Senigallia Atto

Approvazione nuove tariffe dei parcheggi comunali e dei tassi di copertura del costo di gestione dei servizi a domanda individuale per l’anno 2016

Delibera di giunta della Giunta Comunale N° S-OF/2016/840 del 30 aprile 2016

Presentazione
Approvazione
30.4.2016

Firmatari

  • Gennaro Campanile
    Assessore con delega a risorse finanziarie e patrimoniali, sviluppo economico e commercio
    Monitorato da 17 cittadini

Testo

        
COMUNE DI SENIGALLIA
PROVINCIA DI ANCONA
DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N° 100
Seduta del 30/04/2016
OGGETTO:	APPROVAZIONE DELLE NUOVE TARIFFE DEI PARCHEGGI COMUNALI E DEI TASSI DI COPERTURA PER L’ANNO 2016 DEL COSTO DI GESTIONE DEI SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE.

L’anno duemilasedici addì trenta del mese di aprile alle ore 8,00 nel Palazzo Municipale di Senigallia, previa convocazione, si è oggi riunita la Giunta Municipale.
	Sono presenti i Signori:

  PresentiAssenti Mangialardi MaurizioSindaco*- Bomprezzi ChantalAssessore*- Bucari SimonettaAssessore*- Campanile GennaroAssessore*- Girolametti CarloAssessore*- Memè MaurizioAssessore*- Monachesi EnzoAssessore*- Ramazzotti IlariaAssessore*- 
Essendosi in numero legale per la validità dell’adunanza, assume la presidenza il Sig. Mangialardi Maurizio nella qualità di Sindaco, che dichiara aperta la seduta, alla quale assiste il Vice Segretario del Comune Dott. Mirti Paolo  ed invita la Giunta a deliberare.
L A   G I U N T A
Visto l’art. 33 dello Statuto, di cui alla Deliberazione Consiliare n° 19 del 19 febbraio 2003;
Udita la relazione di Campanile Gennaro;

RICHIAMATO l’art. 54 del D.Lgs. 15 dicembre 1997, n. 446, in materia di approvazione delle tariffe e dei prezzi pubblici, in base al quale le Province e i Comuni approvano le tariffe e i prezzi pubblici ai fini dell’approvazione del bilancio di previsione;

RICHIAMATO in tale senso quanto stabilito dal successivo art. 1, comma 169, della L. 27 dicembre 2006, n. 296, il quale dispone che gli enti locali deliberano le tariffe e le aliquote relative ai tributi di loro competenza entro la data fissata da norme statali per la deliberazione del bilancio di previsione. Dette deliberazioni, anche se approvate successivamente all’inizio dell’esercizio purché entro il termine innanzi indicato, hanno effetto dal 1° gennaio dell’anno di riferimento. In caso di mancata approvazione entro il suddetto termine, le tariffe e le aliquote si intendono prorogate di anno in anno; 

RICORDATO l’art. 172, comma 1, lettera c), il quale prevede che le deliberazioni con le quali sono determinati, per l'esercizio successivo, le tariffe, le aliquote d'imposta e le eventuali maggiori detrazioni, le variazioni dei limiti di reddito per i tributi locali e per i servizi locali, nonché, per i servizi a domanda individuale, i tassi di copertura in percentuale del costo di gestione dei servizi stessi devono essere allegate al bilancio di previsione;

DATO ATTO che, con Decreto del Ministero dell’Interno in data 1° marzo 2016, il termine per l’approvazione del bilancio di previsione finanziario triennale 2016/2018 degli enti locali è stato prorogato al 30 aprile 2016;

RICHIAMATO l’art. 6 del D.L. 28 febbraio 1983, n. 55 Provvedimenti urgenti per il settore della finanza locale per l’anno 1983, convertito con modificazioni dalla L. 26 aprile 1983, n. 131, il quale, al comma 1, prevede che Le province, i comuni, i loro consorzi e le comunità montane sono tenuti a definire, non oltre la data della deliberazione del bilancio, la misura percentuale dei costi complessivi di tutti i servizi pubblici a domanda individuale - e comunque per gli asili nido, per i bagni pubblici, per i mercati, per gli impianti sportivi, per il servizio trasporti funebri, per le colonie e i soggiorni, per i teatri e per i parcheggi comunali - che viene finanziata da tariffe o contribuzioni ed entrate specificamente destinate; 

RICHIAMATO, altresì, il comma 2 del predetto D.L. n. 55/1983, il quale prevede che con lo stesso atto vengono determinate le tariffe e le contribuzioni;

CONSIDERATO che per servizi pubblici a domanda individuale devono intendersi tutte quelle attività gestite dall’ente, poste in essere ed utilizzate a richiesta dell’utente, che:
·	ancorché abbiano una grande rilevanza sociale, sono facoltative in quanto non sono obbligatoriamente previste per legge, nel senso che è facoltà dell’ente istituirli o meno;
·	che non siano state dichiarate gratuite per legge nazionale o regionale;
·	che siano finanziate da tariffe, contribuzioni o entrate specificatamente destinate;

RILEVATO, infatti, che per i servizi pubblici a domanda individuale è prevista una percentuale minima di copertura dei costi con obbligo per gli enti locali di richiedere agli utenti una contribuzione (sebbene non necessariamente generalizzata), stante la volontà del legislatore di limitare la gratuità delle prestazioni dei servizi a quelle sole tipologie tassativamente previste dalla legge. 

