Senigallia Atto

Approvazione del PEG Piano esecutivo di gestione del triennio 2016/2018

Delibera di giunta della Giunta Comunale N° S-OF/2016/1181 del 31 maggio 2016

Presentazione
Approvazione
31.5.2016

Firmatari

  • Gennaro Campanile
    Assessore con delega a risorse finanziarie e patrimoniali, sviluppo economico e commercio
    Monitorato da 17 cittadini

Testo

        
COMUNE DI SENIGALLIA
PROVINCIA DI ANCONA
DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N° 140
Seduta del 31/05/2016
OGGETTO:	APPROVAZIONE DEL PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE DEL TRIENNIO 2016/2018

L’anno duemilasedici addì trentuno del mese di maggio alle ore 8,00 nel Palazzo Municipale di Senigallia, previa convocazione, si è oggi riunita la Giunta Municipale.
	Sono presenti i Signori:

  PresentiAssenti Mangialardi MaurizioSindaco*- Bomprezzi ChantalAssessore*- Bucari SimonettaAssessore*- Campanile GennaroAssessore*- Girolametti CarloAssessore*- Memè MaurizioAssessore*- Monachesi EnzoAssessore*- Ramazzotti IlariaAssessore*- 
Essendosi in numero legale per la validità dell’adunanza, assume la presidenza il Sig. Mangialardi Maurizio nella qualità Sindaco, che dichiara aperta la seduta, alla quale assiste il Vice Segretario del Comune Dott. Mirti Paolo  ed invita la Giunta a deliberare.
L A   G I U N T A
Visto l’art. 33 dello Statuto, di cui alla Deliberazione Consiliare n° 19 del 19 febbraio 2003;
Udita la relazione di Campanile Gennaro;

