Senigallia Atto

Approvazione progetto definitivo per messa in sicurezza dell'area porto

Delibera di giunta della Giunta Comunale N° S-LP/2013/1723 del 25 settembre 2013

Presentazione
Approvazione
25.9.2013

Firmatari

  • Maurizio Memè
    Vice sindaco, Assessore ai Lavori Pubblici
    Monitorato da 20 cittadini

Testo

        
COMUNE DI SENIGALLIA
PROVINCIA DI ANCONA
DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N° 182
Seduta del 25/09/2013
OGGETTO:	LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA IMPIANTI E ATTREZZATURE NEL PORTO DI SENIGALLIA. APPROVAZIONE PROGETTO DEFINITIVO.

L’anno duemilatredici addì venticinque del mese di settembre alle ore 11,30 nel Palazzo Municipale di Senigallia, previa convocazione, si è oggi riunita la Giunta Municipale.
	Sono presenti i Signori:

  PresentiAssenti Mangialardi MaurizioSindaco*- Campanile GennaroAssessore*- Ceresoni SimoneAssessore-* Curzi PaolaAssessore*- Meme' MaurizioAssessore*- Paci Francesca MichelaAssessore*- Schiavoni StefanoAssessore*- Volpini FabrizioAssessore*- 
Essendosi in numero legale per la validità dell’adunanza, assume la presidenza il Sig. Mangialardi Maurizio nella qualità Sindaco, che dichiara aperta la seduta, alla quale assiste il Vice Segretario del Comune Dott. Mirti Paolo  ed invita la Giunta a deliberare.
L A   G I U N T A
Visto l’art. 33 dello Statuto, di cui alla Deliberazione Consiliare n° 19 del 19 febbraio 2003;
Udita la relazione di Mangialardi Maurizio;
Premesso:
- Che in questi ultimi anni sono stati realizzati significativi ed importanti interventi di ristrutturazione e miglioramento (lavori finanziati con fondi S.F.O.P. nell’anno 2003 e anno 2004 – fondi F.E.P. 2007/2013 – lavori di 3°, 4° , 5°  e 6° stralcio) del porto di Senigallia, che hanno contribuito ad una apprezzata riqualificazione dell’intera area;
- Che il Porto di Senigallia a seguito degli interventi sopra richiamati con la realizzazione dell’avamporto,   della nuova imboccatura e del molo di sopraflutto, ha assunto un nuovo aspetto : dopo oltre 5 secoli è stato modificato l’accesso al porto di Senigallia con la separazione del canale del Fiume Misa dal porto stesso;
- Che la banchina del nuovo molo di sopraflutto prolunga la passeggiata da Corso 2 Giugno, Portici  Ercolani e Foro Annonario, a dimostrazione di come il porto sia direttamente contiguo, collegato ed interconnesso direttamente con il Centro Storico della Città. La zona risulta essere molto frequentata  ed è meta di tanti cittadini a passeggio anche nel periodo invernale;
- Che l’azione di Governo di questa Amministrazione Comunale ha avuto tra gli obiettivi prioritari quello di riqualificare e rilanciare il porto di Senigallia, che rappresenta una importante infrastruttura strettamente legata al Centro Storico che può contribuire allo sviluppo turistico, economico e sociale della Città;
- Che l’Amministrazione Comunale pertanto intende procedere, come in passato, a programmare gli interventi di manutenzione per mantenere in buono stato le infrastrutture, migliorando le condizioni di sicurezza e di lavoro degli Operatori e di quanti usufruiscono dell’area portuale di Senigallia;
- Che nel corso del 2012 sono stati realizzati diversi interventi, alcuni dei quali molto importanti, per la manutenzione, la riqualificazione e la fruibilità del porto, riepilogati nei rendiconti economici già inviati, relativi al trasferimento dei fondi  per le annualità 2011 e 2012; il residuo dei fondi disponibili sono già stati impegnati e verranno rendicontati prossimamente;
- Che alla fine del 2102 si è dato avvio, dopo almeno trenta anni di immobilismo, alla rimozione e alla messa in acqua delle imbarcazioni che erano poste presso l’area del cantiere ex navalmeccanico di Senigallia, commissionate a suo tempo dal Ministero degli Affari Esteri. Questo fatto ha consentito di riqualificare un’area strategica del porto di Senigallia che, a causa del suo abbandono, versava in uno stato di degrado preoccupante;
- Che a fronte dell’impegno e dei risultati conseguiti a seguito dei lavori di ampliamento e miglioramento del porto e , da ultimo, alla riqualificazione dell’area del cantiere ex Navalmeccanico, l’Amministrazione Comunale ha ottenuto per la prima volta dalla Fee Italia il vessillo per l’approdo turistico, che si va ad aggiungere a quello della spiaggia;
- Che nel corso di quest’anno sono state presentate le schede progettuali per la ripartizione dei contributi regionali  per la manutenzione dei porti regionali, con l’obbiettivo di procedere alla manutenzione ed al miglioramento e all’efficienza delle strutture portuali;
