Senigallia Consiglio

Seduta del Consiglio Comunale num. 38 del 26 aprile 2018

Precedente | Successiva

ORDINE DEL GIORNO PRESENTATO DAI GRUPPI CONSILIARI UNIONE CIVICA E FORZA ITALIA AD OGGETTO: “REVOCA CONCESSIONE GRATUITA ALLA UISP E GARA D’APPALTO PER OSTELLO COMUNALE”

Il Consigliere SARTINI (Senigallia Bene Comune): durante la Commissione abbiamo affrontato il problema dell’ostello e ci aveva informato la dottoressa Filonzi che il giorno successivo avrebbe trasmesso la comunicazione di lasciare la struttura alla UISP, così è stato, almeno da quello che ci è dato sapere come ha detto consigliere Paradisi tramite la stampa, io avevo chiesto anche se era possibile avere copia di questa comunicazione perché quella struttura, come ha detto il Sindaco nel suo lungo discorso è in un punto cruciale, è proprio all’incrocio con un sottopasso quindi visibile da tutti, quindi c’è anche un po’ di vigilanza volendola dire tutta anche da parte dei cittadini su chiunque si interfaccia con quella struttura [si registra un contraddittorio fuori microfono] infatti volevo qua, non precorra i tempi Sindaco che ci arrivo. Volevo capire se in questi sessanta giorni che è stato dato di tempo alla UISP l’ordinaria manutenzione, quindi il taglio dell’erba che già è molto alta la UISP continuerà a farla perché la struttura finché non l’ha lasciata completamente non è che si può esentare ………… non c’è niente da ridere, scusate io non ho riso fino che lei ha parlato, si contenga per favore perché di ilare non c’è proprio niente perché finché non ha lasciato la struttura e visto già che l’erba è cresciuta deve mantenerla. Poi mi fa specie che lei abbia detto c’è la UISP ha inoltrato le fatture delle brandine al demanio, cioè l’ha dichiarato lei, mica l’ho detto io. Io non so se la UISP ha mandato il conto delle fatture che ha comperato al demanio, per conoscenza o per quale motivo l’ha mandato, vuol dire che l’ha mandata anche a noi, ma questo io non l’ho visto nell’accesso agli atti che ho fatto a suo tempo, ma una cosa è basilare, in tutto questo discorso, in quarant’anni di gestione o poco meno da parte della UISP siamo arrivati a un punto in cui la UISP deve lasciare la struttura, una struttura che secondo lei aveva tanti utilizzi, anche se da tanto tempo gli extracomunitari non vengono più ospitati, i gemellaggi non so quanti ne sono stati fatti all’anno, se si fanno ancora e se viene utilizzata per quello, ma come mai non c’è stata la lungimiranza di sapere che quella struttura doveva essere gestita in un modo normale, definiamolo normale, oggi ci ritroviamo con una struttura che deve essere abbandonata e adesso dice non so come andrà a finire ma fino adesso si è mai preoccupato di questa struttura? Lei ha detto prima che sono due anni che ha iniziato con la Filonzi a preoccuparsi di come gestirla, che la può dare solo gratis, e in questi due anni non è stato risolto ugualmente il problema. Un amministratore quando fa l’amministratore non è pensa solamente alle piazze, pensa anche al quotidiano, adesso siamo arrivati con la piscina l’abbiamo dovuta riprendere in gestione, io glielo avevo segnalato che c’era da fare un bando, lei invece va avanti con il Project, è il quinto project che fa, sto aspettando di poterlo visionare perché la delibera di Giunta fatta contenente il project che ho già richiesto ancora non è stata pubblicata dopo due settimane e un po’, quindi vorrei capire effettivamente quali saranno questi benefici di cui parlava Paradisi per ripagare in parte tutti i benefici che ha avuto la UISP dalla gestione di questa struttura gratuitamente per n anni. Sulla questione dell’ostello io mi auguro che ci sia l’accortezza di poter gestire questa faccenda in modo adeguato, adesso lei sta dicendo quello diventerà un covo per qualunque persona, io non lo so se questo accadrà, sicuramente bisogna che anche le nostre forze di polizia comunali un occhio ce lo buttano perché mi sembra il minimo garantire come per tutti gli altri posti un controllo diciamo non a orari prestabiliti ma almeno una volta ogni tanto controllare se c’è qualche intrusione e se qualcuno poi si è permesso di aprire la struttura, quella è una struttura dove c’è una mensa che rimane aperta quindi anche la mensa può tranquillamente avvisarci, però queste sono azioni che deve intraprendere lei perché se fino adesso non ha intrapreso queste azioni per pensare a un domani di quella struttura e invece durante la Commissione l’Assessore ci ha detto che il Comune era intenzionato ad acquisirla perché è una struttura importante, posta in una posizione importante, di dimensioni adeguate per rendere quell’area migliore di quello che è attualmente e per dare lustro alla città, lei adesso ha detto tutto il contrario di quello che ha detto l’Assessore in Commissione, allora io vorrei capire su che linee vi muovete, ognuno va per conto suo o avete una programmazione del futuro per quell’area? Oggi lei rinuncia, non voglio sapere niente, ci deve pensare il demanio, deve trovare chi lo prende, ma le sembra corretto dopo trent’anni che non ha fatto nessuna programmazione dire adesso quello che succederà è solo perché abbiamo rimosso la UISP? Comunque il mio voto è favorevole per l’ordine del giorno perché non è possibile essere arrivati a questo punto.