Senigallia Atto

Interventi per la tutela del decoro della città

Mozione del Consiglio Comunale N° S-SG/2016/31 del 20 gennaio 2016

Presentazione
Approvazione
20.1.2016

Firmatari

Testo

        
COMUNE DI SENIGALLIA
PROVINCIA DI ANCONA
DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N° 8 
Seduta del 20/01/2016
OGGETTO:	MOZIONE PRESENTATA DAL GRUPPO CONSILIARE SENIGALLIA BENE COMUNE AD OGGETTO: "INTERVENTI PER LA TUTELA DEL DECORO DELLA CITTA'"
L’anno duemilasedici addì venti del mese di gennaio alle ore 16:00  nel Palazzo Municipale di Senigallia e nella solita sala delle adunanze consiliari.
Previa convocazione nei modi di rito, si è oggi riunito, in seduta straordinaria il Consiglio Comunale.
Fatto l’appello nominale risultano:
ConsiglierePres.Ass.ConsiglierePres.Ass.1 Angeletti Margherita-*14 Paradisi Roberto*-2 Beccaceci Lorenzo *-15 Pedroni Luana*-3 Bedini Mauro*-16 Perini Maurizio*-4 Bozzi Marco-*17 Pierfederici Mauro*-5 Brucchini Adriano*-18 Profili Vilma*-6 Canestrari Alan*-19 Rebecchini Luigi*-7 Fileri Nausicaa*-20 Romano Dario*-8 Giuliani Ludovica*-21 Salustri Maurizio*-9 Gregorini Mauro*-22 Santarelli Luca*-10 Mandolini Riccardo*-23 Sardella Simeone*-11 Mangialardi Maurizio*-24 Sartini Giorgio*-12 Martinangeli Stefania*-25 Urbinati Sandro*-13 Messersì Daniele*-T O T A L E     P R E S E N T I    N° 23

 Rahman AminurConsigliere Straniero Aggiunto*- Alam Mohammad ShafiualConsigliere Straniero Aggiunto-*
Sono altresì presenti gli assessori: Bomprezzi Chantal, Bucari Simonetta, Campanile Gennaro, Girolametti Carlo, Memè Maurizio, Monachesi Enzo, Ramazzotti Ilaria.
Essendo legale l’adunanza per il numero degli intervenuti, il Sig. Romano Dario nella qualità di Presidente dichiara aperta la seduta, alla quale assiste il Segretario Comunale Dott. Morganti Stefano 
Chiama a fungere da scrutatori i Consiglieri Signori: 1°  Gregorini Mauro; 2° Salustri Maurizio;  3° Rebecchini Luigi .

Il Presidente del Consiglio ROMANO enuncia l’argomento iscritto al punto 8 dell’ordine del giorno dei lavori consiliari relativo a: MOZIONE PRESENTATA DAL GRUPPO CONSILIARE SENIGALLIA BENE COMUNE AD OGGETTO: "INTERVENTI PER LA TUTELA DEL DECORO DELLA CITTA'" e concede la parola al Consigliere Sartini per l’illustrazione dello stesso.

Il Consigliere SARTINI (Senigallia Bene Comune): con questa mozione presentiamo degli interventi da portare per la tutela del decoro della città, quindi premettendo tutto quello che avevo già messo, quindi la tutela del decoro urbano sono doveri dei cittadini, che la polizia municipale deve anche tutelare il decoro urbano e sanzionare i cittadini che vadano a ledere tale decoro, il fatto è che negli ultimi anni si riscontrano da parte di numerosi cittadini un incremento della mancanza di rispetto delle regole relative al decoro urbano un po’ in tutta la città. Poi la mancanza forse più diffusa del rispetto di queste regole sono relative al fatto che i proprietari dei cani non raccolgono gli escrementi da questi espulsi durante le loro passeggiate nelle vie cittadine e in modo particolare durante le passeggiate sulle spiagge cittadine. Premesso che molti proprietari di canidi consentono l’accesso ai propri animali in parchi e giardini ad essi interdetti, premesso che un’altra diffusa mancanza di rispetto di una normativa nazionale vigente è relativa al fatto che molti fumatori gettano le cicche di sigarette in strada e sui marciapiedi, premesso che Senigallia Bene Comune condivide il principio che sia necessario un intervento pedagogico di educazione e sensibilizzazione alla problematica che coinvolga la cittadinanza tutta ma trova altresì necessario che venga parallelamente portata avanti un’azione volta a sanzionare i trasgressori, il Consiglio comunale di Senigallia quindi chiediamo che impegni il Sindaco e la Giunta per l’approfondimento e l’adozione delle seguenti proposte: programmare delle azioni di sensibilizzazione alle tematiche riportate nelle premesse condivise con le scuole, le associazioni e altri operatori interessati; coinvolgere il corpo di polizia municipale per una maggiore azione nel merito durante i turni di servizio comprendendovi anche i borghi e le aree periferiche, finalizzati questi interventi a creare così un’ulteriore sensibilità al tema da parte della cittadinanza, e per ultimo ovviamente l’installazione di idonei contenitori nella città e sul lungomare necessari per una corretta opera di sensibilizzazione e prevenzione.

Si dà atto che esce il Consigliere Canestrari: Presenti con diritto di voto n. 22.

Il Presidente del Consiglio ROMANO: apriamo il dibattito.

