Senigallia Consiglio

Seduta del Consiglio Comunale num. 37 del 09 aprile 2018

Precedente | Successiva

PROGRAMMAZIONE INERENTE LA GESTIONE DEL BACINO IDROGRAFICO MISA NEVOLA. INTERVENTI ESEGUITI E PREVISTI DA PARTE DEGLI ENTI PREPOSTI. PROPOSTA CONVOCAZIONE CONSIGLIO GRANDE

Il SINDACO: io penso che il Consiglio grande potesse essere come prevede il nostro Statuto convocato da qualsiasi consigliere comunale che l’avrebbe scritto come avrebbe ritenuto più opportuno e più adeguato, quindi consigliere Martinangeli poteva scrivere la proposta di delibera e noi l’avremmo votata perché per me bastava Consiglio grande, Sartini vuole dentro i nomi, Principi che è in pensione, e io come faccio a capire dove mi fermo? Ho detto guardate c’è la necessità dopo quattro anni di fare questa cosa, voglio ascoltare i cittadini come dice Paradisi ma voglio anche che qualcuno dia risposte ai cittadini, perché stiamo dicendo la stessa cosa, che ci sia qualcuno che non solo venga a fare l’elenco delle questioni ma che si prenda impegni su opere, progetti e tempi pensando che ci siano le risorse, quelle le conosco, e lo deve dire chi è competente perché se no la filiera ha sempre un interlocutore, l’interlocutore è il Sindaco e invece io dico che non ci dobbiamo fermare nemmeno a Sciapichetti perché se volesse venire il Presidente, lo deciderà la Conferenza dei Capigruppo, io dico che dobbiamo fare una cosa molto molto efficace, con tanta partecipazione, con i cittadini che propongono, che avanzano, che ascoltano, con tempi adeguati perché sennò l’unica cosa che non dobbiamo fare è che il Consiglio grande poi finisca con niente, noi invece lo dobbiamo rendere efficace perché dopo quattro anni se la vasca d’espansione non è stata fatta forse non ci interessa più nemmeno perché, ci interessa, ed è bello perché adesso la chiamiamo vasca d’espansione, non è più area agricola di compensazione idraulica, no vasca d’espansione, se la vasca espansione non è stata fatta ci devono dire perché ma ci devono dire soprattutto quando appalteranno i lavori, chi li realizzerà e quali saranno i tempi, cosa faranno sugli argini, cosa stanno mettendo in campo rispetto all’escavo, come si mette in sicurezza la città e qualcuno ci dirà non ho avuto i soldi dell’alluvione, le imprese ancora non li hanno avuti e quindi ci sarà qualcuno che risponde, ci sarà Italia Sicura, arriverà il ministro che ci dice guardate che ci sono 50 milioni di euro per il bacino idrografico del Misa e del Nevola, chi progetta e quando faranno le cose. Io penso che i cittadini si vogliono sentire dire questo e lo devono fare in maniera competente. L’abbiamo scritta male? Io non lo so, io dico l’abbiamo scritta e io penso che l’abbiamo scritta pure bene però l’importante, e rimbalzo la palla alla Conferenza di Capigruppo che deciderà spero condividendolo con il Sindaco e dandomi compiti in modo che si possono chiamare le autorità che servono, non quelle che parlano solo, che siano in grado di dare risposte ai cittadini quindi soggetti che siano lì pronti a rispondere alle domande delle associazioni, dei comitati, dei cittadini liberi però se avremo tempi contingentati, lo dico qui, ho avuto modo di condividerlo con il Presidente, il Consiglio grande lo vorrei fare a teatro, al Teatro La Fenice perché lì ci vanno mille persone, ovviamente sono mille persone registrate, si sa chi entra, cosa dicono, chi parla, quello che deciderà la Conferenza però mi piacerebbe che venisse fatto a Teatro La Fenice perché è un modo per rendere consapevoli, e tra l’altro non ci fermeremo nemmeno lì perché vorrei la diretta streaming, vorrò le televisioni che parlano, che ci ascoltano, che trasmettono, perché è un fatto importante per questa città dove non ci si ride come ha detto il Consigliere Sardella, e quindi più informiamo e più si rende consapevoli e togliamo anche spazi a chi si inserisce con le fake più o meno articolate, cartacee, manifesti o che racconta storie perché qui non si raccontano storie, con il fiume si perde la casa, si perde la vita, si perde l’attività e si perde anche la serenità, e non solo per chi lo subisce ma anche per chi amministra.