Senigallia Atto

Piano triennale fabbisogno del personale 2016-2018

Delibera di giunta della Giunta Comunale N° S-OF/2015/2768 del 29 dicembre 2015

Presentazione
Approvazione
29.12.2015

Firmatari

Testo

        
COMUNE DI SENIGALLIA
PROVINCIA DI ANCONA
DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N° 289
Seduta del 29/12/2015
OGGETTO:	APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE FABBISOGNO DEL PERSONALE 2016-2018

L’anno duemilaquindici addì ventinove del mese di dicembre alle ore 8,00 nel Palazzo Municipale di Senigallia, previa convocazione, si è oggi riunita la Giunta Municipale.
	Sono presenti i Signori:

  PresentiAssenti Mangialardi MaurizioSindaco*- Bomprezzi ChantalAssessore*- Bucari SimonettaAssessore*- Campanile GennaroAssessore*- Girolametti CarloAssessore*- Memè MaurizioAssessore*- Monachesi EnzoAssessore*- Ramazzotti IlariaAssessore*- 
Essendosi in numero legale per la validità dell’adunanza, assume la presidenza il Sig. Mangialardi Maurizio nella qualità di Sindaco, che dichiara aperta la seduta, alla quale assiste il Segretario del Comune Dott. Mirti Paolo  ed invita la Giunta a deliberare.
L A   G I U N T A
Visto l’art. 33 dello Statuto, di cui alla Deliberazione Consiliare n° 19 del 19 febbraio 2003;
Udita la relazione di Maurizio Mangialardi;
Richiamate le seguenti disposizioni in materia di programmazione del fabbisogno di personale delle pubbliche amministrazioni: 
- l'art. 39 della Legge 27.12.1997 n. 449 che stabilisce che, al fine di assicurare le esigenze di funzionalità dell'ente e l'ottimizzazione delle risorse disponibili, necessarie per garantire una maggiore efficienza nel funzionamento dei servizi, gli organi di vertice delle amministrazioni sono tenuti alla programmazione triennale del fabbisogno di personale, compatibilmente con le disponibilità finanziarie e di bilancio;
- l'art. 91 del T.U. delle leggi sull'ordinamento degli enti locali, approvato con D.Lgs. n. 267 del 18.8.2000, che stabilisce che "gli organi di vertice delle amministrazioni locali sono tenuti alla programmazione triennale del fabbisogno di personale" e che "gli enti locali programmano le proprie politiche di assunzione adeguandosi ai principi di riduzione complessiva della spesa di personale, in particolare per nuove assunzioni";
- l’art.6 del D.Lgs.165/2001, che disciplina la materia inerente l’organizzazione degli uffici e ha previsto che la programmazione del fabbisogno di personale sia adottata in coerenza con gli strumenti di programmazione economico – finanziaria;
Richiamate le deliberazioni:
- n.150 del 28/7/2015, con la quale si approvava il piano triennale del Fabbisogno del personale 2015 – 2017
- n. 200 del 13/10/2015 e n. 248 del 27/11/2015, con le quali si apportavano modifiche ed integrazioni al suddetto piano;
Atteso che recenti provvedimenti normativi (decreto legislativo n. 118 del 23 giugno 2011, D.P.C.M. 28 dicembre 2011, D.Lgs. 10 agosto 2014, n. 126, che ha modificato ed integrato il d.lgs.267/2000), nel riformare il sistema contabile degli enti locali al fine di armonizzare i sistemi contabili di tutti i livelli di governo e consentire la raccordabilità dei sistemi contabili con quelli europei, hanno introdotto un nuovo strumento di programmazione, il Documento Unico di Programmazione, che costituisce il presupposto necessario di tutti gli altri documenti di programmazione; 
Precisato che fra i documenti di programmazione che deve contenere il DUP è prevista la programmazione del fabbisogno di personale;
Atteso che:
-  è pertanto necessario procedere con l’approvazione del Piano triennale del Fabbisogno del Personale 2016 – 2018, che sarà allegato al DUP 2016 – 2018 quale sua parte integrante e sostanziale;
- che tale piano sarà approvato nel rispetto di tutte le disposizioni limitative in materia di spese di personale e di assunzioni per gli Enti locali, con particolare riferimento alle disposizioni di seguito richiamate:
	-   norme relative al processo di ricollocazione del personale degli enti di area vasta: art.1, commi da 418 a 430  legge 23 dicembre 2014,  n. 190, circolare congiunta del Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione e Ministro per gli affari regionali e le autonomie, n. 1/2015, d.l. 19 giugno 2015, n. 78, DPCM 14 settembre 2015;
-	il comma 557 ed il comma 557 quater dell'articolo 1 della L. 27 dicembre 2006, n. 296 e successive modificazioni (spese di personale);
-	l’art. 3, comma 5, del D.L. n. 90/2014 (percentuali di turn over)
-	stabilità 2016 –verificare estremi, in corso di pubblicazione in GU;
-	l’articolo 41 del D.L. n. 66/2014 (tempi medi di pagamento);
Visto altresì il disegno di legge n.2111 – B approvato dalla Camera il 20/12/2015 (legge Stabilità 2016) e trasmesso dal Presidente della Camera alla Presidenza nella medesima data, in corso di pubblicazione in Gazzetta ufficiale, con particolare riferimento alle disposizioni in materia di personale degli enti Locali;
Atteso che:
- la spesa di personale, calcolata ai sensi dell’art. 1, comma 557, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, prevista per l’anno 2016, rispetta il limite della spesa media di personale sostenuta nel triennio 2011-2013, come da prospetto agli atti dell’Ufficio Organizzazione e Risorse Umane;
- la spesa derivante dall’attuazione del suddetto Piano dei Fabbisogni trova copertura finanziaria nel Bilancio di previsione 2016 in corso di predisposizione e nel Bilancio pluriennale 2015 – 2017 e per l’annualità 2018 è coerente con la programmazione finanziaria contenuta nel DUP 2016 - 2018; 
- l’Ufficio Organizzazione e Risorse Umane ha individuato il limite di spesa per le assunzioni a tempo indeterminato, nel rispetto delle disposizioni sopra richiamate, come da prospetti agli atti di tale Ufficio;
Dato atto che:
- il Comune di Senigallia non versa in situazioni di deficitarietà strutturale, come da parametri allegati alla deliberazione di Consiglio Comunale n. del 33 del 29/4/2015 con la quale è stato approvato il rendiconto di gestione 2014;
- il Comune di Senigallia ha rispettato il saldo obiettivo programmatico relativo al patto di stabilità interno per l'anno 2014;
- l’indicatore dei pagamenti dell’anno 2014 del Comune di Senigallia elaborato sulla base dello schema di cui all’art. 9 del DPCM 22 settembre 2014 evidenzia il rispetto di quanto disposto dal D. Lgs. 9 ottobre 2002, n. 231;
Dato atto che il presente programma potrà essere integrato o modificato in sede di nota di aggiornamento del DUP, in funzione di limitazioni o vincoli derivanti da innovazioni nel quadro normativo in materia di personale nonché in seguito a nuove esigenze assunzionali dell’ente;
Atteso che il Collegio dei Revisori dei Conti ha espresso parere favorevole all'approvazione dell'atto di programmazione in oggetto;
Dato atto che la presente deliberazione non comporta un incremento dei posti previsti nella vigente dotazione organica, approvata con D.G.C. n. 510 del 29/12/2004;
Dato atto  che si darà informativa in merito al Piano Triennale di cui al presente atto alle RSU e alle Organizzazioni Sindacali Territoriali, nel rispetto della normativa in materia di relazioni sindacali; 
Rilevata la propria competenza ai sensi dell'articolo 48, comma 2, del "Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali" approvato con D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 e successive modificazioni ed integrazioni;
Preso atto dei seguenti pareri favorevoli resi ai sensi dell’art. 49 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 sull'Ordinamento degli Enti Locali:
- dal Dirigente responsabile dell’Area Organizzazione e Risorse Finanziarie;
Con votazione palese ed unanime;