L’Assessore RAMAZZOTTI: buonasera a tutti. Ringrazio il consigliere Sartini per aver portato questa discussione in Consiglio comunale in quanto è sempre materia interessante ed è importante parlarne. Ne avevamo già discusso anche in Commissione ribadendo e cercando di illustrare anche tutti i provvedimenti e le scelte che stiamo cercando di portare avanti come Amministrazione anche con il contributo del Consiglio e della maggioranza tutta riguardo a queste tematiche che ovviamente sono una sfida importantissima per il decoro e la pulizia della città. Prendo spunto da questa mozione per ribadire e anche per affermare quali sono gli interventi che stiamo portando avanti, parte già iniziati nel precedente mandato ma anche dall’inizio di questo mandato e che tutto sommato raccolgono e superano anche le richieste che il consigliere Sartini fa nell’ambito di questa mozione che comunque sia ci permette di ribadire in questo momento e fare anche un po’ di sintesi su tutto quello che si è fatto. Parto dal problema, dalla presenza, dalla capacità di tanti cittadini e dalla volontà anche di tanti cittadini di avere un animale d’affezione, è una tematica sulla quale abbiamo molto discusso, una tematica che ovviamente ha tantissimi risvolti compresa quella che ricorda il Consigliere del fatto che il lordare marciapiedi e strade a volte da parte di chi detiene questi animali e che magari non si preoccupa o non si occupa della giusta pulizia. Si tratta di una modalità che secondo me, su questo non condivido molto la lettura che il consigliere da in quanto credo che in questi anni ci sia stata invece una maggiore consapevolezza e che da parte anche degli utenti degli animali da affezione sia sempre più presente la capacità e anche la necessità di avere animali d’affezione ma anche di prendersi cura delle esigenze e di ciò che un animale da affezione prevede. Stiamo lavorando con tantissime associazioni di animalisti, associazioni che hanno come finalità la cura e la tutela dell’animale d’affezione, in modo particolare del cane, presenti nel nostro territorio con cui portiamo avanti un programma che veda l’accoglienza dell’animale sia nelle strutture alberghiere, sia nei ristoranti, sia nei negozi per facilitare la presenza di animali da affezione in qualsiasi luogo, anche al mare abbiamo detto, anche nelle spiagge, per cui questa è un po’ la nostra finalità come Amministrazione di tutelare il territorio e anche la pulizia di questo creando quella passione verso l’animale d’affezione che porta naturalmente di fatto i proprietari poi a tener pulito anche i luoghi e raccogliere la defecazione che l’animale ovviamente fa durante le passeggiate che questo compie. Per cui esistono già sanzioni e normative che impediscono o che sanzionano coloro che non adempiono a questa modalità e so che la polizia municipale spesso eleva anche contravvenzioni, è ovvio che la defecazione è difficile elevare la multa perché nel momento in cui c’è la guardia giurata è ovvio che l’infrazione non viene fatta dall’utente, la presenza della guardia giurata induce ovviamente a un buon comportamento, il problema quindi non lo risolviamo semplicemente chiedendo alla polizia municipale di aumentare i controlli che ci sono, che vengono fatti, addirittura a volte anche in borghese sono stati fatti dalla Polizia Municipale i controlli in quanto è impossibile controllare contemporaneamente tutto il territorio di giorno e di notte perché poi molte volte i detentori di animali escono con i loro animali anche di notte, dobbiamo agire su un fatto culturale, dobbiamo prevedere nei regolamenti la punizione sanzionatoria rispetto a questo mancato rispetto della normativa ma non è lì che otterremo i risultati maggiori, otterremo risultati maggiori quando convinceremo le persone che voler bene alla città, voler bene all’ambiente pulito significa anche voler bene agli animali, voler bene a tutti e quindi per questo motivo mi impegnerò, mi darò da fare per rispettare questa normativa, quindi non è soltanto un fatto punitivo ma credo che rappresenti più un fatto culturale. Un fatto culturale che secondo me invece sta emergendo, sta aumentando e sta trovando un potenziamento se non altro in tantissimi cittadini che vivono e capiscono l’importanza di tutto questo. Per ciò che riguarda i parchi pubblici ovviamente laddove ci sono i giochi per i bambini è vietato l’accesso dei cani, mentre stiamo istituendo anche con le associazioni di volontariato delle aree per la sgambatura dei cani, è in fase di realizzazione, la prima che abbiamo assegnato si trova nella località della Cesanella ma ne abbiamo studiate tre di queste aree che invece faciliteranno la presenza di cani in zone recintate, riservate proprio per questo tipo di utilizzo per cui crediamo che la città deve essere tutta accessibile agli animali, in qualsiasi luogo, abbiamo detto anche nei ristoranti, in spiaggia, ma che invece nei parchi pubblici possa esserci questa differenziazione tra quelli dove sono presenti i bambini con i loro giochi e quindi dove anche la defecazione dell’animale è difficile dall’essere rimossa del tutto, mentre è favorita la presenza degli animali in queste aree di sgambatura che sono riservate proprio ai cani, quindi credo che questo