Senigallia Atto

Convenzione con il comune di Morro d’Alba per la gestione associata del servizio di Segreteria comunale

Delibera del Consiglio Comunale N° CC/2017/31 del 29 marzo 2017

Presentazione
Approvazione
29.3.2017

Firmatari

Testo

        
COMUNE DI SENIGALLIA
PROVINCIA DI ANCONA
DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N° 31 
Seduta del 29/03/2017
OGGETTO:	CONVENZIONE  AI  SENSI  DELL'ART. 98 DEL D.LGS. N.267/00 E DELL'ART. 10 DEL D.P.R. N. 465/1997 TRA I COMUNI  DI SENIGALLIA E MORRO D’ALBA  PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO DI SEGRETERIA COMUNALE
L’anno duemiladiciassette addì ventinove del mese di marzo alle ore 15:30  nel Palazzo Municipale di Senigallia e nella solita sala delle adunanze consiliari.
Previa convocazione nei modi di rito, si è oggi riunito, in seduta straordinaria il Consiglio Comunale.
Fatto l’appello nominale risultano:
ConsiglierePres.Ass.ConsiglierePres.Ass.1 Angeletti Margherita*-14 Paradisi Roberto-*2 Beccaceci Lorenzo *-15 Pedroni Luana*-3 Bedini Mauro*-16 Perini Maurizio*-4 Brucchini Adriano*-17 Pierfederici Mauro*-5 Canestrari Alan-*18 Profili Vilma*-6 Da Ros Davide*-19 Rebecchini Luigi-*7 Fileri Nausicaa*-20 Romano Dario*-8 Giuliani Ludovica*-21 Salustri Maurizio*-9 Gregorini Mauro*-22 Santarelli Luca-*10 Mandolini Riccardo*-23 Sardella Simeone*-11 Mangialardi Maurizio*-24 Sartini Giorgio-*12 Martinangeli Stefania*-25 Urbinati Sandro-*13 Palma Elisabetta*-T O T A L E     P R E S E N T I    N° 19

 Alam Mohammad ShafiualConsigliere Straniero Aggiunto*- Becka MaksimConsigliere Straniero Aggiunto*-
Sono altresì presenti gli assessori: Bucari Simonetta, Campanile Gennaro, Girolametti Carlo, Memè Maurizio, Monachesi Enzo
Essendo legale l’adunanza per il numero degli intervenuti, il Sig. Romano Dario nella qualità di Presidente dichiara aperta la seduta, alla quale assiste il Segretario Comunale Dott. Morganti Stefano 
Chiama a fungere da scrutatori i Consiglieri Signori: 1°  Profili Vilma; 2° Giuliani Ludovica;  3° Martinangeli Stefania .


Il Presidente del Consiglio ROMANO enuncia l’argomento iscritto al punto 8 dell’ordine del giorno dei lavori consiliari relativo a: CONVENZIONE  AI  SENSI  DELL'ART. 98 DEL D.LGS. N.267/00 E DELL'ART. 10 DEL D.P.R. N. 465/1997 TRA I COMUNI  DI SENIGALLIA E MORRO D’ALBA  PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO DI SEGRETERIA COMUNALE e concede la parola al Sindaco per la relazione introduttiva.

Il SINDACO: l’atto è molto semplice perché alla pari di altre disponibilità che il Comune di Senigallia ha dato per i comuni limitrofi, penso al SUAP, penso all’ufficio del Giudice di Pace, penso alla CUC, penso ad altri servizi, ma penso anche ante litteram alla Polizia municipale di Montemarciano, penso all’ufficio unico dei servizi sociali, penso al nostro funzionario della ragioneria che sta facendo esperienze in altri Comuni, penso all’ufficio che abbiamo costituito per la progettazione europea con il Comune di Ancona. Il Comune di Morro d’Alba si trova in difficoltà per l’assenza del Segretario comunale, noi andremo ad aderire ad una convenzione per consentire, fuori dall’orario di lavoro, del nostro Segretario quindi cercare di sopperire alle difficoltà almeno in questo momento per poi arrivare in una seconda fase a percorsi che possono reinteressare l’Unione dei Comuni che dicevo della Valle del Misa e del Nevola e questo potrebbe aiutare. Ovviamente ho autorizzato il nostro Segretario anche per altre funzioni come ho autorizzato i nostri dirigenti in altre situazioni, l’ho fatto per l’ingegner Roccato, l’ho fatto per il dottor Mandolini, l’ho fatto per la dottoressa Filonzi, quindi mi sembra che ci possano essere le condizioni, le propongo al Consiglio, le andiamo ovviamente a verificare senza precostituire nessun altro tipo di percorso. Penso che sia tra l’altro un atto anche molto serio a proposito dei ragionamenti che abbiamo fatto qualche momento fa perché ci arriviamo quando i percorsi di fusione sono stati cancellati, sarebbe stato molto più semplice attivare il rapporto di collaborazione prima ma siccome noi siamo persone serie lo facciamo solo quando andiamo in supplenza, poi se volete e se vorrete il Segretario può indicare e lo può fare sicuramente meglio di me le funzioni che andrebbe ad assolvere.

