Senigallia Atto

Campi da tennis Ponte Rosso

Interpellanza del Consiglio Comunale del 21 dicembre 2015

Presentazione
Discussione
21.12.2015
  • 21.12.2015
  • risposta

Proponenti

Il Consigliere MESSERSÌ (Lega Nord): signor Sindaco molti nostri concittadini ci hanno chiesto di sensibilizzare la Giunta comunale per quanto riguarda il destino dei campi da tennis Ponte Rosso ex Circolo Tennis Senigallia, infatti la struttura è veramente in condizioni disastrose: la zona docce ha le porte sfondate, vetri rotti nella zona ristorante, verificati personalmente. Sempre dentro la struttura si può trovare di tutto: sedie rotte, immondizia lasciata da chi non trova di meglio che sporcare ulteriormente tale impianto ed oltretutto ci viene riferito che durante le ore notturne è luogo di ritrovo di persone poco raccomandabili e che quindi è meglio stare alla larga dalla zona che oltretutto è anche poco illuminata, così ci continuano a sollecitare e dire. Questa sicuramente è una struttura da recuperare in pieno in quanto è situata in una zona strategica del nostro lungomare come ben tutti sapete, ancora oggi molti turisti che vengono da tempo Senigallia ricordano con vera nostalgia i tempi trascorsi dove i campi da tennis del Ponte Rosso avevano dei bei tornei organizzati anche a livello internazionale e richiamavano tantissime persone e tantissimi turisti. Vedere ora questo impianto in condizioni così disastrate fa veramente riflettere, quindi chiederei cosa si intende fare.

Vedi i dettagli dell'intervento

Risposta

Il SINDACO: Consigliere Messersì la ringrazio anche per avermi risparmiato l’elenco dei tennisti che hanno calcato quei campi, quindi da Pietrangeli a Nastase, di solito ho quel tipo di ritorno, però c’era Villa Sorriso, avevamo un’altra economia, oggi siamo nelle condizioni che anche se fossero tirati a lucido non potremmo essere competitivi con i tornei APT nemmeno quelli da cinquanta, non quelli mondiali che ci sono, però intanto pone un tema vero, un tema serio. Purtroppo è un problema di gestione, lei sa che i campi del Ponte Rosso sono in parte del Comune su area comunale, un altra su area demaniale, un’altra della Regione. Il pallone del Ponte Rosso fu compromesso il 17 di novembre del 2013 e poi l’alluvione del 2014 compromise definitivamente l’utilizzo dell’impianto, data tra l’altro di scadenza della gestione da parte della UISP Senigallia. L’Amministrazione non è rimasta ferma, ci siamo attivati, ci sono diversi progetti, anche dei project financing su quell’area, che ovviamente tengono fermo al centro una destinazione, perché quello è un luogo importante del nostro lungomare, forse più centrale del centrale, più centrale anche della Rotonda se vuole e che tenga fermo la non trasformabilità di quell’area, quell’area deve essere un luogo per centri di divertimento sportivo, quale debba essere non attiene nemmeno a me, forse nemmeno a noi, ma dalle proposte che ci possono arrivare, proposte per la trasformazione in un centro del beach volley, per un centro per il beach tennis, per la ritrasformazione in campi da tennis con la valorizzazione di strutture perimetrali a servizio, l’utilizzo del giardino dall’altra parte per collegarlo in modo adeguato al lungomare, l’utilizzo della spiaggia sul lungomare, ci sono diversi progetti ovvio che purtroppo ahimè l’elemento della crisi economica e della mancanza di strutture adeguate in grado di sostenere sul piano del finanziamento quel tipo di intervento ha determinato un limite, quello che mi posso prendere questa sera come impegno, poi lo vedrà, nel mese di gennaio noi porteremo un atto di indirizzo al Consiglio comunale dove andremo a individuare il perimetro di un piano strategico per le aree che devono essere attenzionate dal pubblico e dal privato, ovvio che una di queste sarà proprio l’area del Ponte Rosso, quello che mi prendo l’impegno è per quelle sottolineature gestionali attuali, intanto l’Assessore Ramazzotti si fa carico della pulizia dell’area, della verifica per l’eliminazione delle situazioni e anche quelle di maggiore illuminazione della zona per scongiurare elementi che possono portare a una minore sicurezza di quell’area. Dopodiché trovare il progetto adeguato potrebbe essere abbastanza semplice, ci vogliono le risorse, il pubblico oggi, anzi diciamo così, fino a ieri non c’erano, grazie alla legge di stabilità qualche risorsa si sta liberando e lo saluto oggi con un grandissimo favore perché dopo qualche anno torneremo ad investire in città grazie alla legge di stabilità approvata l’altra notte, o lo fa il pubblico o inevitabilmente le deve fare il privato, oppure il privato e pubblico insieme, ecco noi stiamo cercando di percorrere quella strada. Ritengo che potremmo tentare almeno per questa estate di trovare una gestione temporanea in modo da renderlo almeno dignitoso perché tutte le cose che lei ha detto, e ne posso aggiungere tante altre, le sottoscrivo in pieno e quindi ci sarà particolare attenzione da parte dell’Amministrazione comunale per risolvere i problemi, quelli contingenti, guardo l’assessore Monachesi, quelli di pulizia, guardo l’assessore Ramazzotti, rispetto ai quali mi dovranno dare la risposta nel giro di qualche ora. Si dà atto che entra l’Assessore Girolametti.

Vedi i dettagli dell'intervento

Replica

Il Consigliere MESSERSÌ (Lega Nord): direi abbastanza di si signor Sindaco, l’importante come si diceva è che la zona venga controllata, anche perché, come in parecchi dicono, è meta di persone non molto qualificate, spesso negli orari notturni, quindi l’importante è questo, poi per quanto concerne anche la presa d’atto che durante il periodo estivo si possa fare qualcosa di meglio che lasciarla così senza conduzione è una cosa abbastanza importante, adesso vediamo all’atto pratico se questi discorsi poi verranno esauriti.

Vedi i dettagli dell'intervento