Senigallia Atto

Schema di convenzione conferimento all’Unione dei comuni denominata “Le Terre della Marca Sènone” della funzione dello Sportello unico telematico delle attività produttive

Delibera del Consiglio Comunale N° CC/2018/32 del 09 aprile 2018

Presentazione
Approvazione
9.4.2018

Firmatari

Testo

        
COMUNE DI SENIGALLIA
PROVINCIA DI ANCONA
DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N° 32 
Seduta del 09/04/2018
OGGETTO:	CONFERIMENTO ALL’UNIONE DEI COMUNI DENOMINATA LE TERRE DELLA MARCA SÈNONE DELLA FUNZIONE DELLO SPORTELLO UNICO TELEMATICO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE, COMPRENSIVA DEL SERVIZIO COMMERCIO E ATTIVITÀ ECONOMICHE (ART. 32 D.LGS. 267/2000). APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI CONVENZIONE
L’anno duemiladiciotto addì nove del mese di aprile alle ore 16:00  nel Palazzo Municipale di Senigallia e nella solita sala delle adunanze consiliari.
Previa convocazione nei modi di rito, si è oggi riunito, in seduta straordinaria il Consiglio Comunale.
Fatto l’appello nominale risultano:
ConsiglierePres.Ass.ConsiglierePres.Ass.1 Angeletti Margherita*-14 Paradisi Roberto*-2 Beccaceci Lorenzo *-15 Pedroni Luana*-3 Bedini Mauro*-16 Perini Maurizio*-4 Brucchini Adriano*-17 Pierfederici Mauro*-5 Canestrari Alan*-18 Profili Vilma*-6 Da Ros Davide*-19 Rebecchini Luigi*-7 Fileri Nausicaa*-20 Romano Dario*-8 Giuliani Ludovica*-21 Salustri Maurizio*-9 Gregorini Mauro*-22 Santarelli Luca*-10 Mandolini Riccardo*-23 Sardella Simeone*-11 Mangialardi Maurizio*-24 Sartini Giorgio*-12 Martinangeli Stefania*-25 Urbinati Sandro*-13 Palma Elisabetta*-T O T A L E     P R E S E N T I    N° 25

 Alam Mohammad ShafiualConsigliere Straniero Aggiunto*- Becka MaksimConsigliere Straniero Aggiunto*-
Sono altresì presenti gli assessori: Bucari Simonetta, Campanile Gennaro, Girolametti Carlo, Memè Maurizio, Monachesi Enzo, Ramazzotti Ilaria
Essendo legale l’adunanza per il numero degli intervenuti, il Sig. Romano Dario nella qualità di Presidente dichiara aperta la seduta, alla quale assiste il Segretario Comunale Dott. Morganti Stefano
Chiama a fungere da scrutatori i Consiglieri Signori: 1°  Bedini Mauro; 2° Giuliani Ludovica;  3° Rebecchini Luigi


Il Presidente del Consiglio ROMANO enuncia l’argomento iscritto al punto 7 dell’ordine del giorno dei lavori consiliari relativo a: CONFERIMENTO ALL’UNIONE DEI COMUNI DENOMINATA LE TERRE DELLA MARCA SÈNONE DELLA FUNZIONE DELLO SPORTELLO UNICO TELEMATICO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE, COMPRENSIVA DEL SERVIZIO COMMERCIO E ATTIVITÀ ECONOMICHE (ART. 32 D.LGS. 267/2000). APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI CONVENZIONE

(La discussione generale è riportata nel verbale di cui alla delibera n. 30 di questa stessa data)

Il Presidente del Consiglio ROMANO Comunica che come preannunciato su questo punto c’è un emendamento presentato dai Consiglieri Paradisi, Rebecchini e Canestrari.