Il Presidente del Consiglio ROMANO: apriamo la discussione.

Il Consigliere MANDOLINI (Movimento 5 Stelle): solo per capire perché la pratica ovviamente causa l’urgenza non è andata in Commissione, non si è potuta approfondire. Intanto chiedo se l’urgenza immagino sia dovuta al Comune di Morro d’Alba che magari doveva mandare avanti delle pratiche e nessuno le poteva firmare perché non c’è più il Segretario,  immagino sia questo il contesto, però tuttavia vorrei capire al Comune di Senigallia cosa comporta questa cosa, un vantaggio, uno svantaggio al servizio dell’ufficio di segreteria, ovviamente il segretario non si può sdoppiare, c’è scritto che andrà due giorni a settimana a Morro d’Alba per almeno otto ore al giorno, quindi io vorrei capire un attimo il servizio cosa comporta, cosa comporta questa convenzione, un peggioramento, un miglioramento, non lo so, per la città di Senigallia. Questo inizialmente poi vorrei capire intanto l’Amministrazione è a conoscenza del fatto perché non l’hanno chiesto all’Unione dei Comuni di condividere il Segretario, immagino che Belvedere e San Marcello abbiano un segretario, quindi capire perché non utilizzare quello che già c’era nell’Unione, solo per capire e la percentuale 80 a 20 è riferita alla legge o è una decisione politica del Consiglio che si può valutare?

Il SINDACO: ringrazio il consigliere Mandolini anche per i temi che pone e che non sono stati particolarmente indagati, quindi la richiesta di poi fare un approfondimento in Commissione forse è anche opportuna. Noi abbiamo aderito a un percorso di accelerazione proprio per le difficoltà che il Comune di Morro d’Alba ci aveva sottolineato e quindi visto che i rapporti li ha tenuti, anche per competenza, il nostro Segretario comunale sapendo che ovviamente ci siamo confrontati e che non vogliamo che ci sia una minore dedizione alla nostra città e quindi conoscendo le necessità del nostro Comune e verificandole rispetto ai nuovi impegni che potrebbero derivare, mi sono confrontato con il Segretario Morganti e abbiamo verificato che c’erano le condizioni. Per un’indagine successiva che potrebbe essere fatta in Commissione io sono assolutamente disponibile, anzi il Segretario si deve dichiarare disponibile per rispondere a una serie di quesiti e l’accelerazione che abbiamo messo in campo era dettata da questo, non ci sono altri elementi, quelli tecnici sono stati valutati dal Sindaco e dal Segretario rispetto alla possibilità che lo stesso poteva mettere in campo come gestione del tempo ora, siccome il Segretario lo conosco molto bene se mi ha dato una disponibilità, anzi ha chiesto la disponibilità in questi termini sicuramente avrà valutato la possibilità di abbinare questo tipo di prestazione perché poi è qua per noi e le competenze del nostro Segretario ovviamente sono molto più semplici e routinarie rispetto ad un segretario che si deve dedicare a quella funzione. I motivi Mandolini che lei ha posto sul tema perché non l’Unione, io questo non me lo sono posto e non me lo sono nemmeno chiesto, quindi non so se forse il Segretario ci può dare qualche elemento in diretta. Non so Presidente se è proprio usuale però visto che l’abbiamo chiesta con l’iscrizione d’urgenza, non abbiamo nemmeno noi tutti gli elementi penso che qualche chiarimento tecnico in diretta potrebbe essere molto utile.

