Senigallia Atto

Piano delle alienazioni e valorizzazioni patrimoniali contenente l'elenco dei beni immobili comunali suscettibili di alienazione o valorizzazione. Anno 2019

Delibera del Consiglio Comunale N° CC/2018/113 del 20 dicembre 2018

Presentazione
Approvazione
20.12.2018

Firmatari

  • Gennaro Campanile
    Assessore con delega a risorse finanziarie e patrimoniali, sviluppo economico e commercio
    Monitorato da 17 cittadini

Testo

        
COMUNE DI SENIGALLIA
PROVINCIA DI ANCONA
DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N° 113 
Seduta del 20/12/2018
OGGETTO:	PIANO DELLE ALIENAZIONI E VALORIZZAZIONI IMMOBILIARI, CONTENENTE L'ELENCO DEI BENI IMMOBILI RICADENTI NEL TERRITORIO DI COMPETENZA, NON STRUMENTALI ALL'ESERCIZIO DELLE PROPRIE FUNZIONI ISTITUZIONALI, SUSCETTIBILI DI VALORIZZAZIONE OVVERO DI DISMISSIONE, AI SENSI DELL'ART. 58 DEL D.L. 25/06/2008 N. 112, CONVERTITO IN LEGGE 6 AGOSTO 2008 N. 133 E SS.MM.II. E DELL'ALLEGATO N. 4/1 AL D.LGS. N. 118/2011. ANNO 2019
L’anno duemiladiciotto addì venti del mese di dicembre alle ore 15:30  nel Palazzo Municipale di Senigallia e nella solita sala delle adunanze consiliari.
Previa convocazione nei modi di rito, si è oggi riunito, in seduta ordinaria il Consiglio Comunale.
Fatto l’appello nominale risultano:
ConsiglierePres.Ass.ConsiglierePres.Ass.1 Angeletti Margherita*-14 Paradisi Roberto-*2 Beccaceci Lorenzo *-15 Pedroni Luana*-3 Bedini Mauro-*16 Perini Maurizio*-4 Brucchini Adriano*-17 Pierfederici Mauro*-5 Canestrari Alan*-18 Profili Vilma*-6 Da Ros Davide*-19 Rebecchini Luigi*-7 Fileri Nausicaa-*20 Romano Dario*-8 Giuliani Ludovica*-21 Salustri Maurizio*-9 Gregorini Mauro*-22 Santarelli Luca*-10 Mandolini Riccardo*-23 Sardella Simeone*-11 Mangialardi Maurizio*-24 Sartini Giorgio*-12 Martinangeli Stefania*-25 Urbinati Sandro*-13 Palma Elisabetta-*T O T A L E     P R E S E N T I    N° 21

 Becka MaksimConsigliere Straniero Aggiunto*- Mraihi MohamedConsigliere Straniero Aggiunto*-
Sono altresì presenti gli assessori: Campanile Gennaro, Bucari Simonetta, Girolametti Carlo, Memè Maurizio, Monachesi Enzo, Ramazzotti Ilaria
Essendo legale l’adunanza per il numero degli intervenuti, il Sig. Romano Dario nella qualità di Presidente dichiara aperta la seduta, alla quale assiste il Segretario Comunale Dott. Morganti Stefano 
Chiama a fungere da scrutatori i Consiglieri Signori: 1°  Urbinati Sandro; 2° Pedroni Luana;  3° Rebecchini Luigi .

Il Presidente del Consiglio ROMANO enuncia l’argomento iscritto al punto 5 dell’ordine del giorno dei lavori consiliari relativo a: PIANO DELLE ALIENAZIONI E VALORIZZAZIONI IMMOBILIARI, CONTENENTE L'ELENCO DEI BENI IMMOBILI RICADENTI NEL TERRITORIO DI COMPETENZA, NON STRUMENTALI ALL'ESERCIZIO DELLE PROPRIE FUNZIONI ISTITUZIONALI, SUSCETTIBILI DI VALORIZZAZIONE OVVERO DI DISMISSIONE, AI SENSI DELL'ART. 58 DEL D.L. 25/06/2008 N. 112, CONVERTITO IN LEGGE 6 AGOSTO 2008 N. 133 E SS.MM.II. E DELL'ALLEGATO N. 4/1 AL D.LGS. N. 118/2011. ANNO 2019.

(La discussione generale è riportata nel verbale di cui alla delibera n. 112 in data odierna)

Il Presidente del Consiglio ROMANO pone in votazione, palese con modalità elettronica, la proposta iscritta al punto 5 dell’ordine del giorno dei lavori consiliari che viene approvata con 15 voti favorevoli, 6 contrari (Canestrari, Da Ros, Mandolini, Martinangeli, Rebecchini, Sartini), nessuno astenuto, come proclama il Presidente ai sensi di legge.

