Senigallia Atto

Metodo di stima per la determinazione del più probabile valore di mercato delle aree fabbricabili ai fini dell'applicazione dell'imposta municipale unica (IMU)

Delibera di giunta della Giunta Comunale N° S-LP/2018/1201 del 22 maggio 2018

Presentazione
Approvazione
22.5.2018

Firmatari

  • Maurizio Memè
    Vice sindaco, Assessore con delega a pianificazione urbanistica e progettazione ambientale, gestione e manutenzione del litorale, area portuale, Suap
    Monitorato da 20 cittadini

Testo

        
COMUNE DI SENIGALLIA
PROVINCIA DI ANCONA
DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N° 97
Seduta del 22/05/2018
OGGETTO:	METODO DI STIMA PER LA DETERMINAZIONE DEL PIU' PROBABILE VALORE DI MERCATO DELLE AREE FABBRICABILI AI FINI DELL'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA MUNICIPALE UNICA (IMU).

L’anno duemiladiciotto addì ventidue del mese di maggio alle ore 8,00 nel Palazzo Municipale di Senigallia, previa convocazione, si è oggi riunita la Giunta Municipale.
	Sono presenti i Signori:

  PresentiAssenti Mangialardi MaurizioSindaco*- Bomprezzi ChantalAssessore*- Bucari SimonettaAssessore*- Campanile GennaroAssessore*- Girolametti CarloAssessore*- Memè MaurizioAssessore*- Monachesi EnzoAssessore*- Ramazzotti IlariaAssessore*- 
Essendosi in numero legale per la validità dell’adunanza, assume la presidenza il Sig. Mangialardi Maurizio nella qualità di Sindaco, che dichiara aperta la seduta, alla quale assiste il Segretario del Comune Dott. Morganti Stefano  ed invita la Giunta a deliberare.
L A   G I U N T A
Visto l’art. 33 dello Statuto, di cui alla Deliberazione Consiliare n° 19 del 19 febbraio 2003;
Udita la relazione di Memè Maurizio;
- L’art. 5, comma 5 del D.Lgs n. 504/1992 stabilisce che: per le aree fabbricabili, il valore è costituito da quello venale in comune commercio al 1° gennaio dell’anno di imposizione, avendo riguardo alla zona territoriale di ubicazione, all’indice di edificabilità, alla destinazione d’uso consentita, agli oneri per eventuali lavori di adattamento del terreno necessari per la costruzione, ai prezzi medi rilevati sul mercato dalla vendita di aree aventi analoghe caratteristiche.
- In  relazione  a quanto sopra specificato, con precedenti deliberazioni di Giunta Municipale  (n. 1236/1999, n. 499/2002, n. 318/2004, n. 269/2008, n. 92/2011, n. 107/2013 e n. 205/2014) venivano fissati i criteri per la determinazione dei valori minimi di riferimento delle aree fabbricabili, ai sensi dell’art. 59, comma 1, lettera g) del D.Lgs n. 446 del 15/12/1997 e dell’art. 3 del regolamento comunale per la disciplina dell’Imposta Comunale sugli Immobili.
- L’art. 2 del regolamento comunale per la disciplina dell’IMU prevede che periodicamente la Giunta Comunale delibera per zone omogenee i valori venali in comune commercio delle aree fabbricabili, al fine di orientare l’attività di accertamento del Comune secondo criteri improntati al perseguimento dello scopo di ridurre al massimo l’insorgenza del contenzioso.
- A tale riguardo, considerate le mutate realtà di mercato, le avvenute modifiche allo strumento urbanistico vigente, l’avvenuta approvazione da parte della Regione Marche dei nuovi elaborati relativi al PAI, si è reso necessario aggiornare l’elaborato tecnico che fornisce i criteri per determinare i valori minimi di riferimento delle aree fabbricabili per l’applicazione dell’imposta IMU.
- Va in ogni caso rilevato che ai sensi del già richiamato art. 2 del regolamento comunale risulta applicabile l’istituto dell’accertamento con adesione, che consente all’Ufficio Tributi e Canoni di rideterminare in contraddittorio con il contribuente il valore delle aree edificabili accertate laddove ne ricorrano i presupposti.
- Vista la relazione tecnica allegata al presente atto, parte integrante e sostanziale del medesimo, che determina i valori venali in comune commercio delle aree fabbricabili di questo Comune ai fini dell’applicazione dell’imposta municipale unica (IMU) a decorrere dal 1° gennaio 2018; 
- Ritenuto pertanto opportuno approvare i nuovi valori orientativi per le aree fabbricabili secondo il metodo di stima del più probabile valore di mercato di cui all’allegata relazione tecnica;
- Preso atto dei seguenti pareri favorevoli resi ai sensi dell’art. 49 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 sull'Ordinamento degli Enti Locali:
- dal Dirigente Responsabile dell’Area Tecnica Territorio Ambiente;
- del Dirigente responsabile dell’Area Risorse Umane e Finanziarie;
- Con votazione palese ed unanime;
D E L I B E R A
1°) - DI APPROVARE i valori venali in comune commercio delle aree fabbricabili di questo Comune ai fini dell’applicazione dell’imposta municipale unica (IMU) a decorrere dal 1° gennaio 2018, determinati nell’allegata relazione tecnica che pure si approva quale parte integrante e sostanziale del presente atto.
2°) - DI MONITORARE l’applicazione dell’allegata relazione tecnica per almeno 1 anno, consultando le variazioni di mercato pubblicate dall’OMI e valutando anche segnalazioni/osservazioni pervenute da parte dei cittadini che verranno puntualmente verificate anche per eventuali modifiche da apportare al citato documento tecnico.
3°) - DI PRENDERE ATTO che la presente proposta non comporta assunzioni di oneri a carico del Bilancio Comunale. 
4°) – DI DICHIARARE il presente atto immediatamente eseguibile, ai sensi dell’art. 134 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 mediante separata ed unanime votazione palese.-
      
Letto, confermato e sottoscritto
	Il  Sindaco	Il  Segretario Comunale
	F/to Mangialardi Maurizio	F/to  Morganti Stefano

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,


La presente deliberazione è stata pubblicata all’Albo Pretorio dal 29 maggio 2018 al 13 giugno 2018 ai sensi dell’art. 124, 1° comma, del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267.
Lì,  14 giugno 2018	Il       Segretario Comunale
	F/to 
La presente deliberazione, non soggetta a controllo, è divenuta esecutiva, ai sensi dell’art. 134 del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267, in data 9 giugno 2018, essendo stata pubblicata il 29 maggio 2018
Lì, 11 giugno 2018	Il       Segretario Comunale
	F/to 
Spazio riservato all’eventuale controllo preventivo di legittimità, richiesto ai sensi dell’art. 127 del D.Lgs. 18/8/2000 n° 267:



 

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,