Senigallia Consiglio

Seduta del Consiglio Comunale num. 16 del 27 luglio 2016

Precedente | Successiva

INTERROGAZIONI ED INTERPELLANZE

Il SINDACO: grazie Presidente, buonasera a tutti, colleghi di Giunta, consiglieri, pubblico, pubblico di Radio Duomo e quello che ci guarda attraverso lo streaming consigliere Paradisi e non ci guarda con le dirette di Facebook, almeno per il momento. Il consigliere Paradisi pone un’interrogazione rispetto alla quale mi chiede di non riportare elementi che vengono dalla stazione appaltante, dalla proprietà, dai progettisti e dalla direzione lavori, perché lei asserisce delle cose rispetto alle quali mi voglio confrontare ma le mette in un contesto che forse ancora non è ben chiaro a tutti perché nessuno di noi, compreso i lavori pubblici del Comune Senigallia, può mettere piede dentro un cantiere che non è proprio. Ci sono piani di sicurezza, modalità, capisco che magari si può dire perché il Comune doveva sapere che cosa succede, io che cosa succede non lo devo sapere, devo avere da parte di Società Autostrade e dalla impresa che gestisce le tempistiche, ma io quello che lei afferma così con sicurezza e ovviamente raccogliendo e quindi giro anche il foglio di Società Autostrade, raccogliendo le istanze di questa città che oggi si accorge improvvisamente che la complanare è uno strumento necessario, che dovrebbe essere già stato aperto, anzi io vedo come lei social aprite questa complanare. Io ricordo con lei Paradisi, ovviamente quella volta non era candidato sindaco quindi non conosco bene la sua posizione, conosco però quella del suo candidate, ricordo che fece una campagna elettorale nel 2010, uno contro tutti, come spesso mi capita, con un candidato sindaco che diceva che la complanare sarebbe stato un elemento determinante per la nostra vivibilità, che ci avrebbe permesso di collegare nord-sud con velocità e senza interferenze, soprattutto ci avrebbe permesso di rivedere la mobilità cittadina ed extra cittadina in modo da garantire anche la mobilità dei soggetti più deboli. Oggi siamo arrivati alla fine e io tutto quello che dichiaro lo acquisisco con elementi, quindi chiamo la direzione lavori, chiedo a che punto siamo, abbiamo fatto un sopralluogo insieme, abbiamo fatto un sopralluogo con la Commissione, ci hanno dato una tempistica, i lavori della complanare lato sud per quanto riguarda l’elemento viario sono conclusi tranne che per i collaudi tecnici, statici e contabili, tant’è che, questo sì approfitto, visto l’elemento che è stato posto con così tanta forza, ma ci sta pure perché magari un operaio, un tecnico, un ingegnere dice hanno sbagliato tutto, ma non hanno sbagliato niente rispetto a quello che gli abbiamo prescritto noi, perché loro quattro mesi fa ci consegnavano la galleria così com’era, così almeno porto la verità, così com’era, quella che lei ha descritto, con le infiltrazioni, forse appena verniciata, comunque materiale non adeguato per una galleria a doppio senso che deve avere una continuità con la nostra città. Abbiamo chiesto delle migliorie e gli abbiamo chiesto di foderarla, gli abbiamo chiesto di mettere tutti quegli elementi che non erano previsti come il sistema antincendio e l’illuminazione a led perché a differenza di quello che magari fanno gli altri quando inaugurano le piazze, noi mettiamo già gli impianti a led nei nuovi sistemi, quindi abbiamo chiesto nel momento che si stavano concludendo i lavori questo intervento. Tra l’altro lo posso dire perché abbiamo asserito davanti al Presidente della Commissione, guardo Mauro Gregorini quando abbiamo fatto il sopralluogo insieme, non potete consegnarci una galleria in questo modo. Hanno portato una modifica, se dentro la modifica Paradisi in fase di collaudo sono emerse situazioni che non erano compatibili, l’unica cosa che ha detto il Sindaco voglio una galleria che permetta il doppio senso di marcia come da bretella autostradale, io adesso non so se l’hanno sbagliato ma sicuramente non è una cosa clamorosa, questo lo voglio dire perché se l’hanno sbagliato, tant’è che approfitto ma grazie anche al suo intervento martedì ore undici società Autostrade ci invita insieme al Ministero a fare un sopralluogo sull’intera bretella e l’intero asse, siamo nelle condizioni di prenderla in carico io con un po’ di attenzione perché per esempio lei pone il tema della difficoltà