Senigallia Atto

Revoca dell’attuale incarico di dirigente della protezione civile comunale

Mozione del Consiglio Comunale N° S-SG/2018/897 del 09 aprile 2018

Presentazione
Approvazione
9.4.2018

Firmatari

Testo

        
COMUNE DI SENIGALLIA
PROVINCIA DI ANCONA
DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N° 26 
Seduta del 09/04/2018
OGGETTO:	MOZIONE PRESENTATA DAL GRUPPO CONSILIARE SENIGALLIA BENE COMUNE AD OGGETTO: REVOCA DELL’ATTUALE INCARICO DI DIRIGENTE DELLA PROTEZIONE CIVILE COMUNALE
L’anno duemiladiciotto addì nove del mese di aprile alle ore 16:00  nel Palazzo Municipale di Senigallia e nella solita sala delle adunanze consiliari.
Previa convocazione nei modi di rito, si è oggi riunito, in seduta straordinaria il Consiglio Comunale.
Fatto l’appello nominale risultano:
ConsiglierePres.Ass.ConsiglierePres.Ass.1 Angeletti Margherita*-14 Paradisi Roberto-*2 Beccaceci Lorenzo *-15 Pedroni Luana*-3 Bedini Mauro*-16 Perini Maurizio*-4 Brucchini Adriano*-17 Pierfederici Mauro*-5 Canestrari Alan*-18 Profili Vilma*-6 Da Ros Davide*-19 Rebecchini Luigi*-7 Fileri Nausicaa*-20 Romano Dario*-8 Giuliani Ludovica*-21 Salustri Maurizio*-9 Gregorini Mauro*-22 Santarelli Luca*-10 Mandolini Riccardo*-23 Sardella Simeone*-11 Mangialardi Maurizio*-24 Sartini Giorgio*-12 Martinangeli Stefania*-25 Urbinati Sandro*-13 Palma Elisabetta*-T O T A L E     P R E S E N T I    N° 24

 Alam Mohammad ShafiualConsigliere Straniero Aggiunto*- Becka MaksimConsigliere Straniero Aggiunto*-
Sono altresì presenti gli assessori: Bomprezzi Chantal, Bucari Simonetta, Campanile Gennaro, Girolametti Carlo, Monachesi Enzo, Ramazzotti Ilaria
Essendo legale l’adunanza per il numero degli intervenuti, il Sig. Romano Dario nella qualità di Presidente dichiara aperta la seduta, alla quale assiste il Vice Segretario Comunale Dott. Mirti Paolo 
Chiama a fungere da scrutatori i Consiglieri Signori: 1°  Bedini Mauro; 2° Giuliani Ludovica;  3° Rebecchini Luigi .

Il Presidente del Consiglio ROMANO: prima di andare avanti con le altre pratiche vi chiedo di fare un’inversione dell’ordine del giorno quindi mettendo il punto 10 adesso, quindi il nuovo ordine del giorno diventa 10, 4, 5, 6, 7, 8, 9, così discutiamo anche l’altra pratica immediatamente.

Il Presidente del Consiglio ROMANO pone in votazione, palese con modalità elettronica, la proposta d inversione ordine del giorno che viene approvata con 22 voti favorevoli, 1 contrario (Sartini), 1 astenuto (Rebecchini), come proclama il Presidente ai sensi di legge.

Il Presidente del Consiglio ROMANO enuncia l’argomento iscritto al punto 10 dell’ordine del giorno dei lavori consiliari relativo a: MOZIONE PRESENTATA DAL GRUPPO CONSILIARE SENIGALLIA BENE COMUNE AD OGGETTO: REVOCA DELL’ATTUALE INCARICO DI DIRIGENTE DELLA PROTEZIONE CIVILE COMUNALE.

Il Presidente del Consiglio ROMANO: anche qui è sollevata una pregiudiziale che diamo per acquisita a verbale del Consigliere Sardella. Un intervento a favore e uno contro. Non ci sono interventi, stiamo sempre parlando della pregiudiziale che diamo per acquisita. L’intervento lo faccio io che riassume anche il mio voto sull’altra pratica. Mi sono astenuto e mi asterrò anche su questa perché in qualità di Presidente è sempre spiacevole arrivare a questi episodi, sono mesi che nella conferenza dei capigruppo, maggioranza e opposizione lo possono dire, mi sono adoperato in tutti i modi per poter dire rimaniamo più sul piano politico, dell’azione politica, perché siamo politici dentro quest’Aula, non siamo né avvocati, né magistrati, né tantomeno inquisitori, tanto meno io, io non sono inquisitore e mai lo vorrò essere quindi è per questo che vi ho coinvolto come Consiglieri comunali. Al di là di questo quello che farò nelle prossime riunioni dei Capigruppo è capire come investire la struttura tecnica di questa situazione per fare in modo che i consiglieri comunali, penso in particolar modo a quelli di minoranza, possono avere il diritto di iniziativa rispetto all’azione politica. Bisogna capire che non siamo in un’aula di tribunale, non stiamo dando né giudizi né valutazioni sulle singole persone, né abbiamo sentenze per tutto, quindi il mio auspicio è che il dibattito rientri in un ambito politico sano e che metta al centro dell’attenzione l’interesse dei cittadini e non solamente altre questioni di natura o personale o prettamente giuridica che sinceramente poco mi appassionano, quindi mi asterrò anche nella prossima votazione come Presidente del Consiglio comunale e spero veramente di non arrivare più a queste situazioni.

