Senigallia Atto

Schema di convenzione per lo svolgimento del servizio associato di Polizia Municipale con il Comune di Montemarciano

Delibera del Consiglio Comunale N° CC/2014/101 del 29 dicembre 2014

Presentazione
Approvazione
29.12.2014
  • 29.12.2014
  • approvato
    (in 11 giorni)
    votazione


Firmatari

Testo

        
COMUNE DI SENIGALLIA
PROVINCIA DI ANCONA
DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N° 101 
Seduta del 29/12/2014
OGGETTO:	APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO ASSOCIATO DI POLIZIA MUNICIPALE CON IL COMUNE DI MONTEMARCIANO
L’anno duemilaquattordici addì ventinove del mese di dicembre alle ore 16:30  nel Palazzo Municipale di Senigallia e nella solita sala delle adunanze consiliari.
Previa convocazione nei modi di rito, si è oggi riunito, in seduta straordinaria il Consiglio Comunale.
Fatto l’appello nominale risultano:
ConsiglierePres.Ass.ConsiglierePres.Ass.1 Allegrezza Elisabetta-*17 Marcantoni Fabrizio-*2 Angeletti Margherita *-18 Marcellini Massimo-*3 Battisti Paolo-*19 Monachesi Enzo*-4 Brucchini Adriano*-20 Papa Caterina*-5 Bucari Simonetta*-21 Paradisi Roberto*-6 Bucci Vania*-22 Pergolesi Enrico*-7 Cameruccio Gabriele*-23 Perini Maurizio*-8 Canestrari Alan-*24 Quagliarini Luciano*-9 Cicconi Massi Alessandro*-25 Ramazzotti Ilaria*-10 Donatiello Giulio*-26 Rebecchini Luigi C.D.*-11 Fiore Mario*-27 Rimini Enrico*-12 Giacchella Massimiliano*-28 Romano Dario*-13 Girolametti Carlo*-29 Salustri Maurizio*-14 Gregorini Mauro-*30 Sardella Simeone*-15 Mancini Roberto*-31 Sartini Oliviano*-16 Mangialardi Maurizio*-T O T A L E     P R E S E N T I    N° 25

 Shikova NataliyaConsigliere Straniero Aggiunto*- Rana Mohammad IsmailConsigliere Straniero Aggiunto-*
Sono altresì presenti gli assessori: Curzi Paola, Schiavoni Stefano.
Essendo legale l’adunanza per il numero degli intervenuti, il Sig. Enzo Monachesi nella qualità di Presidente dichiara aperta la seduta, alla quale assiste il Segretario Comunale Dott. Morganti Stefano 
Chiama a fungere da scrutatori i Consiglieri Signori: 1°  Donatiello Giulio; 2° Bucci Vania;  3° Rebecchini Luigi .
Il Presidente del Consiglio MONACHESI enuncia l’argomento iscritto al punto 12 dell’ordine del giorno dei lavori consiliari relativo a: APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO ASSOCIATO DI POLIZIA MUNICIPALE CON IL COMUNE DI MONTEMARCIANO e concede la parola al Sindaco per la relazione introduttiva.

…… …… omissis …… …… 

Il Presidente del Consiglio MONACHESI pone in votazione, palese con modalità elettronica, la proposta iscritta al punto 12 dell’ordine del giorno dei lavori consiliari che viene approvata con 17 voti favorevoli, 7 contrari (Cameruccio, Cicconi Massi, Mancini, Papa, Paradisi, Perini, Rebecchini), 1 astenuto (Quagliarini) come proclama il Presidente ai sensi di legge.

Il Presidente del Consiglio MONACHESI pone in votazione, palese con modalità elettronica, l’immediata eseguibilità dell’atto deliberativo che viene approvata con 17 voti favorevoli, 6 contrari (Cameruccio, Mancini, Papa, Paradisi, Perini, Rebecchini), 1 astenuto (Quagliarini), 1 presente non votante (Cicconi Massi) come proclama il Presidente ai sensi di legge.