Il Consigliere PARADISI (Unione Civica): il Sindaco ha già detto alla sua maggioranza di non votarlo per un motivo tecnico, non so ancora se l’ha letto ma ha già detto, mi pare di aver capito, altri Comuni hanno approvato quindi non possiamo votarlo, però noi lo presentiamo lo stesso e daremo ovviamente voto favorevole a questo emendamento perché intanto poniamo il problema che mi auguro e spero che venga ripreso poi anche se la maggioranza di questo Consiglio comunale voterà in termini contrari, mi auguro soltanto da un punto di vista tecnico, mi riferisco anche al parere che ha già dato il Segretario esprimendo come competenza quindi un parere favorevole ma appunto facendo presente che l’eventuale approvazione dell’emendamento pregiudicherebbe la stipula della convenzione in quanto altri Consigli comunali hanno già deliberato, quindi mi pare però che il parere tecnico favorevole ci sia. Cosa chiediamo in questo emendamento abbastanza lungo ma molto molto tecnico e molto puntuale a nostro avviso? Noi chiediamo che proprio in virtù di una delle esigenze che si pone la convenzione come finalità, cioè quella della semplificazione delle procedure amministrative per l’imprenditore e soggetto economico che si rivolge al SUAP per aprire un’attività o per altro, noi chiediamo che in realtà, cosa che oggi purtroppo non avviene neanche nel nostro SUAP, il riferimento del soggetto sia unico e cioè se un imprenditore vuole aprire un’attività a Senigallia o in qualsiasi comune dell’Unione deve avere come unico ed esclusivo riferimento il SUAP perché il SUAP nasce per questo se no diversamente noi ci raccontiamo delle cose che non funzionano. Purtroppo anche in questa città alcuni imprenditori si sono visti in realtà per esempio recapitare delle sanzioni perché si erano tra virgolette dimenticati di pagare la tassa sull’immondizia o la tassa di occupazione del suolo pubblico, questi imprenditori cosa hanno risposto? Noi siamo andati al SUAP, non è che noi non esistevamo, non siamo abusivi, sono stati trattati come abusivi, ma noi non siamo abusivi, noi siamo andati al SUAP e abbiamo aperto l’attività, poi per due anni, per tre anni non ci è mai arrivato il pagamento come a tutti i cittadini arriva della tassa di occupazione suolo pubblico o la tassa sull’immondizia, arrivano poi gli interessi di mora e le sanzioni. Risposta dell’Amministrazione comunale, della dirigenza alle finanze eh ma le tasse sono un’altra cosa, dovevi andare allo sportello. Eh no, questo non può esistere, noi riteniamo che questo non sia ammissibile, se l’imprenditore va al SUAP va al SUAP, si chiama sportello unico attività produttive quindi se io vado al SUAP il SUAP deve essere garante, il SUAP deve informare ma non con i segnali di fumo, deve mettere in rete la mia posizione e dire guarda che Tizio o Sempronio ha aperto il mercato biologico del mezza canaglia in via Abbagnano e vogliamo mandare a questi cari ragazzi le tasse, scusate ho fatto un po’ di polemica su loro non c’entravano niente adesso, però giusto per ricordare all’Assessore Girolametti che non ci dimentichiamo, quindi l’imprenditore Pinco Pallino che apre l’attività deve essere in grado di dire io l’ho aperta al SUAP, poi siete voi che mi dovete mandare il tutto, non posso andare in 12 Sportelli perché si chiama SUAP, Sportello unico delle attività produttive. La faccio breve, che cosa chiede l’emendamento? Chiede che l’operatore economico, l’imprenditore abbia la garanzia quindi che questa gestione della funzione sia appunto unica e abbia la riferibilità per ogni procedura amministrativa, abbiamo messo tra parentesi ivi comprese le posizioni tributarie, esclusivamente lo Sportello unico delle Terre della Marca Senone, essendo compito di tale struttura mettere in rete l’imprenditore/operatore economico con tutti gli altri servizi dei Comuni aderenti all’unione e sollevando così il soggetto privato da onerosi e aggiuntivi incombenze. Allora noi crediamo che questo debba essere scritto perché come è scritto oggi dire semplicemente semplificazione poi non significa nulla, dobbiamo invece essere chiari e dire guardate che la finalità che noi vi diamo è questa, scritto così servirà un domani all’imprenditore che si vedrà recapitare magari una sanzione per una questione così come l’ho spiegata prima da un caso reale, da dei casi reali, non me la sono inventata, guarda che tu in realtà avevi il compito di mettermi in rete, sei tu che hai sbagliato, io le tasse le pago perché le devo pagare ma non mi far pagare gli interessi, la mora, le sanzioni, pago le tasse ma sei tu che mi metti oggi in relazione rispetto a tutte le procedure amministrative, se no non ti chiami Sportello unico delle Attività Produttive ti chiami uno dei tanti sportelli a cui devi andare e poi non rompere le balle ma gira per tutti gli altri uffici, allora non è più SUAP, è un’altra cosa. Voto favorevole.

Il Presidente del Consiglio ROMANO pone in votazione l’emendamento n. 1 che viene respinto con 6 voti favorevoli, 15 contrari (Angeletti, Beccaceci, Bedini, Brucchini, Fileri, Giuliani, Gregorini, Pedroni, Pierfederici, Profili, Romano, Salustri, Santarelli, Sardella, Urbinati), 3 astenuti (Mangialardi, Martinangeli, Palma), 1 presente non votante (Perini) come proclama il Presidente ai sensi di legge.