Il Consigliere REBECCHINI (Unione Civica): voto contro, io ripeto quanto avevo detto poc’anzi in sede di Conferenza dei Capigruppo. A me dispiace essere arrivati al punto di dover tagliare il discorso sulle mozioni perché ognuno poi si assume la propria responsabilità. Nel merito della mozione avevo detto, avevamo pregato, assieme ad altri consiglieri, il Consigliere Santini di modificare la sua mozione e dire solamente, richiedere all’Amministrazione di mettere in atto quanto richiesto dal MEF, il Comune poteva fare le sue osservazioni liberamente e poi è chiaro che qualora fosse stata confermata la prima valutazione del MEF è chiaro che il Comune avrebbe dovuto chiedere indietro le somme ma non c’era bisogno di scriverla in questa sede, questo mi premeva sottolineare, è una richiesta secondo me così modificata che era del tutto legittima anche perché poi va a incidere sul bilancio e sul bilancio noi siamo liberi di discutere, quindi anche una voce in previsione di questo poteva essere fatta, la rigidità posta dal consigliere Sartini ha impedito questa modifica della mozione che in questo caso io avrei votato anche a favore e mi dispiace poi essere invece arrivati al punto che non se ne è discusso per niente Consigliere Santini, quindi alla fine ha ottenuto l’effetto contrario questo suo irrigidimento. A me sarebbe piaciuto, per questo voto contro, discuterne serenamente in questa sede che è una sede secondo me giusta e ove lei anche qui avesse confermato le sue cose lei si assumeva la responsabilità e avremmo votato in maniera ognuno come avrebbe meglio creduto.

Il Consigliere SARTINI (Senigallia Bene Comune): in questo caso io sono contro, [si registra un contraddittorio fuori microfono] lui ha detto doveva essere contro quanto proposto quindi doveva accettarlo, le osservazioni fatte anche dal consigliere Rebecchini che si dovesse procedere in altro modo è stato fatto con ben tre interrogazioni scritte a risposta scritta per sollecitare gli interventi richiesti dal MEF e come sempre sono arrivate risposte elusive, stiamo valutando, stiamo lavorando, vedremo come fare, non è possibile che dopo 18 mesi ancora giriamo intorno al problema di recuperare quanto appurato dal MEF, questa è una posizione che io ho tenuto e ho tenuto a far capire che non dobbiamo ridire che aspettiamo che arrivino le osservazioni alle critiche mosse e ai rilievi fatti dal MEF, le critiche non sono critiche sorte così perché qualcuno ce l’ha con il Comune di Senigallia, perché qualcuno ha fatto qualcosa di non regolare che deve essere sanato come le ho letto perché è chiaro ciò che aveva scritto il Ministero quando ha trasmesso i 18 rilievi, quindi modificare il recupero delle somme date sotto un certo punto di vista, come ho scritto, indebitamente per me è un dovere nei confronti dei cittadini perché le tasse le paghiamo tutti e quindi se sono stati dati via dei soldi in modo indebito devono essere recuperati, non si può continuare ad aspettare quarant’anni o la scadenza di questa Giunta per mandare ancora avanti la procedura con la Giunta successiva, le responsabilità ovviamente ci sono, per qualunque mozione ci sono sempre delle responsabilità di tutti e qualunque azione politica ha delle ricadute anche a livello economico e alle volte anche penale, quindi io vi chiedo di mandarla avanti anche perché in questo caso la mozione è contro il responsabile della Protezione civile, quindi di rimuoverlo dal suo incarico, deriva dal fatto anche della condizione anomala in cui lui si trova rispetto al procedimento dopo l’alluvione del 2014, mantenere questa posizione mi sembra assurdo.

Il Presidente del Consiglio ROMANO: purtroppo vedo che le mie parole cadono invano nel vuoto. Chiudiamo qui l’intervento a favore o contro, anche qui vi ricordo, pregiudiziale pratica numero 10, se votate a favore siete contro la discussione, se votate contro siete a favore della discussione.

Il Presidente del Consiglio ROMANO pone in votazione, palese con modalità elettronica, la questione pregiudiziale relativa alla pratica numero 10 che viene approvata con 16 voti favorevoli, 6 contrari (Canestrari, Da Ros, Martinangeli, Palma, Rebecchini, Sartini), 2 astenuti (Mandolini, Romano), come proclama il Presidente ai sensi di legge.

      

Letto, confermato e sottoscritto
	Il Presidente	Il Vice Segretario Comunale
	F/to Romano Dario	F/to  Mirti Paolo

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,


La presente deliberazione è stata pubblicata all’Albo Pretorio dal 28 settembre 2018 al 13 ottobre 2018 ai sensi dell’art. 124, 1° comma, del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267.
Lì, 15 ottobre 2018	Il       Segretario Comunale
	F/to 
La presente deliberazione, non soggetta a controllo, è divenuta esecutiva, ai sensi dell’art. 134 del D.Lgs. 18/8/2000, n° 267, in data 9 ottobre 2018, essendo stata pubblicata il 28 settembre 2018
Lì, 10 ottobre 2018	Il       Segretario Comunale
	F/to 
Spazio riservato all’eventuale controllo preventivo di legittimità, richiesto ai sensi dell’art. 127 del D.Lgs. 18/8/2000 n° 267:



 

Per copia conforme ad uso amministrativo.
Lì,