Senigallia Atto

Approvazione piano finanziario relativo alla tassa sui rifiuti (TARI)

Delibera del Consiglio Comunale N° CC/2016/40 del 28 aprile 2016

Presentazione
Approvazione
28.4.2016

Firmatari

  • Ilaria Ramazzotti
    Assessore con delega a pari opportunità, gemellaggi
    Monitorato da 8 cittadini

Testo

        
COMUNE DI SENIGALLIA
PROVINCIA DI ANCONA
DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N° 40 
Seduta del 28/04/2016
OGGETTO:	APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO RELATIVO ALLA TASSA SUI RIFIUTI (TARI) AI SENSI DELL’ART. 1 DELLA LEGGE DEL 27/12/2013 N. 147 E S.M.I.
L’anno duemilasedici addì ventotto del mese di aprile alle ore 15:30  nel Palazzo Municipale di Senigallia e nella solita sala delle adunanze consiliari.
Previa convocazione nei modi di rito, si è oggi riunito, in seduta ordinaria il Consiglio Comunale.
Fatto l’appello nominale risultano:
ConsiglierePres.Ass.ConsiglierePres.Ass.1 Angeletti Margherita*-14 Paradisi Roberto*-2 Beccaceci Lorenzo *-15 Pedroni Luana*-3 Bedini Mauro-*16 Perini Maurizio*-4 Bozzi Marco-*17 Pierfederici Mauro*-5 Brucchini Adriano*-18 Profili Vilma*-6 Canestrari Alan-*19 Rebecchini Luigi*-7 Fileri Nausicaa-*20 Romano Dario*-8 Giuliani Ludovica*-21 Salustri Maurizio*-9 Gregorini Mauro*-22 Santarelli Luca*-10 Mandolini Riccardo*-23 Sardella Simeone*-11 Mangialardi Maurizio-*24 Sartini Giorgio*-12 Martinangeli Stefania*-25 Urbinati Sandro*-13 Messersì Daniele-*T O T A L E     P R E S E N T I    N° 19

 Alam Mohammad ShafiualConsigliere Straniero Aggiunto*- Becka MaksimConsigliere Straniero Aggiunto*-
Sono altresì presenti gli assessori: Bucari Simonetta, Campanile Gennaro, Girolametti Carlo, Memè Maurizio, Monachesi Enzo, Ramazzotti Ilaria.
Essendo legale l’adunanza per il numero degli intervenuti, il Sig. Romano Dario nella qualità di Presidente dichiara aperta la seduta, alla quale assiste il Segretario Comunale Dott. Morganti Stefano 
Chiama a fungere da scrutatori i Consiglieri Signori: 1°  Rebecchini Luigi; 2° Brucchini Adriano;  3° Gregorini Mauro .


Il Presidente del Consiglio ROMANO enuncia l’argomento iscritto al punto 9 dell’ordine del giorno dei lavori consiliari relativo a: APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO RELATIVO ALLA TASSA SUI RIFIUTI (TARI) AI SENSI DELL’ART. 1 DELLA LEGGE DEL 27/12/2013 N. 147 E S.M.I.. 

