Senigallia Atto

Aggiornamento del progetto SPRAR Senigallia ed impatto del Decreto Sicurezza

Interrogazione del Consiglio Comunale del 15 novembre 2018

Presentazione
Discussione
15.11.2018
  • 19.11.2018
  • risposta
    (in 4 giorni)

Proponenti

- Vista la mia interrogazione presentata in data 25/08/2015 in merito alla gestione dell'immigrazione nel Comune di Senigallia tramite il progetto SPRAR e la relativa risposta del 25/09/2015 nella quale si spiegava il funzionamento di tale progetto.

- Vista la DG del 04/10/2016 n.251 avente per oggetto: DECRETO MINISTERIALE 10 AGOSTO 2016 - MODALITA' DI ACCESSO DA PARTE DEGLI ENTI LOCALI AI FINANZIAMENTI DEL FONDO NAZIONALE PER LE POLITICHE ED I SERVIZI DELL'ASILO PER LA PREDISPOSIZIONE DEI SERVIZI DI ACCOGLIENZA PER I RICHIEDENTI EI BENEFICIARI DI PROTEZIONE INTERNAZINALE E PER I TITOLARI DEL PERMESSO UMANITARIO, PROSECUZIONE PROGETTO SPRAR SENIGALLIA - 2017 - 2019. ATTO DI INDIRIZZO.

- Vista la DG del 27/03/2018 n.55 avente per oggetto: DECRETO MINISTERIALE 10 AGOSTO 2016 - PRESENTAZIONE PROGETTO SPRAR MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI (MSNA) COMUNI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE N. 8 ADERENTI ALLA CONVENZIONE PER L'ESERCIZIO ASSOCIATO DELLA FUNZIONE SOCIALE. TRIENNIO 2018/2020.

- Considerato che il Decreto sulla Sicurezza meglio noto come Decreto Salvini ha causato le proteste di vari Comuni, come quello di Torino, in quanto tale decreto potrebbe vanificare i percorsi e gli investimenti effettuati in campo di accoglienza.

SONO A CHIEDERE:

- un aggiornamento sulla gestione e sul flusso di trasferimenti da parte del Ministero in merito progetto SPRAR SENIGALLIA e sul progetto SPRAR MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI (MSNA);

- in che modo il nuovo Decreto potrebbe incidere sulle progettazioni di cui sopra, ovvero se ci sia il rischio che visti i tagli effettauti dal Governo sugli SPRAR possano toccare direttamente i progetti messi in campo da Senigallia e che quindi poi ricadono sulle spalle dirette dei cittadini.

Risposta

  • Carlo Girolametti
    Assessore con delega a welfare e protezione sociale, edilizia sociale, sanità
    Monitorato da 8 cittadini

In riferimento alla interrogazione a risposta scritta protocollata al n. 80716 del 15/11/2018, si comunica quanto segue.

La gestione del flusso dei trasferimenti dei migranti nell'ambito dei progetti SPRAR è a carico del Ministero dell'Interno e del Servizio Centrale.

Attualmente nel progetto "SPRAR SENIGALLIA” la cui capacità ricettiva è pari a 55 posti, 36 sono quelli occupati.

Il Comune di Senigallia - capofila dell'Ambito Territoriale Sociale n. 8 e della Convenzione per l'Esercizio Associato della funzione Sociale ha presentato al Ministero dell'interno entro il 31.03.2018 così come termine stabilito dalla normativa vigente, il progetto SPRAR MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI - MSNA per n. 25 posti. Ad oggi non risulta pubblicato il decreto del Ministero dell'Interno di approvazione della graduatoria dei progetti ammessi a finanziamento. Pertanto, ad oggi, il Progetto "SPRAR minori MSNA” non è attivo.

Tra le novità fondanti apportate dal decreto legge 113/2018 relativamente alla rete di accoglienza SPRAR, si riporta:

- eliminazione della possibilità per le commissioni territoriali e per il Questore di valutare la sussistenza dei gravi motivi di carattere umanitario e dei seri motivi di carattere umanitario o risultanti da obblighi costituzionali o internazionali dello Stato italiano abrogando, di fatto, l'istituto del rilascio del permesso di soggiorno per motivi umanitari e introducendo una tipizzazione delle tipologie di tutela complementare;

- riserva dell'accoglienza nel sistema SPRAR ai soli titolari di protezione e MSNA escludendo di fatto i richiedenti asilo;

 

A fronte di ciò, considerato che l'entrata in vigore del decreto legge 113/2018 comporta da subito delle modifiche nella gestione dei progetti SPRAR e, in particolare, in merito alle procedure di inserimento e di proseguimento delle misure di accoglienza, il Ministero dell'Interno ed il Servizio Centrale, hanno trasmesso agli enti titolari di progetti la circolare n. 9343/2018 con la quale si stabilisce che:

 

  • tutti i richiedenti asilo e titolari di protezione umanitaria di cui sia stato dispisposto l'inserimento nei progetti SPRAR entro le ore 24 del 4 ottobre scorso, restano in accoglienza fino alla scadenza del progetto in corso, come previsto dai commi 5 e 6 dell'articolo 12 del DL di cui sopra;

  • In egual modo, entrano in accoglienza le persone per le quali è stato disposto l'inserimento entro il 4 ottobre, pur se successivamente rettificato per nuove necessità.

  • Vengono accolti nei progetti SPRAR i nuclei familiari dove uno dei membri della coppia sia titolare di protezione internazionale

 

In applicazione a quanto disposto dal DL 113/18, il Servizio Centrale non potrà più procedere all'inserimento nello SPRAR di richiedenti asilo e titolari di protezione umanitaria, anche se vulnerabili, che non rientrino nei casi descritti nella circolare sopra citata.

In conseguenza dell'applicazione del DL 113/2018 il progetto SPRAR Senigallia potrà subire ridimensionamenti, ma non potrà, sul piano economico-finanziario, coinvolgere l'Amministrazione Comunale e quindi ricadere sui cittadini.