- Rircordata la deliberazione di Giunta municipale n. 41 del 23.02.2016 avente ad oggetto Esercizio provvisorio 2016. Determinazione delle direttive gestionali e assegnazione ai dirigenti dell'ente del Piano esecutivo di gestione (P.E.G.) provvisorio 2016;
- Richiamata la deliberazione di Consiglio comunale n. 50 del 26.05.2016 avente ad oggetto Approvazione del bilancio di previsione finanziario armonizzato 2016-2018 di cui all’Allegato 9 al D.Lgs. n. 118/2011;
- Richiamata, altresì, la deliberazione del Consiglio comunale n. 49 del 26.05.2016 avente ad oggetto Approvazione della nota di aggiornamento del DUP 2016/2018;
- Ricordato l’art. 169 del D.Lgs. n. 267/2000, il quale, al comma 1, prevede che la Giunta delibera il piano esecutivo di gestione (P.E.G.) entro venti giorni dall’approvazione del bilancio di previsione, in termini di competenza. Con riferimento al primo esercizio il P.E.G. è redatto anche in termini di cassa. Il P.E.G. è riferito ai medesimi esercizi considerati nel bilancio, individua gli obiettivi della gestione ed affida gli stessi, unitamente alle dotazioni necessarie, ai responsabili dei servizi.;
- Ricordato, altresì, il comma 2 del predetto art. 169 del D.Lgs. n. 267/2000, il quale prevede che Nel P.E.G. le entrate sono articolate in titoli, tipologie, categorie, capitoli, ed eventualmente in articoli, secondo il rispettivo oggetto. Le spese sono articolate in missioni, programmi, titoli, macroaggregati, capitoli ed eventualmente in articoli. I capitoli costituiscono le unità elementari ai fini della gestione e della rendicontazione, e sono raccordati al quarto livello del piano dei conti finanziario di cui all’art. 157.;
- Ricordato, infine, il comma 3-bis del predetto art. 169 del D.Lgs. n. 267/2000, il quale prevede che Il P.E.G. è deliberato in coerenza con il bilancio di previsione e con il documento unico di programmazione. Al P.E.G. è allegato il prospetto concernente la ripartizione delle tipologie in categorie e dei programmi in macroaggregati, secondo lo schema di cui all’allegato n. 8 al decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, e successive modificazioni. Il piano dettagliato degli obiettivi di cui all’art. 108, comma 1, del presente testo unico e il piano della performance di cui all’art. 10 del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, sono unificati organicamente al P.E.G..; 
- Visti:
- l’art. 20, comma 1, del Regolamento sull’Ordinamento degli uffici e dei servizi, il quale prevede che in seguito all’approvazione del bilancio previsionale d’esercizio, il Segretario Generale provve-de a convocare la Conferenza dei Dirigenti al fine di procedere alla elaborazione degli obiettivi, dei programmi e delle dotazioni caratterizzanti i relativi incarichi dirigenziali di periodo;
- l’art. 21 del Regolamento sull’Ordinamento degli uffici e dei servizi, il quale prevede che il Diri-gente dell’Area Organizzazione e Risorse Finanziarie, conclusa la fase di negoziazione di cui all’art. 20 del medesimo regolamento, provvede a formulare la proposta di Piano esecutivo di gestione che può comprendere dalla definizione dell’articolazione delle strutture organizzative di massima dimensione, all’individuazione e attribuzione degli obiettivi e dei programmi alle suddette strutture, all’affidamento, alle stesse, delle risorse umane, strumentali ed economico-finanziarie necessarie al perseguimento degli obiettivi assegnati e alla realizzazione dei programmi di lavoro definiti;
- Ritenuto di dover approvare il Piano Esecutivo di Gestione (P.E.G.) del triennio 2016/2018, composto di "P.E.G. Finanziario" (Allegato A), relativo alle dotazioni necessarie per il raggiungimento degli obiettivi di gestione, al fine di permettere la gestione del bilancio di previsione finanziario triennale 2016/2018, approvato dal Consiglio comunale con la sopracitata deliberazione n. 50 del 26.05.2016;