Tutto ciò premesso
IL CONSIGLIO COMUNALE
- Visto l'argomento iscritto al punto 12 dei suoi lavori;
- Udita la relazione del Sindaco;
Richiamati:
- l’art. 30 del D.lgs. n. 267 del 18.08.2000 e s.m.i. il quale stabilisce che gli enti locali, al fine di svolgere in modo coordinato funzioni e servizi determinati, possono stipulare tra loro apposite convenzioni;
- la legge 7 marzo 1986, n. 65 (legge quadro sull’ordinamento della Polizia Municipale) ed in particolare l’art. 1, comma 2,  il quale prevede la possibilita’ per i Comuni di gestire il servizio di polizia municipale attraverso forme associate;
- la legge regionale n. 1 del 17 febbraio 2014 (Disciplina in materia di ordinamento della polizia locale) ed in particolare l’art. 5, comma 1, secondo cui: la Regione promuove la gestione in forma associata dei corpi e dei servizi di polizia locale per garantire uno svolgimento efficiente, efficace, omogeneo e coordinato delle relative funzioni su tutto il territorio regionale in coerenza con le dimensioni territoriali omogenee ottimali;
- gli artt. 8 e 10, comma 9 della L.R. n. 1 del 17.02.2014, secondo cui nel finanziamento degli interventi a sostegno della polizia locale è assicurata priorità di finanziamento all’esercizio delle funzioni di polizia locale in forma associata;
- l’art. 21, comma 3, della legge n. 42 del 05.05.2009 che individua la funzione di Polizia Locale quale funzione fondamentale dei Comuni;
- l’art. 19 del D.L. n. 95/2012, convertito nella L. 135/2012 e s.m.i. il quale interviene nell’assetto dell’esercizio associato delle funzioni fondamentali comunali da svolgersi obbligatoriamente in forma associata attraverso Unioni di Comuni o convenzioni, individuando un ventaglio di funzioni, tra cui alla lettera i) la polizia municipale e polizia amministrativa locale;
- l’art. 14, comma 28, del Decreto Legge 31.05.2010, n. 78, convertito in legge 30 luglio 2010, n. 122, il quale, seppur non applicabile ai Comuni di Senigallia e Montemarciano, in quanto Enti con popolazione superiore ai 5.000 abitanti, dispone che le funzioni fondamentali dei Comuni, previste dall’art. 21, comma 3, della legge n. 42 del 05.05.2009 sono obbligatoriamente  esercitate in forma associata, attraverso convenzioni  o unioni, da parte dei Comuni con popolazione fino a 5.000 abitanti;
Premesso che:
- il Comune di Senigallia ed il Comune di Montemarciano intendono convenzionarsi al fine di poter svolgere in forma associata le funzioni di Polizia Locale;
- che tale modalità consente di garantire i servizi  di Polizia Municipale mediante razionalizzazione degli interventi economici, ottimizzazione delle risorse umane, dei mezzi tecnologici e delle strutture impiegate, oltre che a favorire  l’omologazione delle procedure operative operanti sul territorio;
Sottolineato che:
- i Comuni di Montemarciano e Senigallia risultano essere contermini e con le stesse problematiche soprattutto per quanto riguarda la gestione del lungomare: disciplina delle attività turistico-ricettive, degli stabilimenti balneari e più in generale delle attività commerciali; necessità di assicurare  un equo contemperamento  delle esigenze  di chi risiede sul lungomare e di chi invece frequenta il lungomare per lavoro o per divertimento/svago;
Dato atto quindi che:
- ai fini dello svolgimento in forma associata di funzioni e servizi è necessario addivenire alla stipula di apposita convenzione, ai sensi dell’art.30 del D.lgs. n. 267/2000; 
- per quanto sopra esposto, è stata elaborata la bozza  di convenzione, composta da n. 24 articoli, n. 2 allegati sotto le lettera A e B e n. 1 Allegato Tecnico e condivisa da entrambe le amministrazioni comunali interessate, la stessa si allega alla presente deliberazione, quale parte integrante e sostanziale della stessa;
- quale soggetto capofila della convenzione viene individuato il Comune di Senigallia;
- la durata della convenzione viene determinata in anni 3 (tre) con decorrenza di tutti i suoi effetti  dalla data di sottoscrizione. La convenzione può essere rinnovata per un periodo di tempo di pari durata;
