione del bilancio annuale di previsione degli enti locali per l’esercizio 2017, di cui all’art. 151 del D.Lgs. n. 267/2000, è differito al 28.02.2017;
RICORDATO, altresì, che il Decreto legge 30 dicembre 2016, n. 244, all’art. 5, comma 11 prevede che il  termine  per  la  deliberazione  del  bilancio  annuale  di previsione degli enti locali, di cui  all'articolo  151  del  decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, per l’esercizio 2017 è differito al  31  marzo  2017.  Conseguentemente  è  abrogato  il  comma 454 dell’articolo 1 della legge 11 dicembre 2016, n. 232.;
RICHIAMATO che l’art. 1, comma 467, della predetta Legge di Bilancio 2017 prevede che le risorse accantonate nel fondo pluriennale di spesa dell’esercizio 2015 in applicazione al punto 5.4 del principio contabile applicato concernente la contabilità finanziaria di cui all’allegato n. 4/2 annesso al decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, per finanziare le spese contenute nei quadri economici relative a investimenti per lavori pubblici e quelle per procedure di affidamento già attivate, se non utilizzate possono essere conservate nel fondo pluriennale vincolato di spesa dell’esercizio 2016 purché riguardanti opere per le quali l’ente disponga del progetto esecutivo degli investimenti redatto e validato in conformità alla vigente normativa, completo del crono programma di spesa e a condizione che il bilancio di previsione 2017-2019 sia approvato entro il 31.01.2017.;
RICHIAMATO, altresì, l’art. 162 del D.Lgs. n. 267/2000, il quale, al comma 6, prevede che:
·	il bilancio di previsione è deliberato in pareggio finanziario complessivo per la competenza, comprensivo dell’utilizzo dell’avanzo di amministrazione e del recupero del disavanzo di amministrazione e garantendo un fondo di cassa finale non negativo;
·	le previsioni di competenza relative alle spese correnti sommate alla previsioni di competenza relative ai trasferimenti in c/capitale, al saldo negativo delle partite finanziarie e alle quote di capitale delle rate di ammortamento dei mutui e degli altri prestiti, con l’esclusione dei rimborsi anticipati, non possono essere complessivamente superiori alle previsioni di competenza dei primi tre titoli dell’entrata, ai contributi destinati al rimborso dei prestiti e all’utilizzo dell’avanzo di competenza di parte corrente e non possono avere altra forma di finanziamento, salvo le eccezioni tassativamente indicate nel principio contabile concernente la contabilità finanziaria Allegato n. 4/2 al D.Lgs. n. 118/2011 necessarie a garantire elementi di flessibilità degli equilibri di bilancio ai fini del rispetto del principio dell’integrità;
RICHIAMATI, inoltre:
·	l’art. 165 del D.Lgs. n. 267/2000, il quale prevede che il bilancio di previsione deve essere redatto secondo lo schema previsto dall’allegato n. 9 del D.Lgs. n. 118/2011;
·	l’art. 174 del D.Lgs. n. 267/2000, il quale prevede che lo schema di bilancio di previsione finanziario è predisposto dall’organo esecutivo e da questo presentato, per la relativa deliberazione, all’organo consiliare unitamente agli allegati ed alla relazione dell’organo di revisione entro il 15 novembre di ogni anno; 
·	l’art. 164 del D.Lgs. n. 267/2000, il quale prevede che l’unità di voto del bilancio per l’entrata è la tipologia e per la spesa è il programma, articolato in titoli, e che il bilancio di previsione finanziario ha carattere autorizzatorio; 
·	l’art. 165 del D.Lgs. n. 267/2000, il quale prevede che la giunta, contestualmente alla proposta di bilancio, trasmette, a fini conoscitivi, la proposta di articolazione delle tipologie di entrata in categorie e dei programmi di spesa in macroaggregati; 
PREMESSO che il bilancio di previsione finanziario triennale 2017/2019 viene redatto secondo i nuovi principi contabili di cui al D.Lgs. n. 118/2011 e che l’art. 11, comma 14, del medesimo decreto prevede che, a decorrere dal 2016, gli enti di cui all’art. 2 adottano gli schemi di bilancio previsti dal decreto che assumono valore a tutti gli effetti giuridici, anche con riguardo alla funzione autorizzatoria;
VISTO l’art. 172 del D.Lgs. n. 267/2000, il quale prevede che al bilancio di previsione sono allegati i documenti previsti dall’art. 11, comma 3, del D.Lgs. n. 118/2011 e i seguenti altri documenti: 
a)	l’elenco degli indirizzi internet di pubblicazione del rendiconto della gestione, del bilancio consolidato deliberati e relativi al penultimo esercizio antecedente quello cui si riferisce il bilancio di previsione, dei rendiconti e dei bilanci consolidati delle unioni di comuni e dei soggetti considerati nel gruppo amministrazione pubblica di cui al principio applicato del bilancio consolidato allegato al D.Lgs. n. 118/2011, relativi al penultimo esercizio antecedente quello cui il bilancio si riferisce. Tali documenti contabili sono allegati al bilancio di previsione qualora non integralmente pubblicati nei siti internet indicati nell’elenco; 