problema lo risolveremo in questo modo. Per ciò che riguarda invece la normativa nazionale, ricordo che il 28 dicembre il Governo ha emanato un decreto legislativo collegato alla legge di stabilità che sancisce il divieto di gettare cicche di sigarette a terra, carta a terra, qualsiasi piccolo rifiuto, a questo aggiungo il chewingum che purtroppo sono anche queste causa di molta sporcizia nelle nostre città e nelle nostre piazze. Il Governo prevede in questo decreto legislativo il divieto di abbandono di rifiuti di piccolissime dimensioni e prevede una sanzione amministrativa che può essere raddoppiata fino al doppio, fino a trecento euro se il rifiuto è una cicca di sigaretta, i proventi delle sanzioni vengono tenuti per metà dal Governo e per metà consegnati ai comuni e saranno utilizzati per promuovere una cultura che possa essere a sostegno dell’ambiente. Questa la ritengo l’opera più importante di questo decreto legislativo, il conferire le sanzioni che è giusto che ci siano, che la nostra polizia provvederà ad esercitare anche se teniamo conto che è una prassi, mentre quella della dedicazione del cane credo che sia un fatto culturale rispetto al quale i cittadini stanno aumentandone nella sensibilità, quella della cicca di sigaretta purtroppo è una prassi consolidata quella di buttarla per terra, una prassi considerata quasi normale, quali ovvi e qui invece credo che sia importante e necessaria la sanzione perché dobbiamo all’inizio arrivare a scuotere le coscienze, farlo anche con la sanzione, è un’azione, una promozione, ci stiamo attivando come Assessorato, sono molto contenta di questo decreto legislativo dello Stato che possa prevedere un incutere nel nostro modo di ragionare il fatto che buttare una cicca per terra sia bruttissimo, sia sconveniente, sia incivile quindi credo che siamo ancora lontani, per lo meno nella nostra realtà, in alcune realtà invece su questa cosa sono un pochino più avanti, è una realtà rispetto alla quale condivido il fatto che la sanzione che potrà essere elevabile dal 2 febbraio possa aiutarci a ostacolare questo cattivo comportamento e i ricavati invece utilizzarli per convincere, per dimostrare che duecento anni che il tempo che quel mozzicone dura è un tempo esagerato e che non ci possiamo più permettere, gettare quel mozzicone di sigaretta nei tombini delle fognature è un danno enorme, addirittura i ricavati di questa sanzione potrebbero anche utilizzati anche per la pulizia delle caditoie, quindi un Comune può recuperare queste sanzioni e utilizzarle in tutte queste modalità che invece permettono secondo me una visione e una modalità più civile di convivenza. A questo proposito l’avevo già espresso in Commissione abbiamo provveduto, abbiamo già ordinato l’accessorio che verrà montato nel cestino, abbiamo in città due modelli di cestini, chiamiamolo così, modello lungomare per intenderci e moderno centro storico e quindi abbiamo dovuto acquistare due accessori diversi compatibile con l’uno e con l’altro, molto più rapido la consegna del modello lungomare, molto più lunga la consegna del modello centro storico essendo fatti di ghisa, quindi siamo in attesa che arrivi l’ordinativo dei porta sigarette e quindi appena arriveranno provvederemo immediatamente a dotare tutti i cestini di porta sigarette e speriamo che se non altro questo accorgimento faciliti anche se so che non sarà così scontato che l’accessorio porterà al corretto comportamento ma non ci fermeremo. Stiamo già facendo, abbiamo già fatto, da quest’anno in occasione della Settimana europea per la riduzione dei rifiuti sia con Legambiente che con Forestalp abbiamo attivato un programma di educazione nelle scuole che credo che sia quello più importante da questo punto di vista, cioè far crescere nuovi giovani, i nuovi adulti, fin da piccoli con la consapevolezza che inquinare l’ambiente sia un male, per cui in questi incontri che abbiamo contribuito a costruire insieme di educazione all’ambiente abbiamo fatto con Lega Ambiente Puliamo il mondo, quindi portato i ragazzini a raccogliere i rifiuti intorno al loro quartiere e poi provare a capire chi aveva prodotto quel rifiuto e perché e in che modo possiamo evitare che il giardino della palestra dove loro giocano, il giardino della scuola possa tornare a sporcarsi così facilmente anche nei giorni successivi. Credo che questa politica che abbiamo fatto di tantissimi incontri nelle scuole anche con quest’opera di volontariato che molte di queste associazioni ci offrono per favorire un rispetto e una cura dell’ambiente, credo che sia una delle azioni più importanti che abbiamo cercato di mettere in campo nel corso di questi mesi scolastici. Tutto questo mi porta a dire che ringrazio di questi suggerimenti che lei ci propone ma queste cose sono già tutte in corso d’opera, le stiamo già tutte realizzando, anche di più forse di quello che la mozione prevede per cui non ritengo di dover accogliere questa mozione se non come occasione per la discussione in quanto penso che non ci sia nulla da fare in più rispetto a quello che stiamo facendo se non di potenziarlo, di migliorarne ancora l’attuazione che è già costante, forte questa attenzione all’ambiente da parte di questa consiliatura e di questo assessorato.