- la proposta di convenzione risponde alle esigenze organizzative del servizio di Polizia Municipale del Comune di Montemarciano potendo contare nel periodo estivo  di maggior afflusso turistico e di popolazione anche sul maggior numero di appartenenti al Corpo di Polizia Municipale di Senigallia;
Ricordato poi, che:
- per effetto dell’art. 4, comma 1, della L. n. 65 del 7 marzo 1986 i comuni singoli o associati adottano il regolamento del servizio di polizia municipale;
- ai sensi dell’art. 7, comma 5, della legge n. 65/1986, nel caso di costituzione di associazione, ai sensi dell’art. 1, comma 2, il relativo atto costituivo disciplinerà l’adozione del regolamento, di cui al presente articolo, fissandone i contenuti essenziali;
- per effetto dell’art. 3 comma 1, lettera a) della L.R. n. 1/2014, i Comuni approvano il regolamento del corpo o del servizio di polizia locale anche nell’ambito del regolamento sull’ordinamento degli Uffici e servizi ai sensi del decreto legislativo  18 agosto 2000, n. 267 (Testo Unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali);
- Ritenuto che il servizio di polizia municipale debba continuare ad essere svolto dal personale con la dotazione dell’arma ai sensi dell’art. 5 comma 5 della L. n. 65 del 7 marzo 1986;
- Ritenuto, quindi, ai sensi dell’art. 89 del D.lgs. n. 267/2000 e dall’art. 7, comma 5, della legge n. 65/1986 fissare i seguenti contenuti essenziali, per la successiva adozione da parte delle Giunte Comunali di Senigallia e Montemarciano di un comune regolamento del Corpo di Polizia Municipale associato e dotato di armi, che sostituirà il Regolamento del Corpo di Polizia Municipale adottato da ogni singolo Ente:
a) l’istituzione di un Corpo di Polizia Municipale associato tra i Comuni di Senigallia e Montemarciano che dipenda gerarchicamente da un Comandante di Polizia Municipale; norme relative alle qualità rivestite dal personale del Corpo, alle qualità di agente di pubblica sicurezza, all’ordinamento organico ed alle qualifiche funzionali;
b) norme relative alla subordinazione gerarchica, alle direttive ed esecuzione degli ordini, ai divieti e alle incompatibilità, ai doveri di comportamento verso i superiori, i colleghi e i dipendenti, alla cura della persona e della divisa, al saluto;
c) norme relative alle attribuzioni e compiti particolari, quali le attribuzioni e compiti del Comandante del Corpo, degli Addetti al coordinamento e al controllo e degli Operatori di Polizia Municipale;
d) norme relative all’accesso ed all’impiego nei posti in organico nel Corpo di Polizia Municipale, compresi i titoli di studio e le modalità di assunzione;
e) norme relative allo svolgimento del servizio;
f) norme relative ai riconoscimenti e onorificenze, alla difesa in giudizio, alla formazione professionale;
g) norme relative all’armamento;
Dato atto che:
- del presente schema di convenzione per la gestione associata delle funzioni e dei servizi di Polizia Municipale e Polizia Amministrativa Locale è stata data informazione preventiva ai sensi dell’art. 7 del CCNL dell’1.4.1999, con comunicazione mail del 06/11/2014;
- in data 12 novembre 2014 l’argomento è stato oggetto di discussione nella riunione della delegazione trattante;
- in data 14 novembre 2014 si è tenuta una riunione del personale appartenente alla Polizia Municipale del Comune di Senigallia durante la quale sono state illustrati i motivi, le finalità ed il funzionamento della presente convenzione;
- Visto il verbale della I Commissione consiliare, tenutasi in data 09/12/2014;
- Visto il parere del collegio dei Revisori dei Conti, reso ai sensi dell’art. 239, comma 1 lettera b) n.3,  del D.lg. 267/2000;
- Preso atto dei seguenti pareri favorevoli resi ai sensi dell’art. 49 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 sull'Ordinamento degli Enti Locali:
- dal Dirigente responsabile dell’U.O.A. Polizia Municipale e Protezione Civile;
- dal Dirigente responsabile dell’Area Organizzazione e Risorse Finanziarie;