b)	la deliberazione, da adottarsi annualmente prima dell’approvazione del bilancio, con la quale i comuni verificano la quantità e qualità di aree e fabbricati da destinarsi alla residenza, alle attività produttive e terziarie - ai sensi delle leggi 18 aprile 1962, n. 167, 22 ottobre 1971, n. 865, e 5 agosto 1978, n. 457, che potranno essere ceduti in proprietà od in diritto di superficie; con la stessa deliberazione si stabilisce il prezzo di cessione per ciascun tipo di area o di fabbricato; 
c)	le deliberazioni con le quali sono determinati, per l’esercizio successivo, le tariffe, le aliquote d’imposta e le eventuali maggiori detrazioni, le variazioni dei limiti di reddito per i tributi locali e per i servizi locali, nonché, per i servizi a domanda individuale, i tassi di copertura in percentuale del costo di gestione dei servizi stessi; 
d)	la tabella relativa ai parametri di riscontro della situazione di deficitarietà strutturale prevista dalle disposizioni vigenti in materia; 
e)	il prospetto della concordanza tra bilancio di previsione e obiettivo programmatico del patto di stabilità interno;
RICORDATO che i documenti da allegare al bilancio di previsione finanziario armonizzato 2017/2019 previsti dal sopra richiamato art. 11, comma 3, del D.Lgs. n. 118/2011 sono i seguenti:
a)	il prospetto esplicativo del presunto risultato di amministrazione; 
b)	il prospetto concernente la composizione, per missioni e programmi, del fondo pluriennale vincolato per ciascuno degli esercizi considerati nel bilancio di previsione; 
c)	il prospetto concernente la composizione del fondo crediti di dubbia esigibilità per ciascuno degli esercizi considerati nel bilancio di previsione; 
d)	il prospetto dimostrativo del rispetto dei vincoli di indebitamento; 
e)	il prospetto delle spese previste per l’utilizzo di contributi e trasferimenti da parte di organismi comunitari e internazionali, per ciascuno degli anni considerati nel bilancio di previsione; 
f)	il prospetto delle spese previste per lo svolgimento delle funzioni delegate dalle regioni per ciascuno degli anni considerati nel bilancio di previsione; 
g)	la nota integrativa redatta secondo le modalità previste dal comma 5; 
h)	la relazione del collegio dei revisori dei conti;
VERIFICATO che anche il principio contabile concernente la contabilità finanziaria allegato n. 4/2 al D.Lgs. n. 118/2011 prevede che i suddetti documenti siano da allegare al bilancio di previsione;
VISTO, altresì, l’art. 18-bis, comma 1, del D.Lgs. n. 118/2011, il quale prevede che Al fine di consentire la comparazione dei bilanci, gli enti adottano un sistema di indicatori semplici, denominato «Piano degli indicatori e dei risultati attesi di bilancio» misurabili e riferiti ai programmi e agli altri aggregati del bilancio, costruiti secondo criteri e metodologie comuni, da allegare al bilancio di previsione e al bilancio consuntivo secondo quanto disposto dal comma 3 del medesimo articolo;
VISTO, inoltre, il Decreto del Ministero dell’Interno del 22.12.2015, il quale dispone che Gli enti locali ed i loro organismi ed enti strumentali adottano il piano a decorrere dall’esercizio 2016, con prima applicazione riferita al rendiconto della gestione dell’esercizio 2016 e al bilancio di previsione 2017-2019;
VISTA la propria deliberazione n. 6 del 30.01.2017, di approvazione della Nota di aggiornamento del DUP 2017/2019, sulla base della quale sono state formulate le richieste di stanziamento da parte dei dirigenti d’area, realizzate in seno al bilancio di previsione 2017/2019 nel rispetto dei vincoli di finanza pubblica vigenti;
DATO ATTO che, in applicazione del principio della competenza finanziaria, le previsioni di entrata e di spesa iscritte in bilancio si riferiscono agli accertamenti e agli impegni che si prevedono di assumere in ciascuno degli esercizi in cui risultano esigibili e, mediante la voce di cui FPV, l’ammontare delle somme che si prevede di imputare agli esercizi successivi;
VISTE le seguenti deliberazioni di Giunta municipale, tutte dichiarate immediatamente eseguibili:
·	n. 3 del 03.01.2017, avente ad oggetto Destinazione proventi del codice della strada Anno 2017;
·	n. 4 del 03.01.2017, avente ad oggetto Approvazione del Piano triennale 2017/2019 di razionalizzazione delle spese di funzionamento dell’ente, ai sensi dell’art. 2 commi 594 e seguenti della L. n. 244/2007, comprendente la relazione a consuntivo dell’anno 2016 di cui al Piano triennale 2016/2018;
e le seguenti deliberazioni di Consiglio comunale, tutte dichiarate immediatamente eseguibili:
·	n. 11 del 30.01.2017  Modifiche al Regolamento generale per la gestione delle entrate comunali;
·	n. 12 del 30.01.2017, avente ad oggetto Modifiche al Regolamento comunale per l’applicazione dell’imposta comunale sulla pubblicità e per l’effettuazione del servizio delle pubbliche affissioni;