RILEVATO, inoltre, che, ai sensi della norma sopra richiamata, nella determinazione dei costi di gestione devono essere rispettati i seguenti criteri:
·	computo di tutte le spese per il personale comunque adibito, anche ad orario parziale, compresi gli oneri riflessi e delle spese per l’acquisto di beni e servizi, comprese le manutenzioni ordinarie;
·	riparto dei costi comuni a più esercizi sulla base di percentuali individuate;

VISTO l’art. 243 del D.Lgs. n. 267/2000, in base al quale gli enti locali strutturalmente deficitari sono tenuti a coprire i costi di gestione dei servizi a domanda individuale in misura non inferiore al 36%, computando, a tal fine, i costi di gestione degli asili nido in misura pari al 50%;

DATO ATTO che questo Comune, sulla base del certificato relativo al rendiconto della gestione dell’anno 2015, non risulta essere strutturalmente deficitario e, pertanto, non è soggetto all’obbligo di copertura dei costi di gestione dei servizi pubblici a domanda individuale in misura non inferiore al 36%;

ATTESO che i servizi a domanda individuale sono identificati, ai sensi dell’art. 6 del decreto legge n. 55 del 28 febbraio 1983, convertito nella legge 26 aprile 1983, n.131, dal decreto del Ministro dell’interno, di concerto con i Ministri del tesoro e delle finanze, del 31 dicembre 1983 e successive integrazioni, in tutte quelle attività poste in essere dall’ente locale non per obbligo istituzionale ed utilizzate a richiesta dell’utente;

RICHIAMATA la propria deliberazione n. 142 del 21.07.2015 Determinazione delle tariffe dei servizi a domanda individuale 2015 e relative percentuali di copertura;

CONSIDERATO che, rispetto alle tariffe dei servizi pubblici a domanda individuale, si intende provvedere ad una revisione del sistema della sosta estiva e alla determinazione di nuove tariffe al fine di un’ottimizzazione della gestione e della fruizione del servizio di parcheggi comunali;

VISTE le nuove tariffe dei parcheggi comunali così determinate ed articolate con il presente atto:
·	Parcheggi scambiatori estivi, tariffa unica giornaliera 3,00 Ђ, valida dalle ore 9,00 alle ore 20,00 di ogni giorno feriale e festivo dal 01 giugno al 15 settembre di ogni anno;
·	Parcheggi estivi sui lungomare a tariffa intera così strutturata:
·	1 ora 1,20 Ђ
·	4 ore 3,60 Ђ
·	8 ore 6,00 Ђ
·	intera giornata 9,00 Ђ
·	7 giorni 60,00 Ђ
·	30 giorni 156,00 Ђ
valida dalle 9,00 alle 20,00 di ogni giorno feriale e festivo dal 01 giugno al 15 settembre di ogni anno;

RIBADITO, dunque, che le suddette tariffe entreranno in vigore dal 01 giugno 2016 e verranno applicate ogni anno, salvo diverso provvedimento, dal 01 giugno al 15 settembre;

VALUTATO che la nuova articolazione tariffaria comporterà un aumento delle entrate comunali stimato in circa 50.000,00 Ђ annui; 

CONSIDERATO, altresì, che si rende necessario determinare i tassi di copertura in percentuale del costo di gestione dei servizi a domanda individuale, da allegare al bilancio di previsione 2016;

DATO ATTO che questo ente è tenuto a rispettare i principi di contabilità finanziaria in sede di bilancio di previsione e, pertanto, il prospetto di seguito stato redatto in base e tali principi:

SERVIZIOENTRATE (+)USCITE (-)%ASILI NIDO544.712,581.101.732,0349,44CENTRI ESTIVI 11.000,0020.000,0055,00PISCINE E CAMPI TENNIS150.000,00551.289,5227,21MENSE SCOLASTICHE 889.800,001.115.511,9879,77MERCATI E FIERE 80.000,00122.139,6465,50PARCHEGGI911.500,0097.985,92930,24UNIVERSITA’ ADULTI 
4.300,0034.521,2612,46UTILIZZO LOCALI NON ISTIT. (Teatro La Fenice , La Rotonda, Auditorium San Rocco, Sala del Trono, Chiesa dei cancelli)27.332,00512.021,885,34TOTALE73,66
VISTO l’art. 42 del D.Lgs. n. 267/2000 il quale, alla lett. f), prevede di competenza del Consiglio comunale la sola disciplina generale delle tariffe per la fruizione dei beni e dei servizi intendendosi residualmente attribuita alla Giunta municipale la determinazione delle tariffe;

