Senigallia Atto

Prosecuzione progetto con la Caritas diocesana per soggetti in grave stato di povertà ed emarginazione sociale

Delibera di giunta della Giunta Comunale N° S-CU/2011/367 del 08 marzo 2011

Presentazione
Approvazione
8.3.2011

Firmatari

Testo

        
COMUNE DI SENIGALLIA
PROVINCIA DI ANCONA
DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N° 38
Seduta del 08/03/2011
OGGETTO:	PROSECUZIONE PROGETTO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI SOGGETTI IN GRAVE STATO DI POVERTA' E DI EMARGINAZIONE SOCIALE E SENZA RETE FAMILIARE E DELLE FAMIGLIE CON MINORI IN STATO DI DISAGIO ECONOMICO, SOCIALE ED ABITATIVO. APPROVAZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE CON LA FONDAZIONE CARITAS SENIGALLIA ONLUS

L’anno duemilaundici addì otto del mese di marzo alle ore 8,00 nel Palazzo Municipale di Senigallia, previa convocazione, si è oggi riunita la Giunta Municipale.
	Sono presenti i Signori:

  PresentiAssenti Mangialardi MaurizioSindaco*- Campanile GennaroAssessore*- Ceresoni SimoneAssessore*- Colocci MassimoAssessore-* Curzi PaolaAssessore*- Meme' MaurizioAssessore*- Paci Francesca MichelaAssessore*- Schiavoni StefanoAssessore-* Volpini FabrizioAssessore-* 
Essendosi in numero legale per la validità dell’adunanza, assume la presidenza il Sig. Mangialardi Maurizio nella qualità Sindaco, che dichiara aperta la seduta, alla quale assiste il Segretario del Comune Dott. Morganti Stefano  ed invita la Giunta a deliberare.
L A   G I U N T A
Visto l’art. 33 dello Statuto, di cui alla Deliberazione Consiliare n° 19 del 19 febbraio 2003;
Udita la relazione di Mangialardi Maurizio;

