Senigallia Atto

Fase stragiudiziale seguente la sentenza della Corte d'Appello nel contenzioso con P.P. Nomina avv. Lubrano

Delibera di giunta della Giunta Comunale N° S-FF/2018/3376 del 11 dicembre 2018

Presentazione
Approvazione
11.12.2018

Firmatari

Testo

        
COMUNE DI SENIGALLIA
PROVINCIA DI ANCONA
DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N° 251
Seduta del 11/12/2018
OGGETTO:	AUTORIZZAZIONE AL SINDACO A TRATTARE LA FASE STRAGIUDIZIALE IN ORDINE ALL’ATTO DI PRECETTO PROPOSTO DA E.D.R. NEI CONFRONTI DEL COMUNE DI SENIGALLIA A SEGUITO DELLA SENTENZA 814/2016 EMESSA DALLA CORTE DI APPELLO DI ANCONA – DESIGNAZIONE LEGALE

L’anno duemiladiciotto addì undici del mese di dicembre alle ore 8,00 nel Palazzo Municipale di Senigallia, previa convocazione, si è oggi riunita la Giunta Municipale.
	Sono presenti i Signori:

  PresentiAssenti Mangialardi MaurizioSindaco*- Bomprezzi ChantalAssessore*- Bucari SimonettaAssessore*- Campanile GennaroAssessore*- Girolametti CarloAssessore*- Memè MaurizioAssessore*- Monachesi EnzoAssessore*- Ramazzotti IlariaAssessore*- 
Essendosi in numero legale per la validità dell’adunanza, assume la presidenza il Sig. Mangialardi Maurizio nella qualità Sindaco, che dichiara aperta la seduta, alla quale assiste il Vice Segretario del Comune Dott. Mirti Paolo  ed invita la Giunta a deliberare.
L A   G I U N T A
Visto l’art. 33 dello Statuto, di cui alla Deliberazione Consiliare n° 19 del 19 febbraio 2003;
Udita la relazione di Maurizio Mangialardi;
Premesso:
- che il Sig. Possenti Paolo instaurava contro il Comune di Senigallia un primo giudizio avanti al Tribunale di Ancona rubricato al n. 1685/93 avente ad oggetto il pagamento dell’indennità di esproprio relativo ad un terreno in località Saline di comproprietà sua e del fratello Pierluigi, definito con sentenza n. 1301/06;
- che il Sig. Possenti Paolo instaurava contro il Comune di Senigallia un secondo giudizio, appellando la predetta sentenza, innanzi alla Corte di Appello di Ancona rubricato al n. 1195/07, definito con sentenza n. 679/10;
- che il Sig. Possenti Paolo notificava a questo Comune in data 06/12/2011 ricorso presso la Corte di Cassazione per la cassazione della sentenza n. 679/2010 pronunciata dalla Corte di Appello di Ancona, definito con ordinanza/sentenza n. 1756/14;
- che la Corte di Cassazione con detta ultima pronuncia ha cassato la sentenza impugnata e ha rinviato alla Corte di Appello di Ancona, in diversa composizione, anche per le spese del giudizio di legittimità;
- che il sig. Possenti Paolo notificava in data 2/5/2014 a questo Comune atto di citazione in riassunzione presso la Corte di Appello di Ancona ex sentenza n. 1756/14 della Corte di Cassazione;
-  Considerato che detto giudizio si è concluso con la sentenza n. 814 pubblicata il 6.7.2016;
- Considerato che in esecuzione della citata sentenza il Comune ha provveduto a liquidare al sig. Possenti tutto il dovuto;
- Considerato altresì che il Comune avverso la medesima sentenza ha proposto ricorso avanti alla Corte di Cassazione, tuttora pendente, per una piena e completa tutela giudiziaria dell’Ente;
- Visto l’atto di precetto notificato al Comune in data 30.10.2018 con il quale l’avvocato Elti Di Rodeano, legale di Possenti, contesta che il Comune abbia provveduto al pagamento del dovuto in esecuzione della sentenza in parola ed intima all’Ente la corresponsione della somma  di Ђ 487.831,79 oltre interessi, spese di notifica, compensi per l’atto di precetto e relative spese accessorie per un ammontare pari a complessivi Ђ 488.516,94; 
- Considerato che le reiterate spiegazioni fornite dall’Area Tecnica, corredate dalla corrispondenza intercorsa e la prova degli avvenuti bonifici a favore di Possenti non hanno sortito esito;
- Ritenuto che il Comune debba evitare una procedura esecutiva con il rischio di dover nuovamente corrispondere quanto già interamente e legittimamente pagato;
