Senigallia Atto

Fondo trattamento accessorio dirigenti anni 2016, 2017 E 2018: Linee di indirizzo per stanziamento risorse

City government deliberation della Giunta Comunale N° S-OF/2018/3500 del 18 dicembre 2018

Presentazione
Approvazione
18.12.2018

Firmatari

Testo

        
COMUNE DI SENIGALLIA
PROVINCIA DI ANCONA
DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N° 260
Seduta del 18/12/2018
OGGETTO:	FONDO TRATTAMENTO ACCESSORIO DIRIGENTI ANNI 2016, 2017 e 2018: LINEE DI INDIRIZZO PER STANZIAMENTO RISORSE.

L’anno duemiladiciotto addì diciotto del mese di dicembre alle ore 8,00 nel Palazzo Municipale di Senigallia, previa convocazione, si è oggi riunita la Giunta Municipale.
	Sono presenti i Signori:

  PresentiAssenti Mangialardi MaurizioSindaco-* Bomprezzi ChantalAssessore*- Bucari SimonettaAssessore*- Campanile GennaroAssessore-* Girolametti CarloAssessore*- Memè MaurizioAssessore*- Monachesi EnzoAssessore*- Ramazzotti IlariaAssessore*- 
Essendosi in numero legale per la validità dell’adunanza, assume la presidenza il Sig. Memè Maurizio nella qualità di Vice Sindaco, che dichiara aperta la seduta, alla quale assiste il Segretario del Comune Dott. Morganti Stefano  ed invita la Giunta a deliberare.
L A   G I U N T A
Visto l’art. 33 dello Statuto, di cui alla Deliberazione Consiliare n° 19 del 19 febbraio 2003;
Udita la relazione di Maurizio Mangialardi;
PREMESSO che: 
- i vigenti CCNL dell’Area dirigenti Enti Locali definiscono la struttura della retribuzione della qualifica unica dirigenziale in stipendio tabellare, retribuzione di posizione, retribuzione di risultato, definendo i valori di riferimento e le modalità di finanziamento del trattamento economico accessorio;
- per il finanziamento del Fondo per il trattamento accessorio per l’area della dirigenza sono annualmente determinate specifiche risorse, sulla base delle disposizioni contrattuali e legislative vigenti;
- le modalità di determinazione delle risorse del fondo per la retribuzione di posizione e per la retribuzione di risultato sono attualmente regolate dall’art.26 del CCNL 23/12/2999 e dalle sue successive modificazioni ed integrazioni apportate dai seguenti CCNL:
- art. 23 commi 1, 3 del C.C.N.L. 22.2.2006 (quadriennio normativo 2002-2005 – biennio economico 2002-2003);
- art. 4, commi 1, 4 del C.C.N.L. area dirigenza del 14.05.2007 (biennio economico 2004-2005);
- art. 16, comma 4, del C.C.N.L. area dirigenza del 22.02.2010 (biennio economico 2006-2007);
- art. 5, commi 1 e 5, del C.C.N.L. area dirigenza del 03.08.2010 (biennio economico 2008-2009);
ATTESO, riguardo il procedimento di costituzione del Fondo, che alla Giunta compete fornire indirizzi in materia di quantificazione delle risorse per il trattamento accessorio, in modo particolare con riferimento alla parte variabile del fondo, mentre è rimessa alla competenza dirigenziale la quantificazione dettagliata delle risorse del Fondo in applicazione degli indirizzi forniti dalla Giunta;
DATO ATTO che lo stanziamento di risorse aggiuntive nel fondo del trattamento accessorio del personale (dirigente e del comparto) è soggetto a vincoli e disposizioni limitative, tra le quali in particolare quelle di seguito richiamate:
- art. 40 del D.Lgs. n. 165/2001, in virtù del quale gli enti locali possono destinare risorse aggiuntive alla contrattazione integrativa in ogni caso nel rispetto dei vincoli di bilancio e dei vari strumenti di contenimento della spesa;
- art. 1, comma 557, e s.m.i. della Legge n. 296/2006 (Legge Finanziaria 2007), che disciplina il concorso delle Autonomie locali al rispetto degli obiettivi di finanza pubblica stabilendo l’obbligo per gli enti locali di contenere la spesa di personale nella spesa di personale media del triennio 2011 – 2013;
- art.1, comma 762, della Legge n. 208/2015, che stabilisce l’obbligo del rispetto del pareggio di bilancio, così come individuato dalla medesima legge stessa nei commi da 707 a 734;