·	n. 10 del 30.01.2017, avente ad oggetto Modifiche al Regolamento comunale per la concessione dei beni demaniali del patrimonio non disponibile e per l’applicazione del relativo canone;
·	n. 8 del 30.01.2017, avente ad oggetto Approvazione Piano finanziario relativo alla tassa sui rifiuti (TARI) ai sensi dell’art. 1 della Legge del 27/12/2013 n. 147 e s.m.i.;
VISTE, altresì:
·	la deliberazione di Giunta municipale n. 5 del 03.01.2017, avente ad oggetto Approvazione delle tariffe per l’occupazione dei posteggi in occasione della fiera di Sant’Agostino, per l’utilizzo del Pattinodromo delle Saline e del Campo di calcio delle Saline, per i parcheggi comunali e dei tassi di copertura per l’anno 2016 del costo di gestione dei servizi a domanda individuale allegata allo schema di bilancio di previsione finanziario armonizzato 2017/2019 allegata al bilancio di previsione finanziario armonizzato 2017/2019 a formarne parte integrante e sostanziale;
·	la deliberazione di Consiglio comunale n. 9 del 30.01.2017, avente ad oggetto Imposta comunale I.U.C. – Determinazione di aliquote e tariffe per l’anno 2017 allegata al bilancio di previsione finanziario armonizzato 2017/2019 a formarne parte integrante e sostanziale;
·	la deliberazione di Consiglio comunale n. 7 del 30.01.2017, avente ad oggetto Determinazione del prezzo di cessione delle aree e dei fabbricati da destinare a residenza e alle attività produttive terziarie per l’anno 2017 allegata al bilancio di previsione finanziario armonizzato 2017/2019 a formarne parte integrante e sostanziale;
VISTA la Nota Integrativa redatta ai sensi dell’art. 11, comma 5, del D.Lgs. n. 118/2011, allegata al bilancio di previsione finanziario armonizzato 2017/2019, riportante i contenuti riferiti alle varie poste di bilancio così come previsto dal predetto decreto;
VISTO l’art. 1, comma 466, della L. 11 dicembre 2016, n. 232, il quale prevede a decorrere dall’anno 2017 gli enti di cui al comma 465 devono conseguire il saldo non negativo, in termini di competenza, tra le entrate finali e le spese finali, ai sensi dell’articolo 9, comma 1, della legge 24 dicembre 2012, n. 243., disponendo che per gli anni 2017-2019, nelle entrate e nelle spese finali in termini di competenza è considerato il fondo pluriennale vincolato, di entrata e di spesa, al netto della quota rinveniente dal ricorso all’indebitamento;
VISTO, altresì, l’art. 1, comma 468, della L. 11 dicembre 2016, n. 232, il quale prevede che al fine di garantire l’equilibrio di cui al comma 466, nella fase di previsione, in attuazione del comma 1 dell’articolo 9 della legge 24 dicembre 2012, n. 243, al bilancio di previsione è allegato il prospetto dimostrativo del rispetto del saldo di cui al comma 466 del presente articolo, previsto nell’allegato n. 9 del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, vigente alla data dell’approvazione di tale documento contabile.;
CONSIDERATO, dunque, che il bilancio di previsione finanziario armonizzato 2017/2019 deve essere approvato iscrivendo le previsioni di entrata e di spesa in modo tale che sia garantito il rispetto delle regole che disciplinano il pareggio di bilancio medesimo; 
DATO ATTO della verifica del rispetto:
·	del limite massimo delle spese per personale a tempo determinato, con convenzione e con collaborazioni coordinate e continuative (art. 9, comma 28, del D.L. n. 78/2010);
·	dei limiti massimi di spesa disposti dagli artt. 6 e 9 del D.L. n. 78/2010;
VISTE, altresì, le deliberazioni di Consiglio comunale:
·	n. 50 del 13.07.2015 avente ad oggetto Disavanzo di amministrazione al 01.01.2015 derivante dal riaccertamento straordinario dei residui di cui all’art. 3, comma 7 del D.Lgs. 118/2011 e s.m.i. – Individuazione delle modalità di ripiano con la quale, in applicazione di quanto previsto dal D.M. 2 Aprile 2015, si è stabilito di ripianare il disavanzo di amministrazione al 01/01/2015, prodottosi per effetto dell’applicazione della nuova contabilità armonizzata, pari ad euro 6.315.604,25 attraverso l’utilizzo di parte dell’avanzo destinato 2014 (euro 2.075.047,27) e per il residuo importo (euro 4.240.556,98) in 30 esercizi finanziari secondo quote annuali costanti pari ad euro 141.350,90 a decorrere dal 2015;
·	n. 34 del 28.04.2016 avente ad oggetto Rendiconto della gestione esercizio finanziario 2015. Approvazione ai sensi dell’art. 227 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267, con la quale, tra l’altro, si è confermato il piano di recupero del disavanzo di amministrazione così come determinato con la deliberazione di Consiglio comunale di cui al punto precedente, prevedendo, nei prossimi bilanci di previsione, in spesa la relativa quota annua di euro 141.350,90 che, stante il disavanzo di amministrazione dell’esercizio finanziario 2015 di euro 3.798.653,32, permetterà di recuperarlo in ulteriori 27 anni;