Premesso che:
- il numero delle persone in condizione di grave marginalità è in aumento, sia a livello nazionale sia nel nostro territorio;
- l’emarginazione sociale riguarda gruppi di popolazione esposti a diversi rischi sociali – in particolare la povertà e la disoccupazione o la sottoccupazione;
- ad essere maggiormente colpiti da questo fenomeno sono le persone con gravi problemi di tipo relazionale/affettivo, spesso in condizioni di isolamento, con grosse difficoltà di gestione economica, con un quadro sanitario compromesso, non di rado correlato a situazioni di dipendenza (da alcool o altre sostanze) e/o di tipo psichiatrico, con un contesto culturale di appartenenza in genere medio-basso;
- la combinazione di questi fattori in genere porta queste persone ad una graduale perdita di identità personale e sociale e ad una condizione di estrema solitudine intesa come assenza di reti parentali di riferimento, ma anche di estrema limitatezza di relazioni;
- è necessario quindi garantire accoglienza, assistenza, sostegno e accompagnamento, prevenire i rischi anche di  patologie, ridurre le situazioni di disagio estremo, elaborare ed attivare adeguati percorsi di reinserimento sociale, lavorativo e familiare, nel rispetto delle peculiarità personali e culturali, agevolando la ricostruzione di legami di fiducia;
- continua la crisi economica in Italia e maggiormente colpite sono le famiglie che non riescono più a far fronte al pagamento del canone di affitto e delle utenze e spesso non riescono neppure a far fronte alla spesa quotidiana per mangiare;
- sono in esponenziale aumento gli sfratti per morosità contro famiglie con minori;
- di fronte a questa emergenza è necessario organizzare interventi integrati finalizzati  a garantire una accoglienza alle famiglie in difficoltà economico-abitativa, nonché un percorso di accompagnamento finalizzato ad una re-inclusione sociale; 
- la Fondazione Caritas Senigallia Onlus gestisce un Centro di pronta accoglienza per adulti ed alloggi sociali per adulti in difficoltà autorizzati ai sensi L.R. 20/2002;
- dal mese di maggio 2010 gestisce altresì un immobile denominato Casa Stella – dotato di 10 appartamenti destinati all’accoglienza di famiglie con minori in stato di difficoltà;
- nelle strutture sopra citate, viene garantita la prima accoglienza, intesa come assistenza  ai bisogni primari di individui che versano in situazione di particolare disagio economico e sociale (vitto, alloggio, doccia e vestiario) e la seconda accoglienza, ovvero un alloggio per le famiglie con minori in situazioni di disagio con possibilità di comprendere nella stessa i servizi propri della prima accoglienza;
- Preso atto della fattiva collaborazione instauratasi tra il Comune e la Fondazione Caritas attraverso la quale si è riusciti a far maturare una autentica mentalità di condivisione nella gestione dei casi in stato di grave emarginazione sociale;
- Richiamata la delibera di Giunta Municipale n. 95 del 21/04/2009 di oggetto: Approvazione protocollo d’intesa con la Fondazione Caritas Senigallia Onlus per la gestione integrata dei soggetti in grave stato di emarginazione sociale e senza rete familiare;
- Considerato che con tale atto si approvava e sottoscriveva un protocollo d’intesa per la gestione dei casi sopra indicati, la cui validità era stata fissata al 31/12/2010, al fine di effettuare successivamente una approfondita valutazione degli esiti del progetto;
- preso atto della positiva valutazione del progetto realizzato in termini di efficacia degli interventi attuati, dei percorsi di attivazione delle risorse dei soggetti e di autonomizzazione dagli interventi assistenziali;
- considerato che il Comune non dispone di strutture proprie destinate alla prima e seconda accoglienza nelle quali poter accogliere tali persone  e nuclei familiari e avviare un progetto di recupero o di autonomizzazione; 
- Ritenuto necessario dare continuità al progetto già avviato con la delibera di Giunta Municipale n. 95 del 21/04/2009 al fine di garantire un percorso di rete ed integrazione più adeguato al raggiungimento degli obiettivi fissati nei singoli progetti relativi ai soggetti in carico;
- Preso atto dello schema di convenzione allegata al presente atto quale parte integrante e sostanziale sub A, nella quale vengono disciplinati i compiti di ciascuno dei soggetti coinvolti, nonché le quote giornaliere a carico del Comune da corrispondere alla Fondazione per l’accoglienza di ciascun soggetto nelle condizioni sopracitate;
Richiamate:
- La Costituzione della Repubblica Italiana che all’art. 3 stabilisce che tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso  di razza, di lingua , di religione di opinioni politiche di condizioni personali e sociali e che è` compito della Repubblica, nelle sue articolazioni, rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese;
- la Legge 8 novembre 2000, n. 328 la legge 328 del 2000 "Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali";
- Il Regolamento comunale per la erogazione di contributi e servizi approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 85 del 7/08/1995;
- Preso atto dei seguenti pareri favorevoli resi ai sensi dell’art. 49 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 sull'Ordinamento degli Enti Locali:
- dal Dirigente Responsabile dell’Area Persona;
- dal Dirigente Responsabile del Servizio Finanziario;
- Vista altresì l'attestazione sulla copertura finanziaria della spesa prevista dalla presente deliberazione resa dal responsabile del servizio finanziario, ai sensi dell’art. 153 del D. Lgs. 18/8/2000 n. 267;
- Con votazione palese ed unanime;
D E L I B E R A
1°) - di DARE CONTINUITA’, per le motivazioni meglio esposte in premessa, il progetto per la gestione integrata dei soggetti in grave stato di povertà e di emarginazione sociale e senza rete familiare e delle famiglie con minori in stato di disagio economico, sociale e abitativo, per l’anno 2011;
2°) - di APPROVARE, per le motivazioni meglio esposte in premessa lo schema di convenzione con la Fondazione Caritas Senigallia Onlus per la gestione integrata dei soggetti in grave stato di povertà e di emarginazione e senza rete familiare e delle famiglie con minori in stato di disagio economico, sociale ed abitativo, secondo l’allegato sub A al presente atto quale parte integrante e sostanziale;
3°) - di DARE ATTO che l’allegato schema di convenzione avrà validità un anno dalla sua sottoscrizione, trascorso il quale sarà sottoposto alla verifica delle parti;
4°) - di DARE MANDATO  al Dirigente Servizi Educativi, Sociali e Sport di provvedere alla stipula della convenzione allegata al presente atto;
6°) - di PREVEDERE per l’attuazione del progetto indicato in oggetto una spesa complessiva di Ђ 90.000,00;
7°) - di IMPEGNARE la somma di Ђ 90.000,00, necessaria per l’attuazione del progetto, al cap. 1499/26 di oggetto: Accoglienza soggetti in grave stato di emarginazione sociale del Bilancio e del Peg 2011 ove sono previsti i fondi necessari;  (centro di costo n. 6904 voce spesa 1486) – (imp. n. 11/1049); 
8°) - di DICHIARARE il presente atto immediatamente eseguibile, ai sensi dell’art. 134 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 mediante separata ed unanime votazione palese.-
     
GC/nm


Letto, confermato e sottoscritto
	Il  Sindaco	Il  Segretario Comunale
	F/to Mangialardi Maurizio	F/to  Morganti Stefano

Annotato impegno di spesa di Ђ  90.000,00 sul cap. 1499/26del Bilancio 2011Senigallia,  11 marzo 2011	Il Dirigente Servizio Finanze
	F/to Rodolfo Ratiglia

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,


La presente deliberazione è stata pubblicata all’Albo Pretorio dal 29 marzo 2011 al 13 aprile 2011 ai sensi dell’art. 124, 1° comma, del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267.
Lì, 14 aprile 2011	Il       Segretario Comunale
	F/to 
La presente deliberazione, non soggetta a controllo, è divenuta esecutiva, ai sensi dell’art. 134 del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267, in data 9 aprile 2011, essendo stata pubblicata il 29 marzo 2011 
Lì, 11 aprile 2011	Il       Segretario Comunale
	F/to 
Spazio riservato all’eventuale controllo preventivo di legittimità, richiesto ai sensi dell’art. 127 del D.Lgs. 18/8/2000 n° 267:



 

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,