Il Presidente del Consiglio ROMANO pone in votazione, palese con modalità elettronica, la proposta iscritta al punto 7 dell’ordine del giorno dei lavori consiliari che viene approvata con 17 voti favorevoli, 4 contrari (Da Ros, Martinangeli, Palma, Sartini), 4 astenuti (Canestrari, Mandolini, Paradisi, Rebecchini), come proclama il Presidente ai sensi di legge.

Il Presidente del Consiglio ROMANO pone in votazione, palese con modalità elettronica, l’immediata eseguibilità dell’atto deliberativo che viene approvata con 17 voti favorevoli, 4 contrari (Da Ros, Martinangeli, Palma, Sartini), 4 astenuti (Canestrari, Mandolini, Paradisi, Rebecchini), come proclama il Presidente ai sensi di legge.

Tutto ciò premesso
IL CONSIGLIO COMUNALE
- Visto l’argomento iscritto al punto 7 dell’ordine del giorno dei lavori consiliari;
- Udita la relazione del Sindaco;
PREMESSO
- che con le sotto indicate Deliberazioni di Consiglio i Comuni di Senigallia, Trecastelli, Ostra, Ostra Vetere, Barbara, Serra de’ Conti e Arcevia hanno costituito l’Unione dei Comuni Le Terre della Marca Sènone , approvandone il relativo Statuto ed Atto Costitutivo :
Comune di Senigallia - Delibera di Consiglio Comunale 
n.  93   del 30/11/2017  
Comune di Trecastelli - Delibera di Consiglio Comunale
n. 69  del 13/12/2017 
Comune di Ostra - Delibera di Consiglio Comunale
n. 41   del 20/12/2017    
Comune di Ostra Vetere - Delibera di Consiglio Comunale
n. 46   del 22/12/2017 
Comune di Barbara  - Delibera di Consiglio Comunale
n. 29   del 07/12/2017    
Comune di Serra de’ Conti  - Delibera di Consiglio Comunale 
n. 62    del 30/11/2017  
Comune di Arcevia  - Delibera di Consiglio Comunale 
n. 47   del 12/12/2017     
- che con atto costitutivo in data 16 marzo 2018 repertorio nr. 22106 i Comuni di Arcevia, Barbara, Ostra, Ostra Vetere, Senigallia, Serra de’ Conti, Trecastelli, hanno costituito l’Unione dei Comuni denominata Le Terre della Marca Sènone, in conformità all’art. 32 D.Lgs. 267/2000;
- che è compito dell’Unione promuovere l’integrazione dell’azione amministrativa fra i Comuni che la costituiscono, da realizzarsi mediante la progressiva unificazione delle funzioni e dei servizi comunali;
VISTA la normativa in materia di SUAP che prevede ed incentiva le forme di gestione associata;
CONSIDERATO in particolare :
- che il Decreto Legislativo 31 Marzo 1998 n. 112, artt. 23-26, attribuisce ai Comuni le funzioni amministrative inerenti gli impianti produttivi di beni e servizi, definendo altresì i principi di carattere organizzativo e procedimentale;
- che con D.P.R. 20 Ottobre 1998 n. 447 e s.m.i. è stato approvato il primo Regolamento recante norme di semplificazione dei procedimenti di autorizzazione per la realizzazione, l’ampliamento, la ristrutturazione e la riconversione di impianti produttivi per l’esecuzione di opere interne ai fabbricati, nonché per la determinazione delle aree destinate agli insediamenti produttivi, a norma dell’art. 20, comma 8, della Legge 15 Marzo 1997, n. 59;
- che l’art. 38 comma tre del D.L. 25.06.2008 n. 112, convertito con L. 06.08.2008 n. 133, ha stabilito che si procedesse alla semplificazione e al riordino della disciplina dello sportello unico per le attività produttive di cui al regolamento approvato con D.P.R. 20 Ottobre 1998 n. 447;
- con D.P.R. 7 settembre 2010, n. 160, è stato approvato il Regolamento per la semplificazione ed il riordino della disciplina sullo sportello unico per le attività produttive, ai sensi dell'articolo 38, comma 3, del decreto- legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, il quale all'articolo 4, comma 5, stabilisce che i Comuni possono esercitare le funzioni inerenti al SUAP in forma singola o associata tra loro;
- che l’esercizio in forma associata di funzioni amministrative inerenti gli impianti produttivi di beni e servizi rappresenta una valida soluzione, in quanto assicura una migliore qualità del servizio, una gestione uniforme e specialistica sull’intero territorio interessato ed un contenimento dei costi relativi;
- che in considerazione di quanto sopra evidenziato è opportuno gestire le funzioni dello Sportello Unico per le Attività Produttive di cui al D.P.R. 160/2010 in forma associata;