- Vista la proposta formulata dal Dirigente dell’Area Organizzazione e Risorse Finanziarie, ai sensi dell’art. 21 del Regolamento sull'Ordinamento degli Uffici e dei Servizi, riguardo al Piano Esecutivo di Gestione (P.E.G.) del triennio 2016/2018 (Allegato A) e alla relativa articolazione in singoli Piani Esecutivi di Gestione (P.E.G.) del triennio 2016/2018 da assegnare ad ogni singolo Dirigente dell’ente (da Allegato A1 ad Allegato A5);
- Ritenuto, tuttavia, di assegnare, con il presente atto, il Piano Esecutivo di Gestione del triennio 2016/2018 limitatamente alle sole risorse finanziarie, rimandando a successivo atto l’approvazione del Piano delle performance e del Piano degli obiettivi, quali parti organiche del Piano esecutivo di gestione, così come previsto dall’art. 169, comma 3-bis, del D.Lgs. n. 267/2000, e la conseguente assegnazione ai dirigenti degli obiettivi previsti dal Piano delle performance;
- Visto il Piano Esecutivo di Gestione (P.E.G.) del triennio 2016/2018 limitatamente alle risorse finanziarie previste per gli anni  2016, 2017 e 2018 (Allegato A) e la relativa articolazione in singoli Piani Esecutivi di Gestione (P.E.G.) da assegnare ad ogni singolo Dirigente dell’ente (da Allegato A1 ad Allegato A5), con allegato il prospetto concernente la ripartizione delle tipologie in categorie e dei programmi in macroaggregati (Allegato B);
- Evidenziato, dunque, che i capitoli, sviluppati in articoli, contenuti nei singoli P.E.G. del triennio 2016/2018, allegati al presente atto (da Allegato A1 ad Allegato A5), e assegnati ai singoli Dirigenti dell’ente, sono individuati in base ai seguenti codici, attributi dalla procedura informatica dell’ente ai vari centri di responsabilità, il cui riepilogo è contenuto nell’Allegato 6 al presente atto:
1. DIRIGENTE AREA ORGANIZZAZIONE E RISORSE FINANZIARIE, UFFICIO ATTIVITA’ ECONOMICHE, UFFICIO SVILUPPO ECONOMICO, UFFICIO SUAP, U.O.A. FARMACIE COMUNALI capitoli di P.E.G. provvisorio con codici nn. 54, 55, 56, 57, 71, 72, 73, 74, 87, 88, 89, 90, 91, 92, 95  (Allegato A1);
2. DIRIGENTE AREA PERSONA, capitoli di P.E.G. provvisorio con codici nn. 66, 67, 69, 70 (Allegato A2);
3. DIRIGENTE AREA ATTIVITA' ISTITUZIONALI, CULTURA E COMUNICAZIONE, UFFICIO TURISMO,  capitoli di P.E.G. provvisorio con codici nn. 61, 62, 64, 68, 75, 96, 97, 98 (Allegato A3);
4. SEGRETARIO GENERALE E DIRIGENTE UFFICIO CONTRATTI, UFFICIO LEGALE, UFFICIO DEMOGRAFICI, U.O.A. POLIZIA MUNICIPALE  E PROTEZIONE CIVILE, capitoli di P.E.G. provvisorio con codici nn. 51, 52, 59, 60, 63, 65  (Allegato A4);
5. DIRIGENTE AREA TECNICA TERRITORIO AMBIENTE, capitoli di P.E.G. provvisorio con codici nn. 58, 76, 77, 78, 79, 80, 81, 82, 83, 84, 85, 86, 93 (Allegato A5);
- Ritenuto che non si configura una variazione di Piano Esecutivo di Gestione (P.E.G.) la variazione degli stanziamenti di articoli del medesimo capitolo o la creazione di nuovi articoli del mede-simo capitolo, a condizione che le stesse avvengano nell’ambito dello stanziamento totale del capi-tolo assegnato con il presente atto al medesimo Dirigente dell’ente e del codice ministeriale della categoria di entrata o del macroaggregato di spesa di bilancio previsto nel bilancio di previsione finanziario triennale 2016/2018; 
- Valutato, dunque, che ogni Dirigente dell’ente assegnatario del Piano Esecutivo di Gestione (P.E.G.) può avere la facoltà di procedere con le suddette variazioni qualora ciò si renda necessario per il pieno conseguimento degli obiettivi assegnati;
- Chiarito che le variazioni al Piano Esecutivo di gestione dovranno essere realizzate nel rispetto di quanto previsto dall’art. 175 del D.Lgs. n. 267/2000;
- Richiamato l’art. 4, comma 2, del D.Lgs. 165/2001, il quale stabilisce che ai dirigenti dell’ente spetta l’adozione degli atti e provvedimenti amministrativi, compresi tutti gli atti che impegnano l’amministrazione verso l’esterno, nonché la gestione finanziaria, tecnica e amministrativa mediante autonomi poteri di spesa, di organizzazione delle risorse umane, strumentali e di controllo. Essi sono responsabili in via esclusiva dell’attività amministrativa, della gestione e dei relativi risultati;
