Senigallia Consiglio

Seduta del Consiglio Comunale num. 26 del 23 maggio 2017

Precedente | Successiva

MOZIONE PRESENTATA DAL SINDACO E DAL CONSIGLIERE PERINI AD OGGETTO "VALORIZZAZIONE DEI LAVORI UNIVERSITARI AVENTI AD OGGETTO LA CITTA' DI SENIGALLIA"

Il SINDACO: Consigliere Paradisi, io sono ribelle, non lo so, ne abbiamo già firmate altre, tante altre, ovvio che ha valore politico, ne vedrete il contenuto, è un atto che potrebbe anche non coinvolgere il Consiglio comunale, anzi è di assoluta gestione però mi sembrava opportuno che ci fosse un passaggio anche per capirne la genesi. Adesso devo dire che mi spiacerebbe non firmarla però se c’è un problema che ne può anche inficiare o dovesse creare imbarazzo, trovate un altro termine, se mi dite solo un consigliere comunale solo uno e non due e allora mi sono salvato, cancellare la firma lo faccio sempre molta difficoltà perché ci penso sempre e per me ha un grande valore come una parola, come una stretta di mano, quindi cancellare la firma diventa un po’ complicato ma chiedo anch’io alla Presidenza e al Segretario se il Sindaco può impegnare se stesso, però ricordo, adesso sto provando a ricostruire, l’abbiamo fatto tante volte in passato, è non proprio ortodossa ma come dire è una ulteriore condivisione col Consiglio comunale, mettiamola così, non è un semplice impegno, mi impegno davanti a voi magari su un’idea mia e la voglio condividere con voi, se gli diamo questo valore allora la mozione firmata dal Sindaco è una disponibilità su un percorso che poteva fare da solo e lo vuol condividere col Consiglio comunale, se l’interpretazione è questa sennò troviamo un’altra modalità. Si dà atto che esce il Consigliere Da Ros: Presenti con diritto di voto n. 23. Il Segretario MORGANTI: sarò molto sintetico perché è un po’ retorica forse la domanda del Consigliere Paradisi, perché penso che lui sappia che stiamo parlando di organi dell’ente ovviamente. Io posso dire questo. Dopo l’entrata in vigore della 267/2000 siccome la norma diceva il Consiglio comunale è composto dal Sindaco e da 30 Consiglieri, venne posta la questione e la conclusione fu che il Sindaco era il primo dei Consiglieri. Possiamo dire che il Sindaco quindi è parte integrante del Consiglio comunale e diciamo che l’indirizzo da questo punto di vista lo dà l’organo anche se lo firma il Sindaco, però è il Consiglio comunale che esprime l’indirizzo. A me sembrava un po’ andarsela a cercare, però allora ci fu un dibattito, la conclusione fu che il Sindaco, in quanto appunto sappiamo quali sono le modalità di elezione del Sindaco, era il primo dei Consiglieri comunali.