Senigallia Atto

Informazioni su strutture sportive ospitanti il trofeo CONI

Interpellanza del Consiglio Comunale del 27 giugno 2017

Presentazione
Discussione
27.6.2017
  • 27.6.2017
  • risposta

Proponenti

Il Consigliere SARTINI (Senigallia Bene Comune): la mia interrogazione riguarda il trofeo CONI. Premetto che con la delibera della Giunta 110 del 2017 il Comune ha aderito alla manifestazione Trofeo CONI 2017 e ha costituito un gruppo di coordinamento, sicuramente questo evento è motivo di soddisfazione per Senigallia e con questa manifestazione si riconferma una lunga tradizione della città per lo svolgimento di avvenimenti sportivi, per questo mi sento di ringraziare il Coni che ha scelto la nostra Regione per questa quarta edizione che sarà anche questa un’occasione importante di rilancio per gli operatori commerciali e turistici e per le bellezze della nostra regione nonostante tutti i ritardi che abbiamo avuto con il post terremoto. Per la quarta edizione del trofeo CONI le giornate conclusive, dal 21 al 23 settembre, si svolgeranno a Senigallia. In previsione della grande affluenza che si verificherà e viste le ultime situazioni che si sono create in varie circostanze, cito solo quanto accaduto a Torino il 3 giugno in Piazza San Carlo e alla luce anche del vertice tenuto il 20 giugno dal Prefetto di Ancona, considerato che abbiamo notato che le gare di atletica leggera non si svolgeranno a Senigallia, quello che non capiamo sono le ragioni di questa scelta che dipendono dall’impianto non più adeguato allo svolgimento di gare di un certo livello o da altre motivazioni. Tanto premesso e considerato le rivolgo le seguenti domande: gli impianti sportivi sono o saranno tutti all’altezza per un evento così importante? In particolare sarà garantita la sicurezza dei partecipanti e degli spettatori visti i limiti a cui sono sottoposti alcuni di essi dalle normative vigenti come il campo di calcio delle Saline, la palestra dell’istituto Panzini, il pallone del seminario, che non sono appunto idonei per ospitare molti spettatori. Verrà predisposto un piano di controllo emergenza ed evacuazione in base alle linee guida del ministro Marco Minniti e richiamata dal Prefetto di Ancona, e in caso affermativo da chi sarà redatto? L’impianto di atletica è ancora adeguato allo svolgimento di cariche di un certo livello organizzativo visto che è stato escluso? In caso non sia più adeguato questa Amministrazione ha intenzione di intervenire con i lavori necessari per restituire la piena operatività dell’impianto di atletica?
Vedi i dettagli dell'intervento

