Senigallia Atto

Piano triennale del fabbisogno del personale 2014-2016

Delibera di giunta della Giunta Comunale N° S-OF/2014/1230 del 22 luglio 2014

Presentazione
Approvazione
22.7.2014

Firmatari

Testo

        
COMUNE DI SENIGALLIA
PROVINCIA DI ANCONA
DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N° 121
Seduta del 22/07/2014
OGGETTO:	APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE DEL FABBISOGNO DEL PERSONALE 2014-2016.

L’anno duemilaquattordici addì ventidue del mese di luglio alle ore 8,00 nel Palazzo Municipale di Senigallia, previa convocazione, si è oggi riunita la Giunta Municipale.
	Sono presenti i Signori:

  PresentiAssenti Mangialardi MaurizioSindaco-* Campanile GennaroAssessore*- Ceresoni SimoneAssessore*- Curzi PaolaAssessore*- Meme' MaurizioAssessore*- Paci Francesca MichelaAssessore*- Schiavoni StefanoAssessore*- Volpini FabrizioAssessore*- 
Essendosi in numero legale per la validità dell’adunanza, assume la presidenza il Sig. Memè Maurizio nella qualità di Vice-Sindaco, che dichiara aperta la seduta, alla quale assiste il Segretario del Comune Dott. Morganti Stefano  ed invita la Giunta a deliberare.
L A   G I U N T A
Visto l’art. 33 dello Statuto, di cui alla Deliberazione Consiliare n° 19 del 19 febbraio 2003;
Udita la relazione di Maurizio Memè;
Premesso che:
- l'art. 39 della Legge 27.12.1997 n. 449 stabilisce che, al fine di assicurare le esigenze di funzionalità dell'ente e l'ottimizzazione delle risorse disponibili, necessarie per garantire una maggiore efficienza nel funzionamento dei servizi, gli organi di vertice delle amministrazioni sono tenuti alla programmazione triennale del fabbisogno di per-sonale, compatibilmente con le disponibilità finanziarie e di bilancio;
- l'art. 91 del T.U. delle leggi sull'ordinamento degli enti locali, approvato con D.Lgs. n. 267 del 18.8.2000, stabilisce che "gli organi di vertice delle amministrazioni locali sono tenuti alla programmazione triennale del fabbisogno di personale" e che "gli enti locali programmano le proprie politiche di assunzione adeguandosi ai principi di riduzione complessiva della spesa di personale, in particolare per nuove assunzioni";
- il piano triennale dei fabbisogni previsto dalle norme sopra richiamate deve esse-re elaborato in base alle scelte strategiche dell'ente, poiché con tale strumento si defini-scono le professionalità necessarie per lo svolgimento delle attività dell'ente,  i livelli di spesa previsti nei limiti del bilancio e le forme di reclutamento del personale;
- Richiamata la deliberazione n. 120 del 25.06.2013, con la quale è stato approvato il Piano Triennale del fabbisogno di personale per il triennio 2013 - 2015;
- Atteso che i Dirigenti hanno formulato le proprie richieste riguardanti il fabbisogno di personale per le rispettive Aree per il triennio 2014 - 2016, esplicitando il nume-ro di risorse con il dettaglio dell'inquadramento professionale e delle modalità di reclu-tamento;
- Dato atto che l'Ente può procedere all'approvazione del Piano relativo al triennio 2014 - 2016 poiché:
1) ha provveduto ai seguenti adempimenti, previsti dalla normativa vigente quali condizioni preliminari necessarie per l'adozione del Piano:
- ha effettuato la ricognizione annuale delle eccedenze di personale, ai sensi dell'art. 33 del D.Lgs. n.165/2001, come sostituito dall'art.16 della Legge 12.11.2011, n.183, dalla quale non sono emerse né situazioni di eccedenza, né di sovrannumero all'interno dell'Ente, e pertanto non è necessaria l'attivazione di procedure di mobilità o di collocamento in disponibilità di personale; 
