Senigallia Consiglio

Seduta del Consiglio Comunale num. 18 del 28 settembre 2016

Precedente | Successiva

MOZIONE PRESENTATA DAL CONSIGLIERE SARTINI PER ADEGUAMENTO PIANO EMERGENZA COMUNALE

Il SINDACO: tre minuti non mi sono sufficienti per parlare del PAI, però vado al sodo così ci chiariamo Rebecchini. Io non sono proprietario, cioè il Comune non è proprietario del fiume, il comune non fa la manutenzione del fiume, il Comune del fiume non ne sa nulla, nulla, noi non ne sappiamo nulla, anzi chi ha la responsabilità spero che, questo era, la mia era un’ipotetica, che abbiano fatto valutazioni rispetto alla stabilità degli argini. Se io fossi proprietario del fiume, se fossi manutentore del fiume e dei fiumi della Regione, introducendo l’evento incidentale, e parlo per loro, qualche dubbio rispetto a come lei l’ha detto e come l’ha sottolineato il Consigliere Sardella mi verrebbe, perché se uno dice è l’evento incidentale eh non lo studio sui tempi di ritorno con quella conformazione, con quel tipo, è un problema di stabilità, perché lì non sono stati i tempi di ritorno, i tempi di ritorno sono stati eccezionali ma è uscito dove non doveva uscire, perché non è uscito dove prevedeva l’R4, non è uscito dentro il centro storico, non è uscito in riva sinistra del centro storico, in riva destra verso il Foro annonario come era previsto dal PAI, è uscito da un’altra parte, quindi lo dico, introduciamo un elemento, ma io non voglio dire oggi, se non come elemento di riflessione, avete perimetrato in questa maniera, siete sicuri di aver fatto la cosa giusta? Il Comune oggi con l’elemento introdotto da Sartini ha dimostrato uno che il fiume non è il nostro, che la manutenzione non spetta a noi, che la manutenzione è in capo alla Regione, che la perimetrazione la fanno loro, come volevasi dimostrare, non bisogna essere dei geni, non c’era bisogno delle Commissioni d’indagini doppie per capirlo, eravamo un po’ in confusione, invece per tutto il resto vale quello che ha detto Brucchini, cioè noi abbiamo spinto per far fare una serie di opere, spinto tanto perché questo si, ho lavorato con il Ministero per trovare i fondi agli alluvionati e devo ringraziare la senatrice Amati perché tutti i giorni ha fatto il pungolo per ottenere quelle risorse, due ci siamo arrabattati per trovare risorse da far spendere alla Regione, adesso tutti insieme dobbiamo spingere perché le spendano perché per fare quell’intervento che Brucchini, grazie, perché ogni volta c’è qualcosa, c’era l’altezza del filo della luce che non era sufficiente, posso capire che l’acqua è tanta ma che arriva a otto metri sopra l’argine, ci vuole una fontana, quindi stiamo tranquilli, o meglio, non stiamo tranquilli ma il problema che abbiamo posto non è in capo a noi risolverlo, lo devono risolvere loro quando fanno le righe rosse su un pezzo di carta.