Risposta

Il SINDACO: Consigliere Sartini io avrei messo un po’ più di enfasi perché vede Sartini lei liquida la quarta edizione del Trofeo Coni come uno dei 150 eventi che mettiamo in campo ogni estate, quasi una sorta di festa della quaglia, come una delle cose usuali, evocando manifestazioni analoghe in questa città, recuperando i fasti del passato. Mica è così, non è proprio così, lo dico e ringrazio Sartini perché forse nemmeno i Consiglieri comunali tutti hanno consapevolezza di che cosa è successo. Perché il trofeo CONI che è stato reintrodotto quattro anni fa e che per il CONI è la manifestazione più importante dopo le Olimpiadi, ovviamente riguarda i ragazzi da 11 a 14 anni, e che ha visto come scelta finora solo città capoluogo, mi viene in mente l’ultima Cagliari, mi viene in mente Caserta e poi Senigallia e quindi dovremmo capire che il trofeo CONI che porterà 5000 presenze dal 21 al 24 di settembre e che ha visto candidata prima il centro Italia perché era una iniziativa al sud Caserta, una iniziativa al Nord, una sulle isole e poi il centro Italia. Abbiamo avuto la competizione noi di Roma, abbiamo avuto la competizione di Firenze, abbiamo avuto la competizione di Bologna, abbiamo avuto in competizione Rimini, abbiamo avuto in competizione Vasto, Chieti e hanno scelto le Marche e delle Marche hanno scelto Senigallia. Io penso direi guardando il consigliere Beccaceci, consigliere delegato allo sport, dovremmo essere soddisfatti solo di questo. È un po’ come quando ci dicono la Coca Cola, hanno scritto Senigallia e qualcuno mi pone ma c’è lo zucchero dentro la Coca Cola, è un problema, io capisco che questa è una città che ha fatto tante cose strane, io che non bevo Coca Cola sono contento che tra dieci realtà italiane per una vacanza da sogno decidano di promuovere la città di Senigallia senza tirar fuori un euro, poi chi la vuol bere light la beve light, chi non la vuol bere non la beve, chi la vuol bere con lo zucchero, io no e non la bevo, però vi assicuro che vedere Phuket, Corfù, Amburgo e Senigallia insieme a Formentera mi scoppia il petto per come sono perché io penso che il target nostro sia quello e quindi Sartini che il Coni abbia messo il dito prima nella regione Marche, prima del terremoto tra l’altro, e poi abbia detto della Regione Marche il nucleo propulsivo è Senigallia, Sartini mi fermo, poi siccome io sono uno che pensa che valorizzare il territorio sia una cosa importante e che quindi Senigallia è quella che ospita tutta la ricettività turistica quindi ci interessa quello e che poi la manifestazione d’apertura sia a Senigallia con la parata, con la piazza più bella d’Italia, con tutti gli stemmi per terra e i lampioni per aria, tutte quelle robe lì che mi piacciono e che poi ci sia la manifestazione di chiusura nella spiaggia e che ovvio guardate, l’avete visto stanno uscendo, lì c’è il Comitato di ordine e sicurezza pubblica, sono di là, li avete visti, non fanno la parata militare, Carabinieri, Commissariato erano lì perché ovviamente stiamo alle disposizioni normative che faremo al meglio e insieme a quello che faremo al meglio qui con le prescrizioni che ci danno e che rispettiamo, ci lavoreremo, abbiamo utilizzato impianti di Corridonia per le macchine, Pala Tricoli di Jesi, abbiamo utilizzato altre strutture, non è un problema, ci dicono loro se vanno bene o no, arriva il CONI, è arrivato qui il Vice Presidente l’altro giorno con gli Assessori Memè e Monachesi hanno fatto i sopralluoghi, ci hanno detto che quegli impianti vanno bene, tra l’altro gli facciano trovare con la Bucari lo stadio bellissimo, con Monachesi il piazzale tutto asfaltato con tutti i parcheggi, con Pane Nostrum in contemporanea, esploderà ancora una volta la città, Sartini stia sereno, proprio sereno, tranquillo, orgoglioso e petto in fuori anche lei, lei è cupo, non riesce a trovare, pieno di acredine anche sulle cose per vedere cosa è successo in passato e così almeno ci mettiamo il cuore in pace, gli spettatori che ci sono stati per la partita del cuore non ci sono stati nemmeno per Italia Germania, così siamo tranquilli, tranquillizziamo tutti, anche i consulenti, tutti li tranquillizziamo. Noi siamo abituati Sartini a fare bella figura e comparire nei primi dieci in Italia ovunque, Senigallia ovunque, sorprendente Senigallia feel Senigallia, siamo i migliori e non siamo come Roma, a me se avessero chiesto le Olimpiadi io le avrei fatte, Senigallia contro Atlanta, ha capito cosa guardo? Senigallia contro Atlanta, e avremmo vinto noi. Si dà atto che escono i Consiglieri Paradisi e Perini: Presenti con diritto di voto n. 20.
Vedi i dettagli dell'intervento

Replica

Il Consigliere SARTINI (Senigallia Bene Comune): per dichiararsi soddisfatto bisognerebbe aver avuto le risposte dovute. Magnificare questo evento glielo avevo detto io, è un evento importante che dà lustro alla città e quindi chiaramente sono contento di questa manifestazione, di questo trofeo Coni ma le mie domande erano molto più precise al di là di un generico stanno lavorando per predisporre qualcosa volevo sapere solo se la pista d’atletica è ancora funzionale oppure no, se ci sono dei problemi, se al pallone al seminario che può ospitare solo 50 persone di pubblico è sufficiente o meno, se il CONI le ha detto come dice lei che va tutto bene poi quando magari entrano 300 persone non va tutto bene perché nel piano che va predisposto per evitare problemi va inquadrato tutto, quindi purtroppo tornerò a chiedere con accessi agli atti tutto ciò che farete per controllare che non ci siano problemi ma non perché voglio che si affossi una manifestazione così importante per la città, assolutamente, perché prima di tutto c’è la sicurezza dei cittadini sempre e questa per me è una cosa importante che non va posta in secondo piano, paragonarsi ad Atlanta o a qualunque altra città del mondo perché alla fine una città che è in grado di garantire la visibilità ai propri cittadini, la sicurezza è più importante di qualunque altra manifestazione o evento quindi non mi ritengo soddisfatto come non mi ritengo soddisfatto delle similitudini che fa il Sindaco tra il distributore posto a ridosso del fiume prima che deve stare lì perché non ci sono 300 metri dal fiume come prevede la legge Galasso poi a Borgo mulino non ci sono 300 metri ma è stato autorizzato ugualmente il mega distributore di Borgo Molino contro anche tutti i residenti, queste cose è ora che cessano perché quando uno va a vedere delle irregolarità già consolidate prima della legge Galasso, quando però la legge Galasso è uscita il distributore non c’era ancora e quindi bisognava sapere cosa faceva.
Vedi i dettagli dell'intervento