- ha adottato, ai sensi dell'art. 48, comma 1 del D. Lgs. n. 198/2006, il Piano di azioni Positive con Deliberazione di Giunta n. 189 del 16.10.2012, volto "ad assicurare la rimozione degli ostacoli, che di fatto, impediscono la piena opportunità di lavoro e nel lavoro fra uomini e donne"; 
2) ai sensi dell'art. 76, comma 4 del D.L. n. 112/2008, ha rispettato il patto di stabilità interno per l'anno 2013, come risulta da apposita certificazione del Dirigente dell'Area Organizzazione e Risorse Finanziarie, trasmessa in data 28/3/2014alla Ra-gioneria Generale dello Stato;
3) ai sensi dell'art. 1, comma 557 della Legge n. 296/2006 (Legge Finanziaria 2007), come modificato dall'art. 14, comma 7 del D.L.78/2010, la spesa complessiva di personale nell'anno 2013 è stata ridotta rispetto a quella sostenuta nell'anno precedente e anche gli schemi preliminari del Bilancio di previsione 2014 sono improntati ad una riduzione di tale spesa, come risulta dai prospetti agli atti dell'Ufficio Organiz-zazione e Risorse Umane;
 4) si è tenuto conto, nell'elaborazione del Piano dei Fabbisogni:
4.1) per le assunzioni a tempo indeterminato: dell'art. 3, comma 5 del D.L. 24 giugno 2014, n.90, che per gli anni 2014 e 2015 stabilisce che gli enti locali soggetti al patto di stabilità interno "possono procedere ad assunzioni di personale a tempo indeterminato nei limite di un contingente di personale complessivamente corri-spondente ad una spesa pari al 60% di quella relativa al personale di ruolo cessa-to nell'anno precedente"; 
4.2) per le assunzioni a tempo determinato, co.co.co. e le altre forme di lavoro flessibile: dell'art. 9, comma 28, del D.L. 31.5.2010, n. 78, che fissa un limite di spesa pari al 50% della spesa sostenuta nell'esercizio 2009, con facoltà, a decorrere dall'anno 2013, di superare il predetto limite "per le assunzioni strettamente ne-cessarie a garantire l'esercizio delle funzioni di istruzione pubblica, del settore sociale e di polizia locale, fermo restando che comunque la spesa complessiva non può essere superiore alla spesa sostenuta per le stesse finalità nell'anno 2009";
- Precisato che dalla limitazione di cui al Punto 4.1) sono escluse le assunzioni tramite l'istituto della mobilità esterna, ai sensi dell'art.1, comma 47, della Legge 30.12.2004, n. 311, come confermato anche dalla Corte dei Conti, purché il passaggio di personale avvenga fra enti entrambi sottoposti a vincoli di assunzioni e di spesa;
- Atteso che l'Ufficio Organizzazione e Risorse Umane ha individuato il limite di spesa per le assunzioni a tempo indeterminato di cui al Punto 4.1) e il limite di spesa per forme di lavoro flessibili di cui al Punto 4.2), come da prospetti agli atti dell'Ufficio Organizzazione e Risorse Umane;
- Dato atto pertanto che le previsioni del presente Piano dei Fabbisogni saranno at-tuate nel rispetto dei limiti di cui ai precedenti capoversi, delle risorse disponibili nel Bi-lancio di previsione 2014 e pluriennale 2014 - 2016 e, in generale, di tutte le disposizio-ni limitative vigenti in materia di assunzioni e spese del personale degli Enti Locali;
- Dato atto che, riguardo gli obblighi imposti dalla Legge 68/1999 relativa al diritto al lavoro dei disabili, si è accertato che non è necessario programmare l'assunzione di ulteriori unità di personale rientranti nelle categorie protette di cui all'art. 1 di tale leg-ge;
- Atteso che il Collegio dei Revisori dei Conti ha espresso parere favorevole all'approvazione dell'atto di programmazione in oggetto;
- Atteso che si darà informativa in merito al Piano Triennale di cui al presente atto alle RSU e alle Organizzazioni Sindacali Territoriali, nel rispetto della normativa in materia di relazioni sindacali; 
- Ritenuto, pertanto, di procedere all'approvazione del piano del fabbisogno del personale per il triennio 2014 - 2016, allegato al presente atto deliberativo di cui forma parte integrante e sostanziale;