RICHIAMATA la deliberazione di Giunta  n. 291 del 29/12/2015, con la quale si fornivano linee di indirizzo per la costituzione del Fondo per il trattamento accessorio della dirigenza anno 2015 e la determinazione del dirigente Area Organizzazione e Risorse Finanziarie n.1481 del 31/12/2015, con la quale si costituiva il predetto Fondo;
ATTESO che:
- dal 6 aprile al 3 maggio 2016 è stata effettuata una verifica amministrativo – contabile nei confronti del Comune di Senigallia da parte della Ragioneria Generale dello stato (RGS) - Ministero Economia e Finanze (MEF), ai sensi dell'art.60, comma 5 del D.Lgs. n. 165/2001 e dell'art.14, comma 1 lett.d) della Legge n. 196/2009;
- nella relazione trasmessa al Comune dalla RGS ad esito della verifica ispettiva sono state evidenziate presunte irregolarità e carenze, fra le quali alcune riguardanti i fondi per il trattamento accessorio del personale con qualifica dirigenziale, relativi agli anni dal 2010 al 2015; 
DATO ATTO che a seguito della verifica ispettiva si è resa necessaria una complessa attività di analisi e verifica dei Fondi per il trattamento accessorio della dirigenza, sia in relazione al procedimento instaurato con la verifica ispettiva, per quanto riguarda i Fondi oggetto di verifica ispettiva (anni 2010 – 2015), sia in relazione alla costituzione dei Fondi per le annualità successive al 2015;
PRECISATO che in data 28/09/2018 è stata trasmessa al MEF una relazione di risposta contenente le controdeduzioni ai rilievi formulati dallo stesso Ministero nella relazione ispettiva;
DATO ATTO che con nota in data 05/12/2018, prot. 252644, il MEF si pronunciava in merito alle controdeduzioni trasmesse dall’Ente, dichiarando, per quanto qui di interesse, che dall’esame delle controdeduzioni pervenute, tutte le questioni evidenziate in sede ispettiva, relative alla costituzione dei Fondi della dirigenza possono ritenersi definite;
ATTESO che è necessario provvedere alla costituzione dei Fondi per la retribuzione di posizione e di risultato della dirigenza per gli anni 2016, 2017 e 2018 e che nella costituzione dei predetti fondi si procederà anche tenendo conto dell’esito della verifica ispettiva per le parti relative ai Fondi della dirigenza;
RITENUTO necessario fornire con il presente atto apposito indirizzo al dirigente dell’Area Risorse Umane e Finanziarie che procederà alla dettagliata costituzione del Fondo per il finanziamento del fondo per la retribuzione di posizione e di risultato del personale con qualifica dirigenziale:
- per l’anno 2016: 
confermare le integrazioni del Fondo di cui all’art. 26 comma 3, del CCNL 23/12/1999, già previste nel Fondo anno 2015 e precedenti, poiché le stesse derivano o da incremento di posti della dotazione organica dirigenziale o da un aumento stabile delle responsabilità dirigenziali, di seguito riportate:
-  riorganizzazione 2001 - incremento posti dotazione organica (dirigenza Attività economiche) :  Euro  18.686,93;
-  riorganizzazione 2007 - riorganizzazione funzioni ragioneria/tributi/patrimonio con istituzione dirigenza   risorse territorio: Euro 16.195,09;
- 2010 - attribuzione a dirigente Servizi Educativi sociali sport  Funzioni Coordinatore ATS 8: Euro 30.820,00;
- per gli anni 2017 e 2018:
confermare le seguenti integrazioni del Fondo di cui all’art. 26 comma 3, del CCNL 23/12/1999, collegate ad un aumento stabile delle responsabilità dirigenziali:
-  riorganizzazione 2007 - riorganizzazione funzioni ragioneria/tributi/patrimonio con istituzione dirigenza   risorse territorio: Euro 16.195,09;
- 2010 - attribuzione a dirigente Servizi Educativi sociali sport  Funzioni Coordinatore ATS 8: Euro 30.820,00;
non confermare la seguente integrazione di cui all’art. 26 comma 3:
-  riorganizzazione 2001 - incremento posti dotazione organica (dirigenza Attività economiche) :  Euro  18.686,93;
a causa della soppressione di detta dirigenza con la riorganizzazione della struttura organizzativa comunale adottata con deliberazione di Giunta n.255 del 11/10/2016, applicata con decorrenza 01/01/2017;
DATO ATTO che alla data odierna non è stato ancora sottoscritto  il nuovo CCNL 2016/2018 dell’Area della Dirigenza delle funzioni locali;