Il Presidente del Consiglio ROMANO pone in votazione, palese con modalità elettronica, l’immediata eseguibilità dell’atto deliberativo che viene approvata con 15 voti favorevoli, 6 contrari (Canestrari, Da Ros, Mandolini, Martinangeli, Rebecchini, Sartini), nessuno astenuto, come proclama il Presidente ai sensi di legge.

Tutto ciò premesso

IL CONSIGLIO COMUNALE
- Visto l'argomento iscritto al punto 5 dei suoi lavori;
- Udita la relazione dell'Assessore alle Risorse Patrimoniali, Gennaro Campanile;
PREMESSO che il D.L. 25/06/2008 n. 112, convertito con modificazioni in Legge 6 agosto 2008 n. 133, recante Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria, all’art. 58 (Ricognizione e valorizzazione del patrimonio immobiliare di regioni, comuni ed altri enti locali) dispone, tra l’altro, che:
comma 1: Per procedere al riordino, gestione e valorizzazione del patrimonio immobiliare di Regioni, Province, Comuni e altri Enti locali, ciascun ente con delibera dell'organo di Governo individua, redigendo apposito elenco, sulla base e nei limiti della documentazione esistente presso i propri archivi e uffici, i singoli beni immobili ricadenti nel territorio di competenza, non strumentali all'esercizio delle proprie funzioni istituzionali, suscettibili di valorizzazione ovvero di dismissione. Viene così redatto il Piano delle Alienazioni e Valorizzazioni immobiliari allegato al bilancio di previsione, nel quale, previa intesa, sono inseriti immobili di proprietà dello Stato individuati dal Ministero dell'economia e delle finanze-Agenzia del demanio tra quelli che insistono nel relativo territorio;
comma 2: L'inserimento degli immobili nel piano ne determina la conseguente classificazione come patrimonio disponibile, fatto salvo il rispetto delle tutele di natura storico-artistica, archeologica, architettonica e paesaggistico-ambientale. Il piano è trasmesso agli Enti competenti, i quali si esprimono entro trenta giorni, decorsi i quali, in caso di mancata espressione da parte dei medesimi Enti, la predetta classificazione è resa definitiva. La deliberazione del consiglio comunale di approvazione, ovvero di ratifica dell'atto di deliberazione se trattasi di società o Ente a totale partecipazione pubblica, del piano delle alienazioni e valorizzazioni determina le destinazioni d'uso urbanistiche degli immobili….(omissis);  
CONSIDERATO che l’inserimento degli immobili nel piano, anche a seguito della sentenza della Corte Costituzionale n. 340 del 16 dicembre 2009, ne determina la destinazione d’uso urbanistica;
VISTO l’Allegato n. 4/1 al D.Lgs. n. 118/2011 recante Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti  locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della Legge 5 maggio 2009, n. 42, relativo al Principio contabile applicato concernente la programmazione di bilancio, il quale, al punto 8.2, prevede che sulla base delle informazioni contenute nell’elenco debba essere predisposto il Piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari considerato quale parte integrante del Documento Unico di Programmazione (DUP) e della Nota di Aggiornamento del DUP 2019/2021; 
RILEVATA pertanto la necessità di procedere, in esecuzione della predetta normativa, all’individuazione dell’elenco dei beni immobili ricadenti nel territorio di competenza, non strumentali all’esercizio delle proprie funzioni istituzionali, suscettibili di valorizzazione ovvero di dismissione, e, conseguentemente, alla predisposizione del cosiddetto Piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari;  
CONSIDERATO che, a seguito di una procedura di ricognizione effettuata dagli uffici competenti sullo stato attuale del patrimonio dell’ente e sulla base della documentazione esistente negli archivi, è stato redatto il Piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari, allegato al presente atto a formarne parte integrante e sostanziale, al fine di addivenire ad un riordino del patrimonio immobiliare;
DATO ATTO che l’Ufficio Patrimonio ha individuato ed inserito nell’elenco i beni immobili che non risultano inseriti nei precedenti Piani di Alienazione e Valorizzazione approvati dal Consiglio Comunale e che, non essendo strumentali all’esercizio di funzioni istituzionali, sono suscettibili di valorizzazione e alienazione;
CONSIDERATO che i valori dei beni immobili riportati nel suddetto Piano sono da intendersi orientativi e che i valori effettivi, da porre come base d’asta, saranno quelli indicati nelle valutazioni di stima che verranno effettuate dai tecnici interni nella fase propedeutica alla vendita;
RILEVATO che l’elenco degli immobili da pubblicare ha effetto dichiarativo della proprietà, in assenza di precedenti trascrizioni, e produce gli stessi effetti della trascrizione, nonché effetti sostitutivi dell’iscrizione del bene in Catasto; 