Il Segretario MORGANTI: molto brevemente. Per quanto riguarda l’unione ha caratteristiche completamente diverse perché l’unione è un nuovo ente, quindi si presenta con caratteristiche completamente diverse. Per quanto riguarda gli elementi essenziali di questa convenzione, lo spirito e la ratio è quella che diceva prima il Sindaco, cioè che si inserisce all’interno di uno spirito operativo in materia amministrativa anche coerente con quelli che sono l’atteggiamento e i principi che suggerisce il legislatore riguardo all’esercizio associato delle funzioni amministrative, quindi il contesto è quello che indicava prima il Sindaco. Riguardo agli orari che sono stati indicati anche quello si inserisce dentro alla tipologia di lavoro di cui stiamo parlando, perché quello del Segretario Generale ovviamente è quello di un lavoro legato agli obiettivi e non alle ore di presenza in ufficio, il mio orario penso che lo sappiano ormai tutti perché mi trovano in qualsiasi ora ed è anche per questo che io ho dato la disponibilità perché l’organizzazione del lavoro richiede chiaramente una presenza in base alle necessità, sia che si tratti del comune di Senigallia che si tratti di un altro ente, quindi comunque va garantito il risultato, poi questo saranno le Amministrazioni che lo valuteranno ovviamente, ma ritengo che non ci siano questi tipi di problemi, l’indicazione dell’ora è meramente materialistica nel senso che comunque una relazione di natura oggettiva era indispensabile metterla tant’è vero che nella convenzione è indicato un minimo di due giorni e di otto ore che poi dopo articoleranno in accordo i Sindaci, ma per dire guardate otto ore comunque qui ci sono poi dopo in base appunto a questo tipo di organizzazione del lavoro che guarda più ai risultati piuttosto che alla singola ora, ma poi diventa sostanzialmente la presenza presso l’ente costante, ritengo che anche da questo punto di vista dell’organizzazione degli enti che tutti possono controllare, anche i consiglieri comunali, non diano problemi. Dal punto di vista economico al comune di Senigallia rispetto alla spesa attuale non cambia nulla, quindi questo tipo di problema non c’è, e ritengo che nelle motivazioni che ho indicato nella proposta di delibera che è arrivata in Consiglio comunale che comunque vi sia anche una crescita professionale che possa essere utile per tutti due gli enti del professionista, nel caso specifico il sottoscritto, che va a svolgere anche questa funzione anche perché comunque sia le problematiche che si presentano sono di natura diversa e quindi sono comunque confronti e temi professionali anche in questo caso di natura diversa, Questo è il contesto all’interno del quale, legato chiaramente a una situazione oggettiva preesistente che ha la caratteristica che diceva prima il Sindaco, il Comune di Morro d’Alba si è ritrovato per varie ragioni di cui potremmo poi parlare in un’altra sede magari, senza il Segretario perché è stata sciolta una convenzione, era su tre sedi, c’è stata una situazione che magari conosciamo, quindi c’era una condizione oggettiva, dopodiché la scelta e il contatto con il sottoscritto, personalmente mi gratifica dopodiché ritengo che sia anche per la professionalità però questo bisogna chiederlo e poi parlarne.

Il Presidente del Consiglio ROMANO: non vedo altri interventi quindi chiudiamo la fase di discussione generale. Dichiarazioni di voto non ne vedo quindi chiudiamo la fase delle dichiarazioni di voto e mettiamo in votazione la pratica.

Il Presidente del Consiglio ROMANO pone in votazione, palese con modalità elettronica, la proposta iscritta al punto 8 dell’ordine del giorno dei lavori consiliari che viene approvata con 15 voti favorevoli, nessuno contrario, 4 astenuti (Da Ros, Mandolini, Martinangeli, Palma), come proclama il Presidente ai sensi di legge.

Il Presidente del Consiglio ROMANO pone in votazione, palese con modalità elettronica, l’immediata eseguibilità dell’atto deliberativo che viene approvata con 15 voti favorevoli, nessuno contrario, 4 astenuti (Da Ros, Mandolini, Martinangeli, Palma), come proclama il Presidente ai sensi di legge.