- Considerato che il Comune di Senigallia con DCC n. 108 del 14.12.2017 ha approvato il Regolamento per il conferimento degli incarichi agli avvocati del libero foro per la rappresentanza e difesa in giudizio del Comune di Senigallia che all’art. 8 contempla in casi simili, in considerazione della particolare complessità giuridica dell’oggetto e della prescritta specializzazione in capo al soggetto individuato oltre che della evidente consequenzialità con altri precedenti incarichi, la possibilità di ricorrere al conferimento diretto ad un legale esterno;
- Atteso altresì che l’elenco di cui all’art. 3  del citato Regolamento è in corso di definitiva redazione ed approvazione;
-  Premesso che l’Avv. Laura Amaranto è assente per legittimo impedimento;
- Premesso che l’avv. Elti di Rodeano potrebbe a breve notificare all’Ente un atto di pignoramento  e si rende pertanto necessario per contingenze organizzative conferire l’incarico ad altro professionista esterno per non pregiudicare gli interessi dell’Ente;
- Considerato che detta figura di professionista è individuabile da parte dell’Amministrazione nel prof. Avv. Filippo Lubrano con studio in Roma, che avendo già seguito la causa nei precedenti gradi di giudizio e rappresentando il Comune nel citato ricorso in Cassazione, conosce gli elementi di fatto nonché gli argomenti di diritto che caratterizzano l’evoluzione della complessiva vicenda giuridica-amministrativa e processuale sin qui seguita;
- Considerato che si rende necessaria l’elezione di domicilio presso lo studio del suddetto legale in Roma, Via Flaminia, 79;
- Visto il preventivo di spesa presentato dal Prof. Avv. Lubrano il 10.12.2018  ns protocollo n. 86730 dell’11 .12.2018; 
- Ritenuto di approvare detto preventivo;
- Atteso che occorre dare mandato al Segretario Generale di assumere l’impegno di spesa di cui al punto precedente;
- Preso atto dei seguenti pareri favorevoli resi ai sensi dell’art. 49 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 sull'Ordinamento degli Enti Locali:
- dal Vice Segretario Generale;
- del Dirigente responsabile dell’Area Risorse Umane e Finanziarie;
- Con votazione palese ed unanime;
D E L I B E R A
1°) - AUTORIZZARE il Sindaco a trattare la fase stragiudiziale in ordine all’atto di precetto  proposto  da E.D.R. nei confronti del Comune di Senigallia a seguito della sentenza della Corte di Appello di Ancona n. 814/2016 come esposto e precisato in premessa;
2°) - AFFIDARE l’incarico di rappresentare e difendere questo Ente nel presente giudizio  all’ avvocato Filippo Lubrano del foro di Roma, conferendogli ogni più ampia facoltà di legge;
3°) - AUTORIZZARE il Sindaco a rilasciare procura speciale al predetto legale, eleggendo domicilio presso lo Studio Lubrano & Associati, in Roma - Via Flaminia, 79;
4°) - APPROVARE  il preventivo presentato dal Prof. Avv. Lubrano in data 10.12.2018 ns protocollo n. 86730 dell’11 .12.2018; 
5°) - DARE ATTO che la spesa prevista di cui al citato preventivo sarà imputata al Cap. 1652/20 Spese per contenzioso giudiziario, stragiudiziale e legali e sarà assunta con successiva determina dirigenziale;
6°) - DICHIARARE il presente atto immediatamente eseguibile, ai sensi dell’art. 134 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 mediante separata ed unanime votazione palese.-
      
Letto, confermato e sottoscritto
	Il  Sindaco	Il  Vice Segretario Comunale
	F/to Mangialardi Maurizio	F/to  Mirti Paolo

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,


La presente deliberazione è stata pubblicata all’Albo Pretorio dal 17 dicembre 2018 al 1 gennaio 2019 ai sensi dell’art. 124, 1° comma, del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267.
Lì, 2 gennaio 2019	Il       Segretario Comunale
	F/to 
La presente deliberazione, non soggetta a controllo, è divenuta esecutiva, ai sensi dell’art. 134 del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267, in data 28 dicembre 2018, essendo stata pubblicata il 17 dicembre 2018
Lì, 2 gennaio 2019	Il       Segretario Comunale
	F/to 
Spazio riservato all’eventuale controllo preventivo di legittimità, richiesto ai sensi dell’art. 127 del D.Lgs. 18/8/2000 n° 267:



 

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,