Il Consigliere PARADISI (Unione Civica): per dichiarazione di voto del Gruppo che ovviamente sarà negativo come sostanzialmente per le altre pratiche tranne quelle tecniche a cui abbiamo dato voto favorevole, ma io volevo semplicemente ricordare una cosa e motivarlo, ha parlato Luigi Rebecchini quindi non ho inteso intervenire nel dibattito generale, però una cosa volevo ricordarla per motivare ancor di più il voto come ha già fatto in modo impeccabile Luigi Rebecchini, volevo ricordare che il Collegio dei revisori dei conti aveva detto una cosa, dottoressa Filonzi si ricorda, non potete aumentare più le tasse perché avete aumentato il massimo possibile, potrete soltanto da oggi in poi puntare sulla spending review. Si erano dimenticati che oltre le tasse c’erano le tariffe e voi avete trovato quella modalità, con la bravissima dottoressa Filonzi che si sa muovere perfettamente, su input del buon Maurizio Mangialardi e del grande Assessore Campanile, di riuscire ad aumentare anche la TARI non compensando e poi andando a diminuire altre tasse, quindi siete riusciti ad aumentare anche quello che non era aumentabile ma avete trovato lo strumento tecnico, il dettaglio tecnico, il cavillo tecnico per rimettere un’altra manina nelle tasche dei cittadini. Io devo dire che siete bravi però, questa dichiarazione di voto è anche una dichiarazione davvero di stima, siete bravi a mettere le mani nelle tasche dei cittadini, siete bravi, ovviamente però è una bravura da gatto e la volpe nel paese dei balocchi, è una bravura che noi non possiamo condividere, è una bravura che incide ancora in modo pesante sulle tasche dei cittadini. Ricordava prima il collega dei 5 Stelle qui c’è questa grande questione della tariffa puntuale, non avete adempiuto a quella indicazione unanime del Consiglio comunale dietro una mozione presentata dal sottoscritto in questo Consiglio comunale, voglia a dire che la questione è politica e ogni volta che lo si ricorda al Sindaco, il Sindaco risponde è una questione delicata, bisogna dettagliarla, dobbiamo ragionarla, sono tre anni che la ragioni, capisco che è lungo per voi la facoltà del ragionamento ma dopo tre anni, si prende quasi una laurea triennale, riusciremo a fare il ragionamento di come alla fine portare a casa la tariffa puntuale. Invece no, continuiamo a portare a casa gli aumenti, questa purtroppo è l’Amministrazione comunale che ormai è famosissima, ogni Consiglio comunale i cittadini vanno a leggere, almeno quelli che in qualche modo hanno più consapevolezza delle cose politiche, vanno a leggere l’ordine del giorno e davvero mi è capitato di sentirlo perché hanno paura di ulteriori aumenti. Guardate che voi state creando un clima di paura, state creando un clima veramente di paura per i cittadini, credo che forse sia il momento di fare marcia indietro. Io mi auguro che anche questo sia l’ultimo aumento possibile della Tari, non ne sono convinto, so che vi inventerete altro, so che siete bravi in questo, però almeno che resti a verbale che qualcuno si è opposto ancora oggi, anche oggi, che continua ad opporsi, che continua a ricordarvi quali erano i vostri impegni anche in campagna elettorale, ovviamente disattesi, e quali sono i vostri propositi, ancora una volta, in questo tipo di legislatura in relazione appunto al vessare il cittadino senigalliese.

Il Consigliere MANDOLINI (Movimento 5 Stelle): ovviamente voto contrario per tutti i motivi che ho spiegato prima del piano finanziario, l’inadempimento dell’atto di indirizzo come ha detto giustamente Paradisi, non solo per quanto riguarda la tariffa puntuale ma per quanto riguarda anche il discorso di produzione di CSS e CDS che l’atto di indirizzo non prevedeva e io ancora sul piano finanziario dei rifiuti mi ritrovo recupero energetico del rifiuto, è un disattendere proprio l’indirizzo del Consiglio comunale, se non è volontà politica questa. Inoltre Presidente prometto che la prossima volta che il Sindaco mi cita il caso Parma vengo qui con l’elenco di tutti gli indagati e arrestati del Partito Democratico di cui l’ultimo anche pochi giorni fa in Regione, perché mi fa questi paragoni e poi si scorda di dire chi ha autorizzato la costruzione di quell’impianto, i cittadini che adesso lo combattono perché a Parma c’è la tariffa puntuale affamano quell’inceneritore, lo stanno combattendo, e quindi si dimentica sempre questo dettaglio di chi l’ha approvato, come ci si dimentica del dettaglio di chi ha amministrato prima Livorno e tantissimi altri Comuni, quindi voto contrario.

Il Presidente del Consiglio ROMANO: grazie Consigliere Mandolini, non entriamo nel merito degli indagati e arrestati, personalmente sono garantista fino a prova contraria, quindi eviterei di tirare fuori discussioni che rischiano di sfociare,  se si parla di politica,  politica resti.

Il Presidente del Consiglio ROMANO pone in votazione, palese con modalità elettronica, la proposta iscritta al punto 9 dell’ordine del giorno dei lavori consiliari che viene approvata con 14 voti favorevoli, 5 contrari (Mandolini, Martinangeli,  Paradisi, Rebecchini, Sartini), nessuno astenuto, come proclama il Presidente ai sensi di legge.

Il Presidente del Consiglio ROMANO pone in votazione, palese con modalità elettronica, l’immediata eseguibilità dell’atto deliberativo che viene approvata con 14 voti favorevoli, 5 contrari (Mandolini, Martinangeli, Paradisi, Rebecchini, Sartini), nessuno astenuto, come proclama il Presidente ai sensi di legge.