D E L I B E R A
1)	 – APPROVARE il Piano triennale del Fabbisogno del Personale 2016 – 2018, al fine di assicurare la funzionalità dei servizi e di ottimizzare le risorse per il loro miglior funzionamento, secondo le previsioni del prospetto Allegato al Presente atto, che si approva quale sua parte integrante e sostanziale;
2)	- DARE ATTO che, come indicato in premessa,  il presente atto sarà allegato al Documento Unico di Programmazione 2016 – 2018 quale sua parte integrante e sostanziale che sarà approvato dalla Giunta Comunale in base  alla normativa sul sistema contabile degli Enti Locali richiamata in premessa;
3)	RISERVARSI di integrare il presente Piano dei Fabbisogni in sede di  nota di aggiornamento del DUP ove necessario;
4)	- DARE ATTO che il presente Piano,  viene adottato nel rispetto di tutti i limiti previsti dalla normativa vigente in materia di assunzioni e spese del personale degli Enti locali, descritti in premessa;
5)	- DI DARE ATTO che la proposta in oggetto non comporta un incremento dei posti previsti nella vigente dotazione organica, approvata con D.G.C. n. 510 del 29/12/2004;
6)	- DI INCARICARE l’Ufficio Organizzazione e Risorse Umane di dare attuazione alle previsioni  del Piano dei Fabbisogni di personale di cui al punto 1),  previa verifica della copertura di spesa e della perdurante compatibilità con tutte le disposizioni limitative di volta in volta vigenti;
7)	- DI DARE ATTO che la spesa derivante dall’attuazione del presente atto trova copertura finanziaria nel Bilancio 2015 per l’annualità 2015 e nel Bilancio pluriennale 2015 – 2017 per le annualità successive;
8)	- DI DISPORRE che il presente provvedimento sia trasmesso alla Rappresentanza Sindacale Unitaria e Organizzazioni sindacali territoriale firmatarie del vigente C.C.N.L.;
9)	DI DICHIARARE il presente atto immediatamente eseguibile, ai sensi dell'art. 134 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 mediante separata ed unanime votazione palese.- 





Letto, confermato e sottoscritto
	Il  Sindaco	Il  Segretario Comunale
	F/to Mangialardi Maurizio	F/to  Mirti Paolo

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,


La presente deliberazione è stata pubblicata all’Albo Pretorio dal 09 febbraio 2016 al 24 febbraio 2016 ai sensi dell’art. 124, 1° comma, del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267.
Lì, 25 febbraio 2016	Il       Segretario Comunale
	F/to 
La presente deliberazione, non soggetta a controllo, è divenuta esecutiva, ai sensi dell’art. 134 del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267, in data 20 febbraio 2016, essendo stata pubblicata il 09 febbraio 2016
Lì, 22 febbraio 2016	Il       Segretario Comunale
	F/to 
Spazio riservato all’eventuale controllo preventivo di legittimità, richiesto ai sensi dell’art. 127 del D.Lgs. 18/8/2000 n° 267:



 

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,