Senigallia Atto

Nuovo Regolamento di contabilità del Comune di Senigallia

Delibera del Consiglio Comunale N° CC/2019/6 del 14 febbraio 2019

Presentazione
Approvazione
14.2.2019

Firmatari

  • Gennaro Campanile
    Assessore con delega a risorse finanziarie e patrimoniali, sviluppo economico e commercio
    Monitorato da 17 cittadini

Testo

        
COMUNE DI SENIGALLIA
PROVINCIA DI ANCONA
DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N° 6 
Seduta del 14/02/2019
OGGETTO:	APPROVAZIONE NUOVO REGOLAMENTO DI CONTABILITA' DEL COMUNE DI SENIGALLIA AI SENSI DELL'ART. 152 D.LGS. N.267/2000
L’anno duemiladiciannove addì quattordici del mese di febbraio alle ore 15:30  nel Palazzo Municipale di Senigallia e nella solita sala delle adunanze consiliari.
Previa convocazione nei modi di rito, si è oggi riunito, in seduta straordinaria il Consiglio Comunale.
Fatto l’appello nominale risultano:
ConsiglierePres.Ass.ConsiglierePres.Ass.1 Angeletti Margherita*-14 Paradisi Roberto*-2 Beccaceci Lorenzo *-15 Pedroni Luana*-3 Bedini Mauro-*16 Perini Maurizio*-4 Brucchini Adriano*-17 Pierfederici Mauro*-5 Canestrari Alan-*18 Profili Vilma*-6 Da Ros Davide*-19 Rebecchini Luigi*-7 Fileri Nausicaa-*20 Romano Dario*-8 Giuliani Ludovica*-21 Salustri Maurizio*-9 Gregorini Mauro*-22 Santarelli Luca*-10 Mandolini Riccardo*-23 Sardella Simeone*-11 Mangialardi Maurizio*-24 Sartini Giorgio*-12 Martinangeli Stefania*-25 Urbinati Sandro*-13 Palma Elisabetta*-T O T A L E     P R E S E N T I    N° 22

 Becka MaksimConsigliere Straniero Aggiunto*- Mraihi MohamedConsigliere Straniero Aggiunto-*
Sono altresì presenti gli assessori: Campanile Gennaro, Bucari Simonetta, Girolametti Carlo, Memè Maurizio, Monachesi Enzo, Ramazzotti Ilaria
Essendo legale l’adunanza per il numero degli intervenuti, il Sig. Romano Dario nella qualità di Presidente dichiara aperta la seduta, alla quale assiste il Segretario Comunale Dott. Morganti Stefano 
Chiama a fungere da scrutatori i Consiglieri Signori: 1°  Urbinati Sandro; 2° Profili Vilma;  3° Martinangeli Stefania .


Il Presidente del Consiglio ROMANO enuncia l’argomento iscritto al punto 6 dell’ordine del giorno dei lavori consiliari relativo a: APPROVAZIONE NUOVO REGOLAMENTO DI CONTABILITA' DEL COMUNE DI SENIGALLIA AI SENSI DELL'ART. 152 D.LGS. N.267/2000 e concede la parola all’Assessore alle Risorse Finanziarie, Gennaro Campanile, per la relazione introduttiva.

L’Assessore CAMPANILE: anche questa pratica che oggi arriva in Consiglio comunale per l’approvazione definitiva è stata approfondita in Commissione consiliare dai commissari e anche dal dirigente che ha in qualche modo aiutato tutti noi a comprendere meglio questo nuovo regolamento di contabilità. Un nuovo regolamento di contabilità che viene aggiornato, che recepisce ed adegua il decreto legislativo 118 del 2011 e il TUEL ultima versione e quindi dopo l’armonizzata. Questo regolamento è uno strumento che è previsto dal testo unico per disciplinare gli aspetti gestionali, le varie procedure di contabilità che il testo unico appunto non tratta e demanda agli enti locali. Il regolamento attua il principio di un buon andamento e anche dell’imparzialità degli aspetti contabili e soprattutto della vita contabile dell’ente, dalla programmazione che in Commissione ma anche in Consiglio comunale ormai abbiamo attraverso il documento unico di programmazione, attraverso il bilancio previsionale, attraverso il PEG, attraverso gli aspetti gestionali quando arrivano in Commissione e in Consiglio comunale gli assestamenti, la salvaguardia, le variazioni e anche gli aspetti di rendicontazione finale, quindi riguardano il bilancio consuntivo, consolidato e quindi tutta la vita contabile e anche i suoi tempi e le sue scadenze. Il Regolamento quindi disciplina anche le modalità con cui il Comune svolge l’attività di questa nuova contabilità armonizzata e disciplina anche le attività di controllo, quindi le attività dei revisori dei conti e come vengono dati i pareri, tutte le regolarità tecniche e anche le attestazioni delle coperture finanziarie. Uno strumento molto importante che viene aggiornato e che offre garanzie di trasparenza per noi che gestiamo l’Amministrazione comunale, per i Consiglieri comunali che in sostanza sono anche un organo di controllo e di indirizzo e quindi attraverso questo nuovo regolamento possiamo avere una maggiore comprensione, una maggiore coerenza, una maggiore trasparenza e anche credo una maggiore verificabilità dei dati e di tutti gli atti. Siamo ormai al terzo anno come nuova contabilità armonizzata e quindi conosciamo bene la vita contabile con tutte le sue fasi dei bilanci che partono ormai come sapete dal bilancio previsionale che abbiamo approvato a dicembre, poi con il consuntivo, con il consolidato e poi con le variazioni per arrivare appunto a tutti quegli assestamenti e quelle salvaguardie che servono per controllare e verificare puntualmente tutte le fasi del bilancio. Oggi portiamo un aggiornamento importante di un Regolamento che era stato approvato in prima battuta nel ‘99 che poi aveva avuto una variazione nel 2003 e l’ultima nel 2013. Oggi con la nuova contabilità armonizzata lo adeguiamo e lo aggiorniamo al testo unico e al decreto legislativo 118 del 2011 proprio per cogliere quelle novità legate all’armonizzata.