- Che lo sportello SUAP è attualmente gestito in convenzione tra i comuni di Ostra, Ostra Vetere, Trecastelli e Senigallia;
- RITENUTO, pertanto, prioritario, tra le funzioni previste dall’art. 7 dello Statuto dell’Unione sopra citato, conferire le funzioni in oggetto indicate;
- CONSIDERATO che la gestione in forma associata della funzione relativa allo Sportello Unico delle Attività Produttive è regolata dalle leggi nazionali e regionali di settore;
- VISTO lo Statuto dell’Unione denominata Le Terre della Marca Sènone (tra i Comuni di Arcevia, Barbara, Ostra, Ostra Vetere, Senigallia, Serra de’ Conti, Trecastelli), con particolare riferimento agli artt. 7 e 8,che disciplinano le modalità di conferimento dei servizi e le maggioranze necessarie;
- ACQUISITO il parere favorevole dell’organo di revisione, ALLEGATO A) al presente provvedimento, di cui ne costituisce parte integrante e sostanziale;
- DATO ATTO che la presente proposta di deliberazione, ai sensi dell’ art. 49 e dell’art. 147-bis comma 1 del D. Lgs. n. 267 del 18.08.2000, eÌ corredata del parere favorevole di regolarità tecnica, attestante la regolarità  e la correttezza dell'azione amministrativa, del Segretario Generale; 
- DATO ATTO che la presente proposta di deliberazione, comportando riflessi diretti o indiretti sulla situazione economico-finanziaria o sul patrimonio dell’Ente, è corredata, ai sensi dell’art. 49 e dell’art. 147-bis comma 1 del D.Lgs. n. 267 del 18.08.2000, del parere favorevole di regolarità contabile del Responsabile dell’Area Risorse Umane e Finanziarie; 
- Con votazione palese che ha dato il risultato sopra riportato;
D E L I B E R A
1°) - DI CONSIDERARE le premesse quale parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
2°) - DI CONFERIRE all’Unione dei Comuni denominata Le Terre della Marca Sènone, la funzione dello Sportello unico telematico delle attività produttive, comprensiva del servizio Commercio e Attività Economiche;
3°) - DI APPROVARE lo schema di convenzione per il conferimento all’Unione dei Comuni Le Terre della Marca Sènone della funzione dello Sportello unico telematico delle attività produttive, comprensiva del servizio Commercio e Attività Economiche, nel testo ALLEGATO B) al presente provvedimento di cui ne costituisce parte integrante e sostanziale;
4°) - DI DARE MANDATO al Sindaco, o chi lo sostituisce per legge , ad intervenire nella stipulazione della convenzione; autorizzandolo ad apportare in sede di stipula quelle modifiche formali al testo che si rendessero necessarie, fermo restando il contenuto sostanziale e dando mandato ai competenti organi dell’Unione di assumere i provvedimenti necessari per la sua esecuzione;
5°) - DI DARE ATTO che gli aspetti economico-finanziari relativi al conferimento della funzione di cui all’oggetto saranno recepiti in sede di approvazione del Bilancio di previsione dell’Unione dei Comuni Le Terre della Marca Sènone, con conseguenti variazioni da apportarsi sui rispettivi Bilanci dei Comuni aderenti all’Unione, in conformità allo Statuto ed alla specifica convenzione;

6°) – DI DICHIARARE, stante l’urgenza di provvedere alla gestione associata, il presente atto immediatamente eseguibile, ai sensi dell’art. 134 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 mediante separata votazione palese che ha dato il risultato sopra riportato.-
     



Letto, confermato e sottoscritto
	Il Presidente	Il  Segretario Comunale
	F/to Romano Dario	F/to  Morganti Stefano

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,


La presente deliberazione è stata pubblicata all’Albo Pretorio dal 2 maggio 2018 al 17 maggio 2018 ai sensi dell’art. 124, 1° comma, del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267.
Lì, 18 maggio 2018	Il       Segretario Comunale
	F/to 
La presente deliberazione, non soggetta a controllo, è divenuta esecutiva, ai sensi dell’art. 134 del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267, in data 13 maggio 2018, essendo stata pubblicata il 2 maggio 2018
Lì, 14 maggio 2018	Il       Segretario Comunale
	F/to 
Spazio riservato all’eventuale controllo preventivo di legittimità, richiesto ai sensi dell’art. 127 del D.Lgs. 18/8/2000 n° 267:



 

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,