Il Presidente del Consiglio ROMANO: siamo nel dibattito, chiedo ai consiglieri di mantenersi quanto più possibile sul tema in modo da procedere separatamente con gli ordini del giorno.

Il Consigliere PEDRONI (PD): io sono d’accordo con tutto ciò che ho sentito adesso da parte dell’Assessore Ramazzotti perché abbiamo già trattato questi argomenti, li abbiamo trattati già in Consiglio comunale, sono stati portati in Commissione, in Commissione sono stati illustrati da parte dell’Assessore tutti gli impegni presi dall’Amministrazione per quanto riguarda gli incontri, per quanto riguarda la sensibilizzazione anche agli imprenditori degli stabilimenti e tutto ciò che ci ha ricordato, in aggiunta oggi abbiamo un nuovo decreto a livello nazionale riguardo addirittura le sanzioni per quanto riguarda i mozziconi di sigarette ma non solo perché comprende a fazzoletti, scontrini e compagnia bella, quindi alla luce di tutto questo sicuramente è un argomento importante però come nuova mozione non trovo motivo di portarla avanti quindi chiedo al consigliere l’eventuale ritiro della mozione.

Il Consigliere SARDELLA (PD): alcune premesse necessarie in primo luogo quella del decoro della città, perché la mozione è denominata interventi per la tutela del decoro della città. Senigallia non è una città indecorosa, Senigallia è una città che soprattutto nel centro storico, nelle zone centrali e principali del lungomare è ben curata, qui nel centro storico si vedono passaggi quotidiani ma anche più passaggi al giorno sia d’estate che d’inverno per la pulizia e lo svuotamento dei cestini. Qualche problema di decoro c’è però nelle zone periferiche oppure c’è in alcune zone del lungomare soprattutto d’inverno quando non si assiste alla presenza dei turisti e i problemi di decoro non attengono al quadro sanzionatorio che c’è, è stato aggiornato anche di recente come ricordava l’Assessore, attengono giustamente alla sensibilità civica dei cittadini, sensibilità civica che in qualche modo l’Amministrazione comunale deve contribuire a formare quando magari è carente, e quindi sono giuste le opere di sensibilizzazione, sono giuste anche opere di informazione. Io ricordo che era settembre, l’assessore Ramazzotti era da poco in carica, le inviai su Whatsapp un cartello pubblico che avevo trovato a San Marino, ma che si trova in tante città in particolar modo del nord, sul divieto di deiezioni degli animali, sull’obbligo di raccolta e sulla sanzione prevista. Qualcuno scrive lo faresti a casa tua, ci sono varie formule per sensibilizzare la cittadinanza su questo aspetto perché oggettivamente, penso ai mozziconi di sigaretta ma penso agli escrementi degli animali, e attenzione Assessore Ramazzotti qui nessuno mette in discussione l’importanza e la centralità dell’animale da affezione, sappiamo tutti quanto un animale d’affezione può essere utile nella vita di una persona, nella vita di una famiglia qual tipo di corrispondenza si instauri tra animale e persona, qualche volta anche eccessiva, qualche volta ci son persone che amano più gli animali che le persone, forse perché è più facile rapportarsi con gli animali, loro non rispondono e non risultano antipatici, le persone qualche volta rispondono e risultano antipatiche e quindi è più complicato, quindi non è in discussione quello, nella maniera più assoluta, però il comportamento e l’inciviltà di alcuni proprietari di animali che qualche volta mi si consenta siano più animali loro dell’animale, l’animale poverino che colpa ha? La fa dove capita, di recente sono stato a Marina Vecchia uno deve stare attento a dove mette i piedi, è un campo minato, una cosa impressionante, non so se l’Assessore Ramazzotti c’è mai stata a fare una passeggiata a marina vecchia, ci vada Assessore, ci vada magari con un bambino piccolo a cui deve correre dietro torna a casa con le scarpe piene di escrementi dei cani. Allora la sensibilizzazione voi dite la state facendo, facciamola un po’ di più e facciamo, la polizia municipale interviene ne sono convinto, le risorse chiaramente son quelle che sono perché poi le persone bisogna beccarle sul fatto, vorrei sapere dall’Assessore per esempio quante multe per violazione delle norme sugli escrementi di animali o per getti di rifiuti sono state elevate, quindi a livello statistico 2015 quante multe sono  state fatte per getto indiscriminato di rifiuti, per violazione delle norme sugli escrementi degli animali, c’è il dato o non c’è? Una multa, dieci multe, cinquanta multe, duecento multe, e non è solo un problema di multa ma è un problema di sensibilizzazione, quindi i cartelli in tante città civili del Nord ci sono, magari, non credo costino molto, facciamoli anche noi, avvisiamo la popolazione che c’è una sanzione di 500 euro, 1.000 euro, sull’abbandono dei rifiuti, getto dei rifiuti, getto del mozzicone di sigaretta e abbandono di escrementi di animali. A me è capitato di trovare addirittura qualcuno magari raccoglie la sacchettina e poi la lascia in giro o la mette in un anfratto, cioè raccogliere l’escremento ma neanche lo butta nel rifiuto, lo lascia in giro. Non sono cose belle a vedersi e a maggior ragione non sono cose belle a vedersi durante la stagione turistica perché si vedono purtroppo anche durante la stagione turistica e danneggiano l’immagine della città perché ricordiamo che noi abbiamo un turismo essenzialmente di carattere familiare, principalmente di carattere familiare, di anziani, e le famiglie con i bambini quando vengono in città vogliono una città accogliente, una città che gli garantisca manifestazioni, una città bella, e già lo siamo, ma vogliono anche una città pulita e chiunque di noi ha l’occasione di incontrare magari qualche volta dei turisti dicono Senigallia bellissima, però è sporca, notano questa sporcizia che ripeto non riguarda il centro storico, il centro storico perlomeno per quella che è la mia sensibilità è adeguatamente pulito, però riguarda le zone diciamo più periferiche. Io credo che non ci sia nulla di male a prendere in considerazione questa mozione, se son cose che già facciamo benissimo, la mozione non va contro qualcosa che già facciamo, mi sembra ragionevole, anzi potrebbe essere integrata, ampliata, potremmo scrivere ad esempio di prevedere proprio una cartellonistica con l’indicazione delle sanzioni applicate nei confronti di chi getta i rifiuti a terra, quindi se già sono in corso queste iniziative la mozione è solo un atto di stimolo a proseguirle e integra quanto già si sta facendo, anche se viene dall’opposizione, questo per dire che non sempre quello che viene dall’opposizione deve necessariamente essere cassato quando è ragionevole.

