Senigallia Consiglio

Seduta del Consiglio Comunale num. 10 del 24 febbraio 2016

Precedente | Successiva

APPROVAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO DI PROGRAMMAZIONE (DUP) 2016-2018.

Il SINDACO: il mio è un intervento a favore se il Consigliere Sartini, attraverso questa Assise chiede scusa alla città. Deve chiedere scusa alla città, Consigliere Sartini, perché vede lei cerca di rimediare ad un’interpretazione che ha dato ad un rigo dove oggettivamente era una voce aggregata che meritava anche lo split che lei propone, perché così almeno c’è un milione di euro che entra dentro le casse comunali e vanno a finire dentro le casse dei privati. Lei chieda scusa e con lei la giornalista che ha scritto lavori in piazza Garibaldi costi raddoppiati, da 1.300.000 a 2.778.000 euro: Sartini è un pozzo senza fine. Capisce che non va bene, non basta che lei mi dica se serviva per aprire il dibattito sciocco e stupido va bene lo stesso perché noi non governiamo così, la città lo deve sapere che non governiamo con un pozzo senza fine. Ha capito cos’è successo e glielo dico, dica quello che è successo perché non è successo niente, non era bene esplicitato Sartini, ed era assolutamente legittimo come tante altre cose che non sono così declinate, ha interpretato invece di chiedere è uscito in quel modo perché forse fa più comodo uscire sulla stampa, ha trovato la stampa che gli ha dato la stura perché non fa bene questo alla città, perché non va bene, confrontiamoci, ha ragione Sartini se era opportuno lasciarla con le gomme sopra l’asfalto oppure visto che Renzi ci ha dato la possibilità di impegnare delle risorse se non andavano a residuo nel 2030 di trasformare quell’asfalto in una piazza pedonale, su quello mi voglio confrontare Sartini, ha ragione forse abbiamo fatto un’accelerazione, si ho fatto un’accelerazione perché c’era quell’occasione, come abbiamo asfaltato le Saline, come via delle Ginestre, come via Tintoretto, via Piero Della Francesca, via delle Rose, non so quale altre, abbiamo messo a posto le scuole, via Portici Ercolani, quella è un’accelerazione, sì su quella ci sto, confrontiamoci, ha ragione, abbiamo speso trecentomila euro in più per trasformare l’asfalto in una piazza, è vero, però non può dire quelle cose perché non rende né merito né onore alle persone che ci lavorano, all’ingegner Formentini che è una persona seria, alla Daniela Giuliani che lavora giorno e notte su quella cosa, e fa passare un messaggio che con il bene comune, il suo bene comune, non ha niente a che vedere. Guardi glielo dico, ma lo dico per amore per la città. Lei chieda scusa, chiedo scusa al Sindaco, attraverso il Sindaco sono le scuse alla città, la maggioranza vota senza problemi, se no lo correggiamo quando è ora perché loro hanno capito senza strumentalizzare, o non l’hanno capita perché potrebbe esserci altre voci aggregate, ma quella cosa non è così determinante perché tra persone oneste, tra persone serie, tra persone trasparenti ci si fida e vi assicuro che quelle cose che sono state scritte sul giornale non offendono me, offendono gli operai che sono lì, l’impresa che lavora giorno e notte, loro e offende l’intera città, perché non ci si fida più, perché la politica è fatta come la fa Sartini, cioè senza approfondire, senza mettere le condizioni di capire e cercando di strumentalizzare utilizzando ovviamente una stampa che ha quello stesso identico respiro.