DATO ATTO che  le risorse dei Fondi per il trattamento accessorio della dirigenza sono destinate al finanziamento della retribuzione di posizione e della retribuzione di risultato secondo le ripartizioni definite dai vigenti CCNL, fermo restando quanto stabilito dall’art. 28, commi 1 e 3 CCNL 23/12/1999 relativamente alla quota di risorse del fondo da destinare alla retribuzione di risultato (percentuale non inferiore al 15% dell’intero fondo);
RICHIAMATI inoltre:
- l’art. 27, comma 9 del CCNL 23/12/1999, che stabilisce che Le risorse destinate al finanziamento della retribuzione di posizione devono essere integralmente utilizzate. Eventuali risorse che a consuntivo risultassero ancora disponibili sono temporaneamente utilizzate per la retribuzione di risultato relativa al medesimo anno e quindi riassegnate al finanziamento della retribuzione di posizione a decorrere dall’esercizio finanziario successivo;
- l’art. 28, comma 2, del CCNL 23/12/1999, che prevede che le risorse destinate al finanziamento della retribuzione di risultato devono essere integralmente utilizzate nell’anno di riferimento. Ove ciò non sia possibile, le eventuali risorse non spese sono destinate al finanziamento della predetta retribuzione di risultato nell’anno successivo;
RICHIAMATE le norme relative alla riduzione del Fondo per la retribuzione di posizione e di risultato dei dirigenti negli anni di riferimento e precisamente:
- per il fondo anno 2016:  art.1 comma 236 della L. 208/2015 ha previsto che, a decorrere dal 01/01/2016, l'ammontare complessivo delle risorse destinate annualmente al trattamento accessorio del personale non può superare il corrispondente importo determinato per l'anno 2015 ed è, comunque, automaticamente ridotto in misura proporzionale alla riduzione del personale in servizio, tenendo conto del personale assumibile ai sensi della normativa vigente;
- per i fondi anni 2017 e 2018: art.23, comma 2, D.Lgs. n. 75/2017 che ha previsto che, a decorrere dal 1° gennaio 2017, l’ammontare complessivo delle risorse destinate annualmente al trattamento accessorio del personale, anche di livello dirigenziale, delle pubbliche amministrazioni, non può superare il corrispondente importo determinato per l’anno 2016;
RICHIAMATE:
- la Deliberazione del Consiglio Comunale  n. 121 del 21/12/2017, avente ad oggetto Approvazione del Bilancio di previsione finanziario armonizzato 2018 – 2020 di cui all’allegato 9 al D.Lgs. n. 118/2011;
- le deliberazioni di Giunta n. 314 del 28/12/2017, avente ad oggetto "Approvazione del piano esecutivo di gestione del triennio 2018/2020" e n. 14 del 30/01/2018, avente ad oggetto: Approvazione piano della performance anno 2018;
DATO ATTO che le risorse autorizzate con il presente provvedimento per il trattamento accessorio del personale dirigente per gli anni 2016, 2017 e 2018 sono integralmente finanziate nel Bilancio di previsione finanziario armonizzato 2018 – 2020, che sono stati rispettati tutti i vincoli delle vigenti norme in materia di finanza pubblica e gli altri strumenti di contenimento della spesa in materia di impiego pubblico per l’anno 2018 e che, a livello previsionale, il bilancio di previsione 2018 – 2020 garantisce il rispetto di tali vincoli per l’intero triennio; 
RICHIAMATO l’art. 4 comma 4 CCNL 23/12/2018 che stabilisce che negli enti con meno di cinque dirigenti, le materie oggetto di contrattazione integrative indicate nel comma 1 del medesimo articolo sono oggetto di concertazione ai sensi dell’art. 8;
- Preso atto dei seguenti pareri favorevoli resi ai sensi dell’art. 49 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 sull'Ordinamento degli Enti Locali:
- del Dirigente responsabile dell’Area Risorse Umane e Finanziarie;
- Con votazione palese ed unanime;
D E L I B E R A
1°) - APPROVARE le premesse che costituiscono parte integrante e sostanziale del presente atto;
2°) - APPROVARE l’indirizzo in premessa descritto e di seguito integralmente riportato in ordine alla costituzione dei Fondi per la Retribuzione di posizione e di risultato del personale con qualifica dirigenziale anni 2016, 2017 e 2018:
- per l’anno 2016: 
