Senigallia Atto

Rifacimento parquet del palazzetto dello sport alluvionato. Proposta per rendere la struttura ancora più polifunzionale

Interpellanza del Consiglio Comunale del 30 luglio 2014

Presentazione
Discussione
30.7.2014

Proponenti

Il Presidente del Consiglio MONACHESI: seconda interrogazione scritta a risposta orale la presentano i Consiglieri Dario Romano e Mauro Gregorini.

Il Consigliere ROMANO (Vivi Senigallia): l’interrogazione scritta che ho presentato insieme al collega Gregorini che ringrazio per l’aiuto è legata all’alluvione del 3 maggio però in un’ottica un po’ diversa, propositiva, per fare un qualcosa di diverso che riesca a dare un valore a quello che stiamo rimettendo a posto. Parlo del palazzetto dello sport in questo caso che è stato duramente colpito dagli eventi alluvionali. Il parquet purtroppo è stato compromesso in maniera molto seria e per fortuna abbiamo avuto un ente bilaterale dell’artigianato della Regione Marche che si è fatto carico della ricostruzione di questo parquet, anzi questa è l’occasione per ringraziarlo, da parte mia e del consigliere Gregorini e penso di tutti in questa Assise, pensando però alla situazione nel quale versano le varie strutture sportive di Senigallia che sono inclusive per molti versi ma che non riescono chiaramente ad abbracciare tutte le discipline, mi chiedevo se era possibile appunto nel rifare il parquet del palazzetto prevedere magari l’ampliamento ad altre discipline sportive sui requisiti tecnici, quindi penso alle linee per altre discipline che vanno al di là del basket e la pallavolo, fermo restando che chiaramente poi ci sono le convenzioni in essere e quelle vanno rispettate, però pensando anche in un’ottica di turismo sportivo magari avere un palazzetto dello sport che possa essere pronto per altre discipline magari potrebbe essere utilizzato dodici mesi all’anno e anche in altri campi, quindi chiaramente senza gravare ulteriormente sulle casse del Comune oppure cercando una modalità di interfacciamento anche con le federazioni di altri sport minori, chiedevo se è possibile questa situazione e se è possibile appunto ampliare da questo punto di vista il range di disciplina che abbraccia il palazzetto.

Si dà atto che entrano il Consigliere Salustri: Presenti con diritto di voto n. 15.

Vedi i dettagli dell'intervento

Risposta

Il SINDACO: sì buonasera presidente, saluto i colleghi di Giunta, tutti i consiglieri che sono presenti all’ora delle interrogazioni, al pubblico presente,  quello che ci segue da casa, saluto il Consigliere aggiunto che ha lasciato quest’aula. Molto bello perché Shamsuddin era un Consigliere eletto tra gli stranieri di questa città e invece ha acquisito la cittadinanza italiana, quindi è decaduto dal suo ruolo però forse è emblematico di una città che sa parlare la lingua dell’integrazione, delle relazioni, di una collettività che si evolve e di una società che migliora con gli apporti e le esperienze che vengono dalle altre parti. Un saluto anche se non è presente, lo ricordiamo per la sua attività ,gli auguriamo da cittadino italiano di poter magari sedere in quest’aula con il diritto di voto e di intervento.
Consiglieri io vi ringrazio intanto per l’attenzione perché avete colto un po’ un tema che va ben oltre al rifacimento del Palazzetto, allagato, inondato, devastato, come tanta parte della nostra città. Gli interventi che vengono fatti nelle parti pubbliche come contributi che acquisiamo nel nostro Bilancio e poi giriamo ai privati sono quel ringraziamento che deve andare alla città rispetto a chi si mette a disposizione in modo solidaristico e importante per risolvere almeno un pezzo di questo problema. Alcune volte, penso all’Assessore Volpini in questi giorni, con i contributi di poca entità rispetto magari ai danni che ci sono stati, ma importanti soprattutto per chi non ha più nulla, e quindi quel lavoro che abbiamo fatto di recuperare risorse extra bilancio, quelle non è che vengono dal nulla, c’è un’azione politica dietro, c’è una disponibilità del Sindaco di incontrare, sollecitare e trovare delle risorse. Allora il fondo di SOS alluvione a oggi ha 500.000 euro messe da parte del Comune, ma sono del Comune, sono dell’attività che abbiamo messo e che ha avuto la capacità di trovare risorse all’esterno, di soggetti terzi che con il loro buon cuore hanno voluto aiutare questa città, che potevamo impiegare per ristrutturare una strada o per risistemare un caditoia, oppure fare un progetto molto intelligente come quello che abbiamo fatto con SOS alluvione e oggi abbiamo completamente esaurito la graduatoria e siamo nemmeno a novanta giorni dall’evento, 107 famiglie per i 3.000 euro e 150 circa per i 2.000 e il resto per i 1.000 euro che sono stati distribuiti. Questo dell’Ebam, come lei ha ricordato, sta dentro questo percorso. Importante un ente bilaterale che si fa carico dell’intero intervento del nostro palazzetto dello sport. Lo sistemeranno, quindi parquet, bagni, tutto quello che abbiamo perso, tutto, anzi forse anche un po’ meglio di quello che avevamo, come stiamo lavorando sull’altro fronte, quello della piscina, quindi sono segnali belli nei nostri confronti, sono anche modalità che ci permettono di intervenire oggi che quelle coperture non ci sarebbero dentro lo stato di emergenza. Prendo la vostra come una sollecitazione ovviamente che va verificata, si può giocare anche a calcetto dentro il palazzetto dello sport? Non lo so, faremo fare una verifica tecnica puntuale per capire che cosa va fatto, se è compatibile con la nostra struttura, se è a norma, se ci sono le condizioni, tutte le strutture sono polifunzionali, le nostre lo sono sempre e sempre di più, però devono stare dentro degli investimenti che oggi io non conosco se non per le cifre, quelle velocemente recuperate, per mettere in condizione il Sindaco di rispondere, ma non è serio e quindi le faccio verificare e poi ragioneremo insieme, se è compatibile con il palazzetto, se ci sono le condizioni, se non si creano situazioni di ingestibilità, va fatto un ragionamento insieme, siamo abituati a muoverci così, non c’è più Perini ma noi ci confrontiamo, e poi decideremo insieme, penso che però giustissima sia stata la vostra interrogazione che ci fa riflettere e forse anche cogliere un’occasione se ci sono le condizioni per farlo.

Si dà atto che entrano i Consiglieri Allegrezza e Bucci: Presenti con diritto di voto n. 17.

Vedi i dettagli dell'intervento

Replica

Il Consigliere ROMANO (Vivi Senigallia): ringrazio il Sindaco per l’apertura di credito e per le verifiche che verranno fatte. Saremo contenti io e il collega Gregorini e chiunque si vorrà aggiungere di poter dare una mano su questo tema perché nell’ottica della città di tutti diventa ancora più fondamentale.

Vedi i dettagli dell'intervento