Preso atto dei seguenti pareri favorevoli resi ai sensi dell’art. 49 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 sull’Ordinamento degli Enti Locali:
- dal Dirigente responsabile dell’Area Tecnica Territorio e Ambiente;
- dal Dirigente responsabile dell’Area Organizzazione e Risorse Finanziarie;
Con votazione palese ed unanime;

D E L I B E R A
1°) –  DI CONSIDERARE le premesse quale parte integrante e sostanziale del presente atto;

2°) - DI APPROVARE, ai sensi dell’art. 172, comma 1, lettera c), del TUEL D. Lgs. n. 267/2000, le tariffe dei parcheggi comunali così determinate ed articolate:
·	Parcheggi scambiatori estivi, tariffa unica giornaliera 3,00 Ђ, valida dalle ore 9,00 alle ore 20,00 di ogni giorno feriale e festivo dal 01 giugno al 15 settembre di ogni anno;
·	Parcheggi estivi sui lungomare a tariffa intera così strutturata:
·	1 ora 1,20 Ђ
·	4 ore 3,60 Ђ
·	8 ore 6,00 Ђ
·	intera giornata 9,00 Ђ
·	7 giorni 60,00 Ђ
·	30 giorni 156,00 Ђ
valida dalle 9,00 alle 20,00 di ogni giorno feriale e festivo dal 01 giugno al 15 settembre di ogni anno;

3°) – DI DARE ATTO che le suddette tariffe entreranno in vigore dal 01 giugno 2016 e verranno applicate ogni anno, salvo diverso provvedimento, dal 01 giugno al 15 settembre;

4°) – DI DARE ATTO, altresì, che la nuova articolazione tariffaria comporterà un aumento delle entrate comunali stimato in circa 50.000,00 Ђ annui; 
5°) – DI APPROVARE, ai sensi dell’art. 172, comma 1, lettera c) del TUEL D. Lgs. n. 267/2000, il seguente prospetto relativo ai tassi di copertura in percentuale del costo di gestione dei servizi pubblici a domanda individuale: 

SERVIZIOENTRATE (+)USCITE (-)%ASILI NIDO544.712,581.101.732,0349,44CENTRI ESTIVI 11.000,0020.000,0055,00PISCINE E CAMPI TENNIS150.000,00551.289,5227,21MENSE SCOLASTICHE 889.800,001.115.511,9879,77MERCATI E FIERE 80.000,00122.139,6465,50PARCHEGGI911.500,0097.985,92930,24UNIVERSITA’ ADULTI 
4.300,0034.521,2612,46UTILIZZO LOCALI NON ISTIT. (Teatro La Fenice , La Rotonda, Auditorium San Rocco, Sala del Trono, Chiesa dei cancelli)27.332,00512.021,885,34TOTALE73,66

6°) - DI DARE ATTO che i proventi complessivi dei servizi a domanda individuale previsti nel bilancio di previsione 2016 ammontano ad Ђ 2.618.644,58 e rappresentano il 73,66% del totale dei costi dei servizi determinati in Ђ 3.555.202,23.

7°) - DI DARE ATTO, altresì, che questo Comune, sulla base del certificato relativo al rendiconto della gestione dell’anno 2015, non risulta essere strutturalmente deficitario e, pertanto, non è soggetto all’obbligo di copertura dei costi di gestione dei servizi pubblici a domanda individuale in misura non inferiore al 36%;


8°) – DI DICHIARARE il presente atto immediatamente eseguibile, ai sensi dell’art. 134 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 mediante separata ed unanime votazione palese.




Letto, confermato e sottoscritto
	Il  Sindaco	Il  Vice Segretario Comunale
	F/to Mangialardi Maurizio	F/to  Mirti Paolo

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,


La presente deliberazione è stata pubblicata all’Albo Pretorio dal 09 maggio 2016 al 24 maggio 2016 ai sensi dell’art. 124, 1° comma, del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267.
Lì, 25 maggio 2016	Il       Segretario Comunale
	F/to 
La presente deliberazione, non soggetta a controllo, è divenuta esecutiva, ai sensi dell’art. 134 del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267, in data 20 maggio 2016, essendo stata pubblicata il 09 maggio 2016
Lì, 23 maggio 2016	Il       Segretario Comunale
	F/to 
Spazio riservato all’eventuale controllo preventivo di legittimità, richiesto ai sensi dell’art. 127 del D.Lgs. 18/8/2000 n° 267:



 

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,