Senigallia Consiglio

Seduta del Consiglio Comunale num. 89 del 26 febbraio 2015

Precedente | Successiva

Io sto con Max – Appello per una legge sul fine vita e l'eutanasia legale

Il Presidente del Consiglio MONACHESI: enuncia l’argomento iscritto al punto 5 dell’ordine del giorno dei lavori consiliari relativo a: “ORDINE DEL GIORNO PRESENTATO DAI CONSIGLIERI ANGELETTI, GIACCHELLA, GIROLAMETTI, PERGOLESI AD OGGETTO: “IO STO CON MAX – APPELLO PER LA LEGGE SUL FINE VITA ED EUTANASIA LEGALE” e concede la parola al Consigliere Giacchella per l’illustrazione dello stesso.

Il Consigliere GIACCHELLA (Città Futura): buonasera signor Sindaco, buonasera Assessori, Consiglieri e cittadini. Mi chiamo Massimo Fanelli, ho 54 anni e dal 2008 risiedo nel Comune di Senigallia in strada del Castellaro 84. Dal mese di settembre 2013 sono malato di SLA e progressivamente ho perso ogni autonomia e forza muscolare. Ora sono allettato e ho bisogno di assistenza ventiquattro ore su ventiquattro, respiro grazie alla tracheostomia, mi alimento via peg. Vivo, o sarebbe meglio dire sopravvivo, nel disagio psicofisico di questa patologia che tra dolori e disagi psicologici raggiunge e supera spesso il limite della sopportazione e della dignità umana, tutto questo è aggravato da leggi in vigore che non prevedono né regolamentano il diritto al fine vita come in tutti i Paesi civili e laici. Per questo ho iniziato una campagna di sensibilizzazione dell’opinione pubblica esponendomi completamente e che ha preso il nome di “io sto con Max si all’eutanasia” oggi sostenuta anche dall’Associazione Luca Coscioni, oltre che da centinaia di cittadini italiani di cui molti residenti nel nostro Comune. L’obiettivo che mi prefiggo è quindi quello di difendere il diritto all’autodeterminazione e alla libertà di scelta dei malati terminali, di come e quando poter porre fine alla propria vita in modo da evitare atroci sofferenze e difendendo quella componente indispensabile della nostra libertà che si chiama dignità. Questo fino a che il Governo non esaminerà la proposta di legge di iniziativa popolare che dal 2013 è stata presentata. Per cercare di raggiungere questo obiettivo organizzeremo incontri, manifestazioni, raccolte di firme, articoli giornalistici ed ogni altra strada che risulterà idonea. Con questa mia spero di trovare nel Comune di Senigallia un prezioso supporto per la difesa del diritto di ogni uomo all’autodeterminazione nel pieno rispetto degli altri e con unico giudice la propria coscienza. Grazie per la vostra disponibilità ed attenzione. Massimo Fanelli.

Si dà atto che escono i Consiglieri Canestrari e Cameruccio: Presenti con diritto di voto n. 21.