Si dà atto che esce il Consigliere Perini: Presenti con diritto di voto n. 21.

Il Consigliere MANDOLINI (Movimento 5 Stelle): sento parlare di lungomare, centro storico, bidoni modello lungomare, bidoni modello centro storico, mi domando le frazioni? Un bidone modello frazioni? Vallone, Borgo Bicchia, Bettolelle, Brugnetto, ci sarà un bidone in tutta la frazione penso, passeggio col cane devo camminare mezz’ora con la sacchetta in mano per arrivare al bidone e dopo magari capita che il cittadino è incivile perché la lascia vicino magari al cestino di qualcun altro o la lascia lì, a quel punto il cittadino non è messo nelle condizioni di essere civile. Quello che propone la mozione, come ha detto Sardella, a mio parere è accoglibile perché ci vuole magari più sensibilizzazione e un adeguato magari inserimento dei cassonetti, trovare un modo, studiarlo anche insieme, cassonetti adeguati non tanto quelli che ci sono adesso, cassonetti che permettano anche una raccolta differenziata del rifiuto urbano, la cicca di sigaretta quella si ricicla, la plastica del bicchiere quella si ricicla, d’estate il lungomare è pieno di bicchieri di plastica per strada e vanno a finire tutti in un calderone del grigio che poi dopo lo paghiamo perché va in discarica, cerchiamo di diminuire ancora di più questi conferimenti in discarica magari cercando una soluzione di bidoni adeguati in cui il cittadino può differenziare direttamente, un po’ come quelli che ci sono all’interno dei supermercati ma anche in tante altre città già sono presenti, quindi penso che la mozione sia pienamente accoglibile.

Si dà atto che entra il Consigliere Angeletti: Presenti con diritto di voto n. 22.

Il Consigliere MARTINANGELI (Movimento 5 Stelle): per quanto mi riguarda io ho apprezzato molto il contenuto della mozione di Sartini, ho apprezzato sicuramente anche l’intervento dell’Assessore Ramazzotti perché è stato un intervento molto esteso, compiuto, esauriente direi e anche esaustivo proprio. E anche gli interventi che durante il suo discorso ha annunciato, gli interventi che l’Amministrazione ha fatto, che farà, gli intenti in questo settore. Sicuramente è vero che la sensibilità dei cittadini è cresciuta, però ora è necessario, secondo me, anche in vista in particolare delle sanzioni governative che entreranno in vigore da qui a breve, di programmare delle vere e proprie azioni di sensibilizzazione anche per far capire ai cittadini che non si scherza più, che finora abbiamo discusso, parlato e sensibilizzato ma da qui a breve chiaramente si passerà alle vie di fatto, mi sembra che sia giusto che i cittadini ne siano pienamente consapevoli. Di tutto questo discorso che dico e ripeto ho apprezzato dell’Assessore Ramazzotti, però non mi è piaciuta la finale del discorso, perché alla fine lei Assessore conclude dicendo ottima la mozione però l’Amministrazione ha già fatto tutto quindi non abbiamo bisogno della mozione di Sartini, quindi ritiratela dice il consigliere Pedroni. Ma perché la dobbiamo ritirare? Anche il consigliere Sardella ritiene che comunque vi siano delle carenze proprio nel settore del decoro urbano, della pulizia, delle abitudini dei cittadini eccetera e che comunque ci sono alcuni modi anche diversi di educare rispetto a quelli che l’Amministrazione ha fino ad oggi praticato, altri modi di sensibilizzare la gente, quindi si potrebbe dire la sensibilizzazione la state già facendo, ma facciamola un po’ di più, questa mozione altro non è che uno stimolo, non vuole censurare il comportamento dall’Amministrazione, è una mozione assolutamente propositiva che, secondo me, e qui chiaramente faccio anche la mia dichiarazione di voto, va assolutamente accolta. Purtroppo mi rendo conto che su quattro cinque interventi di cui magari quattro favorevoli e uno sfavorevole o due sfavorevoli, sicuramente la mozione magari poi in votazione non verrà accolta e di questo me ne rammarico.