PRESO ATTO che la quota di disavanzo di amministrazione imputata all’esercizio 2016 risulta interamente ripianata, in quanto inferiore all’entità della riduzione del disavanzo presunto dell’esercizio 2016 rispetto al disavanzo dell’esercizio 2015, e che rimane pertanto inalterata la quota annua di euro 141.350,90 da stanziare negli esercizi 2017/2019 a titolo di ripiano del disavanzo di amministrazione;
CONSIDERATO che in relazione agli esercizi finanziari 2017/2019 le previsioni di entrata e di spesa determinano i seguenti equilibri finanziari totali, di parte corrente e di parte capitale:

EQUILIBRI BILANCIO FINANZIARIO ARMONIZZATO 2017/2019ENTRATEVOCI 201720182019    FPV di parte corrente272.104,86271.695,04271.695,04    FPV di parte capitale671.818,97191.814,95191.814,95    Titolo I - Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa29.836.910,7029.409.144,7529.476.880,70    Titolo II - Trasferimenti correnti12.978.477,9710.630.804,1710.441.681,66    Titolo III - Entrate extratributarie14.339.384,9514.352.291,5014.295.954,25    Titolo IV - Entrate in conto capitale5.612.925,006.109.452,651.831.500,44    Titolo V - Entrate da riduzione di attività finanziarie0,000,000,00    Titolo VI - Accensione di prestiti1.350.000,001.890.000,00370.000,00    Titolo VII Anticipazioni di istituto tesoriere/cassiere22.000.000,0022.000.000,0022.000.000,00    Titolo IX - Entrate per partite di giro34.813.500,0034.813.500,0034.813.500,00    TOTALE ENTRATE121.875.122,45119.668.703,06113.693.027,04    SPESEVOCI201720182019FPV di parte corrente271.695,04271.695,04271.695,04    FPV di parte capitale191.814,95191.814,95191.814,95 Disavanzo di amministrazione141.350,90141.350,90141.350,90Titolo I - Spese correnti55.271.100,8653.307.849,6753.128.307,90di cui FPV di spesa271.695,04271.695,04271.695,04   Titolo II - Spese in conto capitale7.892.493,978.191.267,602.393.315,39di cui FPV in spesa191.814,95191.814,95191.814,95    Titolo III - Spese per incremento attività finanziarie0,000,000,00    Titolo IV - Rimborso prestiti1.756.676,721.214.734,891.216.552,85    Titolo V - Chiusura anticipazioni ricevute da istituto tesoriere/cassiere22.000.000,0022.000.000,0022.000.000,00    Titolo VII - Spese per conto terzi e partite di giro34.813.500,0034.813.500,0034.813.500,00    TOTALE SPESE121.875.122,45119.668.703,06113.693.027,04


EQUILIBRIO FINANZIARIO DI PARTE CORRENTE 201720182019     A) Fondo pluriennale vincolato di entrata per spese correnti(+)272.104,86271.695,04271.695,04     AA) Recupero disavanzo di amministrazione esercizio precedente(-)141.350,90141.350,90141.350,90     B) Entrate Titoli 1.00 - 2.00 - 3.00(+)57.154.773,6254.392.240,4254.214.516,61 di cui per estinzione anticipata dei prestiti  0,00 0,00  0,00 C) Entrate Titolo 4.02.06 - Contributi agli investimenti direttamente destinati al rimborso dei prestiti da amministrazioni pubbliche(+)0,000,000,00     D)Spese Titolo 1.00 -  Spese correnti(-)55.271.100,8653.307.849,6753.128.307,90     di cui:                   - fondo pluriennale vincolato 271.695,04271.695,04271.695,04               - fondo crediti di dubbia esigibilità  1.945.618,262.366.056,672.783.596,09     E) Spese Titolo 2.04 -  Altri trasferimenti in conto capitale(-)150.750,000,000,00     F) Spese Titolo 4.00 -  Quote di capitale amm.to dei mutui e prestiti obbligazionari(-)1.756.676,721.214.734,891.216.552,85 di cui per estinzione anticipata dei prestiti 507.250,00 0,000,00 di cui Fondo anticipazioni di liquidità0,000,000,00H) Utilizzo risultato di amministrazione presunto per spese correnti (+)0,000,000,00     I) Entrate di parte capitale destinate a spese correnti in base a specifiche disposizioni di legge o  dei principi contabili(+)658.000,000,000,00 di cui per estinzione anticipata dei prestiti 507.250,00  L) Entrate di parte corrente destinate a spese di investimento in base a specifiche disposizioni di legge o dei principi contabili(-)45.000,000,000,00     M) Entrate da accensione di prestiti destinate a estinzione anticipata dei prestiti(+)0,000,000,00     EQUILIBRIO DI PARTE CORRENTE  720.000,000,000,00L’equilibrio positivo di parte corrente positivo del 2017, determinato dalle entrate correnti di carattere non ricorrente al netto della relativa quota di accantonamento al Fondo crediti di dubbia esigibilità (FCDE) e della quota dei proventi da sanzioni destinate a spese correnti in attuazione dell’art. 208 del Codice della Strada, è destinato al finanziamento di spese in conto capitale (investimenti)EQUILIBRIO FINANZIARIO DI PARTE CAPITALE    P) Utilizzo risultato di amministrazione presunto   per spese di investimento (+)0,000,000,00     Q) Fondo pluriennale vincolato di entrata per spese in conto capitale(+)671.818,97191.814,95191.814,95     R) Entrate Titoli 