CONSIDERATO che le alienazioni degli immobili comunali devono avvenire nel rispetto del Regolamento Comunale per l’alienazione dei beni del patrimonio immobiliare approvato con Deliberazione Consiliare n. 88 del 26/11/2014 e nelle forme in esso previste;
CONSIDERATO che il suddetto Piano potrà subire, durante il periodo di efficacia, variazioni per fatti imprevedibili e sopravvenuti ovvero per esigenze dell’Amministrazione Comunale e che tali variazioni seguiranno, eventualmente, le medesime procedure di approvazione previste per il Piano oggetto della presente deliberazione;
VISTO l’art. 42, comma 2 lett. I) del D.Lgs. n. 267/2000 che prevede in capo all’organo consiliare la competenza, tra l’altro, in materia di acquisti e alienazioni immobiliari;
- Preso atto dei seguenti pareri favorevoli resi ai sensi dell’art. 49 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 sull'Ordinamento degli Enti Locali:
- del Dirigente responsabile dell’Area Risorse Umane e Finanziarie;
- Con votazione palese che ha dato il risultato sopra riportato;
D E L I B E R A
1°) - DI DARE ATTO che le premesse fanno parte integrante e sostanziale del dispositivo del presente provvedimento;
2°) - DI INDIVIDUARE l’elenco dei beni immobili ricadenti nel territorio di competenza, non strumentali all’esercizio delle proprie funzioni istituzionali, suscettibili di alienazione e valorizzazioni, ai sensi dell’art. 58 del D.L. 25/06/2008 n. 112 convertito in Legge 6 agosto 2008 n. 133 e ss.mm.ii.;
3°) - DI APPROVARE, così come previsto dall’art. 58 del D.L. 25/06/2008 n. 112 convertito in Legge 6 agosto 2008 n. 133 e ss.mm.ii, il Piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari, contenente il suddetto elenco dei beni immobili predisposto dall’Ufficio Patrimonio e allegato alla lettera A del presente atto;
4°) - DI DARE ATTO che il Piano dovrà essere allegato al Bilancio di Previsione 2019, così come disposto dalla su citata normativa all’art. 58, comma 1; 
5°) - DI INTEGRARE, così come previsto dall’Allegato n. 4/1 al D.Lgs. n. 118/2011, la Nota di Aggiornamento del DUP 2019/2021 del Piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari di cui alla presente deliberazione;
6°) - DI DARE ATTO che l’elenco degli immobili, di cui al citato Piano, ha effetto dichiarativo della proprietà e produce gli effetti previsti dall’art. 2644 del codice civile;
7°) - DI DISPORRE, altresì, che l’alienazione dei beni immobili inseriti nel Piano delle Alienazioni e Valorizzazioni 2019 debba avvenire secondo le procedure e nelle forme previste nel Regolamento Comunale per l’alienazione dei beni del patrimonio immobiliare approvato con Deliberazione Consiliare n. 88 del 26/11/2014;
8°) - DI DARE ATTO che l’allegato Piano, durante il periodo di efficacia, potrà subire variazioni per fatti imprevedibili e sopravvenuti ovvero per esigenze dell’Amministrazione Comunale e che tali variazioni seguiranno, eventualmente, le medesime procedure di approvazione previste per il Piano oggetto della presente deliberazione;
9°) - DI DARE ATTO che il Piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari verrà pubblicato all’Albo Pretorio e sul sito Internet del Comune e che, ai sensi dell’art. 58 comma 5 del D.L. 25/06/2008 n. 112 convertito in Legge 6 agosto 2008 n. 133 e ss.mm.ii, contro l’iscrizione del bene nel suddetto Piano è ammesso ricorso amministrativo entro 60 giorni dalla pubblicazione all’Albo Pretorio, fermi gli altri rimedi di legge;
10°) - DI DEMANDARE ai competenti dirigenti l’adozione, con proprie determinazioni, di tutti i provvedimenti conseguenti, opportuni e necessari all’esecuzione della presente deliberazione, per quanto di rispettiva competenza;
11°) – DI DICHIARARE il presente atto immediatamente eseguibile, ai sensi dell’art. 134 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 mediante separata votazione palese che ha dato il risultato sopra riportato.-
      

Letto, confermato e sottoscritto
	Il Presidente	Il  Segretario Comunale
	F/to Romano Dario	F/to  Morganti Stefano

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,


La presente deliberazione è stata pubblicata all’Albo Pretorio dal 4 febbraio 2019 al 19 febbraio 2019 ai sensi dell’art. 124, 1° comma, del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267.
Lì, 20 febbraio 2019	Il       Segretario Comunale
	F/to 
La presente deliberazione, non soggetta a controllo, è divenuta esecutiva, ai sensi dell’art. 134 del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267, in data 15 febbraio 2019, essendo stata pubblicata il 4 febbraio 2019
Lì, 18 febbraio 2019	Il       Segretario Comunale
	F/to 
Spazio riservato all’eventuale controllo preventivo di legittimità, richiesto ai sensi dell’art. 127 del D.Lgs. 18/8/2000 n° 267:



 

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,