- Che a fronte di ciò la Regione Marche con Decreto  n. 112/ITE in data 27/05/2013 del Dirigente del Servizio Infrastrutture, Territorio ed Energia, ha effettuato la ripartizione delle risorse finanziarie per la manutenzione dei porti per l’annualità 2013, destinando a questo Ente un complessivo importo di Ђ 386.958,77;.
- Che la Regione Marche, con successivo Decreto n. 151/ITE in data 20 giugno scorso del Dirigente del Servizio Infrastrutture ed Energia ha provveduto ad erogare direttamente a questo Ente le somme riferite alle opere previste per manutenzione ordinaria, pari a complessivi Ђ 110.500,00;
- Che di conseguenza l’importo da destinare agli interventi previsti nelle schede progettuali per la ripartizione dei contributi regionali per la manutenzione dei porti di cui al Decreto n. 112/ITE del 27 maggio scorso sopra richiamato, si riduce a netti Ђ 276.458,77;
- Che in relazione alle esigenze e alle necessità che sono emerse anche nel corso degli incontri effettuati con gli Operatori Portuali si è accertato che occorre migliorare le condizioni di sicurezza dell’area portuale mediante la sostituzione di alcuni punti luce sulla banchina di levante, oltre che potenziare e prolungare l’impianto di p.i. nella banchina stessa in alcuni tratti dove questo è ancora mancante;
- Che la tipologia dei pali della pubblica illuminazione da mettere in opera è la stessa di quella adottata per gli interventi precedentemente effettuati, così come prevista nel Piano Regolatore Portuale – Adeguamento Tecnico Funzionale vigente. I punti luce previsti verranno dotati di lampade Led a basso consumo dello stesso tipo di altri punti luce realizzati ex novo o sostituiti in interventi precedenti, nel rispetto della normativa regionale di contenimento dell’inquinamento luminoso;
- Che il progetto per la messa in sicurezza dell’area portuale prevede inoltre la realizzazione di un impianto di videosorveglianza dell’area portuale in modo da poter garantire, nel rispetto della normativa sulla privacy, la tracciabilità di quanto avviene in porto, sia sugli spazi a terra che negli specchi acquei;
- Che questa necessità è stata più volte segnalata anche dall’Ufficio Locale Marittimo e dagli Operatori portuali della pesca (vongolare, piccola pesca, ecc.), anche per avere un maggiore controllo della situazione;
- Che l’accesso all’area portuale è consentito ai soli soggetti autorizzati in base alla regolamentazione vigente che ne disciplina anche la sosta. Per evitare l’accesso incontrollato di veicoli in genere nell’area portuale da parte di soggetti non autorizzati, gli accessi stessi sono dotati di sbarra o di dissuasori stradali a scomparsa che si attivano con telecomando; 
- Che nonostante ciò si verificano spesso danneggiamenti a questi impianti da parte di ignoti e/o altri danni alle strutture portuali o a beni privati, il più delle volte senza aver modo di poter risalire ai diretti responsabili come avvenuto anche di recente per due pali della pubblica illuminazione, divelti dai soliti ignoti;
- Che il sistema di videosorveglianza prevede la fornitura e la posa in opera di apparecchiature tecnologiche avanzate e l’infrastruttura di rete per il collegamento dei dati e di alimentazione di tutto il sistema, compresa le postazioni di rilevazione dei dati del sistema da realizzare, come si evince dall’allegato computo metrico estimativo;
- Che di conseguenza l’Area Tecnica Ambiente e Territorio di questo Ente ha provveduto a redigere il progetto definitivo delle opere in oggetto, dell’importo complessivo di Ђ 335.000,00 così suddiviso:
A. Importo dei lavori a base d’appalto di cui:
a) Lavori a misura soggetti a ribasso	Ђ	289.602,37
b) Oneri sicurezza non soggetti a ribasso:	Ђ	5.899,12
A. Totale a base d’appalto	Ђ	295.501,49	Ђ	295.501,49
B. Somme a disposizione dell’Amministrazione:
a) Lavori in economia, previsti in progetto ed esclusi dall’appalto	Ђ	10.000,00
b) Imprevisti	Ђ	12.111,28
c) Coordinamento progettazione-esecuzione	Ђ	8.000,00
d) Contributo previdenziale integrativo	Ђ	320,00
e) Incentivi per la progettazione (art. 18 e 30 Legge 109/94)	Ђ	6.110,03
f) Spese per pubblicità e per opere artistiche	Ђ	1.000,00
g) IVA 21%	Ђ	1.957,20
B. Totale somme a disposizione	Ђ	39.498,51	Ђ	39.498,51
IMPORTO COMPLESSIVO			Ђ	335.000,00
- Che dal quadro tecnico economico di cui sopra si evince che la spesa prevista in progetto risulta essere superiore alla disponibilità del contributo relativo all’annualità 2013 ; 
- Che si intende garantire la copertura della maggiore spesa mediante utilizzo delle risorse ancora disponibili, di cui al contributo concesso dalla Regione Marche per la manutenzione dei porti regionali per l’annualità 2012 (Decreto n. 10/RLE del 19/06/2012 – Dirigente P.F. Relazione con gli Enti Locali);
- Che il progetto definitivo delle opere in parola è composto dai seguenti elaborati:
- Relazione Tecnica Illustrativa
- Elenco Prezzi Unitari
- Computo Metrico Estimativo 
- Analisi prezzi 
- Quadro economico 
- Piano di sicurezza e coordinamento 
- Fascicolo dell’opera
- Schema di contratto
- Tavola grafica – elaborato unico
- Che le opere in progetto sono riconducibili a lavori di manutenzione ordinaria e pertanto la fattispecie rientra nelle previsioni di cui all’art. 105 comma 2 del D. Lgs. 207/2010 ;
- Ritenuto necessario procedere ad approvare il progetto definitivo in oggetto al fine di richiedere l’erogazione dei contributo alla Regione Marche e di predisporre i successivi atti amministrativi per il collocamento in appalto delle opere stesse ;
- Atteso che il finanziamento della spesa per l’esecuzione dei lavori in oggetto, pari a complessivi Ђ 335.000,00=, verrà garantito con contributo di 276.458,77 concesso dalla Regione Marche (Decreto n. 112/ITE del 27/05/2013) e per la differenza, pari ad Ђ 58.541,23 con contributo concesso sempre dalla Regione Marche per l’annualità 2012 (Decreto n. 10/RLE del 19/06/2012) ;
- Che con successivo atto si procederà ad affidare l’incarico di Coordinatore in fase di esecuzione per le incombenze previste dal D.Lgs. n° 81/2008 e successive modificazioni ed integrazioni;
- Che il Responsabile Unico del Procedimento ha effettuato il controllo della documentazione del progetto definitivo, in base a quanto disposto dal Regolamento dei Lavori Pubblici approvato con D.P.R. 05/10/2010 n. 207 ;
- Atteso che l’individuazione del metodo d’appalto verrà stabilito con  successivo atto;
- Richiamata la deliberazione del Consiglio Comunale n° 63 del 18/07/2013, dichiarata immediatamente eseguibile, avente ad oggetto: Approvazione Bilancio di previsione esercizio finanziario anno 2013 e relativi allegati costituiti da relazione previsionale e programmatica e Bilancio pluriennale 2013/2015;
- Visto il vigente Regolamento Comunale per la disciplina dei Contratti;
- Visto il vigente Statuto Comunale;
- Preso atto dei seguenti pareri favorevoli resi ai sensi dell’art. 49 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 sull'Ordinamento degli Enti Locali:
- dal Dirigente Responsabile dell’Area Tecnica Territorio Ambiente;
- dal Dirigente responsabile dell’Area Organizzazione e Risorse Finanziarie;
- Con votazione palese ed unanime;
D E L I B E R A
1°) - DI CONSIDERARE, la narrativa esposta in premessa parte integrante e sostanziale del presente atto;
2°) - DI APPROVARE il progetto definitivo delle opere in oggetto, composto dagli elaborati tecnici e grafici sopra elencati, redatto dall’Area Tecnica Territorio Ambiente di questo Ente, per un importo complessivo di Ђ 335.000,00 suddiviso come in premessa;
3°) - DI DARE ATTO che la spesa complessiva prevista nel Bilancio 2013, pari ad Ђ 335.000,00 verrà finanziata con il contributo di Ђ 276.458,77 concesso dalla Regione Marche – annualità 2013 (Decreto n. 112/ITE del 27/05/2013) e per la differenza di Ђ 58.541,23 con il contributo concesso dalla Regione Marche – annualità 2012 (Decreto n. 10/RLE del 19/06/2012) ;
4°) - DI DARE ATTO che si procederà ad impegnare la spesa prevista in progetto con successivo e separato atto; 
5°) - DI AUTORIZZARE il Dirigente dell’Area Tecnica Territorio Ambiente a procedere al collocamento in appalto delle opere in oggetto mediante propria Determinazione a contrattare nella quale dovranno essere individuate e stabilite le relative modalità ;
6°) - DI DARE ATTO che si procederà con successivo e separato atto ad affidare l’incarico di Coordinatore in fase di esecuzione per le incombenze di cui al D. Lgs n° 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni ;
7°) – DI DICHIARARE il presente atto immediatamente eseguibile, ai sensi dell’art. 134 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 mediante separata ed unanime votazione palese.-
      

Letto, confermato e sottoscritto
	Il  Sindaco	Il  Vice Segretario Comunale
	F/to Mangialardi Maurizio	F/to  Mirti Paolo

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,


La presente deliberazione è stata pubblicata all’Albo Pretorio dal 9 ottobre 2013 al 24 ottobre 2013 ai sensi dell’art. 124, 1° comma, del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267.
Lì, 25 ottobre 2013	Il       Segretario Comunale
	F/to 
La presente deliberazione, non soggetta a controllo, è divenuta esecutiva, ai sensi dell’art. 134 del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267, in data 20 ottobre 2013, essendo stata pubblicata il 9 ottobre 2013
Lì, 21 ottobre 2013	Il       Segretario Comunale
	F/to 
Spazio riservato all’eventuale controllo preventivo di legittimità, richiesto ai sensi dell’art. 127 del D.Lgs. 18/8/2000 n° 267:



 

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,