4.00-5.00-6.00(+)6.962.925,007.999.452,652.201.500,44     C) Entrate Titolo 4.02.06 - Contributi agli investimenti direttamente destinati al rimborso dei prestiti da amministrazioni pubbliche(-)0,000,000,00     I) Entrate di parte capitale destinate a spese correnti in base a specifiche disposizioni di legge o  dei principi contabili(-)658.000,000,000,00     S1) Entrate Titolo 5.02 per Riscossione crediti di breve termine(-)0,000,000,00     S2) Entrate Titolo 5.03 per Riscossione crediti di medio-lungo termine(-)0,000,000,00     T) Entrate Titolo 5.04 relative a Altre entrate per riduzioni di attività finanziaria(-)0,000,000,00     L) Entrate di parte corrente destinate a spese di investimento in base a specifiche disposizioni di legge o dei principi contabili(+)45.000,000,000,00     M) Entrate da accensione di prestiti destinate a estinzione anticipata dei prestiti(-)0,000,000,00     U) Spese Titolo 2.00 - Spese in conto capitale(-)7.892.493,978.191.267,602.393.315,39     di cui fondo pluriennale vincolato di spesa 191.814,95191.814,95191.814,95     V) Spese Titolo 3.01 per Acquisizioni di attività finanziarie(-)0,000,000,00     E) Spese Titolo 2.04 -  Altri trasferimenti in conto capitale(+)150.750,000,000,00     EQUILIBRIO DI PARTE CAPITALE -720.000,000,000,00
STABILITO che l’equilibrio di parte corrente positivo, determinato dalle entrate correnti di carattere non ricorrente, al netto della relativa quota di accantonamento al Fondo crediti di dubbia esigibilità (FCDE) e della quota dei proventi da sanzioni destinate a spese correnti in attuazione dell’art. 208 del Codice della Strada, è destinato al finanziamento di spese in conto capitale (investimenti);
CONSIDERATO, altresì, che il bilancio di previsione finanziario armonizzato 2017/2019 garantisce, a livello previsionale, per l’anno 2017, un fondo di cassa finale non negativo così articolato:

Fondo di cassa iniziale al 01.01.20175.784.899,26Entrate di cassa previste 2017148.184.861,79Uscite di cassa previste 2017144.534.655,76Fondo di cassa finale previsto 20179.435.105,29
CONSIDERATO, infine, che il bilancio di previsione finanziario armonizzato 2017/2019 garantisce a livello previsionale, per gli anni 2017/2018/2019, il rispetto del pareggio di bilancio come di seguito riportato:

EQUILIBRIO DI BILANCIO DI CUI ALL'ART. 9 DELLA LEGGE N. 243/2012201720182019     A1) Fondo pluriennale vincolato di entrata per spese correnti (dal 2020 quota finanziata da entrate finali)(+)272.104,86271.695,04271.695,04     A2) Fondo pluriennale vincolato di entrata in conto capitale al netto delle quote finanziate da debito (dal 2020 quota finanziata da entrate finali)(+)671.818,97191.814,95191.814,95     A3) Fondo pluriennale vincolato di entrata per partite finanziarie (dal 2020 quota finanziata da entrate finali)(+)0,000,000,00     A) Fondo pluriennale vincolato di entrata (A1 + A2 + A3)(+)943.923,83463.509,99463.509,99          B) Titolo 1 - Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa(+)29.836.910,7029.409.144,7529.476.880,70     C) Titolo 2 -  Trasferimenti correnti validi ai fini dei saldi finanza pubblica(+)12.098.477,9710.630.804,1710.441.681,66     D) Titolo 3 - Entrate extratributarie(+)14.339.384,9514.352.291,5014.295.954,25     E) Titolo 4 - Entrate in c/capitale(+)5.612.925,006.109.452,651.831.500,44     F) Titolo 5 - Entrate da riduzione di attività finanziarie(+)0,000,000,00          G) SPAZI FINANZIARI ACQUISITI(+)0,000,000,00          H1) Titolo 1 - Spese correnti al netto del fondo pluriennale vincolato(+)54.999.405,8253.036.154,6352.856.612,86     H2)  Fondo pluriennale vincolato di parte corrente (dal 2020 quota finanziata da entrate finali)(+)271.695,04271.695,04271.695,04     H3) Fondo crediti di dubbia esigibilità di parte corrente(-)1.945.618,262.366.056,672.783.596,09     H4) Fondo contenzioso (destinato a confluire nel risultato di amministrazione)(-)380.000,000,000,00     H5) Altri accantonamenti (destinati a confluire nel risultato di amministrazione)(-)105.018,57111.856,38111.856,38     H) Titolo 1 - Spese correnti valide ai fini dei saldi finanza pubblica (H = H1+H2-H3-H4-H5)(-)52.840.464,0350.829.936,6250.232.855,43     I1) Titolo 2 - Spese in c/ capitale al netto del fondo pluriennale vincolato(+)7.700.679,027.999.452,652.201.500,44     I2) Fondo pluriennale vincolato in c/capitale al netto delle quote finanziate da debito (dal 2020 quota finanziata da entrate finali)(+)191.814,95191.814,95191.814,95     I3) Fondo crediti di dubbia esigibilità in c/capitale(-)0,000,000,00     I4) Altri accantonamenti (destinati a confluire nel risultato di amministrazione)(-)0,000,000,00     I) Titolo 2 - Spese in c/capitale valide ai fini dei saldi di finanza pubblica  (I=I1+I2-I3-I4)(-)7.892.493,978.191.267,602.393.315,39          L1) Titolo 3 - Spese per incremento di attività finanziaria al netto del fondo pluriennale vincolato(+)0,000,000,00     L2) Fondo pluriennale vincolato per partite finanziarie (dal 2020 quota finanziata da entrate finali)(+)0,000,000,00     L) Titolo 3 - Spese per incremento di attività finanziaria (L=L1+L2)(-)0,000,000,00     M) SPAZI FINANZIARI CEDUTI(-)0,000,000,00     (N) EQUILIBRIO DI BILANCIO  AI SENSI DELL'ARTICOLO 9 DELLA LEGGE N. 243/2012 2.098.664,451.943.998,843.883.356,22(N=A+B+C+D+E+F+G-H-I-L-M)    