- Con votazione palese che ha dato il risultato sopra riportato;
D E L I B E R A
1°) – DI COSTITUIRE una gestione associata  tra i Comuni di Senigallia e Montemarciano della funzione e dei servizi di Polizia Municipale e Polizia Amministrativa Locale;
2°) – DI APPROVARE la convenzione tra i Comuni di Senigallia e Montemarciano per la gestione in forma associata dei servizi di polizia locale, coordinati da un unico Comando, composta da n. 24 articoli, da n. 2 Allegati  sotto le lettere A e B e da n. 1 Allegato Tecnico, come meglio tutti allegati alla presente delibera per costituirne parte integrante e sostanziale;
3°) – DI AUTORIZZARE il Sindaco del Comune di Senigallia alla sottoscrizione della convenzione di cui al precedente punto 2 del dispositivo;
4°) – DI IMPEGNARSI sin d’ora a prevedere nel bilancio di previsione esercizio 2015-2017, di prossima approvazione, le somme necessarie per la gestione in forma associata dei servizi di polizia locale;
5°) – DI PREVEDERE che il personale di polizia municipale continui a svolgere il servizio con l’arma in dotazione ai sensi dell’art. 5 comma 5 della L. n. 65 del 7 marzo 1986;
6°) – DI STABILIRE i seguenti contenuti essenziali per la successiva adozione da parte delle Giunte Comunali di Senigallia e Montemarciano di un comune regolamento del Corpo di Polizia Municipale associato:
a) l’istituzione di un Corpo di Polizia Municipale associato tra i Comuni di Senigallia e Montemarciano che dipenda gerarchicamente da un Comandante di Polizia Municipale; norme relative alle qualità rivestite dal personale del Corpo, alle qualità di agente di pubblica sicurezza, all’ordinamento organico ed alle qualifiche funzionali;
b) norme relative alla subordinazione gerarchica, alle direttive ed esecuzione degli ordini, ai divieti e alle incompatibilità, ai doveri di comportamento verso i superiori, i colleghi e i dipendenti, alla cura della persona e della divisa, al saluto;
c) norme relative alle attribuzioni e compiti particolari, quali le attribuzioni e compiti del Comandante del Corpo, degli Addetti al coordinamento e al controllo e degli Operatori di Polizia Municipale;
d) norme relative all’accesso ed all’impiego nei posti in organico nel Corpo di Polizia Municipale, compresi i titoli di studio e le modalità di assunzione;
e) norme relative allo svolgimento del servizio;
f) norme relative ai riconoscimenti e onorificenze, alla difesa in giudizio, alla formazione professionale;
g) norme relative all’armamento ;
7°) – DI STABILIRE che i procedimenti amministrativi e sanzionatori pendenti alla data di inizio di efficacia  della presente convenzione saranno gestiti interamente dal servizio associato;
8°) – DI TRASMETTERE la presente delibera all’U.O.A. Polizia Municipale e Protezione Civile ed alle R.S.U. in ottemperanza dell’obbligo di informazione di cui all’art. 7 del CCNL del Comparto Regioni Autonomie Locali sottoscritto in data 1.4.1999;
9°) – DI diCHIARARE il presente atto immediatamente eseguibile, ai sensi dell’art. 134 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 mediante separata votazione palese che ha dato il risultato sopra riportato.-
      
Letto, confermato e sottoscritto
	Il Presidente	Il  Segretario Comunale
	F/to Enzo Monachesi	F/to  Morganti Stefano

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,


La presente deliberazione è stata pubblicata all’Albo Pretorio dal 27 gennaio 2015 all’11 febbraio 2015 ai sensi dell’art. 124, 1° comma, del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267.
Lì, 12 febbraio 2015	Il       Segretario Comunale
	F/to 
La presente deliberazione, non soggetta a controllo, è divenuta esecutiva, ai sensi dell’art. 134 del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267, in data 7 febbraio 2015, essendo stata pubblicata il 27 gennaio 2015
Lì, 9 febbraio 2015	Il       Segretario Comunale
	F/to 
Spazio riservato all’eventuale controllo preventivo di legittimità, richiesto ai sensi dell’art. 127 del D.Lgs. 18/8/2000 n° 267:



 

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,