Senigallia Atto

Procedure ad evidenza pubblica per gestione strutture sportive

Interpellanza del Consiglio Comunale del 28 settembre 2016

Presentazione
Discussione
28.9.2016
  • 28.9.2016
  • risposta

Proponenti

Il Consigliere SARTINI (Senigallia Bene Comune): l’interrogazione riguarda la gestione degli impianti sportivi quindi sulle modalità per assegnare questa gestione. L’articolo 19 della legge regionale 5/2012 prevede che i soggetti a cui affidare la gestione degli impianti sportivi sono individuati tra coloro che presentano idonei requisiti in base a procedure di evidenza pubblica nel rispetto della normativa vigente. Ho allegato una tabella all’interrogazione in cui sono riportate le delibere nella Giunta Municipale di Senigallia con cui sono state prorogate le convenzioni di gestione degli impianti sportivi successivamente all’emanazione della legge regionale del 2 aprile 2012 ed in rosso sono riportate quelle approvate dopo l’approvazione del Regolamento della Giunta regionale Marche 1170 del 2 agosto 2013, in totale sono sessantotto delibere, concessioni, rinnovo, proroga delle convenzioni per la gestione delle strutture sportive comunali senza avere svolto le procedure di evidenza pubblica previste dalla normativa vigente. Questa condotta è stata tenuta senza alcuna distinzione tra impianti di rilevanza economica, tipo la piscina delle saline, il palazzetto dello sport, da quelli non a rilevanza economica. Considerato che dall’accesso atti che ho svolto è emerso che con una missiva del 14 maggio 2015 l’allora Sindaco a fine mandato nonché candidato sindaco alle elezioni ed attuale Sindaco, avente a oggetto “gestione piscina Saline” scrisse al Comitato UISP di Senigallia informandolo che dando seguito agli incontri svolti di recente e gli approfondimenti degli uffici comunali ho incaricato il dirigente dell’area persona di predisporre gli atti necessari per la continuità della vostra gestione nel prossimo biennio. Anche laddove la UISP abbia sostenuto spese per interventi nell’impianto della piscina delle Saline a seguito dell’alluvione 2014 ciò non costituisce condizione per evitare la procedura ad evidenza pubblica fermo restando che vista la natura dei danni riportati dall’impianto i lavori svolti non potrebbero considerarsi di manutenzione ordinaria bensì straordinaria e come tali ricadenti in capo al Comune. Ad oggi poi non ho ancora ricevuto riscontro alla mia istanza del 13 agosto con cui ho chiesto al Segretario e dirigente dell’ufficio sport di avere copia degli approfondimenti da lei citati nella missiva del 14 maggio 2015. Tanto premesso e considerato le rivolgo la seguente interrogazione ponendo le seguenti domande: perché il Comune di Senigallia non ha svolto le procedure ad evidenza pubblica per individuare i soggetti gestori delle proprie strutture sportive? Quali sono stati gli incontri da lei richiamati nella missiva del 14 maggio 2015? Chi poi ha preso parte a detti incontri? Cosa è stato discusso e deciso durante questi incontri? Se esistono dei verbali? Quali sono e chi ha svolto gli approfondimenti da lei richiamati nella missiva del 14 maggio 2015? Che documenti ufficiali rappresentano l’esito degli approfondimenti sopra citati? Chi sta gestendo gli impianti la cui gestione è scaduta al 30 giugno 2016? I gestori che hanno utilizzato le strutture la cui convenzione è scaduta il 30 giugno 2016 hanno pagato dal primo luglio 2016 l’affitto al Comune per la gestione dell’impianto secondo le tariffe comunali? Visto che la proroga di cui alla deliberazione di Giunta 223 scade tra due giorni, l’1/9/2016 cosa succederà? Altre proroghe vietate dalla normativa regionale oppure avete indetto delle gare a evidenza pubblica? Si dà atto che entra il Consigliere Beccaceci ed il Consigliere Straniero Aggiunto Becka: Presenti con diritto di voto n. 15.
Vedi i dettagli dell'intervento

Risposta

Il SINDACO: buon pomeriggio a tutti, saluto i colleghi di Giunta, lei Presidente, Consiglieri tutti, pubblico che ci segue con il nostro streaming e con Radio Duomo. Consigliere Sartini, mi sono permesso, visto che la sua interrogazione ovviamente assolutamente legittima rispetto alla tempistica, qualche perplessità il Sindaco ce l’ha sul piano della modalità perché come al solito la forma è quella dell’interrogazione, la sostanza è quella dell’interrogatorio e quindi capisce, lei l’ha mandata ieri e pretende dal Sindaco, dall’Amministrazione che sia nelle condizioni di rispondere a dieci domande che poi ovviamente lei provvederà ad inviare in Procura e la Procura insieme a tutte le altre interrogazioni che lei sta inviando, quella che riguarda il porto, quella che riguarda il PAI, quella che riguarda il gattile, quella che riguarda il canile, quella che riguarda il gatto, ecco insieme a tutte quelle io devo stare molto attento a come rispondo, perché non è che c’è una dialettica politica, quindi mi son permesso, e glielo faccio avere, nella giornata di stamane di scrivere al dirigente dell’Area Tecnica e Territorio Roccato e al Segretario dirigente anche dell’Ufficio Educazione Formazione Sport, dottor Stefano Morganti, di mettermi nelle condizioni di rispondere in maniera dettagliata all’interrogatorio al quale lei mi sottopone. Scorretto nei confronti di tutti, l’interrogazione è una, dieci domande. Cosa ho fatto nella giornata del 14 maggio 2015? Quali sono e con chi ha svolto approfondimenti? Guardo i consiglieri che hanno più dimestichezza di me in quell’ambito, sembra più un interrogatorio, quindi per rispondere in maniera dettagliata, guardi Sartini, senza far polemica gliela faccio avere subito, anzi chiedo a un famiglio di poter far avere al Consigliere Sartini la lettera, ovvio questa non è firmata, ma c’è quella protocollata e firmata, che io ho prontamente girato ai tecnici ai quali chiedo di monitorare insieme con me che vengano prodotte le risposte adeguate perché faccio tutto ma non il Segretario anche del segretario comunale. La ringrazio per l’interrogazione e spero che la struttura sia in grado di rispondere in modo dettagliato. Si dà atto che entra l’Assessore Ramazzotti ed il Consigliere Santarelli: Presenti con diritto di voto n. 16.
Vedi i dettagli dell'intervento

Replica

Il Consigliere SARTINI (Senigallia Bene Comune): le domande sono effettivamente dieci ma si riconducono a due, la più importante è sicuramente perché tutti questi rinnovi a partire non da oggi ma dall’aprile 2013 fino all’ultimo rinnovo che è praticamente del 30 giugno, anzi del 15 agosto, sono stati tutti fatti senza quindi questo dovrebbe per lo meno saperlo, le delibere di Giunta qualcuno le fa, non è che sono poche, sono sessantotto delibere di Giunta e quindi le motivazioni per cui non è stata fatta l’evidenza pubblica le sono note, ma visto che non vuol rispondere altrimenti non avrei citato ……… mi ha dato la sua lettera ma devono rispondere, sto aspettando dagli uffici, e non è solo una, quando faccio gli accessi atti sono tante. [si registra un contraddittorio fuori microfono] Giustamente sono dieci perché sono tutte sequenziali, adesso lei può tranquillamente dire che sono troppe e posso convenire che siano molte, allora per esporle tutte ci vuole un anno intero per avere le risposte qui in questa Assise, comunque la ringrazio e spero che almeno questa volta arrivino le risposte.
Vedi i dettagli dell'intervento