Tutto ciò premesso

IL CONSIGLIO COMUNALE
- Visto l'argomento iscritto al punto 9 dei suoi lavori;
- Udita la relazione dell'Assessore alla gestione dei rifiuti, Ilaria Ramazzotti;
- Visto l’art. 49 comma 1 del D.Lgs. 5 febbraio 1997 n. 22 che ha soppresso, a decorrere dal 1° gennaio 1999, la tassa per lo smaltimento dei rifiuti urbani (TARSU);
- Visto che con lo stesso D.Lgs. è stato disposto che i costi per i servizi relativi alla gestione dei rifiuti urbani e di qualunque altra natura e provenienza giacenti sulle strade ed aree pubbliche e soggette ad uso pubblico sono coperti dai Comuni mediante l’istituzione di una tariffa;
- Visto il D.P.R. 27 aprile 1999 n. 158 avente ad oggetto Regolamento recante norme per l’elaborazione del metodo normalizzato per definire la tariffa del servizio di gestione del ciclo dei rifiuti urbani;
- Considerato che l’art. 8 del citato D.P.R. n. 158/1999 dispone che, ai fini della determinazione della tariffa, i Comuni devono approvare il Piano finanziario degli interventi relativo al servizio di gestione dei rifiuti urbani, a proposito del quale  espressamente cita: 
 … 2. il Piano finanziario comprende: a) il programma degli interventi necessari; b) il piano finanziario degli investimenti; c) la specifica dei beni, delle strutture e dei servizi disponibili, nonché il ricorso eventuale all’utilizzo di beni e strutture di terzi, o all’affidamento di servizi a terzi; d) le risorse finanziarie necessarie; e) relativamente alla fase transitoria, il grado attuale di copertura dei costi afferenti alla tariffa rispetto alla preesistente tassa sui rifiuti.
3. Il Piano finanziario deve essere corredato da una relazione nella quale sono indicati i seguenti elementi: a) il modello gestionale ed organizzativo; b) i livelli di qualità del servizio ai quali deve essere commisurata la tariffa; c) la ricognizione degli impianti esistenti; d) con riferimento al piano dell’anno precedente, l’indicazione degli scostamenti che si sono eventualmente verificati e le relative motivazioni…;
- Considerato, peraltro, che, ai sensi del comma 651 dell’art. 1 della Legge n. 147/2013, il comune nella commisurazione della tariffa tiene conto dei criteri determinati con il regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1999, n. 158;
- Visto il comma 683 dell’art. 1 della Legge 147/2013 il quale stabilisce che il Consiglio Comunale deve approvare le tariffe della TARI entro il termine fissato da norme statali per l’approvazione del bilancio di previsione, in conformità al Piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani, redatto dal soggetto che svolge il servizio stesso ed approvato dal Consiglio Comunale;
- Ritenuto, quindi, opportuno approvare l’allegato Piano finanziario al fine di predisporre le tariffe dell’Imposta Unica Comunale (IUC), componente Tassa sui Rifiuti (TARI) per l’anno 2016;
- Constatato che l’adozione del presente atto rientra, sulla base delle previsioni del vigente Statuto comunale, tra le competenze del Consiglio Comunale, in conformità a quanto disposto dall’art. 1 comma 683 della Legge 147/2013;
- Preso atto dei seguenti pareri favorevoli resi ai sensi dell’art. 49 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 sull'Ordinamento degli Enti Locali:
- dal Dirigente responsabile dell’Area Tecnica Territorio Ambiente;
- dal Dirigente responsabile dell’Area Organizzazione e Risorse Finanziarie;
- Con votazione palese che ha dato il risultato sopra riportato;
D E L I B E R A
1°) - DI APPROVARE l’allegato Piano finanziario ai sensi dell’art. 1, comma 683 della Legge n. 147 del 27/12/2013 e s.m.i.;

2°) - DI TRASMETTERE, per quanto previsto dall’art. 206 bis del D.Lgs. n. 152/2006, all’Osservatorio Nazionale sui Rifiuti copia del Piano finanziario e della relazione di cui all’art. 8 comma 3 del D.P.R. del 27 aprile 1999 n. 158;
3°) - DI TRASMETTERE copia del presente provvedimento all’Assemblea Territoriale d’Ambito (ex Consorzio Intercomunale Vallesina-Misa - CIR33) in qualità di soggetto gestore del servizio integrato inerente i rifiuti urbani;
4°) – DI DICHIARARE il presente atto immediatamente eseguibile, ai sensi dell’art. 134 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 mediante separata votazione palese che ha dato il risultato sopra riportato.-
      


Letto, confermato e sottoscritto
	Il Presidente	Il  Segretario Comunale
	F/to Romano Dario	F/to  Morganti Stefano

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,


La presente deliberazione è stata pubblicata all’Albo Pretorio dal 17 maggio 2016 al 1 giugno 2016 ai sensi dell’art. 124, 1° comma, del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267.
Lì, 3 giugno 2016	Il       Segretario Comunale
	F/to 
La presente deliberazione, non soggetta a controllo, è divenuta esecutiva, ai sensi dell’art. 134 del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267, in data 28 maggio 2016, essendo stata pubblicata il 17 maggio 2016
Lì, 30 maggio 2016	Il       Segretario Comunale
	F/to 
Spazio riservato all’eventuale controllo preventivo di legittimità, richiesto ai sensi dell’art. 127 del D.Lgs. 18/8/2000 n° 267:



 

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,