Senigallia Consiglio

Seduta del Consiglio Comunale num. 21 del 20 dicembre 2016

Precedente | Successiva

MOZIONE PRESENTATA DAL CONSIGLIERE RICCARDO MANDOLINI PER L'AGGIORNAMENTO DEL PIANO URBANO DEL TRAFFICO NEL COMUNE DI SENIGALLIA AI SENSI DELL'ART. 36 DEL D. LGS. 285/1992

Il SINDACO: ovviamente non sono d’accordo sull’analisi ma sono d’accordo invece Mandolini e voterò a favore della mozione perché abbiamo bisogno di riaggiornare il piano generale di traffico urbano, piano generale, perché quando parliamo non dobbiamo mai far confusione, quello che va in Consiglio è il piano generale ed è assoggettato a osservazioni, il PUT ci sono gli atti di Giunta e non viene partecipato, quindi rimettiamo a posto. Senza che modifichiamo la mozione, non mi interessa, mi interessa che ci accordiamo sul percorso, c’è la necessità di rivedere il piano generale perché sono successe tante cose e a differenza di quel che pensa lei sono tutte positive perché il Piano generale di allora non prevedeva la complanare che oggi è lì, fatta, finita, non prevedeva un allargamento così importante delle nostre zone pedonali, ma io mi voglio confrontare su questo, voglio capire che idea avete voi, noi, tutti della città perché se l’idea è riportiamo i parcheggi dentro piazza Garibaldi intanto uno ve lo scordate perché quella è vincolata e quindi non ci andranno più vita natural durante, quindi partita chiusa, è finita così, ci vorrebbe anche il coraggio di farlo, due c’è però la necessità di dare risposte a provvedimenti che sono stati già presi. Lei dice, parlo dei parcheggi perché questo adesso è il tema, questa Amministrazione ha pianificato perché Piazza Garibaldi non ha tolto il parcheggio a saldo zero, ha tolto un parcheggio quando già ne aveva costruiti altri che oggi sono vuoti. L’antistadio, così ci capiamo, per chi in quell’antistadio ci ha giocato per 7 8 anni ma forse anche qualcun altro, l’antistadio già produceva 250 parcheggi in più e ha ragione che quello ancora forse nel nostro piano sarà antistadio e ha ragione che va scritto dentro un piano. Che non che non ci sia più il bocciodromo “dei arburei” come lo chiamava Volpini, quello è un altro dato, sono parcheggi, sono temi che vanno riacquisiti, ha ragione, capire come allarghiamo le zone pedonali, come le proteggiamo, come mettiamo a sistema, ne parlavamo prima, le piste ciclabili, certo. Il Piano generale del traffico urbano nostro, quello votato nel 98, nell’ultimo periodo sto diventando vecchio politicamente quindi mi vengono fuori tutti i passaggi, quello del 98 e cosa aveva il coraggio di fare la pista ciclabile sul lungomare? Secondo voi, lo chiedo a tutti, 1998 c’era il coraggio di scrivere dentro un piano generale, è andato in osservazione Mandolini, i cittadini hanno dato il contributo, sapete cos’era successo? Aveva lasciato il lungomare di Senigallia ridente città dell’Adriatico prima destinazione turistica delle Marche, a doppio senso con il parcheggio a destra e a manca, ci volle un amministratore di allora un po’ lungimirante che nel 2000 fece una pista ciclabile che tolse il doppio senso e tolse i parcheggi da una parte, e non abbiamo fatto un gran lavoro, ma prima c’era il doppio senso, e quello era andato in osservazione, partecipato, regola numero 1 lasciare tutto così com’era. Però io la sfida, siccome poi è il Consiglio comunale che lo vota, io la prendo proprio perché voglio capire cosa pensate della città, dei nostri territori, dove devono arrivare le macchine, dove deve stare la pista ciclabile, perché dopo non basta fare la righetta, dopo la responsabilità, e io guardo al Presidente della Commissione, noi con le modifiche ci siamo andati in Commissione presidente grazie a lei, dicendo mi dite cosa devo fare, sono disponibile a modificare, registrate, atti streaming, proposte zero perché ogni volta che si modifica qualcosa poi qualche problema si crea e le giacche, poi sono giacche, maglioni quello che è, vengono tirate e io gli allenatori delle nazionali delle macchine mi ci voglio confrontare e a ragione perché non me la voglio prendere io una responsabilità del genere, voglio capire, io ho un’idea e forse ci dovremmo confrontare su quei concetti, cosa vogliamo della città sostenibile, chi vogliamo proteggere, quali sono gli utenti deboli, quali sono quelli che bisogna che lasciano le macchine fuori, quelli che devono parcheggiare dove devono parcheggiare, quelli che devono andare dove devono andare, questo mi piace alla luce di una grande operazione che è avvenuta in questa città, quindi io Mandolini al netto delle cose che ci sono scritte però la mozione la voto convintamente poi per fare i progetti occorrono anche i progettisti nel 1998 spesero 80 milioni di lire perché quella volta sempre per richiamare la memoria di chi è antico 80 milioni di lire per fare il piano generale del traffico urbano, lo diedero a progettisti, purtroppo è così. Voto la mozione, condivido la finalità perché c’è da prendere atto delle grandi operazioni che l’Amministrazione ha messo in campo negli ultimi anni ma poi bisogna che insieme capiamo dove si prendono le risorse o se la struttura nostra è in grado di affrontarla e risolverla, quindi voto favorevole e chiedo al Consiglio comunale se ritiene opportuno di aderire. Si dà atto che esce il Consigliere Palma: Presenti con diritto di voto n. 19.