Senigallia Consiglio

Seduta del Consiglio Comunale num. 61 del 04 aprile 2013

Precedente | Successiva

Interrogazioni e Interpellanze

  • Campanile, Gennaro
    Assessore con delega a: Ambiente, Mobilità, Trasporto Pubblico, Sport, Politiche Giovanili, Frazioni
    Monitorato da 18 cittadini

L’Assessore CAMPANILE: “Buona sera a tutti. Ringrazio il Consigliere Rebecchini per avermi sollecitato nuovamente su questo tema, un tema delicato, un tema molto sentito nella nostra città, il tema dell’amianto sappiamo quanto sia caro a tanti cittadini della nostra città perché Senigallia ha avuto la Sacelit, la ciminiera che ora vediamo e che tutti vedono anche da lontano ricorda questo monumento, ormai è un monumento ai caduti sul lavoro, ma soprattutto caduti per questo tema, quindi la sensibilità che ha questa Amministrazione e che abbiamo tutti noi anche lei consigliere Rebecchini è una sensibilità e un’attenzione forte. Intanto ricordiamo che purtroppo è un tema di competenza regionale, purtroppo, sappiamo le difficoltà che rispetto alle sollecitazioni che l’Amministrazione comunale fa, gli uffici fanno, i consiglieri fanno, il Sindaco fa, l’ANCI fa, il CAL fa, rispetto a questi temi, ma nonostante tutto credo che Senigallia abbia dimostrato molto in questi anni rispetto a questo tema. Non si possono ricordare solo le sollecitazioni per un censimento ai privati che richiede oltre che delle risorse che la Regione non ha ancora messo, oltre che a una progettualità che ancora non ha dato, nonostante le sollecitazioni, sue, del suo gruppo e del Consiglio comunale, così come avviene in altre situazioni, come è accaduto con l’aria che competenza regionale con le centraline, così come accade con le competenze che sono non della città ma che debbono essere presi provvedimenti regionali, nonostante tutto Senigallia in questi anni ha censito tutti gli edifici pubblici, ha bonificato tutte le scuole, ha fatto un lavoro di bonifica su tantissimi, tantissimi credo quasi tutti gli impianti dismessi, in degrado, della nostra città. La Sacelit ricordo il grande lavoro che è stato fatto anche grazie all’impegno di Simone Ceresoni che aveva la delega, rispetto anche alla grande bonifica che è stata fatta della Sacelit Italcementi, cioè parliamo di tre milioni di chili di amianto bonificato, e l’attenzione continua che l’ufficio ambiente fa e porta rispetto a questi temi. Ogni giorno le ordinanze che vengono emesse e che sono chiaramente puntuali, quello che facciamo è questo in base alle segnalazioni e anche attraverso un tavolo permanente con gli enti preposti al controllo, penso all’Asur, all’ARPAM. Proprio martedì in Giunta abbiamo discusso di un tema molto importante sempre legato all’amianto, uno studio fatto dall’Asur e dall’ARPAM sulle analisi epidemiologiche su tutte le condutture dell’acqua, sappiamo che anche le condutture dell’acqua, i canali sono fatti con materiale contenente amianto, e da questo studio che è stato fatto e che porteremo in Commissione nelle prossime settimane, è emerso un dato molto significativo che non ci sono tracce di pericoli rispetto a questo tema nell’acqua, nell’aria e così anche in altri ambienti. C'è un lavoro importante che si fa quotidianamente, che non si vede ma che sta portando a grandi bonifiche nella nostra città, basta una piccola segnalazione di qualsiasi cittadino che crede che ci siano delle coperture di tetti o delle situazioni di degrado, che interviene immediatamente l’ufficio tecnico con i suoi responsabili e entro sessanta giorni interviene anche l’Asur e parte l’ordinanza di bonifica. Fino ad oggi, anche nel 2012 ne sono state fatte più di cinquanta di ordinanze, nel 2013 già sono diverse le segnalazioni che hanno portato a questa eliminazione del degrado e anche del rischio, alcune segnalazioni le ha fatte anche lei consigliere Rebecchini, quindi la ringrazio. Credo che l’impegno nonostante chiaramente il progetto interessante e molto impegnativo perché censire 17.000 famiglie, inviare 17.000 questionari, verificare nella nostra città. Fare, attuare un censimento così importante può accadere solo con grandi risorse e soprattutto attraverso la Regione che è l’organo di competenza, perché noi potremmo fare come Comune un censimento ma se la competenza non è la nostra potrebbe essere anche invalidato, addirittura potremmo sperperare soldi siccome noi non possiamo arrogarci la responsabilità di fare un progetto che non è di nostra competenza, potremmo anche rischiare di portare avanti un percorso senza avere questa diciamo valenza e questa importanza che è appunto della Regione. Quindi stiamo continuando a sollecitare la Regione su questo tema e su altri temi, su questo tema del censimento dei privati non c'è ancora una disponibilità nemmeno nel bilancio 2013, sapendo che anche le risorse per la Regione sono ridotte all’osso per l’ordinario, e quindi mi auguro che magari con un nuovo Governo che può credere soprattutto anche in questo tema davvero per rilanciare in tutti i Comuni d’Italia dei veri e propri censimenti dell’amianto anche per quanto riguarda i privati così da offrire una sicurezza a tutti i cittadini del nostro Paese.”

Si dà atto che entrano i Consiglieri Donatiello, Cicconi Massi, Allegrezza: Presenti con diritto di voto n. 22.