EVIDENZIATO che i saldi positivi di cui alla lettera N) della predetta tabella potranno essere utilizzati, e pertanto impegnati per nuove spese correnti e/o spese in conto capitale, solo se finanziati da entrate non rilevanti ai fini del pareggio di bilancio, quali:
·	avanzi di amministrazione da applicare e destinare alla spesa corrente e/o alla spesa in conto capitale;
·	debiti di finanziamento (mutui), volti a finanziare le spese in conto capitale e le estinzioni anticipate del debito;
SOTTOLINEATO che i debiti di finanziamento, stanziati a livello previsionale nel bilancio di previsione finanziario armonizzato 2017/2019, potranno essere assunti solo dopo aver verificato la la relativa compatibilità con gli equilibri finanziari di bilancio;
RITENUTO, dunque, di procedere, così come previsto dall’art. 174 del D.Lgs. n. 267/2000 e degli artt. 10 e 11 del D.Lgs. n. 118/2011, all’approvazione dello schema di bilancio di previsione finanziario armonizzato 2017/2019, redatto secondo l’Allegato n. 9 del D.Lgs. n. 118/2011, il quale assume funzione autorizzatoria;
VISTI, tra gli altri:
·	il D. Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali; 
·	l’art. 16 del Regolamento comunale di contabilità;
·	il principio contabile concernente la contabilità finanziaria allegato n. 4/2 al D.Lgs. n. 118/2011;
·	la Legge n. 232/2016 (Legge di Bilancio 2017);
·	il Decreto legge n. 244/2016;
·	l’art. 1, comma 557, della Legge n. 296/2006 e s.m.i., con particolare riferimento alla L. n. 122/2010 in materia di spese di personale e al comma 557 quater introdotto dal D.L. n. 90/2014 convertito nella L. n. 114/2014;
ACQUISITO il parere favorevole dell’organo di revisione, così come previsto dall’art. 239 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267;
VERIFICATA ai sensi degli artt. 42 e 162 del D.Lgs. n. 267/2000 la propria competenza in tema di approvazione del bilancio di previsione;
VISTI: 
-	il D.Lgs. n. 118/2011 recante disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli Enti Locali e dei loro organismi, coordinato con il D.Lgs. n. 126/2014; 
-	il D.Lgs. n. 267/2000, Testo Unico del Enti Locali, coordinato con il D.Lgs. n. 126/2014; 
-	il Regolamento Comunale di Contabilità;
-	lo Statuto Comunale;
- Preso atto dei seguenti pareri favorevoli resi ai sensi dell’art. 49 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 sull'Ordinamento degli Enti Locali:
- dal Dirigente responsabile dell’Area Risorse Umane e Finanziarie;
- Con votazione palese che ha dato il risultato sopra riportato;
D E L I B E R A
1°) - DI CONSIDERARE le premesse del presente atto quale parte integrante e sostanziale;
2°) - DI APPROVARE, ai sensi dell’art. 174 del D.Lgs. n. 267/2000 e degli artt. 10 e 11 del D.Lgs. n. 118/2011, per le motivazioni espresse in narrativa, il bilancio di previsione finanziario armonizzato 2017/2019, che assume funzione autorizzatoria, redatto secondo l’Allegato n. 9 del D.Lgs. n. 118/2011, così come risulta dall’Allegato A alla presente deliberazione a formarne parte integrante e sostanziale;
3°) – DI DARE ATTO che il bilancio di previsione finanziario armonizzato 2017/2019, redatto secondo i principi generali ed applicati di cui al D.Lgs. n. 118/2011 e secondo le norme vigenti in materia di finanza pubblica, presenta per gli esercizi 2017/2019, le seguenti risultanze finali:
EQUILIBRI BILANCIO FINANZIARIO ARMONIZZATO 2017/2019ENTRATEVOCI 201720182019    FPV di parte corrente272.104,86271.695,04271.695,04    FPV di parte capitale671.818,97191.814,95191.814,95    Titolo I - Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa29.836.910,7029.409.144,7529.476.880,70    Titolo II - Trasferimenti correnti12.978.477,9710.630.804,1710.441.681,66    Titolo III - Entrate extratributarie14.339.384,9514.352.291,5014.295.954,25    Titolo IV - Entrate in conto capitale5.612.925,006.109.452,651.831.500,44    Titolo V - Entrate da riduzione di attività finanziarie0,000,000,00    Titolo VI - Accensione di prestiti1.350.000,001.890.000,00370.000,00    Titolo VII Anticipazioni di istituto tesoriere/cassiere22.000.000,0022.000.000,0022.000.000,00    Titolo IX - Entrate per partite di giro34.813.500,0034.813.500,0034.813.500,00    TOTALE ENTRATE121.875.122,45119.668.703,06113.693.027,04    SPESEVOCI201720182019FPV di parte corrente271.695,04271.695,04271.695,04    FPV di parte capitale191.814,95191.814,95191.814,95 Disavanzo di amministrazione141.350,90141.350,90141.350,90Titolo I - Spese correnti55.271.100,8653.307.849,6753.128.307,90di cui FPV di spesa271.695,04271.695,04271.695,04   Titolo II - Spese in conto capitale7.892.493,978.191.267,602.393.315,39di cui FPV in spesa191.814,95191.814,95191.814,95    Titolo III - Spese per incremento attività finanziarie0,000,000,00    Titolo IV - Rimborso prestiti1.756.676,721.214.734,891.216.552,85    Titolo V - Chiusura anticipazioni ricevute da istituto tesoriere/cassiere22.000.000,0022.000.000,0022.000.000,00    Titolo VII - Spese per conto terzi e partite di giro34.813.500,0034.813.500,0034.813.500,00    TOTALE SPESE121.875.122,45119.668.703,06113.693.027,044°) – DI DARE ATTO, altresì, che le previsioni di entrata e di spesa contenute nel bilancio di previsione finanziario armonizzato 2017/2019 garantiscono a livello previsionale, per ogni anno interessato, gli equilibri di parte corrente e gli equilibri di parte capitale, così come stabilito dall’art. 162, comma 6, del D.Lgs. n. 267/2000;
5°) – DI DARE ATTO, inoltre, che le previsioni di entrata e di spesa contenute nel bilancio di previsione finanziario armonizzato 2017/2019 garantiscono a livello previsionale, per ogni anno interessato, il rispetto delle regole che disciplinano il pareggio di bilancio medesimo, così come risulta dal prospetto di cui all’Allegato 1 al bilancio di previsione finanziario armonizzato 2017/2019, quale parte integrante e sostanziale dello stesso;
6°) - DI APPROVARE, dunque, il prospetto di cui all’Allegato 1 al bilancio di previsione finanziario armonizzato 2017/2019, di concordanza tra bilancio di previsione e rispetto del saldo di finanza pubblica (pareggio di bilancio);
7°) – DI DARE ATTO che le previsioni di entrata e di spesa contenute nel bilancio di previsione finanziario armonizzato 2017/2019 garantiscono a livello previsionale, per l’anno 2017, un fondo di cassa finale non negativo, così come stabilito dall’art. 162, comma 6, del D.Lgs. n. 267/2000;
8°) – DI DARE ATTO, altresì, che i saldi positivi di cui alla lettera N) della tabella del pareggio di bilancio riportata in narrativa potranno essere utilizzati, e, pertanto, impegnati per nuove spese correnti e/o spese in conto capitale, solo se finanziati da entrate non rilevanti ai fini del pareggio di bilancio, quali:
·	avanzi di amministrazione da applicare e destinare alla spesa corrente e/o alla spesa in conto capitale;
·	debiti di finanziamento (mutui), volti a finanziare le spese in conto capitale e le estinzioni anticipate del debito;
9°) – DI STABILIRE che debiti di finanziamento, stanziati a livello previsionale nel bilancio di previsione finanziario armonizzato 2017/2019, potranno essere assunti solo dopo aver verificato la la relativa compatibilità con gli equilibri finanziari di bilancio;
10°) – DI STABILIRE, inoltre, che l’equilibrio di parte corrente positivo, determinato dalle entrate correnti di carattere non ricorrente, al netto della relativa quota di accantonamento al Fondo crediti di dubbia esigibilità (FCDE) e della quota dei proventi da sanzioni destinate a spese correnti in attuazione dell’art. 208 del Codice della Strada, è destinato al finanziamento di spese in conto capitale (investimenti);
11°) – DI DARE ATTO che nel bilancio di previsione finanziario armonizzato 2017/2019 sono state interamente finanziate, in parte spesa, le quote annuali di euro 141.350,90 a titolo di ripiano disavanzo di amministrazione come risultante dalle deliberazioni di Consiglio comunale n. 50 del 13.07.2015 e n. 34 del 28.04.2016, e considerato il risultato di amministrazione presunto dell’esercizio 2016 di cui alla relativa tabella dimostrativa, allegata al bilancio di previsione finanziario armonizzato 2017/2019 a formarne parte integrante e sostanziale (Allegato 2);
12°) – DI APPROVARE, ai sensi dell’art. 172 del D.Lgs. n. 267/2000, la Nota integrativa redatta secondo le modalità previste dal comma 5 dell’art. 11 del D.Lgs. n. 118/2011 di cui all’Allegato 8 al bilancio di previsione finanziario armonizzato 2017/2019, quale parte integrante e sostanziale dello stesso;
13°) – DI APPROVARE il Programma degli incarichi di collaborazione esterna di Programma degli incarichi di collaborazione esterna di cui all’Allegato 12 al bilancio di previsione finanziario armonizzato 2017/2019, quale parte integrante e sostanziale dello stesso;
14°) – DI ALLEGARE al bilancio di previsione finanziario armonizzato 2017/2019, i seguenti altri documenti a formarne parte integrante e sostanziale: 
·	 prospetto concernente la composizione, per missioni e programmi, del fondo pluriennale vincolato per ciascuno degli esercizi considerati nel bilancio di previsione (Allegato 3);
·	prospetto concernente la composizione del fondo crediti di dubbia esigibilità per ciascuno degli esercizi considerati nel bilancio di previsione (Allegato 4);
·	prospetto dimostrativo del rispetto dei vincoli di indebitamento (Allegato 5);
