Senigallia Atto

Esito controlli a seguito della modifica al Regolamento comunale sugli apparecchi di intrattenimento e svago e sulle sale giochi

Interpellanza del Consiglio Comunale del 27 aprile 2017

Presentazione
Discussione
27.4.2017
  • 27.4.2017
  • risposta

Proponenti

Il Consigliere MARTINANGELI (Movimento 5 Stelle): in considerazione del fatto che questa mia interrogazione è rivolta all’assessore alla sanità e allo sviluppo economico e commercio, riguarda l’applicazione della modifica al Regolamento comunale sugli apparecchi di trattenimento e svago e sulle sale giochi. In considerazione del fatto che il Comune di Senigallia ha aderito al Manifesto dei Sindaci contro il gioco d’azzardo e che con la delibera numero 90 del 28 settembre 2011 ha approvato il regolamento comunale sugli apparecchi di intrattenimento e svago e sulle sale giochi il Movimento 5 Stelle in data 20 gennaio 2016 presentava in Consiglio una sua mozione per il contrasto all’uso compulsivo delle slot machine con la quale chiedeva una serie articolata di impegni ulteriori all’amministrazione, ossia di rafforzare l’informazione ai cittadini, in particolare ai giovani e agli anziani in merito alla pericolosità dell’abuso dei giochi che consentono vincite in denaro, di intraprendere poi e rafforzare l’azione della polizia locale al fine di far rispettare il regolamento, di applicare le massime aliquote d’imposta di competenza comunale per tutti quei luoghi e quelle attività che fanno del gioco d’azzardo il loro business principale o che ospitano nella loro attività slot machine, di istituire agevolazioni ai titolari di esercizi pubblici che invece rimuovono le slot machine e le videolottery o che hanno scelto di non installarle, di predisporre comunque ogni accorgimento per prevenire l’utilizzo da parte dei minorenni e infine di delimitare l’orario massimo di apertura e di escluderne la concomitanza con gli orari delle scuole limitrofe. In particolare in sede di Commissioni congiunte Terza e Quarta quest’ultimo punto fu recepito dall’Assessore Campanile che si assunse l’onere di promuovere di promuovere con deliberazione del Consiglio comunale numero 56 seduta del 29 giugno 2016 la modifica in tal senso del Regolamento comunale sugli apparecchi da intrattenimento e svago e sale giochi ossia limitando gli orari di apertura degli esercizi che operano nel gioco d’azzardo dalle ore 13 alle 24 e dalle ore 15 alle 23 escludendone così la concomitanza con gli orari delle scuole limitrofe. Visto che la Regione Marche ha approvato con legge regionale numero 3 del 7 febbraio 2017 la nuova disciplina per la prevenzione ed il trattamento del gioco d’azzardo patologico e della dipendenza dalle nuove tecnologie e social network attribuendo esplicitamente in questo caso ai comuni la possibilità di limitare gli orari di apertura degli esercizi commerciali, in considerazione dell’intento che ci siamo proposti come Movimento 5 Stelle di monitorare l’applicazione del Regolamento, si chiede se sul territorio comunale siano stati effettuati controlli presso gli esercizi commerciali in cui si esercita il gioco d’azzardo in merito proprio all’applicazione del regolamento sugli orari stabiliti dall’amministrazione e se e quali sanzioni siano state irrogate dai vigili nei confronti degli inadempienti agli obblighi prescritti.
Vedi i dettagli dell'intervento

