Senigallia Atto

Merende presso le scuole dell'infanzia

Interpellanza del Consiglio Comunale del 19 marzo 2015

Presentazione
Discussione
19.3.2015
  • 19.3.2015
  • risposta

Proponenti

Il Consigliere BUCARI (PD): rivolgo la mia interpellanza al Vice Sindaco, in qualità Vice Sindaco di consigliere delegato per le mense scolastiche nonché di operatore della scuola, volevo dei chiarimenti su quanto apparso ieri e l’altro ieri circa l’insufficienza della merenda distribuita nelle nostre scuole dell’infanzia. Non mi corrisponde affatto a verità almeno nelle scuole che frequento del mio istituto, che i bambini non abbiano merenda a sufficienza e anche le insegnanti che ho interpellato hanno confermato che i vari tipi di frutta che si alternano nella settimana sono a volontà su richiesta, che le quantità non distribuite a merenda vengono ripassate al pranzo affinché ogni bambino consumi la sua dose giornaliera di frutta, così come nella scuola primaria la frutta che non viene consumata a scuola viene data ai bambini da portare a casa proprio perché ogni genitore paga il suo buono pasto, e questo penso e spero e credo che sia una prassi diffusa in tutte le scuole del territorio. Assessore vorrei sapere il perché di questa notizia, se è stata effettuata una verifica, se corrisponde a verità o se non so è soltanto un fatto strumentale o che altro.

Vedi i dettagli dell'intervento

Risposta

Il Vice Sindaco MEME’: condivido quello che lei ha detto, che non ci sono problemi da un punto di vista delle quantità relative alle merende nei nostri plessi sotto la responsabilità dell’Amministrazione comunale. Questo lo dico perché proprio il dirigente ha emesso ieri un comunicato puntuale dove in pratica si chiarisce in modo inequivocabile, dove le strumentazioni non servono su questo argomento, dove invece servono certezze, ovverosia abbiamo intrapreso come Amministrazione comunale un doppio binario ovverosia un giusto equilibrio tra il pasto, la qualità del pasto, il chilometro zero del pasto, quindi la qualità assoluta di quello che i nostri bimbi mangiano durante la merenda, durante il pasto e in tutte le fasi che permangono all’interno delle nostre strutture. Tenendo conto anche di che cosa? Che sicuramente abbiamo uno dei prezzi più bassi rispetto al rapporto qualità prezzo di tutte le città delle Marche e questo lo dico con grande orgoglio perché chiaramente questo è il tipo di risposta che insieme all’Asur, insieme alle dietiste è stato predisposto il menù. Il menu è stato predisposto tenendo conto di una sana alimentazione che chiaramente dia il giusto equilibrio di apporto calorico per tutta la durata con l’età dei bimbi. Questo lo dico perché strumentalizzare come ho letto sulla stampa anch’io rispetto a questo tema è sicuramente poco corretto in quanto questo tema fin dal primo giorno il Sindaco, l’Amministrazione, se n’è fatta subito carico e addirittura abbiamo fatto anche tramite i Consiglieri delegati, mi riferisco ad esempio anche al consigliere Rimini, proprio delle verifiche puntuali andando proprio a mangiare durante la somministrazione dei pasti proprio per verificare senza preavviso sia la qualità che chiaramente la qualità degli ambienti. Quindi da questo punto di vista la rassicuro Consigliera perché a merenda la fretta se uno la rivuole c’è tranquillamente per tutti, quindi non è una questione di grammi ma è una questione, invece questo sì, di dare ai nostri figli una giusta alimentazione quindi educare all’alimentazione cosa che spesse volte noi genitori purtroppo assecondandoli in qualche modo non imponiamo, ad esempio mangiare la frutta regolarmente o di assumere anche cibi che magari sono poco piacevoli ma che invece sono molto salubri quali ad esempio le verdure o altre cose che i bimbi purtroppo normalmente non mangiano.

Si dà atto che entra il Consigliere Allegrezza: Presenti con diritto di voto n. 23.

Vedi i dettagli dell'intervento

Replica

Il Consigliere BUCARI (PD): non ho niente da aggiungere. Condivido.

Vedi i dettagli dell'intervento