·	prospetto delle spese previste per l’utilizzo di contributi e trasferimenti da parte di organismi comunitari e internazionali, per ciascuno degli anni considerati nel bilancio di previsione (Allegato 6);
·	prospetto delle spese previste per lo svolgimento delle funzioni delegate dalle regioni per ciascuno degli anni considerati nel bilancio di previsione (Allegato 7);
·	elenco degli indirizzi internet di pubblicazione del rendiconto della gestione, del bilancio consolidato deliberati e relativi al penultimo esercizio antecedente quello cui si riferisce il bilancio di previsione, dei rendiconti e dei bilanci consolidati delle unioni di comuni e dei soggetti considerati nel gruppo amministrazione pubblica di cui al principio applicato del bilancio consolidato allegato al D.Lgs. n. 118/2011, relativi al penultimo esercizio antecedente quello cui il bilancio si riferisce (Allegato 9);
·	tabella relativa ai parametri di riscontro della situazione di deficitarietà strutturale prevista dalle disposizioni vigenti in materia (Allegato 10); 
·	piano degli indicatori e dei risultati attesi di bilancio (Allegato 11);
·	deliberazione di Giunta municipale n. 5 del 03.01.2017, avente ad oggetto Approvazione delle tariffe per l’occupazione dei posteggi in occasione della fiera di Sant’Agostino, per l’utilizzo del Pattinodromo delle Saline e del Campo di calcio delle Saline, per i parcheggi comunali e dei tassi di copertura per l’anno 2016 del costo di gestione dei servizi a domanda individuale allegata allo schema di bilancio di previsione finanziario armonizzato 2017/2019 (Allegato 13);
·	deliberazione di Consiglio comunale n. 7 del 30.01.2017, avente ad oggetto Determinazione del prezzo di cessione delle aree e dei fabbricati da destinare a residenza e alle attività produttive terziarie per l’anno 2017 (Allegato 14);
·	deliberazione di Consiglio comunale n. 9 del 30.01.2017, avente ad oggetto Imposta comunale I.U.C. – Determinazione di aliquote e tariffe per l’anno 2017 (Allegato 15);
·	relazione del Collegio dei Revisori e relativo parere (Allegato 16);
15°) – DI DARE PER VISTE le seguenti deliberazioni di Giunta municipale, tutte dichiarate immediatamente eseguibili:
·	n. 3 del 03.01.2017, avente ad oggetto Destinazione proventi del codice della strada Anno 2017;
·	n. 4 del 03.01.2017, avente ad oggetto Approvazione del Piano triennale 2017/2019 di razionalizzazione delle spese di funzionamento dell’ente, ai sensi dell’art. 2 commi 594 e seguenti della L. n. 244/2007, comprendente la relazione a consuntivo dell’anno 2016 di cui al Piano triennale 2016/2018;
16°) – DI DARE PER VISTE le seguenti deliberazioni di Consiglio comunale, tutte dichiarate immediatamente eseguibili:
·	n. 11 del 30.01.2017  Modifiche al Regolamento generale per la gestione delle entrate comunali;
·	n. 12 del 30.01.2017, avente ad oggetto Modifiche al Regolamento comunale per l’applicazione dell’imposta comunale sulla pubblicità e per l’effettuazione del servizio delle pubbliche affissioni;
·	n. 10 del 30.01.2017, avente ad oggetto Modifiche al Regolamento comunale per la concessione dei beni demaniali del patrimonio non disponibile e per l’applicazione del relativo canone;
·	n. 8 del 30.01.2017, avente ad oggetto Approvazione Piano finanziario relativo alla tassa sui rifiuti (TARI) ai sensi dell’art. 1 della Legge del 27/12/2013 n. 147 e s.m.i.;
17°) – DI ACQUISIRE, a fini conoscitivi, la proposta di articolazione delle tipologie di entrata in categorie e dei programmi di spesa in macroaggregati di cui all’Allegato B alla presente deliberazione, parte integrante e sostanziale della stessa, elaborata ai sensi dell’art. 165 del D.Lgs. n. 267/2000, contestualmente alla proposta di bilancio;
18°) – DI DICHIARARE il presente atto immediatamente eseguibile, ai sensi dell’art. 134 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 mediante separata votazione palese che ha dato il risultato sopra riportato.-
      

Letto, confermato e sottoscritto
	Il Presidente	Il  Segretario Comunale
	F/to Romano Dario	F/to  Morganti Stefano

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,


La presente deliberazione è stata pubblicata all’Albo Pretorio dal 28 febbraio 2017 al 15 marzo 2017 ai sensi dell’art. 124, 1° comma, del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267.
Lì, 16 marzo 2017	Il       Segretario Comunale
	F/to 
La presente deliberazione, non soggetta a controllo, è divenuta esecutiva, ai sensi dell’art. 134 del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267, in data 11 marzo 2017, essendo stata pubblicata il 28 febbraio 2017
Lì, 13 marzo 2017	Il       Segretario Comunale
	F/to 
Spazio riservato all’eventuale controllo preventivo di legittimità, richiesto ai sensi dell’art. 127 del D.Lgs. 18/8/2000 n° 267:



 

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,