Senigallia Consiglio

Seduta del Consiglio Comunale num. 25 del 27 aprile 2017

Precedente | Successiva

RENDICONTO DELLA GESTIONE DELL’ESERCIZIO FINANZIARIO 2016. APPROVAZIONE AI SENSI DELL'ART. 227 DEL D.LGS. 18 AGOSTO 2000, N. 267.

Il Consigliere PARADISI (Unione Civica): per ribadire il voto contrario e per ricordare, il Sindaco si è dimenticato qualche tassa per strada, c’è qualche tassa in più in un comune. La COSAP, l’occupazione del suolo pubblico è una di quelle tasse in assoluto più odiose per i livelli che ha raggiunto a Senigallia, ricordavo tempo fa che addirittura siamo nella media del triplo e del quadruplo rispetto a Comuni marchigiani delle stesse dimensioni e di caratteristiche simili, l’IMU sulla seconda casa l’ha ricordata, dice non è il caso di abbassarla, e perché non è il caso di abbassarla? Io credo che anche quella è una tassa che va abbassata anche perché anche quella è ai livelli massimi. C’è la tassa sulle insegne, la tassa sulla pubblicità che massacra i commercianti, anche quelle ai livelli massimi. C’è l’addizionale IRPEF, strano che il Sindaco dimentichi una tassa fondamentale come l’addizionale IRPEF, al massimo anche quella, ci sono poi i servizi che sono di fatto delle tasse, il costo dei parcheggi a Senigallia è una tassa, i diritti di segreteria su copie conformi per esempio alla Polizia Municipale e altro è a livello massimo, tre fogli 54 euro, noi stiamo parlando di una situazione, per non parlare ovviamente di altri servizi che a Senigallia vengono fatti pagare a mio avviso fin troppo, ma stiamo parlando di una tassazione di servizi che sono tasse in realtà alle volte mascherate, che ormai hanno sfiorato l’inaccettabile, quindi non è soltanto la COSAP signor Sindaco che va diminuita. La TARI non si può assolutamente diminuire, questo è questo si paga, non è assolutamente vero, che il costo sia 100 e occorre pagare 100 sì, non è detto che debbono essere prelevati dalle tasche dei cittadini perché il Comune di Senigallia atteso che la gran parte di questa tassazione non deriva da immondizia conferita dai cittadini ma deriva, ne parleremo, ma deriva da ben altre situazioni o il Comune mette in condizione se stesso e gli altri enti pubblici di provvedere in qualche modo a non creare le condizioni per avere quel tipo di rifiuti o il Comune mette mano al portafoglio togliendo da altre parti perché non sono conferimenti che fa il cittadino di Senigallia nel suo bidoncino, quindi io non accetto che il Sindaco possa venire qui a dirci la TARI non si può toccare, non la vuole toccare, se lei dice io non la voglio toccare, non condivido ma ovviamente rispetto sempre le posizioni mi batterò, ma non può dire pensando che ci cadiamo non si può toccare, devono pagarla i cittadini, non è vero, che il costo vada pagato è vero, che la devono pagare direttamente i cittadini è una non verità giuridica, la TARI in parte la può pagare direttamente il Comune o meglio lo facciamo pagare dalla provincia e da chi è responsabile di certi spiaggiamenti, quindi non diciamo cose per altre. Finisco 69 euro e 60 Sindaco perché l’Assessore Girolametti gli ha puntato il ditino prima mi dice che sono giustificate come tutte le altre associazioni culturali? E qual è la cultura? Sputare alle persone che camminano per il corso? Questa è la loro cultura? Di lanciare le monetine, di vendere la birra? Da quando le associazioni culturali vendono la birra? Questo è un movimento politico. Stavo dicendo signor Sindaco quel tipo di movimento è un movimento politico che nelle sue manifestazioni vive ai margini della legalità e oltre la legalità, non può paragonarla a qualsiasi altra associazione. Tempo fa le ricordavo che c’era un’associazione di disabili che lamentava il fatto di non avere una sede e il Comune non abbiamo più sedi, allora toglietela a questi e datela ai disabili, facciamo pagare 69 euro e 60 a un’associazione di disabili non ai signorini, ai figli di papà del mezza canaglia, 69 euro e 60 centesimi al mese per 120 metri quadrati. E poi parleremo del mercatino biologico, oggi non c’è tempo, ma parleremo del mercatino biologico che i figli di papà organizzano lì. Vi comunicherò anche quello cari Consiglieri di maggioranza, ne parleremo, però non è ammissibile paragonarli ad altre associazioni culturali, ma di quale cultura, ma di che cultura sono portatori? Della cultura della violenza? Esattamente come Casa Pound probabilmente con la differenza che Casa Pound non ha rotto le scatole a chi manifestava legittimamente al netto delle idee, sono peggio di Casa Pound perché Casa Pound fanno i fascisti virtuali, questi sono fascisti veri, questi sono fascisti veri col manganello, con la violenza fisica, il fascismo dell’antifascismo e noi gli diamo 69 euro e 60 al mese, a casa, la paga papà la sede. Li vogliamo fare i nomi di questi papà? Alla prossima facciamo anche i nomi di questi papà che i soldini ce li hanno, glielo pagassero l’equo canone a questi signorini ma nel mercato libero se lo trovano a 69,60 non dall’Amministrazione comunale e poi chiediamo i soldi ai cittadini onesti per far alloggiare questi signorini che sputano e lanciano le monetine e rompono i cordoni di polizia e paragonano i poliziotti ai criminali, loro paragonano i poliziotti ai criminali, loro i mezza canaglia, questo è, di questo parliamo, loro che hanno scritto 10 100 1000 Nassiriya, a questi abbiamo dato l’equo canone a 69,60, 10 100 1000 Nassiriya, inneggiavano all’assassinio dei Carabinieri, questa è la verità, capisco che Sardella ha dei revanscismi rossi, gli prude all’amichetto del mezza canaglia, ma io dico quello che voglio caro Consigliere Sardella, io dico quello che voglio, mi vuoi tirare una monetina, ma mi vuoi lanciare qualcosa anche tu? Mi vuoi impedire di parlare? Magari in 30 contro uno possono anche riuscire a fare qualcosa ma io ne aspetto tre, era una battuta ovviamente, io sono un pacifico, io a differenza di tanti altri sono pacifico, alzo un pochino la voce ma come vede sono molto pacifico, tranquillo e quindi capisce che ogni tanto alzo un pochino la voce perché di fronte a questi fatti insomma credo che sia necessario mettere i puntini sulle i, e con questo concludo ovviamente e quindi il voto contrario per i motivi che ho testé espresso.