Senigallia Atto

Assistenza domiciliare individualizzata per disabili

Interpellanza del Consiglio Comunale del 29 ottobre 2013

Presentazione
Discussione
29.10.2013

Proponenti

Il Consigliere MANCINI (Partecipazione): “Io vorrei chiedere all’Amministrazione, l’Assessore servizi alla persona non è presente, delle notizie per quanto riguarda l’assistenza dei disabili, l’assistenza domiciliare e qual è il suo futuro, perché diverse famiglie con le quali ho parlato mi hanno presentato una situazione che è preoccupante. È preoccupante perché ci sono state un paio di riunioni, mi pare nel giro di quindici giorni fa, dopo le quali non hanno saputo più niente, per ipotizzare una riorganizzazione del servizio, una riorganizzazione che finora non c’è stata, o mi pare che ha avuto solamente un episodio in cui al pomeriggio più giovani disabili sono stati raccolti in un luogo per alcune attività in comune e dopo che ad esempio quest’estate per un paio di settimane mi sembra che il servizio è stato interrotto, cosa nuova perché gli anni passati non era successo, comunque poi dopo c’era stata quella contestazione che certamente ricorderete. Io vorrei sapere, anche perché poi non c’è stata più nessuna notizia, circolava l’ipotesi che dal 1° di novembre ci fosse una nuova organizzazione del servizio, poi pare che dal 1° novembre invece non cambierà nulla, comunque ci si sta lavorando, e allora andando dietro anche a quello che si diceva prima, mi chiedo se non sia il caso, innanzitutto nei confronti delle famiglie, e anche del Consiglio Comunale, ci sarà una Commissione prossimamente che abbiamo chiesto noi di Partecipazione e il Consigliere del Gruppo Misto, se non è il caso di discuterne prima con i consiglieri e con le famiglie piuttosto che trovarsi di fronte, come spesso accade, con la minestra già pronta e che a quel punto non si può modificare, che è uno stile che abbiamo trovato molte volte e che è stato ricordato anche prima. Aggiungo che allo stato attuale non ci sono degli studi o delle impostazioni didattiche che possono far pensare ad un superamento di quell’impostazione che tradizionalmente è basata sulla individualizzazione degli interventi, sempre che qualcuno mi stia ascoltando in questa aula. Vorrei sapere a questo punto cosa si sta preparando da parte dell’Amministrazione su questo argomento.”

Si dà atto che entra il Consigliere Bucci: Presenti con diritto di voto n. 22.

Il Presidente del Consiglio MONACHESI: “Chiedo a tutti di stare possibilmente nei tempi perché abbiamo molti consiglieri che si sono prenotati e oggi visto che abbiamo solo due argomenti all’ordine del giorno mi piacerebbe riuscire a dare la parola a tutti, quindi chiedo a tutti di prendere questo impegno, il primo lei Sindaco visto che sta per intervenire.”

Vedi i dettagli dell'intervento

Risposta

Il SINDACO: “Grazie Consigliere Mancini, le do gli elementi che stanno dentro il Bilancio che abbiamo approvato e che con espressioni diverse avete condiviso tutti. Noi non abbiamo toccato un Euro dal bilancio del sociale, anzi quest’anno c’è stato un incremento importante soprattutto per la partita della disabilità, questo, come tutto il resto, non ci sottrae poi da processi inevitabili di riorganizzazione rispetto alle quali ogni Assessore, ogni soggetto delle strutture preposte, approfondiscono, si confrontano, lo fanno con le associazioni, lo fanno con i rappresentanti di categoria, lo fanno con i rappresentanti delle associazioni stesse, e quindi penso che lei faccia riferimento a uno di questi incontri che c’è stato tra l’assessore Volpini e le associazioni per capire come da adesso in avanti andremo a rimodulare cercando di garantire con quelle risorse una platea di soggetti che, dico per fortuna, riusciamo ancora ad assistere. Lo dico anche con grande soddisfazione, vengo da un incontro oggi dalla CGIL regionale e dove dai dati si evince come questo comune ha destinato importanti risorse come forse non ha fatto nessun altro su scala regionale, e quindi queste risorse possono essere ottimizzate, cerchiamo di costruirle con i vari soggetti. Siamo a questo punto, finora non abbiamo toccato niente, spero che ci sia il percorso sempre più condiviso possibile, quindi gli incontri che ci sono stati erano dentro questo percorso, spero che non continui il prossimo anno al di là delle sottolineature che sono state fatte prima, non continuino a tagliare ulteriormente il fondo unico sul sociale perché è stato ora in parte almeno ripristinato, che la Regione sia in grado di garantire i trasferimenti come lo scorso anno e che noi con la parte del nostro Bilancio possiamo anche nel prossimo futuro garantire le stesse risorse che abbiamo individuato anche per il 2013. Quindi a oggi nessun tipo di novità, non nascondo però, come per tutto il resto, che stiamo lavorando per cercare con percorsi condivisi di garantire con le stesse risorse maggiori servizi, però sarà mia cura, attraverso l’Assessore Volpini, darvi i dettagli e la risultante degli incontri che ci sono stati, delle proposte che sono state avanzate, delle interlocuzioni che sono sopravvenute, del primo step che è stato in qualche maniera condiviso e la traccia degli ulteriori incontri che andremo ad avanzare sperando di poter arrivare insieme a una sintesi più condivisa possibile.”

Si dà atto che entra il Consigliere Donatiello: Presenti con diritto di voto n. 23.

Vedi i dettagli dell'intervento

Replica

Il Consigliere MANCINI (Partecipazione): “Sindaco io spero che lei si renda conto che non ha detto niente in questi cinque minuti, cioè lei non ha detto niente, io le ho chiesto quali erano i progetti in campo per riorganizzare il servizio, lei non mi ha risposto, niente, zero, quindi non so forse è un nuovo modo di comunicare in politica questo di parlare senza dire niente. Lei parla dei processi di riorganizzazione, allora quali sono questi processi di riorganizzazione? Quali sono le ipotesi che sono in campo? Anche perché quando si sono incontrate le famiglie con il dirigente e l’assessore a loro è stato detto che il giorno 8 sarebbero stati definiti comunque dei passi in quel senso, dopodiché il giorno 8 era un martedì, quindi tutti pensavano che si trattasse di una discussione in Giunta, quindi o lei ci dice intanto quello che avete detto in Giunta su quei problemi, oppure non lo vuol dire e quindi avvalora quella separazione delle vostre decisioni dal Consiglio di cui si parlava anche prima, sono allibito e anche dispiaciuto, vorrei che i processi se devono essere condivisi devono essere messi sul tavolo, se invece questa condivisione deve essere basata chissà dove o su chissà cosa allora già questo certamente non ci fa sperare bene per il futuro.”

Vedi i dettagli dell'intervento