Il Presidente del Consiglio ROMANO: apriamo la discussione generale. Non vedo interventi quindi chiudiamo la discussione generale. Dichiarazioni di voto. Non vedo nemmeno le dichiarazioni di voto quindi andiamo avanti con la votazione del punto 6.

Il Presidente del Consiglio ROMANO pone in votazione, palese con modalità elettronica, la proposta iscritta al punto 6 dell’ordine del giorno dei lavori consiliari che viene approvata con 20 voti favorevoli, nessuno contrario, nessuno astenuto, 2 presenti non votanti (Da Ros, Paradisi), come proclama il Presidente ai sensi di legge.

Il Presidente del Consiglio ROMANO pone in votazione, palese con modalità elettronica, l’immediata eseguibilità dell’atto deliberativo che viene approvata con 20 voti favorevoli, nessuno contrario, nessuno astenuto, 2 presenti non votanti (Da Ros, Paradisi), come proclama il Presidente ai sensi di legge.

Tutto ciò premesso

IL CONSIGLIO COMUNALE
- Visto l'argomento iscritto al punto 6 dei suoi lavori;
- Udita la relazione dell'Assessore alle Risorse Finanziarie, Gennaro Campanile;
RICHIAMATI:
- il Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali di cui al D.Lgs. n. 267/2000 e successive modifiche ed integrazioni;
- il D.Lgs. n. 118/2011 recante Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42 e successive modifiche ed integrazioni;
PRESO ATTO che:
- la riforma della contabilità degli enti locali è uno dei tasselli fondamentali nel processo di armonizzazione dei sistemi contabili a tutti i livelli di governo, nato dall’esigenza di garantire il monitoraggio ed il controllo degli andamenti della finanza pubblica e consentire la raccordabilità dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio con quelli adottati in ambito europeo; 
- l’armonizzazione dei sistemi e degli schemi contabili modifica in maniera radicale e profonda tutti gli aspetti della gestione contabile, imponendo l’adeguamento del sistema informativo, contabile ed organizzativo ai nuovi assetti e alle nuove regole; 
RICHIAMATI, in particolare:
- l’art. 7 del D.Lgs. n. 267/2000 il quale stabilisce che Nel rispetto dei principi fissati dalla legge e dello statuto, il comune e la provincia adottano regolamenti nelle materie di propria competenza ed in particolare per l’organizzazione e il funzionamento delle istituzioni e degli organismi di partecipazione, per il funzionamento degli organi e degli uffici e per l’esercizio delle funzioni;
- l’art. 152, comma 1, del D.Lgs. n. 267/2000 il quale dispone che Con il regolamento di contabilità ciascun ente locale applica i principi contabili stabiliti dal presente testo unico e dal decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, e successive modificazioni, con modalità organizzative corrispondenti alle caratteristiche di ciascuna comunità, ferme restando le disposizioni previste dall’ordinamento per assicurare l’unitarietà ed uniformità del sistema finanziario e contabile;
EVIDENZIATO che, nell’ambito dell’impianto normativo in tema di ordinamento degli enti locali e di armonizzazione contabile, al regolamento di contabilità è demandata una disciplina di dettaglio dei principi dell’ordinamento contabile, con particolare riguardo alle competenze specifiche dei soggetti dell’amministrazione preposti alle attività di programmazione, adozione ed attuazione dei provvedimenti di gestione che hanno carattere finanziario e contabile, in armonia con le disposizioni normative vigenti; 
RICORDATO che, ai sensi dell’art. 152, comma 4, del D.Lgs. n. 267/2000, le norme contenute nella parte seconda del medesimo D.Lgs. n. 267/2000 sono da considerarsi principi generali con valore di limite inderogabile, fatta eccezione per specifiche disposizioni, puntualmente elencate, in relazione alle quali il regolamento dell’ente può dettare una differente disciplina;
RICHIAMATA la deliberazione di Coniglio comunale n. 60 del 28.06.1996 con la quale è stato adottato il Regolamento di contabilità del Comune di Senigallia ad oggi vigente, successivamente modificato mediante l’adozione di plurimi ed appositi atti deliberativi;
PRESO ATTO che l’intervenuta normativa in tema di armonizzazione contabile ha introdotto profonde modificazioni delle regole contabili rispetto al previgente apparato normativo, tali da richiedere una revisione generale della disciplina organizzativa e di gestione contabile delineata nel regolamento di contabilità approvato con la predetta deliberazione di Consiglio comunale n. 60 del 28.06.1996, come successivamente modificato;