Il Consigliere SARTINI (Senigallia Bene Comune): grazie per le osservazioni, all’Assessore Ramazzotti volevo un attimo rispondere. Al di là del fatto che con i cani all’interno della città abbiamo dei problemi di cui parlerò anche venerdì perché ho preso un appuntamento, però quello è per l’attività lavorativa che faccio e quindi conosco abbastanza bene queste norme per cui ho presentato questa mozione. Le sanzioni non è che sono state sollevate adesso, ci sono da sempre, ci sono addirittura delle ordinanze che prevedono 430 euro quando uno non ha il sacchetto in tasca mentre gira per strada, ma non andiamo a sollevare queste problematiche normative, giustamente volevo sollevare il punto che noi non diciamo di fare determinate cose quanto di sensibilizzare quanto è più possibile, e qui mi riallaccio ai discorsi fatti anche dal consigliere Sardella, di fare in modo che i cittadini siano consapevoli maggiormente che bisogna tutelare questo bene comune che è prezioso che è l’ambiente che ci circonda e di rispettare gli altri. Non so se capita di andare nei giardini intorno alla Coop o anche da altre parti lì è interdetto l’accesso ai cani, però tutti portano continuamente i cani e li lasciano defecare lì anziché farli defecare nei giardini dei condomini perché chiaramente nessuno interviene quando dei cani sono all’interno di questi giardini, allora io non dico che il vigile deve andare a sanzionare, però quando uno entra col cane, una giratina, un occhio questo chiaramente dice non ci posso entrare e lo porta da un’altra parte l’animale. Poi convengo sul discorso che lei aveva già accennato durante la Commissione che sarebbero arrivati entro Natale o per la fine dell’anno questi cestini per il centro storico, l’aveva già accennato, infatti non ho fatto riferimento a quello, ho fatto riferimento alla città e soprattutto alla spiaggia perché durante la stagione invernale camminare sulla spiaggia è camminare alla balia delle feci dei cani, perché sulla spiaggia non le raccoglie nessuno, perché la sabbia nasconde quindi rimangono lì. Però sulla spiaggia non ci vanno solo gli animali, ci vanno anche le persone, anche i bambini e volente o nolente ci sono delle malattie che soprattutto i bambini possono prendere, quindi si tratta un po’ di sensibilizzare. Al di là delle sanzioni che torno a ripetere sono dell’ordine da centocinquanta minimo a novecento, quindi si fissano a trecento fisse perché dopo è il doppio del minimo e un terzo del massimo la sanzione prevista, non è tanto la sanzione quanto la presenza che sia incisiva e un’informativa ai cittadini che da oggi in poi, a parte appunto che dal 28 dicembre è uscito questo decreto e quindi noi l’abbiamo presentata subito dopo perché avvalora ulteriormente questa proposta che facciamo con questa mozione e ci siamo allineati con le norme nazionali, ma soprattutto si tratta di fare in modo che all’interno delle scuole si facciano anche questi percorsi con gli insegnanti fin da piccoli, dagli asili, in modo che cresca nella mente del ragazzo che se vede il padre o se vede qualcuno che butta la cicca a terra non lo riprenda ma gli faccio notare perché butti a terra quando mi hanno detto che non si può fare. Torno a ripetere non è polemica, se si stanno facendo queste iniziative devono essere maggiormente incisive anche come diceva Sardella con cartellonistica, un pieghevole da distribuire tra i ragazzi, portarli a far vedere la situazione di certi tombini, di certi giardini, bisogna evitare queste situazioni perché il decoro cittadino, l’immagine e l’educazione dei cittadini passa anche attraverso queste immagini che gli diamo che si fissano soprattutto nella tenera età, poi quando sono vecchi è chiaro che rimuovere le problematiche culturali che si portano dietro è più difficile rimuoverlo in una persona di sessanta, settanta anni o di cinquanta, ma nei bambini che ancora devono apprendere le modalità operative io penso che sia importante far passare questi messaggi.

Il Consigliere PEDRONI (PD): per un chiarimento. Io ho chiesto di ritirare la mozione perché, forse non mi sono spiegata, tutti questi argomenti che abbiamo trattato oggi, le stesse identiche parole, stessi argomenti, sono stati già discussi in Commissione con degli impegni presi dall’Assessore, quindi a questo punto ripartire con una mozione nuova o valutiamo quello che è stato fatto, quello che si sta facendo sotto una forma diversa perché questo è ripartire completamente da capo a novembre dicembre.

L’Assessore RAMAZZOTTI: cercherò di chiarire meglio alcune cose. Non voglio essere di parte ma ritengo che la nostra città sia decorosa, quest’anno in modo particolare da quando ho questa delega sto molto attenta al nostro territorio. Devo dire che ci sono intere giornate dove io non trovo nemmeno un pezzetto di carta nel nostro centro storico, per cui la ritengo una città civile, certo d’estate è più complicato, siamo arrivati questa estate a quattrocentomila presenze, quindi è ovvio che la cura del territorio chiede uno sforzo enorme, abbiamo cercato di farlo anche quest’estate tutto sommato devo dire che da parte di tante persone ho ricevuto anche un plauso per come hanno trovato pulita la nostra città, anche chi viene da fuori e non la conosce, quindi credo che dobbiamo innanzitutto partire da un dato che la nostra è una città pulita da questo punto di vista, certo ritengo che il problema vero e reale sia quello delle cicche di sigarette che questo è una realtà che io per prima ammetto e dico che ancora dobbiamo abituare, aiutare la sensibilizzazione anche con la sanzione perché credo che in questo mento sia utile e necessaria. Le violazioni che la Polizia municipale ha elevato nel corso del 2015 Consigliere Sardella sono state trentasei, alcuni anche fatte in borghese senza divisa, per ovviamente trovare il cittadino che non rispetta i regolamenti, per cui non si tratta di un numero eccessivo ma non lo ritengo elevato perché è evidente che da una parte la presenza della nostra Polizia municipale è su tanti fronti, dall’altra è anche vero che di fronte alla presenza dell’autorità il cittadino ha un comportamento consono. Questo è più che è ovvio, che otteniamo poco o sicuramente non risolviamo il problema attraverso la polizia municipale perché di fronte alla presenza della polizia il cittadino tiene un comportamento corretto, difficilmente sanzionabile. Mentre per ciò che riguarda i cartelli i nostri giardini dove ci sono i giochi sono già tutti provvisti di cartelli, potremmo metterne altri per la città, ma per esempio il problema lo ritengo vero e reale nella spiaggia, ma questo attiene a un altro tipo ugualmente di cultura e di sensibilizzazione, sappiamo che l’accesso agli animali è possibile nella nostra spiaggia da aprile a ottobre e quindi in quel lasso di tempo dovremo portare le persone a rispettare questo luogo e anche nel cercare di pulirla. Il problema dei cestini è una realtà, abbiamo già attivato un censimento in tutto il territorio di dove sono oggi posizionati i nostri cestini, cercando di individuare anche su una piantina con internet la posizione specifica del cestino per sapere se esistono luoghi dove ce ne sono troppi o luoghi dove ce ne sono pochi per poter così equilibrare questo rapporto, anche se, l’ho ribadito in Commissione, io ho provveduto in questo periodo all’acquisto di nuovi cestini per la sostituzione di quelli rotti, di quelli che magari sono rovinati, a volte anche appoggiati per terra, questo lo ammetto, capita magari in alcuni luoghi dove è da tanto tempo che non si utilizza più il cestino, ma la metà è toglierli tutti, la metà è quella della civiltà, è arrivare come succede in Val Pusteria, come succede in tutte le nostre belle montagne, dove hanno tolto completamente ogni porta rifiuti in quanto il rifiuto per differenziarlo bisogna che lo differenzio e quando arrivo a casa lo getto nel contenitore adeguato. Altrimenti è impensabile differenziare il rifiuto nel cestino perché non accadrà mai, perché sarà sempre tutto mescolato e comunque dovremmo differenziarlo nuovamente, per cui è difficilissimo controllare la differenziata ovviamente urbana, anche perché dovrebbe trattarsi di una minima quantità, ma la meta anche se e ovvio non è per adesso, non è subito, ma non è quella di dotare il territorio del doppio dei cestini che ci sono adesso, almeno così ci dice chi ha città veramente pulite da molto prima di noi, è quella di toglierli completamente. Con questo auspicio io credo che non possiamo considerare il decoro di questa città come il problema dei problemi, anzi fortunatamente non lo è, le cose le stiamo facendo in maniera intensa, con la collaborazione di tutti, e quindi ringrazio anche tutti quelli che danno suggerimenti, che vengono a portare il loro contributo in partenza, ma credo che accogliere una mozione laddove le cose si fanno sia anche anacronistico. 

