Senigallia Consiglio

Seduta del Consiglio Comunale num. 42 del 19 luglio 2018

Precedente | Successiva

CONCESSIONE PUBBLICO SERVIZIO STADIO COMUNALE BIANCHELLI E CAMPO DA CALCIO COMUNALE SALINE

Il SINDACO: approfitto della dichiarazione di voto onde evitare poi di sforare nel tempo residuo che mi sarebbe stato concesso durante il dibattito di carattere generale. Intanto se stare sul mercato consigliere Paradisi è di destra ahimè per una volta sono di destra anch’io, perché non considero il mercato un avversario, io dico che le competenze, le conoscenze, le capacità, qualcuno li chiama il know how che può essere messo a disposizione deve essere sfruttato al massimo e lo si deve ancora di più quando il pubblico va in difficoltà come in questi anni. Sartini ovviamente è un problema di gestione di tutte le notizie tutti insieme fa difficoltà a capire che non è chi verrà, io dico che quando si amministra e si è chiamati a fare le scelte, le scelte sono cose complicate, per quello che dico chi ci sarà dopo dovrà fare le scelte, chi ha ereditato questa città ha ereditato un tesoro prima e un gioiello poi, questo è, alle condizioni date Sartini perché lei continua a non fare un emendamento durante il bilancio perché togliere le risorse e metterle da una parte dall’altra è complicata, se questa città domenica 22 avrà 40 minuti su Sereno Variabile, adesso lo posso dire, dove viene esaltata la bellezza di questa città, di come questa è gestita tutti insieme, forse noi dovremmo essere orgogliosi. Poi si può fare tutto meglio, possibile, comunque quando dicevo prima l’indice, dico che i precedenti Governi soprattutto nell’ultima fase per correre dietro alla necessità di esternalizzare tutto non ci mettevano nelle condizioni di fare la scelta di destra, sceglievano loro per noi che è completamente diverso, io voglio scegliere se sono nelle condizioni di fare una gestione in economia, se può essere affidata a una società con le caratteristiche di affidabilità tecnico gestionale o se voglio andare sul mercato, lo voglio decidere io, lo voglio far decidere a questo Consiglio comunale, non è andata così, hanno deciso loro paragonando San Siro alle Saline. A proposito di Saline, a differenza di quello che uno può pensare rispetto alla struttura stadio oggi se non è adeguata la relazione che è stata fatta è perché le Saline sono molto più economicamente valide rispetto al centrale perché le Saline giocano molto di più, sono molto più comode, sono dotate di molti più spogliatoi, hanno un campetto di allenamento, hanno un’area verde e quindi mentre le Saline computate lì dentro erano quasi prima del sintetico oggi le Saline sono quelle più appetibili e quindi nell’atto che abbiamo fatto noi in Consiglio comunale su suggerimento anche di questo Consiglio era quello di equiparare le tariffe delle Saline a quelle del centrale perché prima invece le tariffe del Centrale erano decisamente più basse. Io penso che pian piano si poteva fare tutti insieme, sicuramente, io per quello che dico chi ci sarà dopo farà tutti insieme, tutto bene, tutti i decreti salva Italia, salva Comuni, salva tutti, si sono dimenticati di fare un decreto salva precari nel terremoto e quindi 800 persone a tempo determinato se non si inventano qualcosa da qui al 31 agosto vanno a casa e altro che ritardi sulla ricostruzione, intanto. Lo dico perché poi quella cosa ricade su tutti sempre perché poi tra indice puntato e azione in mezzo c’è, io non mi sono mai permesso di dire chi ci sarà dopo, chi ci sarà dopo per fortuna prende un gioiello che brilla come Montecarlo, ecco cosa prenderà dopo [si registra un contraddittorio fuori microfono] no quella è roba di destra. La necessità di procedere con questa modalità ovvio che poi man mano ragioneremo se ci sono le condizioni, adesso abbiamo assunto un nuovo funzionario dell’Ufficio Sport, abbiamo fatto il bando e il concorso qualche settimana fa, c’è una graduatoria e in funzione della nostra pianta organica andremo a assumere il nuovo funzionario dell’ufficio sport, sempre con i vincoli di bilancio, ovviamente l’avete visto con lo spazzamento non eravamo più in grado e anche lì Paradisi da uomo di destra a uomo di destra sono andato sul mercato, siamo andati sul mercato e posso dire che funziona molto meglio di prima, lo posso dire? Funziona molto meglio di prima ma perché non eravamo in grado ormai più con la struttura, con i mezzi, col personale di rispondere alle necessità di questa città, comparatelo e succede anche negli impianti sportivi, però lì dobbiamo tener conto della finalità, perché noi non abbiamo impianti da campioni, non abbiamo il Pala Tricoli, i campioni lì dentro e sono in difficoltà anche loro. Io ringrazio il Consiglio comunale per qualsiasi voto voglia esprimere capendo che stiamo facendo le cose alle norme attuali dove le scelte sono condizionate, io spero che invece ci siano le condizioni da questo Governo che ci metta nelle condizioni di poter scegliere e poi il consiglio comunale sceglierà, che cosa? Magari di dedicarsi al mercato se è capace, se è adeguato e se è in grado di rispondere, se no quello che per noi è indispensabile è invece che ci sia il valore sociale dello sport.