Tutto ciò premesso
IL CONSIGLIO COMUNALE
- Visto l'argomento iscritto al punto 8 dei suoi lavori;
- Udita la relazione del Sindaco;
- Premesso che ai sensi dell’art 10 del D.P.R. 465/1997 i comuni possono stipulare tra loro convenzioni per l’ufficio di segreteria e che ai sensi dell’art. 98 D.Lgs. 267/2000 i Comuni possono stipulare convenzioni per l’ufficio di segretario comunale comunicandone l’avvenuta costituzione alla sezione regionale dell’agenzia;
- Atteso che la convenzione ha natura di contratto di diritto civile ed è strumento che ha costituito nel tempo sempre più scelta elettiva per la gestione del servizio di segreteria generale e più in generale per la gestione dei servizi istituzionali a fronte di una legislazione che incoraggia scelte organizzative sempre più improntate al massimo efficientamento delle strutture pubbliche;
- Preso atto del confronto intercorso  tra le Amministrazioni Comunali di Morro d’Alba e Senigallia  per la  stipula di una Convenzione, ai sensi dei citati artt. 98 del D. Lgs. 18.08.2000, n. 267  e  dell’art. 10 del D.P.R. 04.12.1997, n. 465, per lo svolgimento in convenzione tra i Comuni medesimi del Servizio di  Segreteria Comunale;
- Considerato che con lo svolgimento in forma convenzionata del servizio di segreteria comunale viene data attuazione al più generale principio di esercizio associato delle funzioni amministrative, assicurando lo svolgimento delle funzioni di segreteria nel rispetto dei principi di efficacia ed efficienza in un quadro complessivo di economia gestionale e di crescita professionale nell’interesse degli enti convenzionati;
- Visto lo schema di Convenzione, redatto ai sensi  del D. Lgs. 18.08.2000, n.267  e  dell’art. 10 del D.P.R. 04.12.1997, n. 465, per lo svolgimento del Servizio di  Segreteria  Comunale tra i Comuni di Senigallia e Morro d’Alba allegato al presente atto;
- Atteso  che la convenzione consiste nel condurre in forma associata le funzioni di Segreteria Comunale, cioè nell'avvalersi da parte dei Comuni convenzionati dell'opera di un unico Segretario Comunale per l'espletamento delle funzioni che, per disposizione di legge, statuti, regolamenti o provvedimenti dei Sindaci ed altri equivalenti, sono attribuite al Segretario Comunale dei singoli Enti;
. Richiamato l’art. 30 del T.U.EE.LL.,il quale prevede che gli Enti locali, al fine di svolgere in modo coordinato funzioni e servizi determinati, possono stipulare tra loro apposite convenzioni; l'art. 98, comma 3 del D. Lgs. 18.08.2000 n. 267 e l'art. 10 del D.P.R. 4.12.1997, n. 465, prevedono la possibilità per i Comuni, le cui sedi siano comprese nell'ambito territoriale della stessa Regione dell'Agenzia Autonoma per la gestione dell'Albo dei Segretari Comunali e Provinciali, di stipulare tra loro, anche nell'ambito di più ampi accordi per l'esercizio associato di funzioni, convenzioni per l'ufficio di segreteria comunale;
- Visto il CCNL dei Segretari Comunali e Provinciali siglato in data 16.05.2001 ed il CCNL approvato in data 01.03.2011;
- Dato atto che  in sede di conversione del D.L. n. 78 del 31.05.2010 con legge n. 122/2010 è stata soppressa l’Agenzia Autonoma per la Gestione dell’Albo di Segretari Comunali e Provinciali e prevista la successione alla stessa, a titolo universale, del Ministero dell’Interno;
- Preso atto dei seguenti pareri favorevoli resi ai sensi dell’art. 49 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 sull'Ordinamento degli Enti Locali:
- dal Segretario Generale;
- dal Dirigente responsabile dell’Area Risorse Umane e Finanziarie;
- Con votazione palese che ha dato il risultato sopra riportato;
D E L I B E R A
1°) – DI GESTIRE il servizio di segreteria comunale in forma associata, tra il Comune di Morro d’Alba e il Comune di Senigallia, ai sensi degli artt. 30 e 98 del D.Lgs. 267/2000 e dell’art. 10 del D.P.R. 465/1997;
2°) – DI PRENDERE ATTO che il Comune di Senigallia assume la veste di Comune Capo convenzione e rappresenta la sede della segreteria convenzionata;
3°) – DI APPROVARE allo scopo, l’allegato schema di convenzione, composto da n. 12 articoli, disciplinante i rapporti tra il Comune di Senigallia e il Comune di Morro d’Alba, per lo svolgimento del servizio di segreteria in forma associata, convenzione che, sottoscritta dai Sindaci dei due Comuni interessati, sarà inviata, ai sensi dell’art. 10 co. 2 D.P.R. n. 465/97,  al Ministero dell’Interno – Ex Agenzia Autonoma per la gestione dell’Albo dei Segretari  Comunali e provinciali  di Roma 
4°) – DI DICHIARARE il presente atto immediatamente eseguibile, ai sensi dell’art. 134 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 mediante separata votazione palese che ha dato il risultato sopra riportato.-
      



Letto, confermato e sottoscritto
	Il Presidente	Il  Segretario Comunale
	F/to Romano Dario	F/to  Morganti Stefano

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,


La presente deliberazione è stata pubblicata all’Albo Pretorio dal 2 maggio 2017 al 17 maggio 2017 ai sensi dell’art. 124, 1° comma, del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267.
Lì, 18 maggio 2017	Il       Segretario Comunale
	F/to 
La presente deliberazione, non soggetta a controllo, è divenuta esecutiva, ai sensi dell’art. 134 del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267, in data 13 maggio 2017, essendo stata pubblicata il 2 maggio 2017
Lì, 15 maggio 2017	Il       Segretario Comunale
	F/to 
Spazio riservato all’eventuale controllo preventivo di legittimità, richiesto ai sensi dell’art. 127 del D.Lgs. 18/8/2000 n° 267:



 

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,