Il Consigliere SARTINI (Senigallia Bene Comune): se le cose si fanno, non ho detto che non si fanno, ho anche detto che in Commissione ha detto che sarebbero arrivati i cestini nuovi per il centro, il centro è pulito, il centro va bene, però non esiste solo il centro, c’è tutta la città, quindi quando io ho parlato ho parlato di città non solamente del centro storico e del lungomare. Lei adesso ha ammesso che il problema sul lungomare l’abbiamo perché lì effettivamente c’è qualcosa che non funziona, non entriamo nei dettagli, però torno a ripetere io non sto dicendo che quello che sta facendo lei non va bene, è un impegno a fare in modo che si faccia più informazione, più educazione per giungere poi alla fine anche a non avere più l’esigenza di avere dei cestini, tra trent’anni forse ci riusciremo, non lo so, però bisogna partire con la dovuta educazione oggi, quindi con campagne di sensibilizzazione oggi, fare in modo che le persone che commettono questo atto scellerato di buttare o svuotare il posacenere della macchina per terra non ci sia più a Senigallia. Io capisco che lei è l’Assessore incaricato al decoro, quindi alla manutenzione qua e là, dice lo stiamo facendo, ma se anche lei assessore ha ammesso che ci sono delle problematiche con la defecazione dei cani sulle spiaggia, lì abbiamo messo i cartelli però ci vanno ugualmente, nessuno interviene, facciamo azioni più incisive, facciamo informazione maggiore per far sì che queste cose non succedono e soprattutto non pensiamo solo al centro storico. Io vivo in un borgo che è Borgo Molino, se viene a fare il conteggio dei cestini che ci sono avanza una mano, quindi importante è capire che la città è la città, non solo il centro storico perché i cittadini non vivono nel centro storico, nel centro storico vive una parte minima, ci sono anche i borghi, le frazioni da curare. Non voglio polemizzare, stiamo dando dei suggerimenti, sono solo suggerimenti, per poter poi educare i cittadini e avere tutta la città pulita, non solo il centro storico e la spiaggia. Poi ognuno è libero di valutare e non è obbligatorio dire devi comperare cinquecento cestini, mettere cinquemila dissuasori per chi butta, ci vogliono le telecamere così ti posso sanzionare, è solamente un sollecito a prendere provvedimenti in modo da educare fin da piccoli, con le associazioni e con le scuole perché i ragazzi siano educati e le famiglie di conseguenza si educano perché i ragazzi poi riportano questo a casa.