Risposta

L’Assessore CAMPANILE: Consigliere Martinangeli la ringrazio per questa interrogazione che riporta all’attenzione del Consiglio comunale un tema molto caro a questa Amministrazione in particolar modo anche al nostro Sindaco che ha firmato come lei sa il Manifesto per la legalità contro i giochi d’azzardo, anche come Presidente ANCI ma sicuramente è stato anche come sindaco del Comune di Senigallia e presidente dei sindaci della nostra Regione sicuramente il riferimento territoriale marchigiano e se si sono modificate delle cose sia a livello nazionale ma è stata approvata finalmente la legge regionale che attendevamo anche quando abbiamo in Commissione più volte affrontato questo tema e credo sia stato anche un momento molto importante per la città perché ha trovato tutti i Gruppi consiliari uniti contro il gioco d’azzardo arrivando tra l’altro ad una proposta condivisa, unica tra l’altro perché c’erano sul tavolo più proposte, c’erano più soluzioni e devo ringraziare anche lei consigliere perché poi il Gruppo dei 5 Stelle ha ritirato la proposta che vedeva tra l’altro una maggior riduzione di orario rispetto appunto alle slot e alle Videolottery mentre siamo giunti a quell’accordo importante di limitare l’orario delle slot e delle Videolottery all’interno degli esercizi pubblici soprattutto nell’orario legato appunto alle scuole e quindi all’orario mattiniero, al pranzo e al pomeriggio. Credo un grande risultato, abbiamo eliminato tra l’altro i festivi, abbiamo fatto un lavoro insieme di sinergia che ha visto una modifica di un Regolamento che era già un secondo passo perché un primo passo questa Amministrazione l’aveva già fatto nel primo mandato Mangialardi dove avevamo già modificato le distanze che dovevano esserci riguardo a questi esercizi pubblici nei confronti di scuole, di parrocchie e di luoghi, agenzie educative importanti ma siamo riusciti attraverso questo provvedimento a modificare questi orari e da qui dopo questa modifica è partito anche un controllo delle sale gioco presenti nel Comune di Senigallia che è stato fatto in maniera sistematica nei confronti del territorio comunale già nel corso dell’anno 2013. Durante queste attività di controllo non sono state rilevate violazioni però successivamente dopo appunto questa modifica, i controlli sono stati effettuati anche in collaborazione con le Forze dell’Ordine e va precisato che comunque le autorizzazioni per queste tipologie di esercizi sono rilasciate dalla Questura che quindi l’attività prioritaria dalla Polizia di Stato così come le nuove aperture vengono verificate subito dagli organi di controllo appunto dello Stato, quindi la polizia municipale diciamo arriva in seconda battuta. Comunque relativamente al rispetto dei nuovi orari di chiusura sono state accertate 4 violazioni dalla Polizia locale in quanto negli orari serali dopo l’orario di chiusura in particolar modo, Da ultimo anche in un incontro che abbiamo fatto con il Comandante ci hanno fatto presente che dalle dichiarazioni raccolte dagli operatori molti non conoscevano questa modifica del Regolamento quindi sicuramente dovremo insieme cercare di promuovere e di fare iniziative all’interno dei locali insieme per far conoscere meglio questa modifica e sensibilizzare gli operatori magari senza fargli avere sanzioni perché poi il nostro obiettivo è quello di prevenire e non curare, quindi insieme magari anche all’interno delle Commissioni consiliari dove potremmo tra l’altro conoscere meglio la legge regionale che è stata approvata, potremmo trovare dei momenti insieme come facciamo anche coinvolgendo le associazioni che tra l’altro Zero Slot è stata sempre presente anche in Commissione e ha dato anche dei contributi, potremo trovare delle iniziative per sensibilizzare ed informare non i cittadini ma in questo caso le attività economiche della nostra città affinché ecco quei siti diciamo, quelle slot, siano tenute spente almeno in quegli orari, quindi mi faccio carico di questa iniziativa magari la Commissione la convocheremo insieme e cercheremo appunto di informare e sensibilizzare magari anche preparando non so una vetrofania dove far partecipare le nostre attività economiche dicendo questa attività anche se ha le slot rispetta gli orari che sono stati imposti dal Consiglio comunale.
Vedi i dettagli dell'intervento

Replica

Il Consigliere MARTINANGELI (Movimento 5 Stelle): grazie Assessore per la risposta, mi ritengo pienamente soddisfatta della risposta con un’unica precisazione che la mozione allora presentata ancora non è stata proprio ritirata ma ancora giace all’esame della Commissione e anzi mi auguro che possa essere appunto come dice l’Assessore riaperta la parentesi in merito anche in vista della legge regionale che è intervenuta anche in tema di pubblicità relativa agli esercizi commerciali oltre che come diceva appunto l’Assessore di diversificazione di un esercizio commerciale dall’altro mediante vetrofanie o comunque mediante altre attività che possano integrare il nostro Regolamento rispetto alla legge regionale, quindi grazie. Si dà atto che entra il Consigliere Paradisi: Presenti con diritto di voto n. 21.
Vedi i dettagli dell'intervento