confermare le integrazioni del Fondo di cui all’art.26 comma 3, del CCNL 23/12/1999, già previste nei Fondi degli anni precedenti poiché le stesse derivano o da incremento di posti della dotazione organica dirigenziale o da un aumento stabile delle responsabilità dirigenziali, di seguito riportate:
a)  riorganizzazione 2001 - incremento posti dotazione organica (dirigenza Attività economiche) :  Euro  18.686,93;
b)  riorganizzazione 2007 - riorganizzazione funzioni ragioneria/tributi/patrimonio con istituzione dirigenza   risorse territorio: Euro 16.195,09;	
c) 2010 - attribuzione a dirigente Servizi Educativi sociali sport  Funzioni Coordinatore ATS 8: Euro 30.820,00
- per gli anni 2017 e 2018:
confermare le seguenti integrazioni del Fondo di cui all’art. 26 comma 3, del CCNL 23/12/1999, collegate ad un aumento stabile delle responsabilità dirigenziali:
- riorganizzazione 2007 - riorganizzazione funzioni ragioneria/tributi/patrimonio con istituzione dirigenza   risorse territorio: Euro 16.195,09;
- 2010 - attribuzione a dirigente Servizi Educativi sociali sport  Funzioni Coordinatore ATS 8: Euro 30.820,00;
non confermare la seguente integrazione di cui all’art. 26 comma 3:
-  riorganizzazione 2001 - incremento posti dotazione organica (dirigenza Attività economiche) :  Euro  18.686,93;
a causa della soppressione di detta dirigenza con la riorganizzazione della struttura organizzativa comunale adottata con deliberazione di Giunta n.255 del 11/10/2016, applicata con decorrenza 01/01/2017;
3°) - DARE ATTO che il Dirigente dell’Area risorse umane finanziarie procederà con propria determinazione alla quantificazione dettagliata del Fondo di cui all’art. 26 del CCNL 23/12/1999, in esecuzione dell’indirizzo approvato al precedente  punto 1), nel rispetto dei vincoli posti dalle disposizioni legislative vigenti, applicando in particolare le riduzioni del fondo previste dall’art. 1 c. 236 della Legge n. 208/2015 per il Fondo anno 2016 e dall’art. 23 D.Lgs. n. 75/2017 per i Fondi degli 2017 e 2018;
4°) - DARE ATTO  che le risorse dei Fondi per il trattamento accessorio della dirigenza sono destinate al finanziamento della retribuzione di posizione e della retribuzione di risultato secondo le ripartizioni definite dai vigenti CCNL, fermo restando quanto stabilito dall’art.28, commi 1 e 3 CCNL 23/12/1999 relativamente alla quota di risorse del fondo da destinare alla retribuzione di risultato (percentuale non inferiore al 15% dell’intero fondo);
5°) - DARE ATTO che le risorse autorizzate con il presente provvedimento per il trattamento accessorio del personale dirigente per gli anni 2016, 2017 e 2018 sono integralmente finanziate nel Bilancio di previsione finanziario armonizzato 2018 – 2020, che sono stati rispettati tutti i vincoli delle vigenti norme in materia di finanza pubblica e gli altri strumenti di contenimento della spesa in materia di impiego pubblico per l’anno 2018 e che, a livello previsionale, il bilancio di previsione 2018 – 2020 garantisce il rispetto di tali vincoli per l’intero triennio; 
6°) - DICHIARARE il presente atto immediatamente eseguibile, ai sensi dell’art. 134 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 mediante separata ed unanime votazione palese.-
      
Letto, confermato e sottoscritto
	Il Vice Sindaco	Il  Segretario Comunale
	F/to Memè Maurizio	F/to  Morganti Stefano

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,


La presente deliberazione è stata pubblicata all’Albo Pretorio dal 28 maggio 2019 al 12 giugno 2019 ai sensi dell’art. 124, 1° comma, del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267.
Lì, 13 giugno 2019	Il       Segretario Comunale
	F/to 
La presente deliberazione, non soggetta a controllo, è divenuta esecutiva, ai sensi dell’art. 134 del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267, in data 8 giugno 2019, essendo stata pubblicata il 28 maggio 2019
Lì, 10 giugno 2019	Il       Segretario Comunale
	F/to 
Spazio riservato all’eventuale controllo preventivo di legittimità, richiesto ai sensi dell’art. 127 del D.Lgs. 18/8/2000 n° 267:



 

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,