Senigallia Consiglio

Seduta del Consiglio Comunale num. 38 del 26 aprile 2018

Precedente | Successiva

MOZIONE PRESENTATA DAL GRUPPO CONSILIARE LEGA NORD AD OGGETTO: “RIQUALIFICAZIONE DELL’OSPEDALE, DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE SANITARIE DEL TERRITORIO DI SENIGALLIA E DEI COMUNI DELLA VALLE DEL MISA E DEL NEVOLA NELL’AMBITO DELLE POLITICHE DI PROGRAMMAZIONE SANITARIA REGIONALE E DELLA TUTELA DELLA SALUTE DEI CITTADINI”

Il SINDACO: ringrazio il Consigliere Rebecchini per la ricostruzione corretta, onesta e leale del percorso che c’è stato. Se dobbiamo fare il giochetto delle parti dobbiamo dare la sponda a qualche comitato, magari uno dei due perché uno non va bene e ci vuole l’altro, io non lo voto, dichiaro che io questa cosa non la voto perché abbiamo fatto un percorso, lei si è dissociato allora, non le è bastato, ha presentato la sua mozione e l’ha fatta votare, aria fritta e pericolosa pure, aria fritta e pericolosa perché se io non so cosa vuol dire io non voto niente e soprattutto non voto un atto che è stato votato dalla Regione che impegna la Regione, regione che in questo momento su quella partita è la controparte, io non prendo ordini da loro, non li ho mai presi e non li prendo sicuramente dal Consiglio regionale. Sono contento che si siano impegnati sull’aria fritta perché han detto un po’ di cose e non hanno declinato nulla, io muovo sull’atto di indirizzo che mi ha dato questo Consiglio comunale che mi impegno a difendere l’ospedale sistematicamente, qualche volta con dei bei risultati qualche volta con più difficoltà, quello è l’impegno che mi prendo. Non so nemmeno come sia uscita ma siccome non è chiarita, io lo dico ai Consiglieri perché come si dice sempre leggete bene cosa vi propongono. Dice al fine di fare pressione alla Regione Marche affinché modifichi ogni decisione assunta fino ad oggi. Io non sono d’accordo perché io non so cosa vuol dire fare pressione perché modifichi ogni decisione assunta, cosa vuol dire? E se quelli mi tolgono l’ospedale visto che non è più un ospedale ma è un’altra cosa già? Io non lo so, io parlo di atti, parlo di fatti, l’avete scritta voi e per amore di verità avete fatto Da Ros le conferenze stampa, dovete dire che avete presentato un documento che diceva delle cose amene e sulle quali io non ero d’accordo ma almeno aveva una premessa, diceva attenzione all’Utic, attenzione siete un ospedale di serie B, ve l’hanno riscritta tutti e c’è scritta un’altra cosa, quella che è uscita è un’altra cosa, lei lo saluta con grande positività, Volpini dice guardate che l’ho pulita di tutto, non c’è più niente delle cose che avevate detto e allora la possono votare tutti, ma quello è il Consiglio regionale, mica siamo noi. Noi li dobbiamo impegnare come diceva Rebecchini sulle cose vere, sulla risonanza magnetica che deve essere messa, sul primario di pediatria che deve essere sostituito, sul laboratorio analisi, su quei temi che spettano noi, non sull’aria fritta che sono contento che avete votato in Consiglio regionale con un fatto politico importante, come dice Rebecchini da inciucio puro, che hanno votato un atto, votato da tutti e che non dice niente e l’hanno votato insieme al PD. È una cosa che viene fuori che umilia chi l’ha presentato e umilia il lavoro che abbiamo fatto noi. Cosa diversa lo dico invece alla Presidente della Commissione così non do ordini, lo dico al Presidente, lo dico a lei, bisogna che riconvochiamo la Commissione, la facciamo qui, io non voglio quelle cose asfittiche dove parlano tutti come quella che abbiamo fatto qui dentro con il problema del fiume dove si capisce chi deve fare che cosa perché non è un Consiglio aperto, parla chi capisce. Io vorrei che venisse riconvocata una Commissione alla presenza del direttore, del presidente Ceriscioli e del Consigliere Presidente Volpini per parlare e fare quell’impegno che il Sindaco si è assunto, una verifica dopo sei mesi per capire cosa abbiamo fatto. Questo è l’impegno che ci siamo presi, no i giochetti vostri della Commissione, l’avete votata con il PD, sono felicissimo, io sono contento che la Lega voti le cose con il PD, soprattutto quelle che non dicono niente e l’avete detto non dice niente, non produce niente e volete fare impegnare noi su un percorso che devono fare loro, ma un po’ di rispetto istituzionale? Ma io lo dico Da Ros per lei, quelli che stanno fuori che vi dicono le cose, che ve le facciano suggerire, lei doveva venire qui e ritirare la mozione dicendo la Regione ha votato quella si stanno impegnando a fare cosa non ho capito, ha fatto un po’ di storia fatta male tra l’altro, perché si vede che sono state tolte le parti, Volpini vi ha tolto tutte le Cassandre che avevate messo però rimane una struttura così che votano tutti. Ma non vi preoccupa il fatto che voi abbiate ricevuto il voto del PD? Quello è l’inciucio politico, quello è legislativo, quelli fanno le leggi, quelli decidono per noi e hanno votato tutti insieme, hanno una responsabilità loro, adesso Da Ros ce l’avete voi che dovete controllare non so che cosa, non c’è scritto niente perché impegna non si sa chi, ma volete fare impegnare me e il Consiglio comunale su un atto del Consiglio regionale? Il mio voto negativo convinto, chiedo invece alla Presidente di convocare a tambur battente una Commissione per rifare il punto visto che i sei mesi stanno finendo e quindi con il Sindaco che sa cosa sta accadendo lì dentro perché convoco i primari, parlo con il direttore tre volte a settimana, quindi so benissimo cosa sta accadendo e con loro in modo che abbiamo un aggiornamento sulle questioni che riguardano l’ospedale, riguardano il territorio, non solo, riguardano la Fondazione, riguardano l’altra Fondazione e voglio capire che atti stanno facendo e perché sono su alcuni in ritardo, cosa succede per la diagnostica, cosa succede per la gastroenterologia, cosa succede per la pediatria, voglio sapere, io lo so, ma voglio condividerlo col Consiglio comunale, quindi voto anticipato convinto anche contro il Pd regionale e non sarebbe per me una novità. Si dà atto che esce il Consigliere Paradisi: Presenti con diritto di voto n. 21.