Senigallia Consiglio

Seduta del Consiglio Comunale num. 42 del 19 luglio 2018

Precedente | Successiva

INTERROGAZIONI ED INTERPELLANZE

  • Monachesi, Enzo
    Assessore con delega a manutenzione e sicurezza del territorio, mobilità e trasporti, partecipazione, frazioni, politiche per lo sviluppo sostenibile, gestione dei rifiuti, nuove energie
    Monitorato da 25 cittadini
L’Assessore MONACHESI: intanto provo a fare un po’ di chiarezza perché l’interpellanza della consigliera Palma contiene delle inesattezze proprio strutturali e quindi bisogna spiegare che i richiami indicati sugli appalti della consigliera sono tutti errati perché fanno riferimento esclusivamente alla Cooperativa Dinamica Servizi che è citata nella interpellanza che si occupa solo ed esclusivamente di servizi cimiteriali che vuol dire inumazioni, traslazioni loculi eccetera, quindi non c’entra assolutamente quel servizio e quell’appalto e quella ditta che voi citate con le questioni che ponete in seconda battuta, intanto cominciamo così per quello che riguarda l’esattezza dei fatti. Di che cosa stiamo parlando? Stiamo parlando della pulizia dei luoghi, stiamo parlando dello sfalcio dell’erba, stiamo parlando della gestione dei servizi igienici e delle manutenzioni. Tutto questo è stato affidato sempre in seguito a una gara concorsuale fra cooperative sociali di tipo B ed è stata vinta dalla Cooperativa Nuovo Fiore di Senigallia e dalla ditta Atlante come mandante, quindi parliamo di tutt’altra cosa, parliamo di un altro appalto completamente diverso, quindi altri soggetti e altre questioni. Dopo entriamo nello specifico, se volete metto a disposizione dei Consiglieri le foto che il nostro servizio porta a casa dopo le regolari verifiche mensili che facciamo dei luoghi, ce n’è una che è proprio di tre giorni fa, se voi le guardate vi rendete conto che la descrizione di degrado incredibile della consigliera non è proprio confacente alla realtà. Per quello che riguarda tra l’altro lo stato attuale di questi giorni i luoghi che indica la consigliera, se girate semplicemente l’angolo, fate una curva di tre metri, vedete che da lì in poi è tutto perfetto, quindi si evince chiaramente che lo stato dei luoghi, nel caso specifico la zona che viene richiamata dalla consigliera è in fase di lavorazione e mancano venti metri di via e poi saranno terminati anche quelli ma tutto il resto è stato sistemato. Voi potete immaginare quanto è difficile gestire lo sfalcio di una città perché ne abbiamo parlato mille volte, dentro il cimitero è ancorché se possibile più difficile del resto della città perché i vialetti sono tutti fatti con la ghiaia e quindi non c’è altra soluzione per tagliare l’erba di utilizzare il filo come si suol dire e quindi tocca stare sempre molto alti rispetto al terreno perché il pericolo è che poi la ghiaia colpisca le tombe, colpisca i vetri e crei dei danni maggiori di quello che può essere un’erba leggermente alta. Gli sfalci naturalmente vengono fatti tutto l’anno ma si concentrano nel periodo estivo evidentemente perché da quando non vengono utilizzati più i diserbanti è chiaro che durante il periodo estivo si concentra tutta la nostra azione e quindi abbiamo in appalto quattro passaggi e stiamo terminando in questo momento il terzo, per farvi capire anche qui che non è un luogo abbandonato ma è assolutamente attenzionato, otto sono i passaggi sui prati e uno è quello relativo al taglio delle siepi, per onestà devo dire che per esempio sulle siepi siamo un po’ in ritardo, mi sarei aspettato che la consigliera mi avesse sottolineato la questione delle siepi invece non la cita per niente perché forse le siepi sono quelle messe nella situazione peggiore. Nelle testimonianze fotografiche che ho messo a disposizione di tutti i Consiglieri si vede con quale tempistica e con quale rigore il nostro servizio segue la ditta e se voi guardate tra le foto ci sono anche ben due lettere di richiamo nei confronti dell’azienda proprio perché avevamo, attraverso le foto sono testimoniate, avevamo sottolineato alcune situazioni lacunose dove la ditta doveva assolutamente intervenire e lo ha fatto diciamo nei 15 giorni che gli erano stati prescritti. Questa è la situazione della parte relativa al taglio dell’erba. Per quello che riguarda il cancello anche sul cancello bisogna fare chiarezza. Il cancello che viene descritto dalla consigliera si trova in un luogo che divide il parcheggio del convento delle Grazie da un’area sempre al servizio del convento, esterna al cimitero, questo non è per giustificare il fatto che non sia all’interno dell’area cimiteriale perché comunque in qualche modo è a servizio perché quell’area viene comunque utilizzata per il passaggio, ma quello non è il cancello del cimitero perché dopo vi è un altro cancello che è quello naturalmente il cancello che permette la chiusura dei luoghi secondo gli orari prestabiliti, ma a prescindere che quel cancello rotto o non rotto non sia il cancello che chiude definitivamente quindi porta quella pseudo sicurezza che vogliamo far credere, perché se uno vuole entrare al cimitero non c’è bisogno del cancello rotto o aperto per entrare, i furti sono sempre esistiti a prescindere dal fatto che ci sia un cancello aperto o chiuso, quel cancello aperto o chiuso non è il cancello che chiude il cimitero, non è il cancello del cimitero ma è il cancello del convento. Comunque le faccio notare che quel cancello è riparato da tre mesi, quindi anche lì è decisamente fuori luogo o perlomeno in ritardo la questione che lei pone. Per quello che riguarda i bagni pubblici siamo più o meno nella stessa situazione del cancello, cioè i bagni che lei porta all’attenzione del Consiglio e dei cittadini sono sempre a servizio del convento e non ricadono neanche questi all’interno dei servizi igienici cimiteriali che sono altri cinque, se volete anche qui ho portato una piantina del cimitero così possiamo vedere quanti e dove si trovano i bagni pubblici all’interno del cimitero, quali sono quelli destinati ai disabili e quindi che rispondono a tutte le normative. Ultimo capitolo è quello della differenziata, la differenziata non è mai esistita effettivamente all’interno del cimitero benché siano state fatte diverse sperimentazioni, se posso dare un mio personalissimo parere penso che si debba continuare a tentare una soluzione benché fino adesso le esperienze siano state tutte negative.