Senigallia Atto

Preventivi per il rifacimento del ponte Perilli a campata unica

Interpellanza del Consiglio Comunale del 15 settembre 2015

Presentazione
Discussione
15.9.2015
  • 15.9.2015
  • risposta

Proponenti

Il Consigliere SARTINI (Senigallia Bene Comune): premetto che io ho fatto solo una domanda nella mia interrogazione a risposta orale preceduta da ben due accessi agli atti a cui non è mai stata data risposta. Senza leggere tutta l’interrogazione vorrei solamente capire come mai durante gli accessi agli atti le persone che hanno risposto hanno risposto a tutto tranne la richiesta di fornirmi i preventivi per realizzare il ponte Perilli a campata unica onde poter stabilire la convenienza o meno di procedere con una ristrutturazione di questo ponte. Torno a ripetere che ben due volte con un accesso agli atti dapprima come cittadino e successivamente come Consigliere non ho avuto questa risposta, pertanto oggi chiedo al Sindaco come mai l’Amministrazione comunale non mi ha fornito per ben due volte negli accessi agli atti da me presentati regolarmente i documenti richiesti dei preventivi per rifacimento del ponte Perilli a campata unica? Quali sono le motivazioni che hanno portato l’Amministrazione comunale a non ottemperare alle disposizioni della Regione Marche che prevedevano il rifacimento a campata unica del ponte fin dall’anno 2000? Sono stati richiesti i finanziamenti alla Regione Marche per coprire le spese sostenute dalla città di Senigallia per la manutenzione straordinaria del ponte Perilli? Ho concluso e gradirei avere almeno in questa sede le risposte.

Vedi i dettagli dell'intervento

Risposta

Il SINDACO: io ricordo Consigliere Santini che in campagna elettorale una delle cose che l’Amministrazione avrebbe dovuto fare immediatamente dopo essersi insediata, qualunque essa fosse stata, avrebbe dovuto demolire il ponte che era in fase di realizzazione perché non era conforme, noi invece il ponte l’abbiamo aperto, è conforme, e non potrebbe essere altrimenti, alle indicazioni e alle prescrizioni e alle modalità che erano previste in funzione di una necessità impellente che era quella di una campata su tre completamente ammalorata, e le altre due comunque sono state verificate, non facciamo le cose non certificate, e con quella modalità e le risorse disponibili quello era l’intervento possibile. Abbiamo avuto modo di confrontarci con diversi tecnici che in quel periodo si attribuivano anche competenze specifiche per dimostrare che un ponte a campata unica oltre che avere delle difficoltà realizzative importanti aveva poi dei costi assolutamente non compatibili e dei tempi assolutamente improponibili rispetto alle esigenze. Questo è quello che è stato fatto, quello che è stato appaltato, quello che è stato rendicontato e quello che lei manderà alla Corte dei Conti, anzi se non lo fa lei lo faccio per conto mio, siccome nell’ambito dei lavori pubblici [si registra un contraddittorio fuori microfono] le interrogazioni sono al Sindaco, alla Procura e alla Corte dei Conti, così almeno risparmiamo un po’ d’inchiostro, ecco noi siamo convinti di aver fatto un’operazione assolutamente sostenibile e compatibile con le nostre finanze, compatibile con gli strumenti urbanistici della manutenzione straordinaria, compatibile con le migliorie che sono state messe in campo, quindi adesso sull’accesso agli atti anch’io mi rivolgo all’assessore Bomprezzi visto che sono stati negati, questa cosa non è nelle nostre disponibilità, l’accesso agli atti se uno fa l’accesso agli atti prende i documenti, qui c’è un progetto preliminare, definitivo ed esecutivo, c’è il capitolato d’appalto, tutti i verbali, ci sono le determine conseguenti, prenda il faldone e poi magari ci possiamo riconfrontare ma il ponte sta lì, non lo demolisce nessuno, è perfettamente funzionante e perfettamente rispondente a quell’esigenza. Ovvio che se ci fossero stati tempi diversi, risorse diverse e modalità che erano compatibili, pur sapendo che i ponti successivi sono con campate e le difficoltà nascono da quelli della ferrovia si sarebbe potuto procedere con un ponte a campata unica ma con dei costi completamente diversi a meno che Sartini, come lei è un ingegnere tale da progettare il ponte ma comunque questo non le è ha dato e quindi così si è concluso e così rimarrà finché non si troveranno le risorse per ridemolire tutti i ponti e realizzare quelli a campata unica con tecniche completamente diverse e risorse ovviamente che non sono nella disponibilità né di questa Amministrazione né forse di questo Stato.

Vedi i dettagli dell'intervento

Replica

Il Consigliere SARTINI (Senigallia Bene Comune): io ho fatto una domanda specifica, lei ha girato molto attorno alla problematica, voglio sapere se sono stati ricevuti da questa Amministrazione, chiaramente dietro richiesta, dei preventivi per sapere quanto costava rifare il ponte a campata unica o no? Perché è inutile che mi gira intorno, i soldi disponibili erano quelli, prima di sapere il costo bisogna fare dei preventivi, non si ragiona con l’ottica degli errori passati, avere speso tutti i soldi per rifare i quattro ponti che aveva deliberato la Regione Marche tutti nel ponte del portone, per errori procedurale a carico dall’Amministrazione, non giustifica non aver fatto un preventivo adesso, per sapere quant’è il costo bisogna fare dei preventivi, questi preventivi ho fatto una semplice domanda, li ha richiesti o no? Mi dica se ha richiesto i preventivi dopodiché mi reputo soddisfatto, altrimenti non sono soddisfatto dalla sua risposta.

Vedi i dettagli dell'intervento

Replica

Il Presidente del Consiglio ROMANO: siamo in fase di replica Consigliere Santini non può rispondere nuovamente il Sindaco.

Vedi i dettagli dell'intervento

Replica

Il Consigliere SARTINI (Senigallia Bene Comune): però si deve sapere che non intende rispondere perché non vuol far sapere che non ha fatto dei preventivi per capire qual era la spesa, se era superiore o inferiore a quella che ha sopportato l’amministrazione cittadina.

Vedi i dettagli dell'intervento