Il Consigliere PIERFEDERICI (PD): una sola cosa, non vi farò perdere molto tempo considerato che c’è stata già una Commissione in cui abbiamo scambiato idee in modo molto libero e considerata anche la richiesta della consigliera Pedroni, considerato tutto quello che ci ha detto l’Assessore, considerato che c’è una pedagogia per adulti, dunque il Consigliere Paradisi è molto più esperto di me della lingua greca, si dovrebbe dire con neologismo, dovremmo insegnare agli adulti come comportarsi e non è così facile. Noi parliamo da anni di civiltà mentre ci accorgiamo che fuori delle aule in cui discutiamo l’educazione sta scemando sempre più, non è così facile trovare comportamenti civici corretti, in certe città del nord, forse l’erba del vicino è sempre più verde, questo succede, in certe città del nord Europa succede, ma se voi andate a Stoccolma a fare nei giardini pubblici una bella passeggiata, al di là del fatto che chi raccoglie le cicche nei giardini pubblici è pagato 1.500 euro al mese perché così va in quel Paese, le cicche le trovate nei giardini pubblici, c’è qualcuno pagato molto bene che passa più volte al giorno, ma in questa città non credo sia possibile trovare persone, e pagarle soprattutto, trovarle è possibilissimo. Dunque noi stiamo ragionando a lungo, l’amministrazione ha preso degli impegni, consigliere io in tutta amicizia visto che già abbiamo parlato a lungo di questo e sappiamo cosa si dovrebbe fare penso che perfino l’assessore che più volte ha ribadito dei concetti sappia benissimo cosa fare ormai, credo che questa, ma non gliela voglio bocciare, sono in imbarazzo, lo capisce spero, credo che sia del tutto inutile, ne abbiamo parlato e riparlato, ci sono dei comportamenti dell’amministrazione positivi in atto e in itinere o tutto quello che vuol dire tutto questo, credo che abbiamo tutti preso atto per l’ennesima volta che occorre fare qualcosa, non occorre una mozione ulteriore, ne abbiamo parlato e riparlato, capisco anche che è una tecnica. Le mosche sono percuzienti, si posano sempre sul piatto di minestra per ottenere quel che vogliono, ma in questo caso credo nessuno dalla nostra parte è contrario, potremmo astenerci tutti ma che senso ha fare un’ulteriore mozione, visto che già ne ha fatta una, visto che ne abbiamo parlato anche in Commissione, scusate ma questo per sfogarmi un po’.

Si dà atto che esce il Sindaco: Presenti con diritto di voto n. 21.

Il Presidente del Consiglio ROMANO: Consigliere Sartini replichiamo per l’ultima volta e poi chiudiamo il dibattito generale perché io sinceramente non voglio andare a casa all’una di notte per parlare del nulla, lo dico come Presidente, non era nei suoi confronti e nei confronti di nessuno.

Il Consigliere SARTINI (Senigallia Bene Comune): sono stato interpellato, ne abbiamo parlato in Commissione ed è finito lì. Parlare, non scrivere, non ci sono impegni assunti [si registra un contraddittorio fuori microfono] quale? Dove è scritto? Un verbale della Commissione codificato non esiste, perché cosa è uscito? Abbiamo detto che avrebbero preso i cestini per la fine dell’anno non li ho visti, ma adesso non voglio polemizzare. Io non giro come fa la mosca per arrivare sempre alla minestra, la risultanza è che quando noi andiamo nelle Commissioni deve uscire qualche cosa che si riporta in sala Giunta, altrimenti che cosa discutiamo? 

Il Presidente del Consiglio ROMANO: chiudiamo la fase del dibattito generale, apriamo la fase delle dichiarazioni di voto.

Il Consigliere SARDELLA (PD): dichiarazione di voto favorevole a questa mozione perché la trovo ragionevole, perché non c’è un accenno contrario all’Amministrazione, è una mozione assolutamente ragionevole, di principio, condivisibile non è come le mozioni che fa Paradisi magari in cui dice principio condivisibile, aboliamo il cumulo dei vitalizi perché voi del PD cumulate i vitalizi. Dopo diventa complicato votare un ordine del giorno perché poi uno può essere d’accordo sull’abolire i vitalizi, ma poi perché voi del PD cumulate i vitalizi diventa complicato. Mi andava di citare Paradisi, volevo citarlo, mi piace ogni tanto chiamarlo in causa. Giustamente dice Sartini, io non ero in Commissione quindi non so che tipo di discussione sia stata fatta, però il verbale di Commissione non è un atto impegnativo, questo che dice Sartini è corretto, una mozione è comunque, fermo restando che la Giunta già sta facendo, e ne prendiamo atto, quanto si dice in questa mozione, però comprenderei un voto d’astensione, un voto contrario francamente mi sembra che non superi in questo caso in maniera ragionevole una contrapposizione maggioranza e minoranza che mai come in questo caso si può  tranquillamente superare, quindi dichiarazione di voto favorevole.

Il Presidente del Consiglio ROMANO pone in votazione, palese con modalità elettronica,  la mozione iscritta al punto 8 dell’ordine del giorno dei lavori consiliari che viene respinta con 6 voti favorevoli, 8 contrari (Bedini, Brucchini, Giuliani, Gregorini, Pedroni, Romano, Santarelli, Urbinati), 7 astenuti (Beccaceci, Fileri, Paradisi, Pierfederici, Profili, Rebecchini, Salustri) come proclama il Presidente ai sensi di legge.

      
Letto, confermato e sottoscritto
	Il Presidente	Il  Segretario Comunale
	F/to Romano Dario	F/to  Morganti Stefano

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,


La presente deliberazione è stata pubblicata all’Albo Pretorio dal 18 marzo 2016 al 2 aprile 2016 ai sensi dell’art. 124, 1° comma, del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267.
Lì, 4 aprile 2016	Il       Segretario Comunale
	F/to 
La presente deliberazione, non soggetta a controllo, è divenuta esecutiva, ai sensi dell’art. 134 del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267, in data 29 marzo 2016, essendo stata pubblicata il 18 marzo 2016
Lì, 30 marzo 2016	Il       Segretario Comunale
	F/to 
Spazio riservato all’eventuale controllo preventivo di legittimità, richiesto ai sensi dell’art. 127 del D.Lgs. 18/8/2000 n° 267:



 

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,