- Considerato che alla Giunta è riservata la competenza circa le spese che delineano scelte di natura discrezionale e programmatica, quali ad esempio le determinazioni di eventuali contributi non previsti nel programma del Consiglio aventi carattere di eccezionalità e comunque nei limiti di cui all’art. 12 della legge 241/1990;
- Visti altresì: 
• il D.Lgs. 18 agosto 2000 n. 267 e s.m.i.; 
• lo Statuto Comunale; 
• il Regolamento di Contabilità; 
- Preso atto dei seguenti pareri favorevoli resi ai sensi dell’art. 49 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 sull'Ordinamento degli Enti Locali:
- dal Dirigente responsabile dell’Area Organizzazione e Risorse Finanziarie;
- Con votazione palese ed unanime;
D E L I B E R A
1°) - DI CONSIDERARE le premesse quale parte integrante e sostanziale del presente atto;
2°) - DI ASSEGNARE, per le motivazioni di cui in premessa, ad ogni singolo Dirigente dell’ente il rispettivo Piano Eesecutivo di Gestione (P.E.G.) del triennio 2016/2018 limitatamente alle risorse finanziarie previste per gli anni  2016, 2017 e 2018, così come articolati: 
1. DIRIGENTE AREA ORGANIZZAZIONE E RISORSE FINANZIARIE, UFFICIO ATTIVITA’ ECONOMICHE, UFFICIO SVILUPPO ECONOMICO, UFFICIO SUAP, U.O.A. FARMACIE COMUNALI capitoli di P.E.G. provvisorio con codici nn. 54, 55, 56, 57, 71, 72, 73, 74, 87, 88, 89, 90, 91, 92, 95  (Allegato A1);
2. DIRIGENTE AREA PERSONA, capitoli di P.E.G. provvisorio con codici nn. 66, 67, 69, 70 (Allegato A2);
3. DIRIGENTE AREA ATTIVITA' ISTITUZIONALI, CULTURA E COMUNICAZIONE, UFFICIO TURISMO,  capitoli di P.E.G. provvisorio con codici nn. 61, 62, 64, 68, 75, 96, 97, 98 (Allegato A3);
4. SEGRETARIO GENERALE E DIRIGENTE UFFICIO CONTRATTI, UFFICIO LEGALE, UFFICIO DEMOGRAFICI, U.O.A. POLIZIA MUNICIPALE  E PROTEZIONE CIVILE, capitoli di P.E.G. provvisorio con codici nn. 51, 52, 59, 60, 63, 65,  (Allegato A4);
5. DIRIGENTE AREA TECNICA TERRITORIO AMBIENTE, capitoli di P.E.G. provvisorio con codici nn. 58, 76, 77, 78, 79, 80, 81, 82, 83, 84, 85, 86, 93 (Allegato A5);
3°) - DI ATTRIBUIRE agli stessi dirigenti anche la gestione dei residui; 
4°) - DI RIMANDARE a successivo atto l’approvazione del Piano delle performance e del Piano degli obiettivi, quali parti organiche del Piano esecutivo di gestione, così come previsto dall’art. 169, comma 3-bis, del D.Lgs. n. 267/2000, e la conseguente assegnazione ai dirigenti degli obiettivi previsti dal Piano delle performance;
5°) - DI AUTORIZZARE i Dirigenti dell’ente a sottoscrivere determinazioni di impegno di spesa, nell'ambito degli stanziamenti assegnati, fatto salvo il controllo ai sensi del vigente regolamento di contabilità; 
6°) - DI DARE ATTO che competono alla Giunta le spese di natura discrezionale e programmatica, quali, ad esempio, le deliberazioni di eventuali contributi aventi carattere di eccezionalità e comunque nei limiti di cui all'art. 12 della Legge n. 241/1990;
7°) - DI TRASMETTERE il presente atto al Segretario generale, ai Dirigenti dell’Ente e al Collegio dei revisori dei conti;
8°) – DI DICHIARARE il presente atto immediatamente eseguibile, ai sensi dell’art. 134 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 mediante separata ed unanime votazione palese.-
      
Letto, confermato e sottoscritto
	Il  Sindaco	Il  Vice Segretario Comunale
	F/to Mangialardi Maurizio	F/to  Mirti Paolo

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,


La presente deliberazione è stata pubblicata all’Albo Pretorio dal 12 luglio 2016 al 27 luglio 2016 ai sensi dell’art. 124, 1° comma, del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267.
Lì, 28 luglio 2016	Il       Segretario Comunale
	F/to 
La presente deliberazione, non soggetta a controllo, è divenuta esecutiva, ai sensi dell’art. 134 del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267, in data 23 luglio 2016, essendo stata pubblicata il 12 luglio 2016
Lì, 25 luglio 2016	Il       Segretario Comunale
	F/to 
Spazio riservato all’eventuale controllo preventivo di legittimità, richiesto ai sensi dell’art. 127 del D.Lgs. 18/8/2000 n° 267:



 

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,