alla galleria che secondo me è stato superato, perché non non so se bastava registrare ma ci interessa, questa è una cosa che non ci interessa, non paghiamo noi, pagano loro, se hanno sbagliato qualcosa lo fanno loro, ma guardi Paradisi è per rassicurare lei e rassicurare tutti perché io so che qualcuno ha detto sai cosa è successo Paradisi, tu che sei un paladino, lì hanno sbagliato tutto. Ma sa quanti errori di questo tipo sono accaduti sulla rotatoria, poi l’hanno sistemata, e poi sul cavalcavia, e poi sulla rotatoria al Cesano perché sono successe ma in fase di collaudo sono state sistemate tutte, e il ritardo se c’è un ritardo non è dovuto sicuramente a quello perché per esempio io voglio capire se conviene prendere in carico al Comune di Senigallia quelle due bretelle, se conviene, oppure siccome tutte le strade ex ANAS stanno ritornando all’ANAS e si può mettere dentro quella partita? Per esempio conviene prenderlo ancora il sottopasso della strada provinciale Sant’Angelo che tutti avete sottolineato che non è stato realizzato il passaggio pedonale e ancora non l’hanno fatto, conviene dichiarare la fine lavori e poi rifarli intervenire? Io che un po’ di esperienza ce l’ho dico che conviene prendere l’opera perfettamente funzionante perché se dovesse arrivare a noi una galleria di 499 metri, c’è un viadotto con otto piloni da 35 metri, ci sono otto chilometri di strade, io penso che se dovessimo oggi, sapendo che sono finiti i lavori, aspettare un mese e lo dico io che l’ho voluta, che ho messo la faccia davanti a tutti i comitati, che ho preso le vernici blu diciamo in faccia, che ho fatto campagne elettorali come sono abituato dicendo sempre la verità, se ve lo dico io conviene aspettare un mese invece di fare una cosa troppo in fretta, che per esempio la rotatoria del Ciarnin potrebbe essere ancora modificata, e siccome i lavori non li fanno loro, li fa una ditta alla quale hanno appaltato i lavori, io dico che conviene che tutto sia perfettamente a regola d’arte, ma quello che le posso garantire, e lì la stampa non passo attraverso i social tranne per qualche like che mi sfugge ma quando prende fuoco una panchina di sei quintali non lo risparmio a nessuno, diventa incandescente una panchina sotto il sole di sei quintali, secondo alcuni può diventare incandescente e allora lì mi sfugge, per il resto non intervengo, non penso che sia quella la modalità, e nemmeno il dibattito, però mi sento di garantirle che noi avremo una strada che sia veramente una bretella di adduzione al casello autostradale. Sapete cosa vuol dire? Che deve avere una luce libera di quattro metri e trenta minimo, quindi quando mi ha chiamato la stampa e mi dice cosa pensi? Dico se Paradisi pone un tema sicuramente esiste però non mi preoccupa perché so che sono in grado di modificarlo se anche fosse in pochissimo tempo a propria cura e spese. Ma come si può pensare di prendere una galleria più bassa, molto probabilmente, io non voglio giustificare, molto probabilmente hanno adoperato materiali che sono per l’altra galleria, ovviamente le gallerie oggi sono molto più alte, più larghe e a senso unico. Io Paradisi intanto la ringrazio per l’interrogazione, la ringrazio per il tema che ha posto, mi ha permesso di chiamare invece quella persona responsabile, seria e competente che è l’ingegner Selleri che si è dichiarato subito disponibile, rifacciamo il sopralluogo insieme e se c’è qualcos’altro che dovete sottolineare, come abbiamo fatto in questi anni, me ne faccio carico e impongo le modifiche. Approfitto, martedì mattina alle undici ho chiesto una disponibilità da parte del Ministero e di Società Autostrade, approfitto per invitare lei e tutti i consiglieri comunali per fare un sopralluogo insieme che è nemmeno di chiarimento perché Paradisi sa che arriveremo lì e la galleria è perfettamente transitabile a norma e capisce subito che l’errore non è più clamoroso perché se in tre giorni hanno sistemato un errore o hanno lavorato giorno e notte, notte e giorno e magari fosse, oppure era una cosa come tante altre da poter recuperare, però ha fatto bene a metterci a disposizione, ma soprattutto mi ha dato la possibilità di aggiornare rispetto a questo tema perché se no come sempre voi non ne potete più. Si dà atto che entrano l’Assessore Ramazzotti ed il Consigliere Santarelli: Presenti con diritto di voto n. 20.