RITENUTO necessario, pertanto, procedere all’adeguamento delle disposizioni regolamentari vigenti al nuovo ordinamento contabile;
VISTA la proposta di nuovo Regolamento di contabilità del Comune di Senigallia, così come allegata al presente atto a formarne parte integrante e sostanziale (Allegato A);
DATO ATTO che il nuovo Regolamento di contabilità del Comune di Senigallia:
- garantisce la coerenza con il quadro normativo sopravvenuto e con i nuovi principi contabili generali ed applicati di cui al D.Lgs. n. 118/2011;
- è predisposto tenendo in considerazione le peculiarità e le specificità dell’Ente, nel rispetto delle esigenze di coordinamento della finanza pubblica;
- assicura il rispetto delle competenze degli organi coinvolti nella gestione del bilancio, secondo il principio di flessibilità gestionale e di separazione delle funzioni;
- attua i principi di efficacia, efficienza ed economicità della gestione quali componenti essenziali dell’azione amministrativa;
STABILITO che il nuovo Regolamento di contabilità del Comune di Senigallia entra in vigore a partire dalla data di pubblicazione all’Albo Pretorio dell’ente e che a far data dal medesimo giorno si intende abrogato il Regolamento di contabilità adottato con deliberazione di Consiglio comunale n. 60 del 28.06.1996;
VERIFICATA la propria competenza all’approvazione del Regolamento in oggetto, ai sensi dell’art. 42, comma 2, lettera a), del D.Lgs. n. 267/2000;
VISTI:
- lo Statuto Comunale;
- il Regolamento comunale sull’ordinamento degli uffici e dei servizi;
ACQUISITO il parere favorevole dell’Organo di revisione redatto ai sensi dell’art. 239, comma 1, lettera b), del D.Lgs. n. 267/2000;
- Preso atto dei seguenti pareri favorevoli resi ai sensi dell’art. 49 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 sull'Ordinamento degli Enti Locali:
- del Dirigente responsabile dell’Area Risorse Umane e Finanziarie;
- Con votazione palese che ha dato il risultato sopra riportato;
D E L I B E R A
1°) - DI CONSIDERARE le premesse quale parte integrante e sostanziale del presente atto;
2°) – DI APPROVARE il nuovo Regolamento di contabilità del Comune di Senigallia, allegato al presente atto a formarne parte integrante e sostanziale (Allegato A);
3°) - DI DARE ATTO che il nuovo Regolamento di contabilità del Comune di Senigallia:
- garantisce la coerenza con il quadro normativo sopravvenuto e con i nuovi principi contabili generali ed applicati di cui al D.Lgs. n. 118/2011;
- è predisposto tenendo in considerazione le peculiarità e le specificità dell’Ente, nel rispetto delle esigenze di coordinamento della finanza pubblica;
- assicura il rispetto delle competenze degli organi coinvolti nella gestione del bilancio, secondo il principio di flessibilità gestionale e di separazione delle funzioni;
- attua i principi di efficacia, efficienza ed economicità della gestione quali componenti essenziali dell’azione amministrativa;
4°) - DI STABILIRE che il nuovo Regolamento di contabilità del Comune di Senigallia, approvato con il presente atto, entra in vigore dalla data di pubblicazione all’Albo Pretorio dell’ente e che a far data dal medesimo giorno si intende abrogato il Regolamento di contabilità adottato con deliberazione di Consiglio comunale n. 60 del 28.06.1996;
5°) - DI TRASMETTERE il presente atto al Segretario generale e ai Dirigenti delle Aree comunali;
6°) – DI DICHIARARE il presente atto immediatamente eseguibile, ai sensi dell’art. 134 del D. Lgs. 18/8/2000 n° 267 mediante separata votazione palese che ha dato il risultato sopra riportato.-



Letto, confermato e sottoscritto
	Il Presidente	Il  Segretario Comunale
	F/to Romano Dario	F/to  Morganti Stefano

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,


La presente deliberazione è stata pubblicata all’Albo Pretorio dal 13 marzo 2019 al 28 marzo 2019 ai sensi dell’art. 124, 1° comma, del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267.
Lì, 29 marzo 2019	Il       Segretario Comunale
	F/to 
La presente deliberazione, non soggetta a controllo, è divenuta esecutiva, ai sensi dell’art. 134 del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267, in data 24 marzo 2019, essendo stata pubblicata il 13 marzo 2019
Lì, 25 marzo 2019	Il       Segretario Comunale
	F/to 
Spazio riservato all’eventuale controllo preventivo di legittimità, richiesto ai sensi dell’art. 127 del D.Lgs. 18/8/2000 n° 267:



 

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,