- Rilevata la propria competenza ai sensi dell'articolo 48, comma 2, del "Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali" approvato con D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 e successive modificazioni ed integrazioni;
- Preso atto dei seguenti pareri favorevoli resi ai sensi dell'art. 49 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 sull'Ordinamento degli Enti Locali:
- dal Dirigente responsabile dell'Area Organizzazione e Risorse Finanziarie;
- Con votazione palese ed unanime;
D E L I B E R A
1°) - DI APPROVARE il piano dei fabbisogni di personale di questo ente per il triennio 2014 - 2016, al fine di assicurare le esigenze di funzionalità e di ottimizzare le risorse per il migliore funzionamento dei servizi, secondo le previsioni del prospetto Allegato;
2°) - DI DARE ATTO che il presente Piano viene adottato nel rispetto di tutti i limiti previsti dalla normativa vigente riguardo in materia di assunzioni e spese del personale degli Enti locali;
3°) - DI DARE ATTO che la proposta in oggetto non comporta un incremento dei posti previsti nella vigente dotazione organica, approvata con D.G.C. n. 510 del 29/12/2004, e di conseguenza DI CONFERMARE la stessa; 
4°) - DI PREVEDERE che il presente atto di programmazione, fermi restando i limiti imposti dalla normativa di rango superiore, potrà essere modificato a seguito di esigenze non previste che si manifestino nel periodo considerato, fermo restando che, in ogni caso, l'approvazione di eventuali ulteriori procedure occupazionali è sempre subordinata alla previa verifica della copertura di spesa, coerentemente con le risorse finanziarie disponibili e nel rispetto dei vincoli imposti dalla normativa in materia di assunzioni ed incarichi di lavoro e di spesa del personale;
5°) - DI AUTORIZZARE il competente Ufficio Organizzazione e Risorse Umane  ad adottare le procedure necessarie per l'attuazione del presente piano, nei tempi e con le modalità previste, verificando e assicurando il costante rispetto dei limiti di spesa e assunzionali imposti dalla normativa vigente e delle risorse previste nel Bi-lancio di previsione 2014 e Pluriennale 2014 - 2016;
6°) - DI DARE ATTO che nessuna spesa deriva immediatamente dall'adozione del presente atto deliberativo;
7°) - DI DISPORRE che il presente provvedimento sia trasmesso ai seguenti soggetti:
- Revisori dei Conti;
- Rappresentanza Sindacale Unitaria e Organizzazioni sindacali firmatarie del vigente C.C.N.L.;
- Segretario generale e  Dirigenti di Area e U.O.A.;
8°) - DI DICHIARARE il presente atto immediatamente eseguibile, ai sensi dell'art. 134 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 mediante separata ed unanime votazione palese.-





Letto, confermato e sottoscritto
	Il  Vice-Sindaco	Il  Segretario Comunale
	F/to Memè Maurizio	F/to  Morganti Stefano

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,


La presente deliberazione è stata pubblicata all’Albo Pretorio dal 30 luglio 2014 al 14 agosto 2014 ai sensi dell’art. 124, 1° comma, del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267.
Lì, 18 agosto 2014	Il       Segretario Comunale
	F/to 
La presente deliberazione, non soggetta a controllo, è divenuta esecutiva, ai sensi dell’art. 134 del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267, in data 10 agosto 2014, essendo stata pubblicata il 30 luglio 2014
Lì, 11 agosto 2014	Il       Segretario Comunale
	F/to 
Spazio riservato all’eventuale controllo preventivo di legittimità, richiesto ai sensi dell’art. 127 del D.Lgs. 18/8/2000 n° 267:



 

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,