Senigallia Atto

Segnaletica in via Maierini e accensione riscaldamento nelle scuole pubbliche

Interpellanza del Consiglio Comunale del 26 ottobre 2016

Presentazione
Discussione
26.10.2016
  • 26.10.2016
  • risposta

Proponenti

Il Consigliere SARTINI (Senigallia Bene Comune): avrei voluto porre all’attenzione della Giunta e del Consiglio la questione del contrasto tra la segnaletica verticale e orizzontale presente in via Maierini dove gli automobilisti parcheggiano pagando il tagliando per la sosta e in più spesso succede che si beccano la multa per divieto di sosta. Mi auguro pertanto che si provveda quanto prima a rimuovere le strisce blu presenti a terra, ma alcuni genitori per tutelare la salute dei loro figli dato che alcuni di questi ragazzi sono già influenzati, mi hanno contattato per segnalarmi che nelle scuole comunali il riscaldamento è ancora spento e ciò nonostante che le direzioni didattiche abbiano chiesto il permesso al Comune di poterle accendere. Dato che alcune settimane orsono il comune aveva autorizzato l’accensione degli impianti privati, vi chiedo quando sarà possibile far accendere gli impianti di riscaldamento nelle scuole comunali e vi invito fin da ora ad autorizzare anche le scuole comunali ad accendere già da domani mattina i riscaldamenti.
Vedi i dettagli dell'intervento

Risposta

Il SINDACO: Presidente sempre per capire, qual è la regola? Sono due interrogazioni o una segnalazione e un’interrogazione? Perché io sto alle regole, il Consigliere Sartini pone il tema della segnaletica in conflitto su via Maierini e il tema del rispetto dell’anno termico nella nostra città, quindi rispondo oggi occasionalmente a tutte due. Su via Maierini il conflitto è legato alle soluzioni che sono contenute nel Codice stradale, rispetto al Codice quindi c’è la prevalenza della segnaletica verticale, non li invento io, io non mi invento le norme, non scrivo cose che non stanno in piedi, come il sottopasso di Via Perilli, biciclette che entrano nel senso unico devono rispettare il Codice della Strada che dice che le biciclette passano dove devono passare le biciclette, la pista ciclabile è fatta nell’altro senso è lì escono le biciclette, nient’altro, non c’è confusione, c’è la regola del Codice della strada, poi non lo vogliamo rispettare e facciamo un’altra cosa. In questo caso crea confusione, non è conflitto è confusione, cosa diversa e quindi in funzione della riorganizzazione della mobilità dentro il centro antico della città di Senigallia e a seguito della realizzazione della piazza Garibaldi andremo a rivedere la mobilità e quindi anche la destinazione viaria di quella via e in quel caso se non ci sono le condizioni per ripristinare la sosta o per riconfermarla come sosta a pagamento l’andremo a rimuovere pur sapendo che sul selciato la rimozione della tonalità cromatica è abbastanza complicata e prevale la segnaletica verticale. Per quanto riguarda l’accensione degli impianti di riscaldamento nelle strutture pubbliche noi non abbiamo emesso ordinanza suppletiva, perché non ci vuole l’ordinanza del Sindaco, per andare in deroga all’anno termico, l’anno termico parte dal 1° di novembre e le anticipo che noi rispetteremo quella data, quindi andremo ad accendere i termosifoni per tutte le strutture pubbliche tranne quelle che abbiamo già derogato che sono gli ospedali, che sono le case di riposo, che sono gli asili nido, andremo a rispettare l’anno termico perché anticipare l’anno termico è molto oneroso Sartini, sa che a Bilancio ulteriori coperture non ce l’abbiamo messe e quindi per anticipare l’anno termico occorrono molte risorse, non semplicemente quelle che magari lei può pensare che sono quelle di casa che consuma il metano o l’elettrico, noi abbiamo acquistato il pacchetto calore, il pacchetto calore ha delle garanzie e dei vantaggi economici quando rimane dentro uno spazio temporale sottoscritto dal contratto, se si va fuori da quel periodo gli oneri per la comunità tutta sono molto pesanti e quindi siccome le temperature sono assolutamente accettabile a meno che con ci siano temperature che precipitino tra venerdì e sabato, dal 1° novembre, cioè dalla prossima settimana saranno regolarmente accesi penso con soddisfazione di tutti, come in tutte le altre case. Si dà atto che entra l’Assessore Memè
Vedi i dettagli dell'intervento

Replica

Il Consigliere SARTINI (Senigallia Bene Comune): la ringrazio per aver risposto a tutte e due ma avevo premesso avrei voluto chiedere questo poi è arrivata quest’altra urgenza, ma ha risposto ugualmente quindi la ringrazio. Mi attengo solo alla seconda risposta, capisco il pacchetto termico, capisco certe modalità, d’altro canto quando poi il personale dirigente della scuola fa richiesta di anticipare l’accensione probabilmente deriva da motivi oggettivi, non fanno richiesta così casualmente, quindi come è stata data la deroga per l’accensione delle case mi sembra che fosse il caso di autorizzarla anche nelle scuole. Poi per quello che riguarda i consumi non mi addentro sulle modalità tecniche dei costi, dipendono sicuramente dalla temperatura esterna e interna e dalla durata dell’accensione e questo chiaramente è tutto da vedere durante l’anno quanto può essere l’andazzo del costo perché poi dipende dall’andamento climatico dell’invernata per capire quale sarà il costo, non si mantiene stabile se la temperatura scende molto oppure se è sempre caldo d’inverno, non può rimanere lo stesso costo, quindi io consiglierei anche per la tutela dei cittadini che quando ci sono delle condizioni oggettive e ci sono le richieste degli stessi dirigenti delle strutture di anticipare l’accensione.
Vedi i dettagli dell'intervento