Senigallia Consiglio

Seduta del Consiglio Comunale num. 36 del 27 marzo 2018

Precedente | Successiva

MOZIONE PRESENTATA DAL GRUPPO CONSILIARE SENIGALLIA BENE COMUNE AD OGGETTO: “COSTITUZIONE DEL COMUNE DI SENIGALLIA COME PARTE CIVILE NEL FUTURO PROCESSO RELATIVO ALL’ALLUVIONE DI SENIGALLIA DEL 03/05/2014”

Il Presidente del Consiglio ROMANO: per chiarire, è una cosa che ho enunciato anche nella Conferenza dei Capigruppo, il testo di fatto è identico a quello della scorsa mozione se non per due elementi che richiama il consigliere Sartini relativi però a presunte informazioni di stampa. Io nella Conferenza dei Capigruppo ho enunciato questa preoccupazione nel senso che non c’è un articolo che vieta la ripresentazione di una mozione identica, ovviamente ho fatto presente che in assenza di elementi ufficiali era meglio tenere questa mozione, e questo ho suggerito, tenere questa mozione nel cassetto per poi ripresentarlo qualora ci fossero stati degli elementi formali che facevano cambiare il contesto, però la realtà è che il Regolamento ad oggi non permette di fare diversamente Sindaco, direi che sta più al buon senso delle persone rispetto a questo oppure si fanno delle forzature che non è il mio modo di comandare l’Aula assolutamente, in questo caso purtroppo bisogna fare così perché non è moderare l’Aula è comandare perché se non si capisce a un certo punto qual è il limite dove si agisce, mi dispiace consigliere Sartini, io l’ho portata e la porterò cento volte questa mozione se dovesse ripresentarla però bisogna capire dove c’è un limite e dove non va superato perché ripresentare la stessa identica mozione pochi mesi dopo, gliel’ho detto nei Capigruppo e glielo ridico anche adesso poi la democrazia farà il suo corso, però si tratta di comandare l’Aula a quel punto lì perché significa fare una forzatura rispetto alle regole e non è una cosa che vorrei fare, quindi il termine non è sbagliato, non l’ho detto a caso, cerco di evitare parole a caso.